11 novembre 2013

Polpettone di pollo con zucca e speck

Non ho mai fatto mistero della mia avversione per i polpettoni che risale agli anni infantili: mia madre, era una delle poche donne al mondo che la domenica non preparava il polpettone per i suoi bambini ….
Con gli anni le cose sono andate via via migliorando e difatti poco a poco ho imparato ad apprezzarlo e poi a cucinarlo (e sì, in casa mia vige una piccola dittatura: non cucino, ciò che non mi piace!): mi sono avvicinata con sorpresa a questa preparazione semplice e versatile che accontenta tutti e che è diventato un mio cavallo di battaglia …

Polpettone di pollo con zucca e speck

Questa è una delle tante varianti autunnali, con un gustoso cuore arancio-zucca ed il sapore intenso dello speck, ma una variante interessante può essere quella di cuocerlo in forno (bardandolo all’esterno con lo speck e avvolgendolo poi nella carta forno) o preparare degli involtini, se si segue lo stesso procedimento con le fettine (di pollo).
A voi l’ardua decisione se aromatizzarlo con la salvia o il rosmarino: io ancora non so quale sia da preferire …



Polpettone di pollo con zucca e speck

Ingredienti (x 10/12 persone)

Polpettone
500 g petto di pollo tritato
3 albumi codice 0 (o 1 uovo intero + 1 tuorlo o 1 albume)
pangrattato (o mollica di panne raffermo, ammollata nel latte)
3 cucchiai abbondanti parmigiano grattugiato
sale

Ripieno
250 g zucca circa
cipolla
sale, olio evo
+
1 manciata generosa parmigiano grattugiato
50 g circa specck

semola di grano duro
olio evo
rosmarino o salvia
maizena

2/3 patate

Preparazione.
Mondare la zucca e ricavarne delle “barrette”. Scaldare l’olio in un tegame, far imbiondire la cipolla tagliata finemente e cuocere la zucca, salando e bagnando con un po’ d’acqua: la cottura deve essere velocissima e appena la zucca diventa tenera, spegnere (le “barrette” devono rimanere integre e non spappolate).

Preparare il polpettone amalgamando alla carne gli albumi (ho usato gli albumi perché i tuorli mi erano serviti per una crema pasticcera, quindi si possono sostituire benissimo con 1 uovo intero + 1 tuorlo o 1 albume), il formaggio, il pangrattato (o mollica di panne raffermo, ammollata nel latte) q. b. ad ottenere ad un composto sostenuto ed il sale.
Stendere su un foglio di carta forno il composto, creando un rettangolo, spolverarlo con una generosa manciata di parmigiano, foderarlo con le fettine di speck, leggermente accavallate ed adagiare al centro le “barrette” di zucca (non è necessario utilizzare tutta la zucca cotta, ma tenere da parte quella eccedente), formando un bel “salamotto”.
Con l’aiuto della carta chiudere il polpettone, modellandolo e sigillando le punte, quindi infarinarlo.

Versare un filo d’olio in una cocotte (io in ghisa Le Creuset) e rosolare velocemente il polpettone da tutti i lati, rigirandolo con delle palettine e cercando di non forarlo, in modo che all'esterno si formi una leggera crosta dorata.
A questo punto versare nella cocotte, ai lati del polpettone, la zucca eccedente ed il relativo condimento, aggiungere le patate pelate e tagliate a rondelle, la salvia o il rosmarino e portare a cottura, aggiungendo all’occorrenza dell’acqua calda (o brodo di carne o vegetale).

A cottura ultimata, prelevare le patate e tenerle da parte, far freddare il polpettone ed affettarlo e nel mentre frullare la zucca con il fondo di cottura, facendo poi addensare lo stesso con un’idea di maizena, per ottenere una salsina legata.

24 commenti:

  1. Buonissimo questo piatto unico! sapori molto confort rielaborati e ben presentati!
    un bacione

    RispondiElimina
  2. Risposte
    1. E' stato un sacrifico fermarmi alla prima fetta e detto da me che consumo pochissima carne e solo "per dovere", è tutto dire ...

      Elimina
  3. mi piace tantissimo questo polpettone, lo proverò prossimamente!

    RispondiElimina
  4. Amo polpette e polpettoni in qualsiasi versione possibile. Proverò anche la tua!

    RispondiElimina
  5. una versione originale e molto gustosa!

    RispondiElimina
  6. Qui invece senza polpettone non è domenica!

    RispondiElimina
  7. Beh non sei l'unica che da bimba non mangiava il polpettone. A casa mia non è mai andato di moda perchè a mio padre non piace ("il cervello" come lo chiama lui) quindi io devo averlo mangiato si e no due volte. Non avendolo quasi mai mangiato non mi entrato nel DNA quindi devo ammettere che non lo preparo praticamente mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco benissimo, ma ultimamente mi sono ravveduta ...

      Elimina
  8. Anvedi che polpettone gustoso!!! Mi andrebbe proprio per cena :-) Baciiii

    RispondiElimina
  9. quanto mi piace quel cuore arancio!!!!! salvia e rosmarino insieme, aggiudicato! anche io da piccola avevo una grande avversione ai polpettoni, ora li faccio pure io e i miei mi sembrano più buoni! Io ti ruberò questa versione sulla tavola natalizia, ho già deciso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hanno tanti vantaggi: sono versatili e si possono preparare in anticipo, per poi scaldarli prima di gustarli ...

      Elimina
  10. Suona delizioso!! Mi fa venire in mente le cene in famiglia, mentre fuori pioggia e vento ti fanno ringraziare il Cielo di avere una casa calda e accogliente :) Neanch'io impazzisco per i polpettoni, forse soprattutto perché mio marito invece ne va matto e ogni volta che cucina lui me li propina in tutte le salse...Questo però è davvero originale...mi sa che gli piacerà molto!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poi fammi sapere se è stato di vostro gradimento :)
      Se vuoi, puoi optare per gli involtini: forse sono ancora più saporiti :)

      Elimina
  11. Sto provando la tua ricetta, che mi pare molto appetitosa. Solo una domanda: tempo di cottura?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia risposta arriva tardi, e mi dispiace: non so dirti di preciso, ma di certo non una lunga cottura, direi 20' circa ...
      Ti è piaciuto?

      Elimina
  12. Swag Bucks is the biggest get-paid-to website.

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO