25 agosto 2010

Ciambelle fritte (Cullurielle silane)

Il ricordo gastronomico più vivido dell’estate 2010 è senz’altro legato a delle ciambelle con le patate silane, sorprendentemente soffici e dorate e minuziosamente ricoperte da cristalli di zucchero, da gustare calde, spezzandole con le mani, attraverso il sacchetto di carta: delle frittelle che secondo tradizione nascono come dolci natalizi o per siglare festeggianti importanti e che di recente conoscono un grande successo come street food.

Cullurielle silane
È stato il primo assaggio, appena arrivata in Sila, attratta dallo sfrigolare dei calderoni, in attesa che il resto degli amici si radunasse al gran completo: un’estasi indicibile!
Appena arrivata a casa, il desiderio di replicarle, non senza timori di fallire e devastare anche un ricordo così bello!
A parte qualche piccolo inconveniente*, l’esperimento è stato più che soddisfacente e già ne pregusto nuove edizioni, aromatizzando l’impasto con semi di vaniglia!




Ciambelle fritte (Cullurielle silane)

Ingredienti
250 g farina 00
1 cubetto lievito di birra
1 pizzico sale
100 g circa acqua
zucchero semolato
olio evo

Preparazione. Lessare le patate, pelarle, passarle allo schiacciapatate e impastare con il lievito di birra disciolto in mezzo bicchiere di acqua tiepida. A questo punto, aggiungere la farina, altra acqua tiepida *(nonostante le diverse raccomandazioni ricevute, consiglio di tenere l’impasto piuttosto sodo, perché lievitando tenderà ad ammorbidirsi e poi per modellarlo occorrerà aggiungere altra farina, almeno a me è capitato) e un pizzico di sale. Lavorare accuratamente la pasta e formare dei piccoli panetti.
Farli lievitare per un’oretta, poi con l’aiuto delle dita allargali con un movimento circolare al centro, in modo da formare il buco centrale e friggere le ciambelle (sono piuttosto grandi: circa 10 cm di diametro) per immersione, in abbondante olio bollente fino a quando saranno ben gonfie. Sgocciolare i “cullurielli” su carta da cucina, ricoprire di zucchero e servire ben caldi (ma anche dopo qualche ora conservano al loro proverbiale sofficità!).

Memo: Non riversare l’olio fritto nel lavello, ma richiuderlo in una bottiglia e smaltirlo secondo le modalità dovute!

Ricette post-vacanze

....................

38 commenti:

  1. Com'è pittoresca e golosa quella ciambella dorata e zuccherosa che fa capolino dal sacchetto! Il nome è davvero curioso :-)

    RispondiElimina
  2. Sembrano davvero buonissime, peccato dover friggere però :/ (detesto cordialmente l'untume sparso in giro)

    RispondiElimina
  3. @Lucia: il nome è la versione dialettale di "ciambella"

    @Reb: anch'io detesto friggere, ma questa volta ho ceduto!

    RispondiElimina
  4. va beh non dico niente.sbavo e basta
    @reb: una friggitrice.presa a eutrospin a 17 euro mi ha risolto questo problema:D ( friggo sul balcone ovvio!)

    RispondiElimina
  5. Con le patate!?!?mmmm...chissà che bontà!!!!

    RispondiElimina
  6. Mamma che bontà queste ciambelle! Con le patate devono avere una consistenza tutta particolare! E poi calde e fragranti appena sformate...già ci immaginiamo il profumino!
    baci baci

    RispondiElimina
  7. Mamma Mia che bontà DIVINA io AMO queste ciambelle!Ogni volta che vado a qualche fiera e le fanno io non resisto posso anche aver appena finito il pranzo di Natale, che cedo alla tentazione!! Ma quanto sono buone!! Se le faccio corro il rischio di mangiarmele tutte da sola!!

    RispondiElimina
  8. FA VO LO SE!!!!!!!!!complimenti!!

    RispondiElimina
  9. Molto invitanti queste ciambelle, sembra che il loro profumo sia arrivato sino a me.
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  10. Stupende, le facevo tempo fa e non so perchè ho smesso...bisogna riprendere, e che diavolo!!!!

    RispondiElimina
  11. Patate in versione dolce, con i granelli di zucchero come rugiada da gustarsi calde... un paradiso. Credo che le sognerò soltanto visto che ho bandito il fritto, purtroppo.

    RispondiElimina
  12. che guduriose queste ciambelle ! ogni tanto un fritto si può anzi si deve!

    RispondiElimina
  13. uhhhh giusto quello che mi ci vuole per smaltire quei 3 chiletti che ho ripreso in vacanza... :D
    bbbbbbbbbbbboneeeeeeeeee

    RispondiElimina
  14. Sono in periodo fritto, quanto mi piace friggere!, e queste sono stupende! sempre bravissima =)

    RispondiElimina
  15. Che nome curioso, mai sentito! Quello che conta è il risultato, le ciambelle con le patate sono sempre irresistibili!

    RispondiElimina
  16. Complimenti sono fantastiche!!!! davvero golose!!! aspetto i prossimi esperimenti con aromi vari!!!! un bacio

    RispondiElimina
  17. Ma che belle!!!!!! Posso averne una subito???? Sarebbe proprio perfetta per una merenda di metà mattina! :P

    RispondiElimina
  18. Quanto darei per agguantarne una adesso!! gnammmmmete!!! bacioni buona giornata :-)

    RispondiElimina
  19. Scusa mi passeresti due ciambelline?!?? ho una fame da lupi ;)

    RispondiElimina
  20. Ah ma allora esistono ancora i calderoni sfrigolanti!! Meno male... son più felice ora che lo so! :)
    Evviva lo street food!

    RispondiElimina
  21. Ma che belle e buone queste ciambelle calabresi!:)
    che voglia che mi fanno, sai che ne immagino il profumo e mi gorgoglia la pancia!:)
    grazie per averle condivise:)

    RispondiElimina
  22. Mai mangiate e mai viste. Hanno un aspetto super-invitante e poi si sa che mi piace conoscere le ricette delle altre regioni!

    Ciaoooo

    RispondiElimina
  23. @Genny G.: ricordano un po’ i donuts americani!

    @UnaZebrApois: le patate conferiscono una sofficità indicibile! Sono da provare!

    @manuela e silvia: contrariamente alle altre frittelle, si conservano soffici anche dopo qualche ora!

    @Giusy: le hai descritte alla perfezione!

    @Federica: una grande scoperta!!!

    @Daniela: non si può dire di no!

    @arabafelice: non si possono abbandonare!

    @Letiziando: anch’io ho bandito il fritto, ma ogni tanto perché non concedersi un piccolo strappo?

    @Alice4161: sono fantastiche

    @Chiara: la penso anch’io così

    @Alice :D

    @Cey: le fritture sono buonissime …

    @Tania: per me sono state una novità, ma in realtà le frittelle con le patate sono un classico

    @Luciana: non saranno a breve … mi tocca rientrare a regime!

    @Tery :P

    @Claudia :D

    @Saretta: a chi lo dici!

    @elenuccia: ;)

    @( parentesiculinaria ): il fascino tentatore dello street food!

    @terry: mi hanno stregata!

    @Aiuolik: pensa: non le conoscevo neanche io!

    RispondiElimina
  24. Che goduria queste ciambelle Milena!!!! Favolose, bravissima!!!!!

    RispondiElimina
  25. Le cose fritte sono buone, si sa...
    Ma le ciambelle lo sono in modo particolare forse perchè legate a ricordi d'infanzia.L'impasto dev'essere davvero soffice. Irresistibili.....
    Io sono negata col fritto....però magari potrei migliorare.....
    Bravissima Milena, ti riesce tutto benissimo!
    Un abbraaccio e a presto

    RispondiElimina
  26. I "cullurilli", io li faccio anche senza passarli nello zucchero... hanno un bellissimo aspetto, complimenti!

    RispondiElimina
  27. come sempre le tue ricette sono fantastiche. ti sicuro sono buonissime anche se leggermente pesantine ma ogni tanto bisogna pur eccedere!

    RispondiElimina
  28. è una vita che non mangio una bella ciambella fritta come si deve!

    RispondiElimina
  29. Impossibile sbagliare, non potevano non venirti bene! Bentornata

    RispondiElimina
  30. ANche qui in SIcilia qualcuno le fa con le patate e sono davvero strepitose!
    Baci e bentornata

    RispondiElimina
  31. @tutti: a casa mai le fritture sono bandite, ma qualche piccolo strappo alla regola, ogni tanto ci sta!

    @Francesca: sì, una parte non l’ho passata nello zucchero, ma mi hanno detto che quelle senza zucchero hanno un altro impasto: ti risulta?

    @fantasie: sono tante le similitudini tra la cucina calabrese e quella siciliana!

    RispondiElimina
  32. Si, Milena io metto anche le uova!

    RispondiElimina
  33. @vickyart: ti consilgio di provarle!

    @Francesca: grazie, me lo segno!

    RispondiElimina
  34. Ma che carino questo blog, ci sono cose davvero interessanti, complimenti,..volevo iscrivermi come sostenitore, ma blogger ogni tanto fa i capricci, ritornerò, a presto!

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO