20 maggio 2009

Sformato di amaranto ai porri

In forma o senza forma: è il dilemma dei nostri tempi in una società dell’apparire che richiede una cura attenta e meticolosa dell’aspetto, in un estetismo molto spesso vacuo, portato all’inverosimile.
Essere in forma è l’imperativo che orienta comportamenti e scelte (anche di vita), un delirio che miete vittime consapevoli e non, sfinite in una ricerca continua di una presunta perfezione …. e a farne le spese, anche l’ignaro amaranto, in forma, suo malgrado, per piacere.

Sformato di amaranto ai porri



Sformato di amaranto ai porri
Ingredienti x 6
250 g amaranto in grani (commercio equo e solidale)
500 ml brodo vegetale
cipolla
salvia
olio evo
sale
noce moscata
1 porro (ricetta d'aprile, ma il porro può essere sostituito da altra verdura)
formaggio

Preparazione. Lavare bene l’amaranto e farlo cuocere nel brodo, unitamente alla salvia, a fuoco basso per almeno 20’. Scolarlo, eliminando al salvia e aromatizzarlo con un po’ di noce moscata e un’ombra di cipolla, tagliata finemente e precedentemente rosolata in un filo d’olio e salvia.
Nel frattempo, tagliare minutamente a coltello ½ porro (preferendo la parte bianca e tenera), regolare di sale e farlo andare con un filo d’olio.
Disporre in una teglia (precedentemente imburrata se non è di silicone) uno strato di amaranto, uno di porri, spolverare con il formaggio e ultimare con l’amaranto. Infornare a 200° circa per 20’ e servire su una stuoia di porri.
Stuoia di porro. Utilizzare le foglie esterne del porro che hanno la giusta grandezza e robustezza, lessarle al dente, raffreddarle e asciugarle bene. Tagliarne a striscioline di 1 cm ciascuno e disporle parallelamente su un foglio di carta forno (o direttamente sul piatto). Intrecciare altre striscioline facendole passare sopra e sotto le prime, tagliando la parte in eccesso. [La stuoia nasce da un’idea di G. Vissani tratta da L’enciclopedia della cucina de La biblioteca di Repubblica]

Sformato di amaranto ai porri - fetta

Altre ricette con l'amaranto

Gnocchi di amaranto alla salvia



Altre ricette con i porri

Timballino di riso ai porri

Bolle di baccalà in intreccio


------------

Ringrazio di cuore tania-dulcis in furno per il premio Hard Working Food Blogger

36 commenti:

  1. Insolito ingrediente, come del resto è nel tuo stile

    RispondiElimina
  2. Che bella ricetta!
    L'amaranto mi piace tanto, ma avevo solo quelle due tre ricette che riciclavo sempre...
    Questa la provo presto, sembra leggera e mi fa proprio voglia ora che il tempo è bello (dire fa caldo qui a Goettingen mi sembra un po' troppo;)

    RispondiElimina
  3. Non l'ho mai provato questo amaranto, non ho idea di che sapore abbia, ma mi incuriosisce tantissimo perchè l'ho visto tempo fa sul blog dei Calicanti e ho una ricetta nella mia cartellina dei preferiti che vorrei provare da tempo... e questa tua si aggiunge alla cartella e aumenta la mia curiosità.
    Perchè dici che l'amaranto fa le spese della società dell'apparire?
    Un bacione,
    m.

    RispondiElimina
  4. @cocò: è un ingredeinte dalle mille virtù nutrizionali

    @konstantina: è una ricetta che si presta ad accogliere ogni tipo di verdure

    @mariù: ho giocato un pò con le parole, per giustificare la decisione di prepararlo " in forma"

    RispondiElimina
  5. L'amaranto... non so che gusto abbia e vorrei saperlo prima di comprarlo, perché ultimamente ho comprato degli asparagi, ho scoperto selvatici, e quindi amarassimi, e io non lo sapevo! Per quanto riguarda l'apparire... certo tu ne hai messo di impegno! Ma visto che non possiamo avere la sostanza, diventa indispensabile "l'apparenza"!

    RispondiElimina
  6. decisamente in forma anche il tuo blog! molto gustoso, l'amaranto si sposa benissimo con il porro. io però uso tutto, anche le foglie verdi, elimino solo le parti durette!

    RispondiElimina
  7. @fantasie: certo è inutile stare a discutere sui gusti, ma proprio non riesco a trattenermi: l'amaro degli asparagi selvatici è una loro particolarità, tanto che chi è abituato a questi, trova quasi "insapori" quelli coltivati ...
    Difficile descrivere un sapore che poi all'assaggio può dare delle diverse sensazioni: posso solo dirti che l'amaranto è di una neutralità simile per certi versi alla polenta, ma al palato sono distinguibili i chicci ... è da provare ....

    @giò: anch'io utilizzo i porri per intero, ma per questa preparazione ho selezionato le parti bianche per lo strato interno dello sformato e le verdi per decorare

    RispondiElimina
  8. Appena vista la foto mi è sembrata una corona dolce e poi...sorpresa!

    Riesci ad essere sempre nuova ed a stupire: grande!

    RispondiElimina
  9. Dovrò decidermi a provare anch'io l'amaranto.
    Sono troppo curiosa

    RispondiElimina
  10. Il "povero amaranto" si è trovato in forma non solo per piacere, ma anche per piacersi! Sono sicura ch avrebbe apprezzato molto questa performance!
    Non ho mai assaggiato l'amaranto, ma qualcosa mi dice che è simile al grano e al cous-cous...
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  11. uh che cosa strana... di sicuro mi incuriosisce... la foto è molto bella :)
    A presto!

    RispondiElimina
  12. Tutto questo è del tutto nuovo per me, non so neanche che sapore possa avere questa ricetta...studiero' il tutto, grazie per la novita', ciao sally

    RispondiElimina
  13. La cosa che mi affascina di piu' e' il colore di questo sformato.

    RispondiElimina
  14. sissi!!! buono buono dev'essere!!! Naturalmente anche bello!!
    Anche il post precedente mi sfizia non poco!!! grazie!! a presto!

    RispondiElimina
  15. Sempre oiginale nelle tue creazioni! Anche questa è invogliante:)

    RispondiElimina
  16. non ho mai sentito e provato l'amaranto! molto originale! complimenti!

    RispondiElimina
  17. E' da un po' che leggo di questo amaranto, ma non ho mai avuto la fortuna di assaggiarlo... Molto originale questa tua proposta sia per la ricetta in sé che per il gioco di parole che hai utilizzato per presentarla! :)

    RispondiElimina
  18. Mi lasci sempre senza parole per la particolarità degli ingredienti delle tue ricette, inutile dire che mi piacerebbe tanto provarlo! Complimenti!

    RispondiElimina
  19. io delle tue ricette assaggerei prorpio tutto!anzi...mangerei!
    ma le mangerei lentamente,sono cosi' belle!me le gusterei piano piano,come si fa con dei piccoli capolavori.

    RispondiElimina
  20. Ciao Lenny!
    Non ho mai assaggiato l'amaranto e come sempre quando leggo qualcosa di nuovo vado subito ad informarmi e a cercare di saperne di più, per questo adoro quando scopro nuove chicche e ringrazio sempre che mi da l'apportunità di farne conoscenza.
    Questo formato ha un aspetto divino e come al solito le tue foto sono eccezionali.
    Complimenti

    RispondiElimina
  21. L'ho comprato giusto la scorsa settimana.Mi dai un ottimo suggerimento per utilizzarlo!
    Grazie e bacioni

    RispondiElimina
  22. davvero particolare questo sformato, grazie per la ricetta!

    RispondiElimina
  23. Io invece penso proprio che l'amaranto sia stato contentissimo di prestarsi a questa scenografia superba!

    RispondiElimina
  24. Molto intrigante, mai assaggiato e mi incuriosisce tantissimo! Il tuo piatto con queste foto sembra 'setoso'... :-)

    RispondiElimina
  25. Non l'ho mai assaggiato ma questo sformato è davvero invitante!
    Un bacione
    fra

    RispondiElimina
  26. Oddio, sorry!
    Devi sapere che io sono di quelle che quando racconti loro una barzelletta ridono un attimo, poi ti guardano con faccia perplessa e ti dicono: "Non l'ho capita".
    Un bacione,
    m.

    RispondiElimina
  27. Questo è un ingrediente per me nuovo,ma l'aspetto mi piace e poi il gioco di parole "lo sformato che si mette in forma". Ciao

    RispondiElimina
  28. Lo sformato sembra quasi etereo, ma l'intreccio (che non ho ancora provato) è sempre una meraviglia!

    RispondiElimina
  29. ma sei bravissima!!! sai che io non so nemmeno cos'è l'amaranto? penso di non averlo mai assaggiato un bacio

    RispondiElimina
  30. Mi piacciono molto le ricette alternative, che utilizzano ingredienti non consueti.. ;))
    Brava Lenny, davvero particolare.
    Buon week end
    :-**
    P.s. contest chiuso, siete tutti in gara!

    RispondiElimina
  31. Amaranto questo sconosciuto :-) Da queste parti si trovano sempre ricette, ingredienti e realizzazioni molto particolari, e brava Lenny!

    RispondiElimina
  32. Ma che particolare questo sformato! forse perchè non conoscendo l'amaranto, fatichiamo ad immaginarne il sapore...
    proprio bella la forma però!
    bacioni

    RispondiElimina
  33. Ma dove li trovi questi ingredienti? IO posso solo ammirare e immaginare il sapore...

    RispondiElimina
  34. Lennny, questo post è una meraviglia dall'inizio alla fine....ho visto anche l'amaranto oggi al Naturasi, ma mi sono riproposta di finire prima uno dei cereali che hho a casa, che compro per poi usarne 100 g e lasciarli lì....

    La stuoia eè bellissima, non è facile "giocare" con le strisce di porro, complimenti davvero per la maestria!!

    RispondiElimina
  35. Il tuo blog trasmette molto calore, molta della bellezza in una sola parola di vita. Invia buoni pensieri a voi!
    http://translate.google.com/translate?js=n&prev=_t&hl=ro&ie=UTF-8&u=www.geaninacodita.blogspot.com&sl=ro&tl=it&history_state0=

    RispondiElimina
  36. @Virò: per questo sforamto avevo pensato anche alle versioni monoporzioni, sicuramente più sfiziose, ma lo stampos standard è indubbiamente più pratico

    @Lydia: è stata la curisosità è la molla che mi ha spinto a provarlo

    @Rossa di Sera: Non ti inganni riguardo alla similitudine dell'amaranto al grano e al cous-cous...

    @Chiara.u: grazie cara

    @sally: è poco conosciuto, ma è importante dal punto di vista nutrizionale

    @Simona: è il suo colore naturale, mentre il verde del potrro ha assunto in foto un riflesso troppo squillante

    @il ramaiolo: da provare

    @Elga: grazie cara

    @katty: è un alimento che dovremmo consumare con maggiore frequenza

    @Camomilla: in realtà si tratta di una ricetta che ho copiato dal pacchetto ....

    @Tania: lasciati tentare ....

    @chiara: grazie: non ho parole ...

    @Elisakitty's Kitchen: la curiosità ci spinge sempre ad arricchire le nostre conoscenze

    @Saretta: attendo la tua opinione ..

    @Betty: grazie a te

    @Onde99: figlio dei tempi? Anche lui pecca di vanità?

    @dada: grazie

    @Fra: e naturalemnte nella scelta dell averdura con cui farcirlo, entra in gioco il gusto personale

    @Mariù: scusami tu, non sono stata molto chiara

    @Solema: ti consiglio vivamente di provarlo

    @twostella il giardino dei ciliegi: in realtà è sempicissimo da realizzare

    @carmen: non ti resta che provarlo

    @Sandra: grazie cara

    @Aiuolik: è l a seconda ricetta che sperimento e, prima che termini ho un’altra idea da attuare

    @manu e silvia: il sapore è amabile e sono certa che vi piacerebbe

    @Dolcienonsolo: l'ho acquistato in un punto vendita Altro Mercato

    @Ciboulette: in realtà la stuoia di porri è più semplice di quanto possa apparire ..

    @Geanina Codita: ti ringrazio tanto per ciò che dici

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO