19 settembre 2009

Insalata di fiori di zucca, cetrioli, kanten e rucola

Un esempio di integrazione razziale perfetta, è quella del nipponico kanten che placidamente e allegramente sta insieme ad ingredienti dall’indubbia “mediterraneità”, stemperandone colori e sapori in un baluginio trasparente e avvolgente.
Dal sapore delicatissimo, quasi neutro, è interessante la nota semi-gelatinosa che aggiunge agli ingredienti croccanti, apportando iodio e sostanze minerali in una strabiliante povertà di calorie.
Un assaggio in purezza era doveroso, prima di dare avvio alle sperimentazioni, per saggiarne le qualità di addensante, perché il kanten o cielo freddo (così denominato forse per il colore bianco-grigio tipico delle giornate plumbee), altro non è che l’agar agar*.


Insalata di fiori di zucca, cetrioli, kanten e rucola




Insalata di fiori di zucca, cetrioli, kanten e rucola
Ingredienti dal dosaggio approssimativo
fiori di zucca
cetrioli
kanten (io questo)
olio evo
succo di limone

Preparazione. Lasciare a bagno il kanten per 20’, in acqua potabile (che assorbirà, in quanto è dotato di una straordinaria capacità igroscopica che lo fa rigonfiare, con conseguente aumento di peso e volume) e nel frattempo lavare bene la rucola, il cetriolo ed i fiori di zucca.
Eliminare il pistillo dai fiori di zucca e tagliarli a strisce larghe e privare il cetriolo della buccia, asportandola in senso verticale, avendo cura di lasciarne qualche filamento decorativo.
Preparare una citronette, sciogliendo il sale nel succo di limone ed infine emulsionare con l’olio evo.
Sgocciolare bene il kanten, comporre l’insalata e condire con la citronette.

Kanten

* Per quanto ne so, solo questa tipologia può essere usata per insalate, verificandone preventivamente l'utilizzo sulla confezione!

34 commenti:

  1. lenny mi senti perplessa?
    sarà che non amo lo scivoloso così in purezza e sarà anche che ho in dispensa delle barre di agar agar e che l'ultima volta mi hanno fatto fare una figuraccia.
    :)

    RispondiElimina
  2. mmm..ma quante ne sai???ora , ammetto che nonso se lo provero' mai, ma mi stupisce sempre la tua riccheza di informazioni....e spt..quanti fiori di zucca hai??:DDD

    RispondiElimina
  3. è sempre piacevole passare a trovarti e imparare..ammetto anch'io che non so se la farò mai... complimenti per la presentazione del piatto!! ciao ciao

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Grazie lenny con la tua insalata ho conosciuto un nuovo ingrediente a me sconosciuto :il Kanten.
    Non si finisce mai di imparare.
    Baci ^___^

    RispondiElimina
  6. lenny ha detto...
    @enza: allora devo stare attenta ad evitare figuracce: vuol dire che sperimenterò in privato ….

    @genny: ti capisco, perché è la stessa diffidenza che provo per il “gelatinoso”proveniente dal mondo animale (lumache, cotenne, frattaglie, fegato ….) che mi porta ad avere una certa apertura per tutto ciò che è vegetale.
    Era da tempo che desideravo sostituire la gelatina con l’agar agar e finalmente sono riuscita a reperirlo.
    Poi una volta a casa, leggendo bene le indicazioni sul pacchettino che mi era stato raccomandato al momento dell’acquisto, come il miglior agar agar perché trattato con il metodo tradizionale di essicazione, ho letto del suo utilizzo in purezza e dopo essermi documentata ulteriormente, voilà ….
    Comunicazione di servizio: i fiori di zucca sono terminati!

    @Federica: eppure ho letto che sono molte le sue proprietà: “presenta un’elevata concentrazione di iodio e di altri oligoelementi. I suoi componenti essenziali sono le mucillagini, l'alginato e numerosi minerali, ed il notevole potere nutriente in questa sostanza si associa alla proprietà dietetica, in quanto i costituenti esclusivamente vegetali la rendono, priva di calorie .... Ha un effetto calmante, antinfiammatorio, e protettivo della mucosa gastrica e dell'intestino poiché ricopre con un sottile strato le mucose e le protegge dagli ulteriori danni dell'infiammazione è rilassante e diuretico."

    Come se non bastasse ha un ampio utilizzo in medicina: puoi leggere qui

    Perchè non provare?

    @casasplendente: grazie a te

    RispondiElimina
  7. Come al solito la mia curiosità insaziabile mi spinge a chiederti di provare a descriverne il sapore...

    E' interessante l'abbinamento con i fiori crudi ed i cetrioli un po' asprigni...

    RispondiElimina
  8. Sempre interessante leggerti, non so se ripeterò questa insalatina, cattivo complice anche il tempo, con queste giornatine che poco invitano ai freschi sapori vegetali, ma sicuramente ho imparato qualcosa: adesso so cosa è il kanten e sicuramente sono curiosa di provarlo!Un bacio

    RispondiElimina
  9. uhmmm che cosa interessante: anch'io da tempo medito l'acquisto dell'agar agar per utilizzarlo in sostituzione della malefica colla di pesce. Per l'appunto oggi è giorno di tofu, vale a dire che perlustrerò il mio magico market etnico accuratamente, anche nella sezione alghe ;)
    buon fine settimana,

    wenny

    RispondiElimina
  10. lenny non puoi sperimentare in privato! il mio intervento era solo per dire (in malo modo) che la tua descrizione nonostante la perplessità ed il mio fallimento personale mi fa venir voglia di riprovare

    RispondiElimina
  11. @Virò: il sapore è neutro e guai se non fosse così, se pensi che il suo uso primario è quello di addensare preparazioni dolci o salate: è interessante la consistenza e la sua presenza nell’insieme, difatti ho avuto come l’impressione che legasse gli altri sapori, nello stesso tempo “stemperandoli”.
    Potresti obiettare: - perché usarlo, se non ha sapore?
    La risposta è: - in primis per curiosità pura (non ho difficoltà ad ammetterlo), poi per le sue proprietà salutari che ho trascritto sopra nella risposta al commento di Federica ed infine per quella sua consistenza “gelatinosa” (inutile la terza motivazione? Forse, ma anche i semi di papavero sono insapori, eppure sono ampiamente utilizzati per la loro nota croccante!)

    @Milla: la curiosità nella vita ed in cucina porta, a volte, a nuove conquiste

    @Wennycara: sono entusiasta di questo acquisto, perché è da tanto che ne ho sentito tessere le lodi e sono impaziente di metterlo alla prova

    @enza: no problem, cara: ti leggo da un anno circa e penso di conoscerti. Ho capito il senso del tuo commento.
    Sperimento in privato e poi ne comunico i risultati: in fondo è ciò che faccio (facciamo) sempre! Ciao

    RispondiElimina
  12. Dovessi darti un seconod nome di chiamerei Lady Surprise!!! Riesci a lasciarmi sempre senza parole, sei sempre un passo avanti, ma come nascono le tue ricette?Brava!!!!

    RispondiElimina
  13. Ciao Lenny. Io ero convinta che l'agar agar si trovasse solo in polvere ... sono forse come i bambini .. che pensano che esistono le fettine, ma che non hanno nulla a che fare con il vitello ??? Che disastro .... Baci Manu

    RispondiElimina
  14. Ci stai viziando e stai volando verso oriente. Piatto fiorito, etereo, interessantissimo... Lenny non finirai mai di ammaliarci ;-) Buon fine settimana

    RispondiElimina
  15. Interessante l'uso che fai dell'agar. Ricordo che effettivamente nel negozio dove lo prendo io c'era anche scritto "katen per insalate". Io però ora l'ho polverizzato nel bimby :) la prossima volta provo con una piccola quantità, giusto per vedere!

    RispondiElimina
  16. che forte, lenny!!
    mi intriga da matti!
    e adesso il kanten dove lo trovo???
    buonissima serata
    baciusss

    RispondiElimina
  17. @sally: molto spesso le mie ricette nascono dall’esigenza di gustare determinati ingredienti: in questo caso, desideravo gustare a crudo i fiori di zucca ed ho pensato subito ad un’insalata, l’idea mi ha rimandato al kanten ed alle indicazioni lette sul pacchetto, mentre cetrioli e rucola mi sono sembrati degni compagni di viaggio, oltre che per il loro sapore, (frizzante l’uno e amarognolo l’altro), anche per il fatto che mi è stata assicurata la loro produzione biologica

    @Forchettina Irriverente: l'agar agar in polvere, in effetti è quella più diffuso.
    Al momento dell’acquisto è importante non optare per quella più economica che deriva da una lavorazione chimica (La maggior parte dell'agar-agar in polvere è cosi preparata, come pure quella in barre), ma è importante scegliere quella ottenuta con il metodo tradizionale di essicazione (trovi queste info nel link inserito nel post)

    @dada: come non arrendersi al fascino dell’oriente ….

    @Fiordilatte: ricorda di idratarne una piccola quantità, in quanto, assorbendo molta acqua, aumenterà notevolmente di volume

    @brii: non avrai difficoltà a reperirlo nei negozi specializzati in prodotti biologici

    RispondiElimina
  18. Per un attimo ho pensato a qualche misterioso ingrediente... invece è l'agar agar! Caspita, ne ho tanto sentito parlare e mi domandavo se effettivamente fosse l'equivalente della colla di pesce o gelatina. Vedo un ottimo risultato...prima o poi devo usarlo. L'ho visto nello stesso negozio di prodotti bio non troppo vicino casa e dove ho acquistato il cardamomo!
    Un abbraccio e buona domenica!!!

    RispondiElimina
  19. Ciao!!! La mia raccolta "salads" a cui hai partecipato si è tramutata finalmente in pdf!!! Passa da me se vuoi scaricarlo!!
    Ciao!!

    RispondiElimina
  20. mi sono persa un pò di ricette adesso devo afre un giro più approfondito,ma i miei occhi si posano su questo nuovo ingrediente (per me) oltre ad incuriosirmi è molto invitante perchè se ho capito bene si tratta di un vegetale,cosa che per me è molto importante,l'unica cosa è riuscire a capire dove lo posso reperire... Tu dove mi consigli di guardare?

    RispondiElimina
  21. mai sentito prima il kanten....
    ma è insapore?

    RispondiElimina
  22. Non sapevo l'agar agar si chiamasse anche così... :-))) bella insalata!!! bacioni cara...

    RispondiElimina
  23. oh..quante cose che sai!mai sentito il kanten..mi incuriosisce!

    RispondiElimina
  24. Uso spesso il kanten in stecca che sostituisce in maniera naturale la colla di pesce, quella non si usa per le insalate.Cercherò quella che proponi e sperimenterò!

    RispondiElimina
  25. Riprendo il commento di enza, io non ho avuto problemi con l'agar agar, se ti va di andare a verificare ho anche postato degli "esperimenti", con l'anguria e con latte di soia e cardamomo (!!)credo sia un problema di dosaggio. Baci!

    RispondiElimina
  26. Il Kanten questo sconosciuto... non lo conoscevo, devo documentarmi! E' proprio vero che non si finisce mai di imparare :)

    RispondiElimina
  27. Io senza il tuo post avrei scambiato senza problemi il kanten per un termine derivato dal vocabolario tedesco :P
    Grazie per avermi evitato la brutta figura, a questo punto però lo devo provare!

    bacioni lenny!
    *

    RispondiElimina
  28. Il Knten mi è nuovo in insalata, da provare!!!
    Bacione

    RispondiElimina
  29. Bella quest'insalatina, sicuramente anche buonissima, con quel tocco esotico. Grazie ! :-)

    RispondiElimina
  30. Bella quest'insalatina, sicuramente anche buonissima, con quel tocco esotico. Grazie ! :-)

    RispondiElimina
  31. Ne sai una più del diavolo!!!!
    Bella la composizione dell'insalata ma che cosa è il kanten?
    Una roba orientale?
    Ciao cara!!!!!!!!

    RispondiElimina
  32. @marifra79: se leggi attentamente il link che ho inserito nel post, avrai modo di verificare che esistono tre tipologie di agar agar: un preparato in polvere, uno in fiocchi e questo in filamenti, quest’ultimo è il solo idoneo per le insalate

    @Susina strega del tè: grazie per avermi avvisata, lo scarico ed inserisco il link nel relativo post

    @ilcucchiaiodoro: lo puoi trovare senza difficoltà nei negozi bio

    @eppifemili: sì è insapore ….

    @Claudia: è conosciuto ai giapponesi come kanten

    @annarita: che piacere ….

    @NIGHTFAIRY: è interessante il suo utilizzo come addensante, sia nei dolci che nel salato

    @Solidea: darò un’occhiata, grazie

    @Camomilla: sono impaziente di utilizzarlo come sostituto della gelatina

    @tartina: diamo il via alle sperimentazioni?

    @Saretta: lo troverai interessante

    @Marilì di GustoShop: sei l’ispiratrice di questa insalata, lo sai!
    Finalmente sono riuscita ad assaggiare i fiori di zucca crudi!

    @stefi: il kanten si estrae da un’alga giapponese e si ottiene attraverso un procedimento che può essere industriale o tradizionale: nel corpo del post, se clicchi sul termine agar agar in marroncino, trovi tutte le informazioni

    RispondiElimina
  33. Sì un grande applauso per questo articolo, si dispone di un modo di dire le cose in modo naturale, semplice e così vero, ho tirare il mio cappello a voi !!

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO