21 aprile 2009

Terrina di pollo, prosciutto e carciofi

L’abbraccio è la prima cosa che percepiamo, quando veniamo al mondo: ad accoglierci una calda culla d’amore, un’avvolgente nicchia di indicibile dolcezza.
Da grandi l’abbraccio si trasforma in due archi che cingono d’affetto e trasmettono energia, forza, essenza, umanità pura.
Avviluppare chi ci è caro e comunicare emozioni, è il vivere sensibile della nostra spiritualità.
Avviluppare e proteggere è anche la forza di questa terrina che sperimentai per la prima volta tre anni fa e che, da allora, propongo immancabilmente per il pranzo di Pasqua, seguendo questa chiave di lettura e sostituendo il cuore di uova sode, come professato dalla ricetta originale, con gambi di carciofi, cari all’unanimità, a tutta la famiglia.
Terrina di pollo al prosciutto e carciofi

Terrina di pollo, prosciutto e carciofi

Ingredienti x 12
g 700 petto di pollo
g 200 panna da montare
g 120 prosciutto cotto, a fettine
4 gambi di carciofi circa (ric. orig. 6 uova sode)
2 albumi
rosmarino (ric. orig. timo) - sale - pepe
burro per lo stampo

Preparazione. Imburrare uno stampo a cassetta (cm 24 x 12) e rivestirlo con le fettine di prosciutto lasciandole debordare.
Mondare i gambi dei carciofi e cuocerli per 7-8’ circa, in acqua e olio.
Privare il petto di pollo di eventuali scarti e pellicine, quindi passarlo a lungo al mixer, così da ottenere un trito finissimo. Aggiungere gli albumi e la panna, non montati, un pizzico di sale, pepe e alcune foglioline di rosmarino sminuzzate con la mezzaluna.
Lavorare il composto con una frusta, fino a che diventerà omogeneo, quindi versarne metà nello stampo. Livellare bene poi, ricavare una lunga nicchia nella quale disporre i gambi di carciofi, uno di seguito all'altro e ben accostati. Versare il restante composto di pollo, quindi coprire tutto con le fette di prosciutto debordanti, ripiegandole verso l'interno.
Coprire con un foglio d'alluminio e chiudere la terrina; immergendola in un recipiente con due dita d'acqua calda, poi passare nel forno già a 190°, lasciando cuocere per 25' dall'inizio dell'ebollizione del bagnomaria.
Alla fine sfornare, appoggiate un peso sulla terrina e lasciarla raffreddare prima di sformarla su un piatto da portata. [Diligentemente tratta da La Cucina Italiana]
------

18 commenti:

  1. Interessante la terrina!
    Una curiosità: perchè nè la panna nè gli albumi vengono montati prima di incorporarli al trito di pollo? Non renderebbero il tutto ancora più soffice?

    P.s. E se al posto dei gambi dei carciofi, squisiti ma ormai a fine stagione, mettessimo degli asparagi?...

    RispondiElimina
  2. Proprio particolre! una ricetta adatta per le calde sere estive!!
    ce la segnamo allora!
    bacioni

    RispondiElimina
  3. Bellissimo, mi piacciono i patè, ne ho anch'io uno da postare. Ciao Solema

    RispondiElimina
  4. Da questa terrina mi farei abbracciare e riabbracciare :)
    Deve essere squisita:)

    RispondiElimina
  5. Mi hai fatto venire i brividi assocciando il primo abbraccio a una coccola per la pancia e per il nostro corpo. Tra l altro meravigliosa coccola, ci affonderei la forchetta!

    RispondiElimina
  6. Ma sai che non preparo mai terine, pur avendone diversi stampi? E' bellissima e golosa questa che ci presenti

    RispondiElimina
  7. @virò: L'ordine di esecuzione nella preparazione del composto non è tassativo e non pregiudica la buona riuscita della terrina, tant'è che qualche volta mi è capitato di catapultare tutti gli ingredienti nel mixer, con ottimi risultati.
    Concordo sull'idea dsi sostituire i gambi di carciofi con gli asparagi: la mia scelta è ricaduta sui secondi, perchè di indiscusso gradimento unanime dei miei familiari, incluse le nuove leve.

    @manu e silvia: difatti è buona anche se gustata fredda

    @solema: sono curiosa di vedere il tuo

    @sweetcook: no problem, come avrai letto se ne ottengono un bel pò di porzioni ...

    @elga: grazie, sono senza parole

    @cocò: ci sono così tante ricette da sperimentare che a volte ci sfuggono proprio quelle classiche ...

    RispondiElimina
  8. Che bella ricetta! grazie!! me la segno!

    RispondiElimina
  9. è una bellissima ricetta e l'hai realizzata molto bene, complimenti

    RispondiElimina
  10. mamma che poesia.... non ho mai sperimentato le terrine,... forse perchè ho sempre paura che non mi stiano insieme... ma se l'assicuri proverò...
    ciao e grazie per la delucidazione sul bergamotto..
    Vale

    RispondiElimina
  11. l'aspetto e'a dir poco meraviglioso!!
    bacioni

    RispondiElimina
  12. Una ricettina da provare sicuramente!!

    RispondiElimina
  13. Molto interessante e gustosa .-))))

    RispondiElimina
  14. Fresca ed invitante e giá che ci sono, ti abbraccio pure io!!
    Mik

    RispondiElimina
  15. Ed effettivamente questa terrina sembra un vero, morbido, affettuoso abbraccio.

    RispondiElimina
  16. questa è davvero tutta da provare, complimenti!

    RispondiElimina
  17. fortunate le persone che possono essere avviluppate nei tuoi abbracci, culinari e non. ottima idea soprattutto per nostri bambini, gusto delicato ma dal cuore deciso e forte come del resto sono loro!!!

    RispondiElimina
  18. @federica: è un secondo di veloce esecuzione che si presenta bene a tavola

    @gunther: grazie, ma non richiede particolari abilità

    @VALENTINA “cuoca” PER PASSIONE: è di sicura riuscita, parola di scout!!!

    @mirtilla: ed il gusto altrettanto

    @dual: di sicuro effetto per i pranzi importanti

    @claudia: è da provare

    @mimmi: ricambio l’abbraccio

    @onde999: un abbraccio di gusto

    @betty: grazie

    @natalia: ogni pietanza preparata in casa, esprime affetto e dedizione.
    Questa terrina è piaciuta anche ai piccoli di casa

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO