04 gennaio 2010

Gelato di cachi con crema diplomatica alle nocciole

L’insolito gelato
Qualche anno fa, ebbi occasione di trascorrere il Natale a Reggio Calabria e grande fu il mio stupore quando mio cognato portò a casa un panettone farcito con gelato e finemente decorato con scene innevate e alberelli di pasta di zucchero. Fu una visione e quando arrivò il momento dell’assaggio, fu sorprendente scoprire quanto un dolce tipicamente invernale e rappresentativo del Natale, potesse coniugarsi con il dolce estivo per eccellenza.
Da allora, ogni anno propongo il gelato in inverno e soprattutto di recente, spinta dalla convinzione di dover superare i cliché che sconsigliano il cioccolato in estate, che relegano al periodo natalizio il torrone ed il panettone e che confinano nel limbo della stagione calda il gelato.

Gelato di cachi con salsa diplomatica alla nocciola

Quest’anno avevo un motivo in più per provare un gelato invernale: una ricetta di Guido Martinetti da testare e un panettone dai grandi aromi da abbinarvi.
Un gelato alla frutta, dal gusto intenso, dove è lo stesso cachi con le sue fibre a fare da "addensante" naturale e che si affoga con voluttà nella crema alle nocciole.

Nota: è un gelato preparato in dicembre e finito in coda ad altri post "festivi" che hanno avuto la priorità, ma può comunque servire come promemoria per il prossimo anno ...

Gelato di cachi e salsa di nocciole

Ingredienti x 5

Gelato
80 g panna fresca + 100 g latte intero (ric. orig. 180 g latte intero)
80 g zucchero
2 cachi maturi

Crema diplomatica alla nocciola
125 g latte intero (ric. orig. 250 g latte intero)
1 tuorlo codice 0 (ric. orig. 2 tuorli)
25 g zucchero (ric. orig. 50 g zucchero)
25 g farina di nocciole (ric. orig. 50 g zucchero) ottenuta polverizzando nel mixer nocciole pelate e tostate
125 g panna (queste dosi le ho dedotte io: è importante che lo zucchero sia in proporzione del 10% della panna)
12 g zucchero

Guarnizione
nocciole intere e a granella

panettone al prosecco Loison

Preparazione
Gelato. Prelevare la polpa dai cachi e frullarla. Trasferirla in un pentolino, aggiungere lo zucchero ed il latte e fare andare a fiamma bassa (per non perdere i profumi dei cachi) per pochi minuti, fino ad intiepidirlo (40 o 50°) per aiutare le fibre dei cachi ad addensare il composto e nel frattempo omogeneizzare con un mixer ad immersione. Aggiungere quindi la panna, lasciare riposare per 30’ il composto e trasferire nella gelatiera (1).

o (2) preparazione Gelato senza gelatiera, in alternativa, riporre il gelato in freezer in una vaschetta per il ghiaccio (o in più porzioni se si prevede che non verrà consumato interamente). Prima che il composto ghiacci completamente (o se è ghiacciato, semi-scongelarlo), prelevare e frullare (con il boccale del frullatore, completo di lame, freddato in freezer per 5’) a lungo per mantecarlo fino ad ottenere una crema liscia.
Riporre ancora in freezer e, prima di servire, lasciarlo un po’ a temperatura ambiente, perché si ammorbidisca.

Crema diplomatica alla nocciola. Amalgamare lo zucchero al tuorlo, aggiungere la farina di nocciole e il latte caldo a filo. Far addensare a fiamma bassa, attendere che si freddi e unirvi la panna liquida.
Guarnire con nocciole intere e a granella e servire con la crema diplomatica e barrette di panettone tostato al forno o su una padella antiaderente.



Altri gelati “invernali” et simili
Gelato all’arancia
Semifreddo e Gelato al torrone

..................

27 commenti:

  1. Ti dirò, l'abbinamento del panettone col gelato mi è molto familiare, fin da piccola i miei nel periodo di Natale usavano farcire il classico panettone proprio col gelato. Ormai me lo ero quasi dimenticato, ma il tuo post ha svegliato quel ricordo. La tua proposta resta comunque eccellente, sarà per la crema alla nocciola e per la scelta dei cachi...che se solo riuscissimo ancora a trovarne....
    Baciotti da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  2. Ecco: non ho la gelatiera!!!

    RispondiElimina
  3. Fantastico Lenny, per me l'abbinamento è nuovo ma deve essere assolutamente unico!
    UN ABBRACCIO

    RispondiElimina
  4. Mamma mia le tue immagini mi fanno impazzire! Che finezza e che eleganza!
    Il gelato...quello buono...lo si gusta d'estate e d'inverno!
    Il tuo è eccezionale!!! che curioso abbinamento...
    baci

    RispondiElimina
  5. ottima combinazione... vorrei stare seduta a quel tavolo!

    ciao

    RispondiElimina
  6. Al gelato con i cachi non avevo mai pensato, peccato che questa tua bellissima e golosa ricetta arrivi solo ora....mi avevavo regalato una quanità immane di cachi, dopo averli regalati, mangiati in versione salata, dolce e nature, non ne potevo più e un vassoio intero sono finiti a malincuore nel secchio.La terrò a mente per il prossimo anno, quando immancabilmente i cachi torneranno...

    RispondiElimina
  7. Pensa che da qualche tempo abbino il gelato alle portate salate (una delle cose più riuscite è il petto d'anatra con gelato al caramello salato, ma anche gli scampi col gelato d'avocado, per dire, o il budino di parmigiano col gelato di cipolle rosse, insomma, potrei andare avanti all'infinito): quello che mi mancava, però, è il gelato di cachi- il che è un'idea strepitosa perché qui abbiamo cachi in abbondanza e poche ricette che rendano loro giustizia. Unico neo: la stagione è già finita, qui al freddo...ma lo teniamo buono, per quando rispuntano!( come milla, uguale uguale!)
    ciao
    ale

    RispondiElimina
  8. Sai già cosa penso di questa foto, una dolce carezza. Ma ecco l'abbinamento più che un promemoria è da provare assolutamente, complesso ed equilibrato...e senza regole rigide come piace a me!
    Buon anno carissima ricco di felicità, salute, energia ma anche piccole grandi gioie che lo rendono più brillante
    Baci

    P.S. Sono d'accordo con te sul senso del tempo che passa da non rinnegare, tassello di noi ;-)

    RispondiElimina
  9. La verità è che se anche avessi avuto i cachi mi sarebbe mancato forse il coraggio per provarci ahahaha
    Ho segnato cmq la preparazione della crema diplomatica alla nocciola nelle proporzioni indicate da te che mi sembrano più confacenti alle diverse esigenze...casomai si procede al raddoppio :)
    Grazie come sempre per avermi stupito una volta di più
    Buonissima giornata

    RispondiElimina
  10. Ed ecco che mi hai messo una gran voglia di preparare un gelato e aggiungere all'impasto, appena prima che solidifichi, le briciole dell'ottimo pandoro che mi è rimasto dal Natale! Il tuo, cara, non è un blog, è una fonte di ispirazione, perché oltre a copiarti le ricette mi trovo spesso a inventarne altre sulla base delle tue!

    RispondiElimina
  11. nooooo che meravigliaaaa!!!!

    e se lo propino per la befana?????
    è anche un ottimo modo per riciclare il panettone no? ^_^
    peccato che devo comperarlo bello e pronto il gelato , sono sprovvista della gelatiera uffi!!!!

    RispondiElimina
  12. Buon anno cara Milena!
    Questo gelato potrebbe essere un'ottima idea per smaltire ben 2 panettoni che non ho consumato durante le feste, così da soli non mi fanno impazzire, ma con un goloso gelato sarebbe tutta un'altra cosa!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  13. Grazie a te ora so come poter fare il gelato senza la gelatiera! ma com'è la veschetta per il ghiaccio?! Io ho sono quelle a quadrotti...

    RispondiElimina
  14. Io il panettone lo mangio fino a Pasqua anche senza gelato... però questo è davvero da provare! bellissima foto!

    RispondiElimina
  15. Il gelato andrebbe mangiato 12 mesi l'anno!!!
    Comunque a Reggio questo Natale "è stata primavera"... e il panettone con gelato è buonissimo!!! :)

    RispondiElimina
  16. Eh si, gelato e cioccolato non hanno "le loro stagioni", non sono nè cavoli nè zucchine ;)
    Complimenti per questa preparazione, hai tutta la mia ammirazione: grazie per aver descritto il procedimento per i senza gelatiera come me :)

    wenny

    RispondiElimina
  17. Complimenti, io non so se ce la farei con questo gelo a mettermi a fare il gelato però penso sia una meraviglia con quei crostini di panettone!

    RispondiElimina
  18. Noi siamo delle sostenitrici del gelato in inverno! ha un sapore tutto nuovo ed è un desssert fresco, ma apprezzatissimo!
    stano abbinamento di questi due frutti molto dolci!curiose di sentirne il sapore...
    un bacione

    RispondiElimina
  19. Buono! davvero originale!!! bellissima presentazione poi!
    bravissima!

    RispondiElimina
  20. @Luca and Sabrina: purtroppo non sono riuscita a pubblicare prima la ricetta di questo gelato che ho preparato prima delle feste e me ne scuso …

    @Solema: neanche io …… se leggi attentamente la ricetta, trovi le indicazioni per farlo senza gelatiera

    @marifra79: mi aveva tanto incuriosito questo abbinamento che all’assaggio si è dimostrato vincente

    @pagnottella: anche per me il gelato non ha stagioni …….

    @simo: accomodati …….

    @Milla: mi dispiace davvero, ma come sai, le pubblicazioni richiedono un certo tempo tecnico e proprio non sono riuscita a farlo prima ………….

    @alessandra (raravis): solo una volta ho abbinato il gelato alle portate salate (qui): farò tesoro dei tuoi suggerimenti

    @dada: ci soffermiamo spesso a riflettere sul senso del tempo ed in questo periodo dell’anno ancor di più

    @Gambetto: puoi eventualmente preparare la crema diplomatica alla nocciola per gelati già pronti o altri dessert al cucchiaio

    @Onde99: mi fa piacere essere fonte di ispirazione ………

    @luby: va bene sempre ….

    @Camomilla: anche con una golosissima mousse: ne sto mettendo a punto una interessante ………….

    @Gloria: ho parlato di “vaschetta per il ghiaccio” perché ne ho una metallica, senza scomparti, ma può andar ben altro contenitore metallico o anche quello dei gelati acquistati e gustati.
    Puoi trovare indicazioni più dettagliate per la preparazione del gelato senza gelatiera in questo post; riassumendo è fondamentale: "utilizzo di una parte di panna che ne impedisce l’eccessiva cristallizzazione e ne garantisce una certa cremosità e lunga mantecatura finale nel robot (come sostituto della gelatiera), per eliminare i cristalli di ghiaccio ed incorporare aria, per dare sofficità al gelato"

    @Acquolina: hai provato ad utilizzarlo in cucina per preparare pietanze salate?

    @Margherita: d’accordissimo

    @Wennycara: ulteriori precisazioni per il gelato senza gelatiera qui

    @iana: :))

    @manuela e silvia: anch’io ero curiosa e l’assaggio è stato entusiasmante, senza contare la goduria di un affogato interamente home made

    @crumpetsandco: grazie

    RispondiElimina
  21. mi hanno appena regalato una gelatiera.. non vedo l'ora di provarla!!!
    adoro i cachi..

    RispondiElimina
  22. @Alem: farai faville .......

    RispondiElimina
  23. mannaggia io il cliché non riesco a superarlo :P l'idea di mangiare un gelato ora mi mette i brividi! In inverno divento tutta zuppe, brodini e tè caldo. E' però vero che i gelati con la frutta invernale di possono fare solo in inverno ^^

    RispondiElimina
  24. Oggi ho scoperto il tuo blog che è bellissimo. Le tue ricette sono strepitose e le foto non sono da meno. Leggerti è un vero piacere!
    Alessandra

    RispondiElimina
  25. @Fiordilatte: granite e gelati in inverno non sono una conquista dei giorni nostri: pensa che una granita d'antan che fa ancora brillare gli occhi di mia madre, quando ne parla è quella fatta con la neve soffice (raccolta in tempi in cui l'inquinamento non esisteva) e dolcificata con il vino cotto!

    @Alessandra: è un piacere conoscerti: benvenuta

    RispondiElimina
  26. Buono questo gelato di cachi con crema alle nocciole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di provarlo: è buonissimo e riesce bene anche sena gelatiera :)

      Elimina

RETROSCENA DI GUSTO