30 luglio 2009

Farfalle al grana su crema di zucchine, carbone di olive e note di vino cotto

Due occhi neri come il carbone, intensi e brillanti che catturano il mondo; passi leggiadri alternati a piccoli saltelli che fanno sbuffare e ondeggiare i riccioli neri; il vestitino bianco e impalpabile che copre la pelle biscottata dal sole e che si muove con lei in una leggiadria aerea, come danzando nella vita.
Un presente fantasticato, popolato da storie e tanta voglia di fare e scoprire, immaginandosi principessa, sirenetta Ariel, veterinaria in erba ….
Nel mentre insegue le amiche farfalle, volteggiando e protendendo le manine in una cattura morbida dalla presa molle e quando l’incontro avviene, una lieve carezza e la libertà, rincorrendosi ancora e volteggiando, in un rimpiattino aereo.
Farfalle nel piatto per Alessia, piccola donna in crescita, dal promettente futuro felice.

Farfalle al grana su crema di zucchine, carbone di olive e note di vino cotto
Per un Grana protagonista, eccolo caratterizzare le farfalle di pasta fresca, adagiate su un letto di crema di zucchine (privilegiando quelle chiare del gusto più delicato), rinvigoriti dalla nota croccante-oleosa del carbone di olive, in un gioco di rimandi: riccioli di Grana che rafforzano il sapore delle farfalle (al Grana) e il vino cotto (ingrediente legato al territorio, requisito richiesto) che rimanda alla dolcezza della crema di zucchine.


Farfalle al grana su crema di zucchine con carbone di olive e note di vino cotto

Ingredienti x 3
Farfalle al Grana

80 g semola grano duro
50 g Grana Padano grattugiato
1 uovo codice 0
sale

Crema di zucchine
1 zucchina media (g 150 circa)
cipolla
sale
olio e.v.o.

1 manciata olive nere

vino cotto home made

riccioli di Grana Padano (stagionatura media)

Preparazione
Farfalle al Grana.
Versare la farina a fontana su una spianatoia, riversare al centro l’uovo e un pizzico di sale. Lavorare bene gli ingredienti fino ad avere un impasto sodo e lucido. Infarinare la spianatoia e con l'aiuto di un matterello tirare la pasta in una sfoglia non troppo sottile.
Ricavare dalla sfoglia, sfruttando tutta al lunghezza della stessa, dei rettangoli larghi 2 cm, da suddividere con la rotella in ulteriori rettangoli di 4 cm di lunghezza. Pizzicando al centro ogni rettangolo con pollice ed indice, formare una piegolina (centrale) ed infine riunire la rimanente pasta, esercitando una leggera pressione.
Far riposare le farfalle su un telo infarinato in attesa della cottura.

Crema di zucchine. Lavare e spuntare le zucchine, ridurle a dadi, regolare di sale e farle andare con un fondo di cipolla tagliata finemente e con un filo d’olio e.v.o. Durante la cottura aggiungere acqua se necessario ed infine frullare con un mixer a immersione.

Carbone di olive nere. (Ric. orig. bollire le olive per 10’ ed essiccarle al forno a 100° per 1 ora). Snocciolare le olive e farle tostare in una padella antiaderente per circa 5’ o finché non diventano lucide e gonfie. Quindi tagliarle finemente al coltello e ripassarle in padella, finché non saranno croccanti. [Tratta da una preparazione dello chef Emanuele Scarello]

Cuocere le farfalle in abbondante acqua salate e scolarle al dente. Saltarle in padella con pochissima crema ed un po’ di acqua di cottura ed impiattare: disporre la crema sul fondo del piatto, proseguire con le farfalle, cospargere con il carbone di olive e completare con qualche goccia di vino cotto. A piacimento finire con dei riccioli di grana, ricavati con un pelapatate.
Farfalle al grana

45 commenti:

  1. Non posso che farti il mio in bocca al lupo per questo contest carissima! Molto curata la preparazione fin nei dettagli per questo leggiadro piatto, come sempre del resto :)

    RispondiElimina
  2. Un'altra ricetta davvero molto raffinata! complimentissimi: qui si esaltano proprio tutti i sapori!
    Ne approfittiamo anche per ringraziarti delle ricette che ci hai lasciato per la raccolta!
    un bacione

    RispondiElimina
  3. Lenny.. anche le farfalle hai fatto con le tue dolci manine!!! sta ricetta è ottima davvero.. sto carbone di olive m'incuriosisce.. :-)))) bacioni,,,

    RispondiElimina
  4. di perchè non partecipo a questo contest?siete tutte troppo brava, avete creato ricette troppo raffinate e bellissime , perderei stracciata!:DDbraca!

    RispondiElimina
  5. mi è sembrato di vedere la mia bimba più grande e mi è salito alla gola lo stesso nodo che provo quando la guardo volteggiare al suono della musica con le sue gonnelline da zingara e la finestrella del dentino davanti appena caduto.
    quanto al piatto io lo trovo eccezionale sono leggermente dubbiosa sulla dolcezza sommata zucchine-vino cotto anche se subito mi viene in mente il carbone di olive (appro, lenny è assolutamente geniale).
    per questa volta salto questo contest niente idee troppo caldo e troppi pensieri.

    RispondiElimina
  6. @Camomilla: è un primo di grande equilibrio, dove per la verità il gusto del grana nelle farfalle è tenuemente percettibile, ma è rafforzato dai riccioli

    @manu e silvia: l'insieme di sapori è molto interessante e sono certa che ripeterò questo piatto molto presto

    @Claudia: la pasta fresca è una mia grande passione ed un cavallo di battaglia

    @Genny: il bello dei contest è quello di dar libero corso alla fantasia su sollecitazione di un imput

    @enza: Alessia è la mia dolce nipotina di 4 anni, figlia di mio fratello, dolce e vivace, affettuosa e curiosa, avida di racconti ....
    Il carbone di olive è la chiave di volta della presentazione che per contrasto lega ed esalta i sapori lievi della preparazione. Nella ricetta originale è unito alla liquirizia triturata che ho omesso, per pura di “appesantire il piatto” preferendo la presenza del vinocotto

    RispondiElimina
  7. carbone di olive?? Sei mitica :)
    C'ho pure il vincotto, di fichi, fatto dal contadino, non da me :)

    Un bacio!

    RispondiElimina
  8. ma questo piatto è meraviglioso, raffinato gustoso!!! complimenti!!!

    RispondiElimina
  9. Così non vale!
    Proprio adesso che sono in partenza non fai che tentarmi con la pasta fresca ;)
    E' un piatto interessantissimo questo: sono incuriosita sopratutto dal carbone di olive, già immagino mille usi e applicazioni...
    baci e buona giornata,

    wenny

    RispondiElimina
  10. Lenny, sai che ti ammiro molto? Pubblichi sempre tantissime ricette molto ricercate di primi piatti, che, invece, io propongo sempre in veste molto banale, al punto che non arriviamo, in due, a consumare 10 Kg di pasta l'anno, perché privi di idee su come cucinarla... e poi la presenti sempre con grande maestria, complimenti davvero!

    RispondiElimina
  11. Molto raffinata e di grande effetto!!
    Posso sostituire il vino cotto con crema di balsamico? Non ho proprio idea dove potrei trovare il mosto...

    RispondiElimina
  12. Un poeta oltre che geniale!!!

    RispondiElimina
  13. Ma perbacco .. ti sei lanciata alla grande con la pasta fatta in casa ... Brava Brava. Ascolta .. dal momento che di farmi il mosto cotto con il Cirò ... non se ne parla (dove lo reperisco ..) ... che ne dici se uso la Saba ?? E' un'altra cosa .. però ..

    RispondiElimina
  14. Che passione la pasta fatta in casa!

    Impasti tutto a mano o, come me, utilizzi la Pastamatic (o simili) così restano il gusto e la soddisfazione ma non la fatica?

    RispondiElimina
  15. @Ciboulette: non sai quanto mi piacerebbe assaggiare il vino cotto di fichi

    @Federica: i sapori sono tendenti al dolce, ma il carbone di olive dà la giusta nota di sapidità

    @Wennycara: ti potrà servire come idea per il ritorno ed intanto buone vacanze

    @Onde99: i secondi sono la mia spina nel fianco, mentre con i primi abbinati alle verdure è più facile “giocare”

    @Mimmi: penso di sì, perché immagino la risultante molto simile

    @Lydia: è così bello osservare le evoluzioni dei bimbi …

    @Forchettina Irriverente: credo che la saba possa essere una valida alternativa

    @Virò: impasto tutto a mano, perché mi sembra più naturale e semplice

    RispondiElimina
  16. queste non sono ricette. sono poesie.
    ale

    RispondiElimina
  17. Complimenti per la ricetta molto raffinata.Anch'io sono incuriosita dal carbone di olive.
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  18. Che ricetta particolare, pensa che il vino cotto pensavo di utilizzarlo prossimamente ^_^
    A casa mia non manca mai :) Ogni anno quando è stagione ne produciamo un bel po :)
    A me piace molto devo dire, col salato non lho ancora abbinato ^_^

    RispondiElimina
  19. meraviglioso sia la ricetta che le foto, grazie per avermi avvisato del concorso

    RispondiElimina
  20. I miei complimenti, riesci sempre a proporre dei primi meravigliosi! ...che foto!!! Altro che le mie!!!
    Ti faccio i miei "in bocca al lupo" e come si dice in casa mia: và e torna vincitrice!!!!!
    Ciao un abbraccio

    RispondiElimina
  21. la pasta fatta in casa mi colpisce al cuore sempre ... mi piace questa ricetta... struttura sensazioni molto diverse... complimenti!

    RispondiElimina
  22. :-) carina l'idea del carbone di olive!
    Ti auguro una buonissima giornata e in bocca al lupo per il concorso

    RispondiElimina
  23. Arrivo con ritardo a leggere il post. Sono appassionato di cucina e quindi la mia attenzione dovrebbe porsi solo sulla preparazione ma devo dirti che ti leggo con molta stima. Riesci sempre a creare un contest incisivo tra il piatto e la vita quotidiana...con piccole ma significative osservazioni. Complimenti davvero, passo sempre con piacere da queste parti :-) Alla prox e buona giornata

    RispondiElimina
  24. bravissima Lenny...sono una meraviglia queste farfalle un piatto davvero eccellente con quel tocco di vino cotto...e ti faccio i miei complimenti anche per le lasegna giu' che non sono da meno...due piatti che meritano un grande applauso. :-)

    RispondiElimina
  25. uh che bel racconto Lenny, mi sono chiesta se stessi facendo una citazione ma si era una citazione della tua vita :D bellissimo anche il piatto, una giusta coronazione :)
    *
    cla

    RispondiElimina
  26. In bocca al lupo per il contest...una ricetta davvero chic e ricercata, bravissima
    Un bacione
    fra

    RispondiElimina
  27. ma è una poesia di ricetta e deve essere buonissima. un bacione

    RispondiElimina
  28. che meraviglia questo piatto e come sai dosari tu i vari sapori,nessuno!!
    un bacione imma

    RispondiElimina
  29. Impegnativo ma superlativo (e non era per fare la rima!).

    Ciaoooo!

    RispondiElimina
  30. Lenny, ma che romantica che sei!.. MI sono innamorata delle tue prime righe!
    Fantastico anche il piatto di farfalle, speriamo che tu vinca!
    Un bacione

    RispondiElimina
  31. Mamma che meraviglia, sei stata bravissima!!! :-p Un bacione!

    RispondiElimina
  32. Che buono questo piatto! Interessanti gli abbinamenti! Brava!

    RispondiElimina
  33. Ci trasporti anche tu nel promettente futuro felice. Piatto elegantissimo come la dedica che emoziona :-) Buona domenica

    RispondiElimina
  34. ho visto il post sul mosto .. che buono!!! Quanto mi piacerebbe farlo..!

    Queste farfalle devon'essere squisite!!

    RispondiElimina
  35. Molto elegante, sarà apprezzato senza dubbio!! complimenti e a presto! Ciao

    RispondiElimina
  36. Lenn, pensa che ne ho ancora un po0 di Natale scorso! Come faccio a mandartelo??? :)

    RispondiElimina
  37. Lenny, il mio ultimo post consideralo una dedica ;))

    RispondiElimina
  38. Ciao!!! Porto una grande notizia!!! Su Giallo Zafferano è partita una sfida “all’ultima brace”!Si tratta di un concorso per aspiranti griller, con in palio un barbeque del valore di 1.000,00 euro!
    Non farti scappare l’occasione di metterti in gioco! Collegati ed iscriviti gratuitamente a Giallo zafferano e partecipa anche tu!
    Trovi maggiori informazioni seguendo questo link:
    http://forum.giallozafferano.it/contest-bbq-grilling-experience/
    Se hai bisogno di una mano a capire come funziona, sono a tua disposizione, clicca sul mio nome in questo messaggio ed accedi al mio blog, lasciami pure la tua richiesta per email o nel post dedicato a questa iniziativa…..spero di vederti tra i concorrenti!
    Con simpatia:
    Clamilla (su giallo zafferano sono martinaS)

    RispondiElimina
  39. Ecco, a me anche solo quelle "note di vino cotto" ispirano cibo squisito e raffinato.
    Come ogni tua ricetta, d'altronde.

    Buona fortuna per il contest, ti meriteresti la vittoria :)

    Besos*

    RispondiElimina
  40. Che meraviglia, la ricetta e la sapienza che tradisce, ma anche la dolcezza della sua introduzione. Ciao Lenny, brava e tenera.

    RispondiElimina
  41. Speriamo che la vincitrice sia tu!
    Bellissima la descrizione di Alessia... sei dolcissima! In bocca al lupo! Un bacione
    Fico&UvA

    RispondiElimina
  42. Per poco mi perdevo questa delizia..

    RispondiElimina
  43. Ti premierei senza indugio, sei la migliore lenny!
    bcione

    RispondiElimina
  44. @tutti: grazie per gli apprezzamenti

    @Daphne; se non erro il vostro vino cotto deriva dai fichi, ma sono certa che deve essere ottimo anche con il salato

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO