30 giugno 2009

Mini cakes all’earl grey

Quando qualche mese fa una mia amica, al ritorno da Londra, suggellò l’appassionato resoconto delle sue brevi vacanze con un piccolo pacchettino, grande fu la mia meraviglia. Dopo averlo scartato, scoprendo che si trattava di un aromatico tè earl grey, ho pensato di eclissarlo temporaneamente alle mire dei familiari estimatori di tè e tisane, in attesa di un congruo utilizzo.
E mai decisione si dimostrò più oculata, in quanto rimuovendone l’involucro sigillante, forte è stato l’aroma che si è sprigionato e che è via via scemato nei giorni a seguire.
L’idea sin da allora, era di sperimentare un'aitante cake alle foglie di tè già selezionato su una vecchia rivista e a furia di rimandare, ieri venne il momento di sfornare, seppure in versione mignon.
Preceduti da un profumino soave, le mini cakes si sono rivelate deliziosi e morbidi bocconcini, delicatamente aromatici (anch ese forse con un altro tipo di tè non in bustina, l’aroma avrebbe mostrato maggior carattere), dalla nota agrumata rafforzata (ho aggiunto una scorzetta polverizzata di bergamotto candito).
Mini cakes all’earl grey

A mo’ di postilla, l’ultimo mio esperimento con il cioccolato: il Cioccolato “Chantilly” di Hervé This (la ricetta qui e qui), montato con incredulità e successo in un crescendo di stupore, poi abbinato nell’euforia del momento alle mini cakes in un connubio da replicare al più presto, ipotizzando di montare (perché no?), il cioccolato con il tè (Lydia che ne pensi?)
'Mini
Mini cakes all’earl grey

Ingredienti x 12 mini cakes stampo silikomart
2 uova codice 0
100 g farina
90 g zucchero
90 g burro
½ cucchiaio di foglioline da tè Earl grey (o altro)
1 cucchiaio latte
1 cucchiaino di lievito
scorze di bergamotto
mandorle a lamelle

Preparazione. Fondere il burro e montarlo con le uova ed il latte (ingredienti umidi). Setacciare la farina, lo zucchero, il tè, la scorzetta di bergamotto polverizzata (o finemente tritata al coltello) ed il lievito (ingredienti secchi). Unire i due composti, versare negli stampini e cospargere la superficie con le mandorle.
Infornare a 170-180° per circa 25-30’ (tempi variabili in relazione al forno). [Tratta da Dolci]

………………

Sul filo di lana e a seguito di una lunga indecisione, propongo a genny – al cibo commestibile dopo il Baccalà al tè su crema di piselli secchi, queste cakes per il Contest Ci beviamo una tisana




…………….

Curiosità - Il tè nel deserto
Il tè nel deserto si trasforma in una metafisica dei rapporti sociali. I bicchieri non possono essere più di tre. Se accetti il primo, il più forte, devi sorbire anche il secondo e il terzo. Rifiutarli è una prova di maleducazione. Per gli stomaci delicati, l'unica via d'uscita è di limitarsi al terzo, eventualità prevista ed accettata. Il quarto, privo di teina, viene dato ai bambini, ma se è offerto a degli ospiti, seguito magari da un quinto, il significato è lampante: quella compagnia non è più gradita.
Misteriosamente ma non troppo, il bicchiere dei saluti inderogabili si chiama fantasia. Il tè del deserto scioglie le lingue, riscalda e corrobora; preso in dosi massicce provoca anche una certa ebbrezza. In arabo si dice chai, in tamahaq, la lingua dei tuareg, atai ma nell'intimità del bivacco, superata l'iniziale diffidenza, gli ospiti lo indicano come «c'est mon alcol».
Quando si mette piede nel deserto, il rumore del silenzio e del vento creano come un muro dietro cui ci si rifugia volentieri. Tuttavia non bisogna esagerare e c'è almeno un'occasione in cui il silenzio potrebbe creare un equivoco. Il tè si beve bollente, le labbra a beccuccio sull'orlo del bicchiere; le nostre buone creanze impongono brevi sorsate anonime, quasi di nascosto che il calore trasforma comunque in smorfie. Loro, invece, bevono tirando su, con la stessa voluttà del dromedario. Fare rumore insomma è indice di apprezzamento, una cacofonia attentamente valutata.
[leggi l’articolo di N. Dal Falco] l

33 commenti:

  1. mmmmhhhhh! Lenny bedda, sei veramente spettacolare!
    :*
    cla

    RispondiElimina
  2. Che buoniii!E come si presentano bene con quelle mandorline a lamelle sopra ^_^
    Io ho postato il pan di zucca al tè nero invece qualche giorni fa :D
    Usare tè/tisane è davvero piacevole in alcune ricettine eh ^_*

    RispondiElimina
  3. Ma devono essere buonissimi.. con tutte quelle mandorle sopra .-p gnammmmmm

    RispondiElimina
  4. Ciao Lenny, deliziosi i mini cakes, mi piacciono da matti! mi manca il forno da morire, ma ahimè, in attesa di sostituzione mi faccio venire l'acquolina guardando il tuo blog! un bacione

    RispondiElimina
  5. Cavolo ma oggi non faccio in tempo a farti i complimenti che c'è gia pronta una ricetta tutta da complimentare! Però questa è il massimo!

    RispondiElimina
  6. Gioiellini morbidi e dorati...spettacolari! L'earl grey è uno dei miei tè preferiti (e giustamente hai aggiunto il bergamotto, bravissima :-) e con il cioccolato sta' una meraviglia. Il cioccolato aromatizzato al tè acquoso (invece della panna) mi ha incuriosito, da provare.
    Grazie anche per il testo finale, è sempre un piccolo viaggio qui :-)

    RispondiElimina
  7. Cara lenny,
    sono delle meraviglie: troverò il tempo di farle di qui a poco, devono essere così "confortevoli" che dopo un periodo di intenso lavoro sono proprio azzeccate!
    Pensa che strano, a prima vista quei chicchini neri mi parevano semi di papavero :)

    buona serata,

    wenny

    RispondiElimina
  8. devono sprigionare un profumo fantastico queste mini cake...e poi sono cosi ben presentate..mi fanno una gola tremenda!bacioni imma

    RispondiElimina
  9. Le tue mini cakes sono deliziose.

    RispondiElimina
  10. Mia cognata che vive a Londra ci delizia spesso con dell'ottimo tè, ma chissà perché noi lo usiamo sempre e solo come infuso...dovrei iniziare a guardare verso nuovi orizzonti, le tue cake sono bellissime (e sicuramente buonissime!).

    Ciaoooo!

    RispondiElimina
  11. questi mine cake sembrano davvero buonissimi!!! baci!!

    RispondiElimina
  12. Lenny, ti premetto che l'earl grey è il mio tè preferito.
    Quel sentore di bergamotto mi piace da morire.
    Mi sembra un'idea geniale quella di utilizzarlo per montare il cioccolato chantilly, anzi stasera ci provo.
    Bergamotto e cioccolato, più ci penso e più mi piace.
    Secondo me il concorso di Genny ha scatenato le nostre cellule grigie...
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  13. Troppo belline queste tortine!Bravissima!

    RispondiElimina
  14. Buoni i tuoi cake! Mi piace l'utilizzo che hai fatto del te in questo caso. sono da sperimentare l'aspetto è troppo invogliante

    RispondiElimina
  15. Ciao! che bello questo mini cake! ormai è noto che noi non amiamo il tè..ma non ci tiriamo di certo indietro per i dolci che lo utilizzano nell'impasto...poi il sapore è davvero curioso ;)
    un bacione

    RispondiElimina
  16. Premetto che l'earl grey è una delle miscele di té che preferisco, quindi sono certa che questi delicatissimi mini cakes mi piacerebbero eccome. Ottimo il "rinforzino" con il bergamotto e che dire dell'abbinamento con quel voluttuoso cioccolato chantilly? Divino :)

    RispondiElimina
  17. I tuoi bocconcini sono affascinanti e il cioccolato montato mi incuriosisce molto... di che si tratta... ma, ovviamente, da malata di esotismo, a intrigarmi è stata soprattutto la bellissima descrizione del the nel deserto, che mi ha riportato ad un'ammaliante, inquietante lettura di qualche anno fa, dove la protagonista avanzava sempre più oltre, verso il cuore della distesa sabbiosa, smarrendo la strada e sé stessa...

    RispondiElimina
  18. Sono veramnete bellissimi! Un peccato mangiarli:)) Complimenti Lenny, sempre più brava!!

    RispondiElimina
  19. adoro il profumo del tè nei dolci che ho già esperimentato e penso che quella tua ipotesi di aggiungere del tè anche nella mousse di cioccolato di This...che ho nel suo libro...l'idea mi intriga di già...proviamo? ;-)

    RispondiElimina
  20. Mamma Lenny che spettacolo devono essere profumatissimi
    Un bacione
    fra

    RispondiElimina
  21. Ricordo ancora certe merende da Fortum&mMasona Londra..che bello prendere il the delle 5 in quel modo!Al posto delle loro torte però, sceglierei la tua tortina.Oltre ad essere incredibilmente bella è paradisiaca!!!
    bacione

    RispondiElimina
  22. Ohmmiodddioooo
    Così gustosamente british!

    *

    RispondiElimina
  23. Bellissimo il tuo racconto sul tè nel deserto...e anche la ricetta mica male però!!

    RispondiElimina
  24. Mi piace molto questo formato di cake ed è particolarmente adatto a sottolineare la delicatezza di questi dolcini profumati al tè.
    Very British :-)
    Ciao
    Alex

    RispondiElimina
  25. @tutti: grazie per gli apprezzamenti.
    Se a primo acchito questo contest poteva sembrare un po’ astruso in realtà poi le idee sono state tante e tante altre se ne potrebbero sviluppare

    @dada: non puoi immaginare la mia meraviglia nel veder montare il cioccolato solo con l’acqua ed il gusto della mousse che si ottiene è di cioccolato puro, libero da interferenze.
    Credo che montandolo con il tè, il cioccolato possa acquisire delle sfumature di gusto interessanti

    @Wennycara: anch’io quando ho visto la ricetta fotografata mi sono lasciata trarre in inganno, pensando subito ai semi di papavero

    @Lydia: stasera passi all’azione? Sappi che dopo il primo esperimento, ne seguiranno moltissimi altri, per scoprire l’abbinamento migliore con il cioccolato

    @Camomilla: era dal’anno scorso che desideravo cimentarmi con il cioccolato chantilly e finalmente qualche giorno fa ho provato: è stata una rivelazione e l’abbinamento con le mini cakes è stato un po’ casuale, ma riuscitissimo

    @Onde99: io purtroppo non ho letto il libro, ma anche se non è la stessa cosa, ho visto il film: è grande il mio amore per il deserto e tutto ciò che lo riguarda

    @Mariluna: proverò presto e soprattutto non vedo l’ora che venga mia sorella per darmi alle pazze sperimentazioni

    @Konstantina: il tè è strettamente connaturato all’Inghilterra o al deserto

    @Cuoche dell'altro mondo: mi sono innamorata a prima vista di questi stampini e l’unico neo è non averne almeno un altro

    RispondiElimina
  26. l'earl grey è il mio tè preferito, adesso lo infilo subito nell'impasto per questi cakes favolosi! sabato scorso stavo per comprare gli stampini uguali a questi ma poi ho optato per quelli ovali..ora che li vedo sfornati però mi sto ricredendo...

    RispondiElimina
  27. purtroppo è un sacco che non lo bevo, ma l'earl grey era diventata veramente la mia passione e più che altro un'assuefazione XD buonissimi!

    RispondiElimina
  28. ma lo sai che quel cioccolato "montato" incuriosiva anche me? ho letto quel libro un paio d'anni fa e non l'ho ancora provato! brava lennt :D
    ah, e queste tortine: fantastiche!

    RispondiElimina
  29. il the non è una cosa che amo..ma tu sai rendere interessante e appetibile tutto..che brava!!

    RispondiElimina
  30. Che gioia per gli occhi Lenny!
    Ho tanto ottimo te' che non bevo mai, prendo la ricetta del tuo cake col proposito di provarla quanto prima :)
    Un bacio!

    RispondiElimina
  31. Lenny, i tuoi mini cakes mi hanno conquistata! Di solito l'impasto si prepara con l'infuso, invece tu hai aggiunto direttamente le foglioline! Che brava che sei...
    Ed è buonissima anche l'idea di montare il cioccolato con il tè, mi pare che diventi qualcosa di stupendo!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  32. @Giò: era da tempo che volevo sperimentare questa ricetta ed ora mi pento di aver aspettato tanto.
    Non pentirti, anch'io ho gli stampini ovali e sono tra i miei preferiti: la verità è che è difficile scegliere tra le tante forme

    @LeCiorelle: l'earl grey è una miscela che riscuote consensi (quasi) unanimi

    @salsadisapa: sembra un gioco, ma poi realizzi che è alchimia pura: riproverò e riproverò e riproverò

    @elisa: sappi che in questo impasto la resa è diversa dal classico tè, è più una presenza aromatizzante

    @Ciboulette: ero indecisa se lasciare un po' di tè in infusione nel latte caldo: chissà potresti provare. Io lo farò la prossima volta

    @Rossa di Sera: come dicevo a Cibou, la prossima volta, proverò a rafforzarne l'aroma, lasciando un piccolo quantitativo di tè in infusione nel latte.
    Il cioccolato montato con il tè è un “tarlo” che mi si è insinuato e che devo provare presto

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO