17 febbraio 2009

Anelli di ricotta su crema di carciofi

Il cerchio è simbolo di perfezione, nella sua equidistanza dal centro e nel suo chiudersi su se stesso senza soluzione di continuità.
Forse perfetti sono anche questi anelli che avvolgono un cremoso e niveo ripieno di ricotta, seguendo un andamento circolare. Insolitamente charmant alla vista e scioglievole al palato, questo primo dalle grazie accattivanti e dal sapore dolce-amaro, dove la neutralità della ricotta sposa l’amaro gradevole ed inconfondibile dei carciofi.

Anelli di ricotta su crema di carciofi
Anelli di ricotta su crema di carciofi

Ingredient x 4
Anelli di ricotta
200 g semola grano duro
2 uova
400 g ricotta
acqua q. b. x impastare

Crema di carciofi300 g gambi carciofi
4 cucchiai olio evo
aglio
sale
mandorle

Preparazione
Anelli di ricottaAnelli. Versare la farina a fontana su una spianatoia, riversare al centro le uova e un pizzico di sale. Lavorare bene gli ingredienti fino ad avere un impasto sodo e lucido. Infarinare la spianatoia e con l'aiuto di un matterello tirare la pasta in una sfoglia non troppo sottile.
Ammorbidire la ricotta con un po’ di latte, per renderla cremosa, trasferirla in una sac à poche e “tracciare” sulla sfoglia delle righe, spennellare gli intervalli con dell’acqua (o dell'uovo), coprire con una parte di sfoglia e appiattire con le dita, seguendo la sagoma delle “righe”, per eliminare le bolle d’aria che in cottura potrebbero far rompere la pasta.
Tagliare i cilindretti e sezionarli in bastoncini di circa 5 cm, eliminare dalle estremità un po’ di ricotta e, pizzicandoli nuovamente per assicurarsi che il taglio sia ben sigillato, fissare le estremità tra loro, chiudendole ad anello.
Proseguire fino ad esaurimento della sfoglia e adagiare gli anelli su un piano infarinato ad asciugare.

Crema di carciofi. Eliminare dai gambi dei carciofi la parte esterna e farli andare in padella con l’olio, l’aglio ed il sale. A cottura ultimata, eliminare l’aglio e frullare.
Fare cuocere gli anelli in abbondante acqua salata e quando vengono a galla, scolarli delicatamente con un mestolo forato. Disporre sui singoli piatti, la crema di carciofi a specchio ed adagiarvi gli anelli, completando con le mandorle.
[Esecuzione Anelli di ricotta presentata da P. Zoppolatti a La prova del cuoco]

--------

L’arte della pasta
I miei ospiti chiedono di Trott. Lo sto cercando anch’io, non l’ho trovato né in rimessa – dove si chiude spesso a trafficare con non so quali arnesi -, né in magazzino e tanto meno in cantina. Finché per caso, giusto perché decido di andare a discutere del menu di stasera, lo trovo in cucina. Sta tutto ammirato, a guardare il lavoro di Novella, silenzioso e partecipe.
Novella ha certe piccole dita industriose, come le chele di un granchio di mare,sottili e veloci,con cui srotola un nastro di pasta e lo taglia in quadrati di pochi centimetri. Al centro sistema un impasto di erbette di campo, bieta selvatica e ricotta, grosso quanto una noce e con un colpetto di dita e di nocche sigilla ogni tortello, l’infarina e lo spinge da parte. Trott è incantato, osserva con stupore e senza fretta, come fanno i bambini davanti ai trucchi dei prestigiatori. Novella ha le mani per fare la pasta, come dice Mario, mani tiepide, dalla temperatura costante e la pasta così si alliscia, si fa elastica , di seta. Trott che ormai si è fatto benvolere, la canzona, le chiede di vederla, questa mano fatata: e lei felice, sporge un palmo morbido, rosato, sporco qua e là di farina. Il mio amico s’inchina e le fa un compito baciamano, da teatro d’opera; lei non se ne adombra. Anzi ride, con una voce squillante e si ritrae, minacciandolo con l’indice teso.
“Se non sta buono, le faccio il brodo di gatto, badi, che glielo faccio davvero.”
Anche Trott ride e non la finiscono più, perché la faccia di lei fa ridere lui e viceversa.

32 commenti:

  1. ma che bontà la ricotta e i carciofi....dev'essere un piatto prelibatissimo;))

    RispondiElimina
  2. Ma che carini!!! non avevo mai visto qs tipo di pasta ripiena Ma che brava Lenny :-)))

    RispondiElimina
  3. Ciao Lenny, complimenti, davvero coreografico, che pazienza, deve essere un grande lavoro ma dal risultato stupefacente! Bellissimo davvero! Baci

    RispondiElimina
  4. Ogni tua ricetta è sempre più bella e spettacolare di quella che l'ha preceduta Lenny. Davanti a questi anellini rimango a bocca aperta (non si sa mai che tenendola così qualche anellino ci caschi dentro, ciomp!)!

    RispondiElimina
  5. Buonissimi questi anelli ripieni di ricotta e serviti sopra una crema di carciofi: un'ottimo abbinamento di sapori.
    bacioni

    RispondiElimina
  6. io li ho ribattezzati taralli di ricotta! mi inchino davanti a questa incredibile ricetta!

    RispondiElimina
  7. che libidine!!!!! fantastici questi anelli!!! bacini!!!

    RispondiElimina
  8. magnifico questo modi di usare i carciofi, come fondo ,ti posso mettere includere nel mio post sui carciofi?

    RispondiElimina
  9. Questi sono troppo sfiziosi...Complimenti a Zoppolatti e a te carissima Lenny.

    RispondiElimina
  10. Lenny, questi anelli meritano un 10 e lode, per l'originalità, per quella crema di carciofi che si sposa divinamente con gli anelli ripieni di ricotta. Deliziosa l'aggiunta delle mandorle. Hai solleticato le corde della nostra fantasia, ammaliandoci.
    Il cerchio, simbolo della perfezione e del morbido e sinuoso...ancora complimenti!
    Baci da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  11. vedo che hai un debole per la ricotta. del resto come resistere a questa morbida crema che ci offre così tante oppurtunità ottima nelle preparazioni dolci e meravigliosa in quelle salate e al naturale...ne vogliamo parlare? ciao

    RispondiElimina
  12. Cara! Io ammiro te!!!
    Questi anellini, sono un'opera d'arte...
    Che fantastica ricetta!
    Mi piacerebbe realizzarla, spero d'esserne all'altezza...
    Baci.

    RispondiElimina
  13. Ciao Lenny?
    Come va? Vedo che sei impegnatissima in cucina con piatti sempre super nuovi ed elaborati...
    Questi anelli non li conoscevo e devono esser proprio buoni e con quella crema di carciofi devono essere pure appettitosi :-)
    Un bacio
    Carla

    RispondiElimina
  14. Quando ho letto il titolo el post ho iniziato a immaginare come tu avessi creato questi anelli, e sono rimasta stupita nel vedeli, erchè pensavo tutta un'altra roba!!! Bravissima, bello l'accostamento con i carciofi, bacio

    RispondiElimina
  15. Lenny sono strepitosi: prendo un permesso in ufficio e corro subito a farli !!! :-D

    RispondiElimina
  16. Che capolavoro Lenny!!!!Non so più che dirti, proponi delle cose favolose!
    bacione

    RispondiElimina
  17. Mi levo tanto di cappello!!!! complimenti per questa rcietta.. davvero molto delicata!!!!:-))) bacioni

    RispondiElimina
  18. la fantasia che ci metti nei piatti mi stupisce sempre,bettici pure la bonta che hanno!!sei un mito!!bacioni imma

    RispondiElimina
  19. piatto molto affascinante,bravissima!!!!

    RispondiElimina
  20. Questi anelli sono perfetti, leva pure il forse... mi piace il connubio ricotta e carciofo, come la descrizione invitante di questo piatto!

    RispondiElimina
  21. Carina questa idea e brava Lenny.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  22. Ti dico solo questo, appena li ho visti mi sono detta, "buoni i totani", poi ho scoperto che si trattava di tutt'altro.
    Stupefacente.
    brava!

    A.

    RispondiElimina
  23. ciao, bella questa ricettina, complimenti!

    RispondiElimina
  24. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  25. E' un primo veramente originale, ma quando le pensi queste cosucce mitica Lenny?

    RispondiElimina
  26. Ti ho scoperto attraverso un commento curioso che hai lasciato in "una colica d'acqua" e il tuo blog mi ha colpito perchè le ricette sono sfiziose ed originali...Bellissimi questi ravioli ad anello (ti rubo senz'altro l'idea) ed intanto...bentrovata!

    RispondiElimina
  27. Amica mia grande grande grande!!!
    Grazie di tutto!!!

    RispondiElimina
  28. hai un modo tu di presentare le ricette che e' impareggiabile!
    hai una cura ...delle idee...
    c'e' sempre da prendere spunto qui!
    ti faccio davvero i miei complimenti...il gelato all'arancia nella coppa al cioccolato qui sotto e' un angolo di paradiso!un'idea bellissima! ...wow!!!

    RispondiElimina
  29. A parte che l'abbinamento ricotta e carciofi ci ha unite a distanza.....ma questi anellini sono una veraopera d'arte, tu non sei mica una cuoca, sei un'orefice!

    Complimenti, davvero! :)

    RispondiElimina
  30. @pamy: ricotta e carciofi è senza dubbio un connubio felice

    @twostella: anche per me fu una novità quando due anni fa (epoca ante blog) la vidi preparare in tv e la domenica successiva, spinta dalla curiosità la preparai per tutta la famiglia.

    @le pupille gustative: in realtà non richiede più tempo o pazienza di un tortellino!

    @babi: il cibo deve appagare anche la vista e quindi la presentazione delle pietanze ha la sua importanza

    @manu e silvia: è un primo in cui si incontrano due creme dai sapori diversi, ma ben sposati

    @giò: perchè ribattezzarli?

    @sara: potrebbero andare bene anche per una cena romantica!

    @gunther: certo che puoi, non mi può far altro che piacere

    @dolci e non solo: grazie

    @luca & sabrina: le mandorle conferiscono alla struttura del piatto un non so che di imprescindibile

    @natalia: amo la ricotta, non lo posso negare e di questo mio debole ne è a conoscenza un produttore locale che ogni settimana me la consegna a casa

    @pagnottella: certo che sarai all’altezza di prepararli e con successo

    @carla: è un primo che soddisfa non solo il senso estetico, ama anche e soprattutto il gusto

    @elga: cosa immaginavi?

    @marcella candido cainchetti: grazie

    RispondiElimina
  31. @jajo: oppure puoi rimandare il tutto a domenica!

    @saretta: grazie, ma forse mi sopravvaluti

    @claudia: grazie

    @dolci a … gogò! La fantasia deve guidare ogni passo della nostra vita e, naturalmente in cucina non bisogna lasciarla fuori dalla porta

    @mirtilla: grazie

    @camomilla: è un connubio orami collaudato

    @stefi: mi fa piacere che sia di tuo gradimento

    @alessia: è vero, a primo acchito danno questa impressione

    @betty: grazie e benvenuta

    @cocò; occorre meno tempo per pensare che realizzare tante idee

    @virò: benvenuto e grazie per gli apprezzamenti

    @lory: è una gioia grandissima rileggerti!!!!!!!!!!!!!

    @chiara: era questa la pasta che definii in sintonia con le tue mezzelune su crema verde e mandorle

    @ciboulette: siamo sulla stessa lunghezza d’onda?

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO