12 ottobre 2011

Gratin di cavolfiore, mele, noci e acciughe

Ottobre è il mese che ci restituisce l’autunno, ma anche il mese in cui si parla a gran voce ed in ogni dove, di una malattia che in realtà tentiamo di escorcizzare, prendendone le distanze: è la non scelta peggiore che si possa fare.
Il cancro è una malattia subdola, ma curabile, purché si arrivi in tempo: occorre cambiare atteggiamento e vigilare sulla propria salute sottoponendosi allo screening periodico senza ansie, poiché la prevenzione allo stato attuale è l’unico strumento di difesa efficace!
Ottobre deve essere quindi il mese della consapevolezza che uomini e donne indistantamente, devono acquisire ed estendere a norma di compartamento valida per l'intero anno: non sono parole vuote, chi parla ha purtroppo esperienza sul campo!
Prevenzione dunque, abbinata ad un corretto stile di vita che bandisce il fumo e pone attenzione all'alimentazione, per es. privilegiando in questo periodo il consumo di crucifere

Gratin di cavolfiore, mele, noci e acciughe

ed anche il classico gratin di cavolfiore può essere un utile suggerimento: in questo caso l'ho arricchito con le mele e le noci ed in luogo della pancetta ho aggiunto le acciughe.



Gratin di cavolfiore, mele, noci e acciughe

Ingredienti (x 4 cocotte Le Creuset)

300 g cavolfiore cotto a vapore (o lesso)
1 mela
2 manciate di noci
3 acciughe sott’olio
1 limone bio

Béchamel
400 g latte
30 g farina 00
30 g burro
40 g parmigiano

Preparazione. Mondare il cavolfiore, dividerlo in cimette e cuocerlo a vapore fino a quando non comincia diventare tenero, collocando nella pentola sottostante la scorza di ½ limone.
Preparare una salsa béchamel un po’ liquida, fondendo il burro in una casseruola e versarvi la farina, mescolando con un mestolo di legno su fiamma bassa per 2’ (roux). Scaldare il latte e versarlo a poco a poco, senza smettere di mescolare, salare, pepare e cuocere ancora per 2-3’. Spegnere e unire la noce moscata ed il formaggio.
Scaldare il forno a 180° C e disporre le cimette di cavolfiore nelle cocotte, le mele a tocchetti, le acciughe e le noci entrambe tritate al coltello, completare con una piccola grattugiata di scorza di limone e ricoprire il tutto con la béchamel (io ho poi cosparso con altre noci, ma non è una buona idea perché sotto il grill diventano amare). Infornare fino a doratura.


Difendiamo la vita!
- E per riprendere il filo del discorso: Prevenire è meglio che curare!!!!

36 commenti:

  1. Geniale l'idea di aggiungere le mele e le acciughe... e ti prometto che non metterò le noci sopra! ;)

    RispondiElimina
  2. Grazie per aver posto l'attenzione su questa malattia così subdola e sulla necessità di una prevenzione efficace. Dovremmo ricordarlo non solo nel croso di questo mese ma tutto l'anno. Quando si tratta di cavoli non mi faccio certo pregare. troppo invitanti le tue cocottine. Un bacio, buona giornata

    RispondiElimina
  3. Tono deciso ed affettutoso il tuo nel ricordare correttamente quali sono gli strumenti a nostra disposizione per vigilare su una spada di Damocle che penzola sempre sulle nostre teste. Piatto decisamente in tema ma quello che mi preme sottolineare qui, tralasciando una volta la tua bravura ai fornelli è il messaggio del tuo post, una indicazione non banale che mira a responsabilizzare in modo delicato e consapevole tutti. Grazie.

    RispondiElimina
  4. Come è vero tutto ciò che scrivi! Ed è bello che hai abbinato a questo messaggio un piatto sano ma gustosissimo, con le noci solo dentro(accorgimento recepito :)!)! Un abbraccio grande e buona giornata!

    RispondiElimina
  5. brava parole sante...e poi questa malattia può essere sconfitta, dipende da noi! grazie cara...anche x la ricetta!

    RispondiElimina
  6. Sagge parole condite gustosamente. Inutile dirti che sei sempre fortissima :)

    RispondiElimina
  7. un piatto comfort come direbbero gli anglosassoni!!! perfetto per questi giorni che si respira aira fredduccia!!!
    vere parole!!!

    RispondiElimina
  8. gusotsissimi, belli in cocotte...

    RispondiElimina
  9. questo lo provo stasera o domani, ho giusto un cavolfiore che non so bene come cucinare e mi serviva un'idea! grazie :)

    RispondiElimina
  10. Un piatto buonissimo delicato e tanto tanto importante per la nostra salute!Baci,imma

    RispondiElimina
  11. bellissima ricetta e gli abbinamenti mi piacciono.sai io lavoro nell'ambiente per cui so quanto è importante la prevenzione!!!grazie del messaggio, provvedo anche io

    RispondiElimina
  12. Grazie Milena,
    parlare di questa malattia fa sempre bene al mondo. Abbiamo, anche se in parte, il modo per proteggerci e tutelarci....facciamolo.
    Se poi il sacrificio è mangiare crucifere, io mi sacrifico volentieri! :)

    RispondiElimina
  13. mele e acciughe sono un'aggiunta insolita e secondo me azzeccata. ci sono cose che non si possono evitare, ma bisogna fare del nostro meglio per limitare i danni

    RispondiElimina
  14. Credo che le crucifere siano in assoluto l'unico caso di cibo che mi piace e che, per l'appunto, fa anche bene!

    RispondiElimina
  15. Che piglio! Mi piace come affronti l'argomento... e crucifere sia, appena l'orto me le omaggia perchè, anche questo è importante, se è possibile meglio scegliere verdure biologiche o prodotte da contadini di fiducia (il mio è di fiducissima, babbo!). Buone a prescindere queste cocotte :)

    RispondiElimina
  16. Sono assolutamente d'accordo.. in primis per il mio lavoro, sono una biologa nutrizionista, e poi perchè credo in prima persona che bisogna parlare, informare, educare..! brava.. se mi permetti vorrei postare il tuo stesso link.. !e, in ultimo, complimenti per il piatto.. fa bene alla salute, ma anche all'animo e al palato perchè dev'essere buonissimo! da oggi ti seguo.. non voglio perdermi altri tuoi post..e, se m permetti anche questo, ti metto nel blogscroll della mia homepage!a presto.. baci Luisa

    RispondiElimina
  17. Ma è fantastico! Sono sicura che con questa ricettina riuscirei a convertire anche il mio ragazzo, anti cavolfiore convinto :)

    RispondiElimina
  18. Hai ragione, una sana alimentazione è la base per sentirsi bene e rimanere sani. Approvo totalmente la sostituzione della pancetta con le acciughe...mooooolto meglio le acciughe :)) (non sono una fan della pancetta). Stuzzicante anche l'idea delle mele.

    RispondiElimina
  19. Hai reso questo gratin favoloso!!! BUONOOOOOO! baci

    RispondiElimina
  20. cavolfiore, noci e acciughe!!! il connubio perfetto! complimenti

    RispondiElimina
  21. Fantastica Lenny: hai saputo affrontare con gusto un argomento così delicato. :-D
    All'abbinamento cavolfiore-acciuga ero già arrivata perché tipico anche delle mie parti, ma l'aggiunta di mele e noci dà un tocco di raffinatezza che solo tu potevi avere!

    RispondiElimina
  22. già mi immagino un giorno freddo di pioggia (che arriverà) il buio che avanza anche se è solo pomeriggio, e il pensiero che a cena si possa mangiare questa meraviglia.... come mi piace il gusto dell'che passa attraverso le ricette... favoloso! Riguardo alla prevenzione come hai ragione, io purtroppo sono ad alto rischio, ho una paura blu ma cerco sempre di fare i controlli e anche come alimentazione davvero possiamo darci una mano! baci

    RispondiElimina
  23. che bell'idea...e mi piace molto anche la presentazione monoporzione! ;)

    RispondiElimina
  24. Grazie per aver portato l'attenzione su un tema così delicato, la prevenzione è importantissima!Adoro il cavolfiore e queste cocotte sono invitanti e gustosissime!Smack

    RispondiElimina
  25. Sono perfettamente d'accordo e credo fermamente che si possa mangiare sano e con gusto allo stesso tempo...l'importante è non avere pregiudizi, neanche sull'abbinamento!
    ciao loredana

    RispondiElimina
  26. Devo essere in un'età in cui i gusti cambiano, perché mi rendo conto che ho gusti notevolmente diversi dal passato. Detto questo, il cavolfiore non mi è mai piaciuto e ora a guardare il tuo gratin mi sono chiesta "e se ora mi piacesse?". Avrò il coraggio di sacrificare un po' di cavolfiore per la causa? Vedremo :-)

    RispondiElimina
  27. Ciao, hai ragione è ora di pensare anche ai problemi seri, e quale mezzo di diffusione migliore di un blog!
    Buonissimo questo cavolfiore: è una verdura che prepariamo speso in questa stagione. L'abbinamento con le acciughe lo abbiamo provato spesso, particolare invece l'aggiunta delle mele.
    Da provare!
    baci baci
    manuela e silvia
    Spizzichi & Bocconi

    RispondiElimina
  28. Mi trovi d'accordo su tutta la linea Milena, prevenire è davvero meglio che curare. Hai fatto benissimo a sottolineare che il consumo di crucifere è un importante alleato nella prevenzione e questo gratin sono certa che farebbe gola a chiunque, anche a chi di norma non le apprezza. Io ne vado matta quindi mi annoto l'idea :)

    RispondiElimina
  29. ho detto che l'avrei fatto stasera e l'ho fatto davvero :)
    L'abbinamento cavolfiore + mela è perfetto. Io a dirla tutta ho usato il broccolo romanesco perché il gruppo d'acquisto mi ha portato quello e quello bisognava far fuori... però credo sia venuto altrettanto buono!
    Poi con le noci sopra era veramente divino...
    Grazie della ricetta, è stata un successo!!!

    RispondiElimina
  30. ho giusto avanzato del cavolfiori ieri sera, le alici in casa mia non mancano mai....vado a comperare le noci :-)
    Cris
    Poverimabelliebuoni

    RispondiElimina
  31. Una meraviglia, semplicemente. :*

    RispondiElimina
  32. Devo proprio provare a cucinare questa delizia......

    RispondiElimina
  33. @tutti: prevenire è un atto d'amore verso se stessi, ad ottobre si parla della prevenzione del tumore al seno, ma in realtà si dovrebbe parlare di prevenzione a tutto campo e per tutto l'anno!!!!
    In quest'ottica una sana alimentazione è un prezioso alleato!

    @Gambetto: hai detto bene: "è una spada di Damocle che penzola sempre sulle nostre teste".
    Mi paicerebbe davvero che si desse un senso a queste parole che senza, si riducono ad uno sterile slogan ....

    @Marina: hai perfettamente ragione: "è importante, se è possibile meglio scegliere verdure biologiche o prodotte da contadini di fiducia"

    @Luisa: certo che sì!

    @Aiuolik: su un piccolo sacrificio e ti ricrederai!

    @Monica - Un biscotto al giorno: ora mi hai incuriosita: proverò anch'io con il broccolo romanesco e sono certa che sia venuto altrettanto buono!
    Grazie per essere passata dirmelo :D

    Cris, Poverimabelliebuoni: anch'io lo preparo spesso con il cavolfiore avanzato :D

    RispondiElimina
  34. Congratulazioni per il tuo sito meraviglioso! Congratulazioni e buona fortuna!

    voyante

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO