17 novembre 2010

Zucca, castagne e cipolle in cocotte

Dopo una giornata di duro lavoro, la disponibilità fisica e mentale di mettersi ai fornelli per preparare una cena sana e appagante, è alquanto ridotta.
A volte, però basta poco per servire una preparazione fumante e corroborante, per giunta divertendosi: si comincia facendo man bassa in dispensa delle verdure a disposizione, le si riduce a cubi, seguendo gli abbinamenti più consoni all’umore o alle risorse momentanee, le si ricopre con della pasta (che farà da coperchio in cottura e da “pane” successivamente) e le si lascia in custodia al forno, lo stretto necessario, prima di riappropriarsene.

Zucca, castagne e cipolle in cocotte

Una ricetta vera non c’è: in questo caso, inseguendo le suggestioni di J. Maréchal (qui) ho messo insieme in cocotte, l’arancio acquoso della zucca, l’avorio farinoso delle castagne e il rosso frizzante della cipolla, insaporito con delle erbe aromatiche e richiuso con pasta matta (scelta poco ortodossa, in quanto solitamente si sceglie la pasta sfoglia, ma la trovo più rispondente allo spirito “robusto” delle verdure utilizzate).
… e se si vogliono ridurre ulteriormente i tempi, le castagne si possono sostituire con i funghi!
Il divertimento prosegue, quando le cocotte in cottura inonderanno la cucina di un profumo invitante, preludio di una cena festosa ed il culmine verrà raggiunto quando si romperà la calotta e si scopriranno le verdure nel loro gustoso liquido di cottura ….


Zucca, castagne e cipolle in cocotte

Ingredienti x 4 mini cocotte

Pasta matta
200 g farina 00
2 cucchiai olio evo
90 g acqua
sale

400 g zucca
200 g castagne
¼ cipolla rossa di Tropea
erbe aromatiche Ariosto (mix di aglio, rosmarino, salvia, ginepro, basilico, maggiorana, origano, alloro, coriandolo e prezzemolo)
sale / olio evo

Preparazione. Pasta matta qui (si può preparare anche con un giorno di anticipo).
Mondare la zucca, ridurla a cubi e trasferirla nelle cocotte, colmandole oltre l'orlo (perché in cottura si ridurranno di volume), unitamente alla cipolla affettata e alle castagne (precedentemente scaldate in padella, lo stretto necessario, perché si sbuccino). Regolare di sale, cospargere con il mix di erbe prescelto, irrorare con un giro d’olio e coprire con la pasta tirata non troppo sottile. Sigillare bene i lembi, facendoli aderire sulle cocotte e rifilarli. Praticare un piccolo foro centrale (camino) per far fuoriuscire il vapore, spennellare con del tuorlo diluito in un po’ d’acqua (facoltativo) e cuocere in forno preriscaldato a 180° per 15’ circa (se i tempi di cottura si prolungano, si rischia di indurire la crosta).

Per velocizzare i tempi, si può anche racchiudere le verdure in crosta, come in questa ricetta.

............................

47 commenti:

  1. Lenny,
    mi piace quasta zuppa al forno, e approvo in pieno la scelta di una pasta più rustica e meno grazza della pasta sfoglia!
    Ke cocottine con il colore che si confonde con il coperchio di pane sono un trompe-l-oeuil pazzesco :)

    RispondiElimina
  2. Milena che foto meravigliosa!L'idea di aprire quello scrigno gustoso e trovarci quel tesoro di verdure è molto stuzzicante...brava,bella ricetta! buona giornata, un bacione...

    RispondiElimina
  3. anche io approvo la pasta matta, mille volte meglio e poi secondo me hai ragione a dire che si associa perfettamente al rustico delle verdure.
    ho visto sul sito di martha stewart dei camini in ceramica a forma di uccellini.
    perversioni da foodblogger.

    RispondiElimina
  4. Mentre leggevo segnavo mentalmente i passaggi perchè queste piccole cocotte "matte" potrebbero essere una bella sorpresa infrasettimanale per la mia ragazza...riciclando senza pietà quello che trovo nel frigo! :P ehehheheehe
    Grazie per l'ottimo spunto...non vedo l'ora di metterle in forno :PP

    RispondiElimina
  5. Ma che meraviglia di presentazione!

    RispondiElimina
  6. Mi piace molto l'incipit: «Dopo una giornata di duro lavoro, la disponibilità fisica e mentale di mettersi ai fornelli per preparare una cena sana e appagante, è alquanto ridotta.»

    Solo che a casa mia il prosieguo sarebbe stato qualcosa del tipo "...quindi stasera, minestrone e via!" dove le verdure, per quanto fresche e preparate da me, erano state porzionate e congelate nel fine settimana, e sarebbero state sbattute in pentola a pressione senza tante cerimonie.

    A casa tua no. A casa tua si va di zucca, castagne, cipolla, pasta matta e un giro in forno. Perché, dimenticavo, a casa tua ci sono zucca e castagne in frigo, pronte ad essere trattate come "quello che avevo in frigo" (che passi per la zucca, ma le castagne...) :-)

    Grande Lenny!!!

    RispondiElimina
  7. Ciao Mile, questa cocottina in pasta matta è davvero sublime, gnammy!
    Hai proprio ragione, la sera non sempre si ha voglia di cucinare ma personalmente mi aiuta a rilassarmi, e fare man bassa di tutte le verdure che si trovano in frigo è davvero entusiasmante!
    Il tuo mix di sapori rustici e avvolgenti mi piace, ecocme se mi piace!
    Un bacione e buona giornata

    RispondiElimina
  8. Che carinaa questa ricetta!!! Complimenti

    RispondiElimina
  9. Vedi? con le cose così inventante si fà di sicuro un figurone. Queste cocotte appagano gli occhi ed il palato! bravissima :-)

    RispondiElimina
  10. Ma che idea originale! Mi piace Milena!!!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  11. Che delizia Milena!Una cocotte d'autunno eccezionale e coccolosissima!Una domanda:che dici se uso le castagne secche fatte rinvenire in acqua?DEvo cuocerle prima di metterle nella cocotte?Grazie mille e bacioni

    RispondiElimina
  12. Mi hai dato proprio una bella idea per cena!!!
    Ultimamente le tue ricette le farei tutte, prima o poi mi autoinvito a casa tua!! :)))
    Complimentissimi, un bacione!

    RispondiElimina
  13. le coccottine sono strepitose ma strabiliante è stato il tuo post.. l’elenco degli ingredienti e dei loro colori con tanto di aggettivi azzeccatissimi mi ha colpito tantissimo!!

    RispondiElimina
  14. Queste cocottine sono deliziosamente invitanti!!! L'idea di chiuderle con la pasta matta poi è davvero molto scenografica ed elegante. Fortuna che non sapevi cosa fare per cena...
    Mi piace tanto l'idea che penso che la farò come antipasto per Natale.

    RispondiElimina
  15. Credo di adorare letteralmente l'idea del coperchietto di pasta matta, secondo me molto più indicata della sfoglia, che a me, l'unica volta che ho provato a fare qualcosa di simile, si è inzuppata! Il contenuto nascosto nello scrigno, poi, non delude di certo!

    RispondiElimina
  16. Un ottimo piatto per ricordarci che siamo in autunno :)

    RispondiElimina
  17. Ma le tue cocotte sono fantastiche! Anche io in questo periodo sono tutta castagne/zucca/porri addicted! Se hai ricette con le nocciole ti va di partecipare al mio primo contest? Passa a trovarmi ;-)

    RispondiElimina
  18. le coccottine sono favolose!!!

    RispondiElimina
  19. simpaticissima questa idea ;))

    RispondiElimina
  20. Pasta matta?!? questa sconosciuta, per me, ignorante che non sono altro... meno male ci sei tu :)
    Bella, bellissima idea: che presentazione impeccabile poi, dubito di riuscire a replicare, ma devo provare!
    Buona giornata,

    wenny

    RispondiElimina
  21. Ho mangiato qualcosa del genere una volta a vienna... originale e che figurone con la cocotte con coperchietto.
    Sei geniale come sempre

    RispondiElimina
  22. Non essendo amante nè della zucca nè della castagna sarei costretta a sostituire questi ingredienti con i funghi e un altra verdurina...magari le patate! ma queste cocottine non me le perderei per niente al mondo, anche fosse solo per la forma...fantastiche!

    RispondiElimina
  23. Bellissima ricetta e presentazione! mi ricordan le pie inglesi!!! :) sei sempre bravissima!

    RispondiElimina
  24. Ciao Milena. Amo tutti gli ingredienti di questa zuppa. Dopo una fredda e grigia giornata di lavoro, sai come far tornare il mio buon umore !! Manu

    RispondiElimina
  25. @tutti: in sostanza si tratta di mini pie da personalizzare ...
    Inoltre si può sfruttare l'idea anche senza coccotte, con un cartoccio di pasta matta o, in alternativa, si possono preparare le cocottes con le sole verdure e poi servire con dei crostoni di pane ...

    @enza: ... le innumerevoli perversioni da foodblogger!!!!

    @Gambetto: dopo averle assaggiate ti accorgerai di avere sbagliato: il momento più bello è quando escono dal forno!

    @Mapi: a casa mia per le cene d'emergenza d'estate si opta per le freselle con il pomodoro e d'inverno per i cari e buonissimi toast, ma qualche volta si dà spazio alle coccottes con verdure ...
    Quanto all'improvvisazione (o quasi), mi spiego meglio: la zucca e la cipolla in coccotte ci vanno crude, mentre le castagne richiedono un minimo d'impegno e, volendo si possono sostituire con i funghi, mentre la pasta matta si può preparare il giorno prima e conservare in forno!!!
    A casa mia d'estate non mancano mai le zucchine e d'inverno la zucca: quest'ultima la compriamo intera e una parte finisce in frigo (e poi in pentola), l'altra nel freezer ...

    @Saretta: penso che le castagne secche (fatte rinvenire) vadano bene. Forse devi farle cuocere un po' ...

    @stella: grazie per l'invito ...

    RispondiElimina
  26. che meraviglia! non sembra di sicuro una cena improvvisata. Che classe!!! :-D

    RispondiElimina
  27. Zucca e castagne: un'accoppiata veramente da provare. Le cocottine sono adorabili!

    RispondiElimina
  28. Un piatto che potrebbe salvarmi una delle prossime sere quando non so cosa fare per cena. A parte che si presenta benissimo e poi mi sembra un modo validissimo per liberarsi di tutti quegli avanzi di verdure che non si sa più come impiegare ;)

    RispondiElimina
  29. Queste coccottine sono troppo carine, e piene di cosine gustosissime!

    RispondiElimina
  30. cara Milena :-D non ci crederai :-D ma spero di sì :-D....oggi ho fatto una zuppa di pesce in cocotte con coperchietto, ma ho usato pasta di pane...non è pazzesco???? :-D
    Se non è telepatia assoluta questa, secondo te cos'è? :-****

    RispondiElimina
  31. che Dirti... ne è uscita una meraviglia!!!!!

    RispondiElimina
  32. L'idea mi pare veramente strepitosa.... oramai le tue ricette son sinonimo di garanzia per me, quindi cerchero di replicare, anche se non sara impresa facile riuscire a (ri)creare una bella e stuzzicante armonia come la tua ^_^

    Baci

    RispondiElimina
  33. Ma che bella idea Milena. Così anche l'occhio è appagato e talvolta anche questa è una coccola che è bello farsi!
    Un'idea deliziosa.....Bravissima :D
    Un bacione

    RispondiElimina
  34. @tutti: è una cena improvvisata invece, anche se l'idea non è del tutto mia: è che ho sfogliato un po' troppo il libro Menu cocotte di J. Marechal ....

    @Ago: ecco mi paicerebbe provarle con la pasta di pane ...

    RispondiElimina
  35. Una ricetta "non ricetta" meravigliosa. dal gusto sorprendente! Bacioni. Deborah

    RispondiElimina
  36. bellissima Milena, davvero una delizia ed immagino il profumo al momento di togliere il coperchietto di pasta a parte la bellezza nella presentazione sulla tavola.

    Complimenti per questa idea deliziosa!

    RispondiElimina
  37. Mi piace la ricetta che non c'è. Il risultato è uno scrigno autunnale elegante e pieno di sorprese. Sei sempre brava anche quando non hai tempo per cucinare ;-)

    RispondiElimina
  38. Non ho mai fatto una ricetta simile, anche se devo dire che sono da sempre molto tentata!! Mi piace tanto come si presenta il piatto con la crosta. Tu l hai presentata come una cosa davvero facile da eseguire, e allora ci provero'!! Magari con zucca e castagne, che sto usando moltissimo anche io in questi giorni, brava Milena!!

    RispondiElimina
  39. Ciao....Quest'anno ho organizzato lo swap natalizio....spero vorrai partecipare anche tu:-) ti aspetto nel mio blog dove è tutto spiegato come avverrà:-) un bacio
    Annamaria

    RispondiElimina
  40. Strepitose questa cocottine, una zuppa innnovativa, ricca di sapore. Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  41. capito solo oggi sul tuo meraviglioso blog e scopro piatti innovativi, invitanti e bellissime fotografie. Bellissimo blog, mi piace da impazzire, ti visiterò spessissimo.

    Eleonora

    RispondiElimina
  42. bellissima e il buon profumo attraversa il mio monitor!

    RispondiElimina
  43. Una presentazione tres chic ;) adoro le cocottine!
    Buona Domenica
    Sonia

    RispondiElimina
  44. @tutti: è una ricetta che con poco sforzo, permette di far bella figura e appaga il palato :D

    @Eleonora Colagrosso: grazie e benvenuta :D

    RispondiElimina
  45. quest'ideuzza della cottura in cocotte con coperkio di phillo ,mi piace! somiglia a sa panada!

    RispondiElimina
  46. Non è phillo: è pasta matta, una pasta con olio evo, non lievitata ...

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO