21 marzo 2011

Polpettone di vitello con spinaci

E’ eclettico, versatile, poco affascinante, ma dagli innumerevoli pregi

Polpettone di vitello con spinaci


lui, il signor polpettone è un vero jolly, una preparazione che richiede poco impegno e, anche se a volte può sembrare scontato, puntualmente riscuote successo: non c’è famiglia che non abbia una sua ricetta.
Così è anche per me, ma questa volta ho sperimentato un metodo di cottura senza grassi, su suggerimento di mia madre che ne ha appreso l’esecuzione in tv: si sigilla in una padella ben calda, in modo da formare una crosticina leggermente croccante e si porta poi a cottura con sola acqua (o quasi), ma si può insaporire a piacimento.
All’assaggio nessuno ci crederà!


Polpettone di vitello con spinaci

Ingredienti x 4

250 g di macinato di vitello (ric. orig. 500 gr)
1 albume codice 0 (ric. orig. 1 uovo)
1 cucchiaio di pane grattugiato (ric. orig. 2)
noce moscata
1 limone bio
pepe / sale

125 gr di spinaci lessati (ric. orig. 250 gr)
15 gr di burro (ric. orig. 30 gr)
1 cucchiaio di pane grattugiato (ric. orig. 2)
1 cucchiaio di grana grattugiato (ric. orig. 2)
sale

1 cucchiaio di farina 00
un bicchiere d'acqua
aglio

Preparazione. Tostare il pane grattugiato (ma la prossima volta lo sostituirò con mandorle macinate) in una padella anti aderente ben calda, allontanare dal fuoco ed unire il burro, attendendo che si sciolga e mescolare con il pane. Unire gli spinaci tritati finemente con la mezzaluna, il grana, il sale (e volendo anche uvetta e pinoli, abbinamento provato qui) e mescolare.
Amalgamare alla carne il pane grattugiato, la scorza di ½ limone grattugiato, l'albume, la noce moscata, il sale, il pepe. Trasferire il composto su un foglio di carta forno, spianarlo con le mani formando un quadrato e adagiarvi gli spinaci. Con l’aiuto della carta da forno arrotolare la carne (accavallandola bene, per evitare che in cottura si possa aprire) e chiudere le estremità.
Scaldare bene una padella e sigillare il polpettone, iniziando da dove è stato arrotolato e girandolo da tutti i lati. Versare lateralmente l'acqua nella quale è stata stemperata la farina (il “sughetto” della foto è stato successivamente diluito, perché quello iniziale non è bastato), aggiustare di sale, unire lo spicchio d’aglio, cuocere per 15/20’ (dipende dalle dimensioni) e a fiamma spenta, addizionare il succo di mezzo limone. [Ricetta di D. Rener]

- Servire con una primaverile isalatina di limoni (o pompelmi) pelati a vivo, julienne di cipolle rosse (o fettine di ravanelli) e gherigli di noci o più semplicemente con carote in agrodolce (qui).

Ricette correlate

................

Con questa ricetta partecipo all'originale contest Carving in the kitchen di Ornella - Ammodomio che fa entrare l'Arte in cucina!

L’uomo seduto sulla panca, solleva verso l’alto entrambi i bicipiti, mostrando la sua "forza" ed esprimendo il suo impegno e la volontà per adoperarsi in alcunché ...
La forza mi fa pensare alla "tenacia" ed al "ferro" che in cucina mi conduce agli spinaci: per questo motivo abbino la ricetta del polpettone di vitello con spinaci a questa scultura che a mio avviso dovrebbe intitolarsi "Braccio di ferro".

42 commenti:

  1. Milena,tra me e te è una nobile gara a chi ama di più polpette e polpettoni

    RispondiElimina
  2. Questo polpettone dev'essere così saporito per gli ingredienti e le spezie varie che lo compongono che anche se non viene cotto con l'olio non ne dovrebbe avvertire molto la mancanza! E bella la tua idea di riempirlo di mandorle tostate, avrà sicuramente una marcia in più! Un bacione e buona giornata!

    RispondiElimina
  3. la mia mamma sa che ne vado ghiotta e quando torno a casa me lo fa trovare sempre... il tuo è una meraviglia, bravissima!

    RispondiElimina
  4. C'è sempre da imparare :)
    Ho riletto il post almeno un paio di volte per cercare di fisarne lo spunto. Onestamente preparo raramente il polpettone...e quindi anche per variare il menù settimanale forse è ora che mi cimenti anche...:P
    Grazie come sempre e buon inizio settimana! :)))

    RispondiElimina
  5. a me piacciono molto i polpettoni se sono ben farciti e con ripieni che danno gusto e sapore come il tuo.ottima idea quella della cottura in questa maniera da provare.

    RispondiElimina
  6. Non pensare che richieda poco impegno, va fatto con cura altrimenti non prendi nulla e non trovi il gusto preciso, il tuo è davvero ottimo, buona settimana.

    RispondiElimina
  7. Hai ragione Milena, il polpettone è un vero jolly e il tuo è magnifico!!

    RispondiElimina
  8. Sarà quel che sarà, ma a me fà così tanto famiglia :)

    wenny

    RispondiElimina
  9. Effettivamente il polpettone è un grande classico, ma fa sempre la sua figura, soprattutto ripieno!

    RispondiElimina
  10. Vero jolly e vera cucina...Verrei volentieri a pranzo da te!

    RispondiElimina
  11. Come si fa a sostenere che un polpettone così non è un piatto elegante??? Vorrei tanto che chi sostiene questa teoria a priori, vedesse la tua ricetta! Bravissima!!!!!!

    RispondiElimina
  12. il polpettone risolve sempre tantissime cene poi se è gustoso e favolosamente invitante come qquesto allora è il top!!bacioni imma

    RispondiElimina
  13. dunque: ho un fidanzato/convivente cresciuto a cibi precotti e inscatolati, quindi non ti dico quanti bon roll si è pappato...stasera gli faccio vedere il tuo e voglio proprio vedere se ancora dirà che il bon roll è buono!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  14. Il signor Polpettone ha mille volti è vero, ma questo è uno tra quelli più fascinosi :)

    RispondiElimina
  15. buonissimo con il ripieno di spinaci,mi piacciono un saco davvero"!!!

    RispondiElimina
  16. Quando ho letto "polpettone" ho aperto già sapendo che non avrei visto la solita fetta nel solito piatto...
    Però un dubbio mi attanglia: cosa intendi per SIGILLARE??

    RispondiElimina
  17. @tutti: i miei familiari mi prendono in giro per la mania di "cucinare senza questo o quell'ingrediente", ma ogni tanto riesco a zittirli!
    Questo è solo uno dei tanti volti del polpettone che si rivela particolarmente felice per la golosa farcia di spinaci .....

    @Ornella: grazie :D

    @( parentesiculinaria ): "sigillare" è il termine che solitamente si usa in cucina per designare l'operazione preliminare alal cottura della carne, di "rosolarla" uniformemente in un grasso, per far sì che lo strato che si viene a creare, impedisca ai succhi della carne di disperdersi all'esterno durante la cottura.
    Per i polpettone tale operazione è ancora più importante per far sì che non si disgreghino .....

    RispondiElimina
  18. Interessante questo metodo di cottura, devo sperimentarlo!

    RispondiElimina
  19. AH il polpettone è il mio piatto preferito!L'altro giorno ho provato anche io a farlo con gli spinaci...incredibilmente goloso! La prossima volta proverò a utilizzare questo metodo di cottura che mi ispira moltissimo!

    RispondiElimina
  20. Interessante il tipo di cottura di questo gustosissimo polpettone!
    Io adoro polpette, polpettine e polpettoni e questa ricetta è già balzata in cima alla mia to-do list!

    RispondiElimina
  21. Ahhhhh........ che gnuranta! :P
    Grazie per la delucidazione!

    RispondiElimina
  22. Mmm che ottimo aspetto questo polpettone, mi piace un sacco! Da tenere presente questo metodo di cottura, interessante!:)

    RispondiElimina
  23. Milena, ciao, e grazie del commento..ma il link del cake che mi hai consigliato non funziona...non trova l'indirizzo. MI potresti dare l'indirizzo di questo cake e vediamo se viene meglio del mio?
    Bellissimo polpettone..e dovrò sperimentare questo metodo di cottura, in fondo la carne ha già il suo grasso, perchè aggiungerne altri? Bella idea!

    RispondiElimina
  24. E' bellissimo questo metodo di cottura, anche mia mamma lo fa abbastanza simile e io testona non le do' retta...
    Hai ragione é un signor piatto il signor polpettone e abbinato agli spinaci...yumm

    RispondiElimina
  25. Non e' affascinante?! Credo che mio marito farebbe carte false per un polpettone cosi' e adesso che lo guardo mi domando come mai non lo prepari quasi mai. Grazie per questa ricetta cara Milena... tornero' presto a copiarla perche' e' uno di quei piatti che fa contenti tutti (ospeiti compresi) Buona settimana, K

    RispondiElimina
  26. Sono particolarmente affezionata ai polpettoni perchè li faceva spesso mia nonna. Anche questo per me è un piatto della festa. Però con gli spinaci non l'ho mai fatto. Proverò insieme a questo metodo di cottura. E poi quell'insalatina di accompagnamento la trovo così sfiziosa.....
    Un bellissimo piatto. Mi piace!
    Un bacione

    RispondiElimina
  27. Un grande classico che rimarrà sempre tra i miei preferiti. Mi ricorda tanto la cucina di mia madre e per questo adoro riproporlo non appena posso anche a casa mia :) Proverò il metodo di cottura senza grassi!

    RispondiElimina
  28. Io direi che anche lui ha il suo fascino.. ma sai che è tantissimo che non ne preparo uno? Mha delle volte non mi capacito!
    Donatella

    RispondiElimina
  29. ammetto di essere un po' fissata per le preparazioni che prevedono pochi condimenti... altrimenti le faccio pure, ma poi le assaggio soltanto e le mangiano gli altri :) questo metodo di cottura del polpettone devo e voglio assolutamente provarlo! Ma avrei una domanda...
    secondo te, se lo arrotolo nella stagnola, quindi lo chiudo bene affinché resti in forma e non si disfi .. potrei provare a metterlo in forno? Dopo essersi un po' cotto, lo tolgo dalla stagnola e lo metto nella teglia irrorandolo con un po' di sughetto.. Come pensi venga fuori? :)

    RispondiElimina
  30. @tutti: la cucina senza grassi riserva gustose sorprese ....

    @fiOrdivanilla: con un metodo simile ho preparato questo © polpettone di cavolfiore: è un tipo di cottura che mi piace molto :D

    RispondiElimina
  31. vedi che hai sempre le risposte a tutte le mie domande???
    grazie:***

    RispondiElimina
  32. e dire che l'avevo visto quel tuo polpettone.. ma ho una memoria...

    RispondiElimina
  33. Adoriamo i polpettoni ripieni! sono un piatto unico sempre ben presentato e particolare!
    bacioni

    RispondiElimina
  34. Milena, grazie, il tuo cake salato sembra un quadro..e lo vedo già dalla faccia che è migliore di quello che ho provato io, non è giallo...mi sa proprio che lo proverò! Grazie mille, anche della visita!
    Ciao
    Cinzia

    RispondiElimina
  35. @Manuela e Silvia: io ho imparato da poco ad apprezzarli ...

    @Cinzia: è un piacere leggerti :D

    RispondiElimina
  36. Complimenti!!!
    Felice per la tua partecipazione a Carvin in the Kitchen.
    Stefano

    RispondiElimina
  37. Grazie: è un piacere per me :D

    RispondiElimina
  38. Cara Milena il signor polpettone mi ha chiesto di riferirti che si è sentito profondamente offeso dal tuo "poco affascinate" eheh :)
    a me sembra bellissimo e son sicura della bontà ;)

    RispondiElimina
  39. Mi posso scusare affermando pubblicamente che è di una bontà senza appello?

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO