3 aprile 2009

Crocchette nei cuori di carciofo

Lo sfrigolio allegro e brioso del liquido incandescente dagli schizzi d’ira, accoglie in un caldo abbraccio le amate, diffondendo un odore importante e invadente a palesare una presenza forse scomoda.
Le amate fritture nella loro croccante avvenenza a tutela di un morbido cuore, sono bandite dalle diete, perchè sinonimo di peccati di gola, estremizzando dettami forse da riconsiderare con maggiore serenità di gola.

Crocchette e cuori di carciofi



Crocchette nei cuori di carciofo

Ingredienti per 8
Crocchette
300 g patate
1 tuorlo
2,5 cucchiai farina
2 cucchiai formaggio
sale
Pastella
80 ml acqua
2 cucchiai farina
pane grattugiato
sale

olio per friggere

8 fondi di carciofo
Aglio
200 g vino bianco secco
Olio evo
sale

Preparazione Crocchette. Cuocere le patate a vapore, pelarle, schiacciarle, incorporare la farina, il formaggio, il sale ed il tuorlo. Ungere d’olio un vassoio e stendervi l’impasto. Farlo raffreddare e rassodare per 10’.
Pastella. Sciogliere nell’acqua, la farina, regolare di sale e mescolare con una frusta, per evitare il formarsi di grumi.
Modellare con le mani delle palline e rotolarle prima nella pastella e poi nel pangrattato. Friggerle in abbondante olio e scolarle su carta da cucina.
Carciofi. Privare i carciofi delle foglie esterne e coriacee e tagliare alla stessa altezze, le foglie tenere, eliminando le punte. Scavarle all’interno, per rimuovere il fieno e lavarli. Stufare per 20' i fondi di carciofo, coperti per metà con acqua ed il vino e con uno spicchio di aglio, olio e sale.
Infilzare le crocchette a due a due su quattro stecchi e servirle con i carciofi. [Liberamente tratto da La cucina italiana]


MEMO: Non riversare l’olio fritto nel lavello, ma richiuderlo in una bottiglia e smaltirlo secondo le modalità dovute!


Crocchette in cuori di carciofi

--------

News - Basta inesattezze. Si faccia chiarezza intorno alla frittura
Cerchiamo comunque di fare chiarezza su questo tema molto dibattuto e a volte rappresentato parzialmente e attraverso luoghi comuni.
Credo che prima di tutto occorre sottolineare che la frittura, se condotta in condizioni corrette, e soprattutto in casa con strumenti idonei, non costituisca un metodo insano e pericoloso.
Certo non più di una cottura normale, dove i tempi sono assai lunghi rispetto a quelli della frittura classica che richiede a volte solo qualche minuto.
E inoltre l’interazione tra cibo e grasso-olio è assai diverso, anche in funzione dell’uso di farina o pastelle che, creando una crosta intorno all’alimento, fungono da barriera per l’ingresso del grasso nell’alimento stesso e la fuoriuscita di umidità.
Altro elemento importante è il contenuto di grasso dell’alimento: se questo è magro, si ha uno scambio tra parte lipidica e alimento che produce un alimento cotto con contenuto e qualità di grasso uguale a quello del bagno di frittura. Se viceversa l’alimento è grasso, si ha un vero e proprio scambio tra dentro e fuori
(leggi l'articolo di Alissa Mattei).

21 commenti:

  1. sono un vero capolavoro davvero!!sia per l'aspetto estetico e la foro (che parlano da sole)che per gli ingredienti!!!troppo bello e buono,sei bravissima,baci imma

    RispondiElimina
  2. Molto sfiziose queste crocchette, adoriamo questo genere di antipasti, saporiti e gustosi, abbiamo già voglia di rifarli a nostra volta, anche perchè i carciofi ci piacciono tantissimo!
    Un abbraccio da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  3. Sono le prime crocchette di patate che vedo passate in pastella prima di essere fritte e sicuramente le provo visto che le crocchette non mi vengono mai:))

    RispondiElimina
  4. che bella idea davvero origale.
    complimenti e buon w.e.

    RispondiElimina
  5. questo è un degno compito da fare per il weekend. voglio prendere dieci. originali nella preparazione con la crosta di pastella che le rende sicuramente più resistenti.

    RispondiElimina
  6. Che carine le crocchette sui cuori di carciofo! Bravissima, come al solito.

    RispondiElimina
  7. Mammamia che bel piatto! davvero stuzzicante!

    RispondiElimina
  8. Sono piccole pepite!!! Doratura perfetta, e un cestino inaspettato :-) Buon fine settimana

    RispondiElimina
  9. ho votato per te su blogcafe non credo a queste votazioni e non ho partecipato ma complimenti ho sentito di farlo
    www.chefmarco.splinder.com

    RispondiElimina
  10. Sono decisamente d'accordo: con le opportune accortezze e senza esagerare con la frequenza, il fritto fa bene anche all'umore!...

    RispondiElimina
  11. ma che meraviglia!!! sfiziose e belline queste crocchette! complimenti, bella idea! un bacione, Isabel

    RispondiElimina
  12. ma che bella ricetta, e poi dai mica mangiamo fritto tutti i giorni;)una volta ogni tanto fa bene!!buon fine settimana

    RispondiElimina
  13. m'inviti a nozze amando i carciofi e un pò meno friggere sono proprio una schiappa non mi riesce proprio pur mettendo la buona volontà ma proverò ugualmente buon fine settimana

    RispondiElimina
  14. m'inviti a nozze amando i carciofi e un pò meno friggere sono proprio una schiappa non mi riesce proprio pur mettendo la buona volontà ma proverò ugualmente buon fine settimana

    RispondiElimina
  15. Ma sono bellissime queste crocchette!

    RispondiElimina
  16. tu mi fai sognare...mi fai mangiare con gli occhi.davvero bravissima.

    RispondiElimina
  17. No, no, no.
    Tu sei un'Artista, mia cara, altro che! :D
    Stupendi.

    *

    RispondiElimina
  18. Una presentazione davvero scenica per quete crocchette!!
    perfetta per un buffet creativo!
    baci baci

    RispondiElimina
  19. @tutti: è una preparazione stuzzicante, un curioso finger food dove verdure e crocchette si incontrano con gusto.
    Inoltre si prestano a degne declinazioni anche con il mutare delle verdure di stagione: per esempio in inverno i cuori di carciofi possono cedere il passo a cubotti di zucca, mentre in primavera/estate ai pomodorini o a mini barchette di zucchine …

    @elga: uso molto spesso la pastella per le fritture, da quando ho scoperto nei miei anni siciliani che con questa si avvolgono i mitici arancini, per creare la famosa croccante doratura esterna

    RispondiElimina
  20. Complimenti!

    Mi piacerebbe che dessi un'occhiata al mio modestissimo lavoro, c'é una ricettina di polpettine al curry che somiglia molto alla tua proposta.

    Ciao e a presto!

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO