2 marzo 2011

Frittata di pane piccante

Nelle giornate plumbee come queste ultime, quando la pioggia alleandosi con il vento sferzava impietosa, da bimba ero autorizzata a restare a casa al calduccio ed in relax ed era bello ascoltare i racconti di mia madre e del suo passato che ricostruito con la mia fantasia, acquistava tonalità fantastiche.
A conclusione immancabilmente, ci preparava per pranzo una frittata di patate o di pane (per noi bimbi non piccante), così come un tempo, la sua mamma la preparava a lei ....

Frittata di pane piccante

un piatto povero, ma buonissimo che non preparavo più da tempo perché ultimante cerco di ridurre le fritture (per quanto le ami!) e, ricordandomene ho pensato di “rimaneggiare” la ricetta, optando per la cottura in forno e porzionando la frittata a cubetti per uno sfizioso finger food.
Certo non la si potrà più definire "frittata", ma è sicuramente degna di nota, per le punte piccanti che ammaliano, per quel certo non so che regalato dalla presenza discreta della cipolla e per la texture "soffice" che la rende interessante anche da fredda.


Frittata di pane piccante

Ingredienti (x 1 pirofila cm 15x15)

5 uova codice 0
100 g pane di qualche giorno
1 manciata formaggio grattugiato
2 cucchiai latte
1 bella fetta di cipolla
pepe rosso piccante (o paprika)
olio evo

[Per ovvie ragioni le dosi la ricetta originale non ha dosi precise, ma io le ho codificate, perché se la si vuole proporre in versione finger fond, deve risultare sufficientemente alta]

Preparazione. Tagliare la cipolla grossolanamente e farla appassire in una padella con un filo d’olio, quindi tostarvi il pane privato della crosta e tagliato a dadini regolari e cosparso di pepe.
Rivestire un una pirofila rettangolare (perché non si abbiano scarti al momento del taglio, ma se si preferisce servirla come secondo, può andar bene una pirofila tonda) con della carta forno (che permetterà di estrarre la frittata integra) e trasferirvi il pane.
Sgusciare le uova e sbatterle con una frusta, unendo il formaggio, il sale ed il latte e versare nella pirofila (inizialmente avevo usato 4 uova, ma una volta versate sulle uova, i cubetti di pane, restavano scoperti e così ne ho aggiunto un altro, ma si potrebbe anche evitare in quanto in cottura le uova “gonfiano” ed inglobano il pane ) ed infornare a 200° per circa 30’ (o friggere!).
Sfornare dopo essersi accertati con uno stecchino che l’interno sia cotto e servire a cubetti, cospargendo con altro pepe rosso.

Ricette correlate
Frittata destrutturata di zucca lunga
Tagliatelle di frittata e verdure

-------

57 commenti:

  1. Adoro questo modo di fare cucina, profuma di casa, di gesti visti&rivisti decine di volte che rassicurano e portano sempre sorrisi.
    La frittata per me è sinonimo di sorriso :)
    Grazie come sempre per questa incursione meno sosfisticata sul piano tecnico ma molto di spessore per il buonumore quotidiano! :))

    RispondiElimina
  2. Sai che sembra quasi un soufflè?! Perfetta, salutare e saporita al punto giusto! E che belle le ricette tradizionali di famiglia...Chissà perchè però alla nostre mamme e nonne a occhio veniva tutto perfetto?!
    Un bacione e buona giornata!

    RispondiElimina
  3. Da piccola la frittata di patate era una festa. Mai fatta di pane ma quella nota piccantina mi stuzzica non poco insieme alla cipolla

    RispondiElimina
  4. *La cucina del recupero* mi affascina moltissimo: questa ricetta voglio davvero provarla :)
    Buona giornata,

    wenny

    RispondiElimina
  5. Poche ma belle le tue righe per raccontare cosa nasconde questa frittata... Anche io sto "cercando" di evitare i fritti e mai come in questo periodo tra chiacchiere e frittelle varie è così difficile starne lontana...
    Questa tua ricetta la amo particolarmente perchè si avvicina tanto ai miei gusti e ai miei ricordi... A volte cerchiamo gli accostamenti più insoliti per scoprire che le cose più semplici,quei piatti che si trovano a tavola di un contadino,sono le cose più buone! Un abbraccio
    Donatella

    RispondiElimina
  6. buonissima, complimenti! bella anche da vedere nella versione finger food

    RispondiElimina
  7. Che strana questa frittata. Davvero molto originale ;)

    RispondiElimina
  8. @tutti: è un piatto semplice che ho voluto provare in versione finger food, ricordandomi di una frittata con il riso (sempre al forno) preparata in epoca pre blog come aperitivo per una festa ...
    Ero un po' dubbiosa, ma devo dire che con la cottura al forno non si snatura il sapore di "questa frittata" che conserva una morbidezza senza eguali ...

    RispondiElimina
  9. ho appena visto di là la foto per cui mi sono precipitata!sarà pure di recupero ma è molto golosa!

    RispondiElimina
  10. ciao lenny
    la cottura al forno di frittate e ouva a me piace moltissimo, la trovo pratica ed essenziale. questa tua ricettina è davvero invitante. come sempre bravissima!
    un bacino
    b

    RispondiElimina
  11. Una bella ricetta , ciao e un felice giorno

    RispondiElimina
  12. La frittata di pane!!!!
    E' troppo tempo che non la faccio

    RispondiElimina
  13. Buongiorno! E cosa vedo qui!?!?
    Mai provato a fare la frittata con il pane, ma prendo nota della ricetta che mi saembra un vero salva cena, l'idea di proporla tipo tortilla spagnola in finger food la rende anche molto fashion. Ti rubo l'idea! Bacio

    RispondiElimina
  14. Che dirti? come sempre le tue ricette sono fa-vo-lo-se. Bello essere piccine ed ascoltare le storie di mamme e nonne :)

    RispondiElimina
  15. E' un'idea deliziosa di eco cucina questa.L'ho sempre detto che "gliantichi la sapevano lunga"...;)La proverò stasera!

    RispondiElimina
  16. Sai che è da una vita e mezzo che non faccio frittate? Mi spaventa un po' la quantità di uova necessaria, non ne sono un'amante. Ma questa sorta di clafoutis di pane, condito con la piccantezza del pepe e la dolcezza dei tuoi ricordi infantili è sicuramente un ottimo modo per concludere una giornata faticosa!

    RispondiElimina
  17. mi piacciono un sacco questi piatti poveri (che poi sono i più buoni :-))))))

    RispondiElimina
  18. Eccola ricetta! Grazie Milena:))) Veramente semplice ma bella.
    Bacione

    RispondiElimina
  19. @in sintonia con poverimabelliebuoni anche se non c'è pesce! secondo me un paio di acciughine ci si potrebbero anche infilare no? ;-)
    è fantastica così comunque!!!
    Ciao
    Cris

    RispondiElimina
  20. io la faccio sempre al forno per darla a mia figlia...però il pane lo metto bagnato...devo provare anche questa versione..magari con le stesse formine che ho usato l'altra volta... grazie!

    RispondiElimina
  21. Siamo incantati, questo piatto che definire in qualsiasi modo ci sembra limitativo, è qualcosa di magnifico, non ci siamo mai cimentati con niente del genere, ma la voglia ce l'hai trasmessa con tutta la sua irruenza! E poi qui nevica da ieri e ci pare un piatto azzeccatissimo!
    Bacioni
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  22. Perfetto. si prepareranno per la festa in costume alla mia piccola scuola.
    Grazie per l'idea!

    RispondiElimina
  23. Frittata di pane?! Sai che da un pò che volevo fare qualcosa del genere, ma non trovavo una ricetta giusta?..
    Grazie!
    un bacione

    RispondiElimina
  24. Posso dire solo una cosa: SBAV! :-P

    E.

    RispondiElimina
  25. perfetta per i bimbi, ruberò l'idea per la prossima volta che avro' amichetti a pranzo!

    RispondiElimina
  26. Mi ritrovo praticamente ad ogni tua ricetta con una dicitura in più sulle ricette da provare.... questa frittata di pane potrebbe essere uno dei miei piatti preferiti! :)

    RispondiElimina
  27. Mi fai vivere tempi mai conosciuti ;-) Adoro questi ricicli gustosi, fantasiosi e in fondo pieni d'affetto

    RispondiElimina
  28. Ho una passione smisurata per le ricette che riutilizzano il pane raffermo. Proprio appena le vedo le faccio mie. Anche questa verrà provata presto. Ho appena fatto gli gnocchi di pane, mi servirebbe un bel secondo :D
    Inutile dirti che mi piace moltissimo questa ricetta e poi mi piace il fatto che non ci siano dosi precise. Per il mio modo di cucinare è perfetta!
    Un bacione

    RispondiElimina
  29. ottima ottima ottima idea!!!

    RispondiElimina
  30. Ma sai che non l'ho mai mangiata? mai vista dalle mie parti. Sembra molto sfiziosa.

    RispondiElimina
  31. Questa mi piace da matti: pane, uova e ricordi...niente di più corroborante per la mente e lo spirito.

    RispondiElimina
  32. Uh, anche io sono innamorata della panada della nonna...
    Il gusto semplice del pane, il profumo delle ricetta di famiglia che servono ad adoperarne anche l'ultime briciola rafferma... ecco: è un modo "vero" e genuino di intendere la cucina secondo me.
    P.S.
    Ma ci hai fatto un incantesimo a quel post sul fondant all'arancia, che non riesco più a dimenticarlo??

    RispondiElimina
  33. Davvero insolita questa frittata, complimenti alla tua mamma e alla tua nonna per la ricetta!

    RispondiElimina
  34. che bello! con il pane, per me è nuova ma dev'essere buonissima, e poi il piccante ci sta benissimo!

    RispondiElimina
  35. Semplice e di casa, una di quelle ricette che ricordano in effetti la mamma :) nel nostro indice ricette dovrebbero esserci molte ricette come queste. Un abbraccio

    RispondiElimina
  36. Ogni volta che passo a trovarti trovi il sistema di lasciarmi senza parole...questa frittata è una vera novità, ma sembra così gustosa...che belle le ricette della mamma, hanno sempre un sapore particoalre!

    RispondiElimina
  37. non conoscevo la frittata di pane, dev'essere veramente gustosa!

    RispondiElimina
  38. Neanche io conoscevo la frittata di pane (quella di pasta si' e la mangia per la prima volta proprio nella tua regione). Mi piace molto l'idea della cottura al forno e anche della trasformazione in cibo per un buffet.

    RispondiElimina
  39. che sfizio...frittata di pane piccante non conoscevo, devo testarlo che sono proprio curiosa! Grazie della ricetta;))
    Buonaserata,
    Nena

    RispondiElimina
  40. ...questa me la mangerei, sisisi!
    ha un aspetto stra-sfizioso....peccato però che da me il pane non avanza mai, mannaggia!

    RispondiElimina
  41. mai provata,ma sono dei bocconcini appetitosi :)

    RispondiElimina
  42. Io la prendo non piccante, come i bimbi :-)

    RispondiElimina
  43. che golositààààààà!!! ^.^ gnammm :)

    RispondiElimina
  44. Gambetto mi ha tolto le parole di bocca: cucina ingegnosa, che profuma di amore per il cibo, che va anzitutto rispettato. Ogni volta che sono costretta a buttar via qualcosa, mi viene sempre in mente mia nonna, che riciclava le briciole di pane ("il Signore è sceso da cavallo per raccoglierne una"- e ho dovuto farmi una lettura integrale del nuovo Testamento per rendermi conto che di questo episodio non c'era traccia, ma guai a dirglielo: pura blasfemìa!!).
    E penso anche a come vengono osannati oggi certi chef, che collegano la loro creatività al granello di sale del fianco sinistro dell'ultimo monte himalayano e che, al confronto delle nostre madri e nonne e dei loro ingredienti, impallidirebbero...
    Un bacione
    ale

    RispondiElimina
  45. Riesci a fare risuscitare anche il pane raffermo...e che riuscita!!!Davvero una ricetta da provare!Un baciotto tesoro!

    RispondiElimina
  46. E' la seconda frittata di pane che vedo questa settimana, un segno! Dovro' provare, magari con la paprika affumicata :-)

    ciao
    A.

    RispondiElimina
  47. Non conoscevo questa ricetta, mi ispira molto e la voglio provare presto. Ottima idea per un finger food. Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  48. le tue presentazioni cara Milena sono sempre impeccabili... stupenda anche la foto

    RispondiElimina
  49. Bellissimo post, gustosissima e semplice ricetta resa ricca e raffinata grazie alla presentazione! La fotografia parla da sè! Complimenti

    RispondiElimina
  50. @tutti: ha una consistenza spugnosa e soffice che si fa amare all'istante: un piatto che nasce come recupero, ma che poi rivela un'indole tutta sua

    @poverimabelliebuoni: un paio di acciughine? Perché no?

    @alessandra (raravis): una volta il pane aveva uan sacralità che tutte le famiglie rispettavano: anche nella mia si racconta delle polpette fatte con le sole briciole di pane raccolte sulla tovaglia ...
    D'accordissimo sulla cucina dei grandi chef che troppo spesso appunta l'attenzione su ingredienti esageratamente osannati ....

    RispondiElimina
  51. Che bella ricetta! È stupendo quando le ricette si intrecciano a dei bei ricordi

    RispondiElimina
  52. una bella idea per utilizzare il pane che abbiamo lì, da bere con un bel aperitivo

    RispondiElimina
  53. Ignoravo l'esistenza di questa preziosa e originale frittata. Visto che ho del pan vecchio da smaltire ti ti ringrazio doppiamente:)

    RispondiElimina
  54. @tutti: si prepara con pochissimi ingredienti e piace così tanto che l'ultima fetta è di solito oggetto di contesa ....

    RispondiElimina
  55. ke carina l'idea di presentarla così a cubottti!
    ogni tanto faccio anch'io le fette di pane così.. ma le fette però! la proxima volta le preparo così, diventano un simpatico antipastino! brava x l'idea!

    RispondiElimina
  56. Ed è il caso di prepararne un discreto quantitativo, perché un cubotto tira l'altro ...

    RispondiElimina
  57. SwagBucks is the number 1 get-paid-to site.

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO