18 aprile 2009

Calamarata alla crema di carote, miele e cardamomo

Basta poco per trasformare una personalità dolce, placida e pacata in una personalità briosa, attraente e carismatica: a volte può essere anche una spezia a fare la differenza, per esempio il cardamomo dalle spire invisibili, ma profumate, emanate dalle magiche capsule e dalle volute inebrianti che si sprigionano irrimediabilmente all’aperture delle stesse.

Un profumo spirituale si leva nello spazio olfattivo e dispone l’animo ad un incontro importante: rustici cerchi trafilati al bronzo e spirali aromatiche di crema radiosa, intrecciano una danza d’aromi e sapori unici e indissolubili.


Calamarata alla crema di carote, miele e cardamomo



Calamarata alla crema di carote, miele e cardamomo

Ingredienti x 2
200 g calamarata Rustichella d’Abruzzo
2 carote
2 tazze brodo vegetale
3 capsule di cardamomo (commercio equo e solidale)
1 cucchiaino miele millefiori
2 cucchiai di panna fresca
cipolla
sale
pistacchi

Preparazione. Affettare la cipolla, pelare e tagliare a tocchetti le carote e farle bollire nel brodo, insieme ai semi di cardamomo fino a che saranno morbide (15-20’). Aggiustare di sale, frullare e aggiungere la panna ed il miele, rimestando bene su fuoco medio.
Cuocere la pasta in acqua salata e scolarla. Aggiungere nella crema di carote qualche cucchiaio dell’acqua di cottura della pasta e saltarvi la pasta.
Servire guarnendo con i pistacchi.

-----

---------
Questa ricetta partecipa alla raccolta "AAA...ricette col cardamomo cercasi..." di A spasso con solidea


---------

News - Il dizionario dei mieli nomadi
Tutti i segreti sul mondo delle api in un dizionario che è una dichiarazione d'amore per gli insetti del miele
"L'ape non si poggia mai a terra, ma solo sui calici dei fiori e nell'alveare"; e l'apicoltore, depositario di conoscenze antiche, vive "lontano dalle città, d'inverno è stanziale, ma con l'arrivo della bella stagione diventa nomade".
Tanti altri aneddoti e segreti sulla socialità delle api in un libro come viaggio in progress perché non è in sé concluso. Si tratta infatti di un dizionario aperto, una sorta di Wikipedia cartaceo al quale ciascuno potrà dare il suo contributo: l'idea è di arricchire la prossima edizione con nuove voci suggerite dai lettori e inviate via e-mail.
(leggi l’articolo di E. Cozzella)
Un piccolo grande universo, quello delle api, da scoprire e rispettare

20 commenti:

  1. La crema di carote è veramente invitante, un'idea da tenere in considerazione anche per la pasta dei piccoli di casa! Bellissimo primo piatto

    RispondiElimina
  2. molto gustoso e scenografico!!
    ciao ciao

    RispondiElimina
  3. Delicata e buona!!!
    Felice domenica;-)

    RispondiElimina
  4. Molto raffinato questo piatto, come sempre, vorremmo aggiungere! Deve essere estremamente delicato, dato l'accostamento dei sapori. Il cardamono è una spezia che abbiamo in casa, ma che non siamo ancora riusciti ad usare. Ci sembra però perfetta in questa crema. La nota che chiude a meraviglia un cerchio dalle linee morbide e sinuose.
    Un abbraccio da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  5. Carote e cardamomo sono una buona coppia. E mi piace l'aggiunta dei pistacchi. Buon weekend!

    RispondiElimina
  6. @elga: è una crema che piace a grandi e piccini e che può essere aromatizzata seguendo i gusti personali

    @il ramaiolo: la dolcezza delle carote e l'aroma di cardamomo e pistacchi rendono questo primo indimenticabile. Ciao

    @cannelle: è inoltre un condimento light e gustoso
    Buona domenica anche a te

    @luca e sabrina: ho utilizzato il cardamomo per la prima volta e mi ha conquistata. E' una spezia che ha della magia, capaced di impreziosire ogni piatto

    RispondiElimina
  7. @simona: carote, cardamomo e miele sono per me una combinazione nuova che ho trovato molto interessante, mentre il tocco dei pistacchi è frutto di una mania che riesco a frenare a stento: li userei per ogni preparazione.
    Buon We anche a te, carissima

    RispondiElimina
  8. Se ho ancora la pasta la voglio provare, i colori sono bellissimi e l'accostamento sicuramente particolare!

    Ciaooo,
    Aiuolik

    RispondiElimina
  9. Un soffio orientale...molto intrigante e bello.Anche a me piace particolarmente il miele in cucina

    RispondiElimina
  10. Che strano condimento!! Io ho un pacco di calamarata da fare..ma li farò nel modo tipico ( coi calamari )...però qst condimento è interessante :-D ..mi sa che ruberò!!

    RispondiElimina
  11. Interessante proposta. A Trento li esegivo a chenelle. Bell'idea

    RispondiElimina
  12. Davvero invitante questo piatto..Buona domenica!

    RispondiElimina
  13. Che belllo questo piatto!! La calamarata l'abbiamo fin'ora vista solo in versione mediterranea, ma questa con carote, miele e cardamomo è tutta particolare!
    Proprio il cardamomo è una spezia che ancora ci manca da provare...ma rimedieremo presto ;)
    baci baci

    RispondiElimina
  14. So che non è facile spiegarlo a parole ma che gusto ha il cardamomo? E' una spezia che non ho mai provato ma l'accostamento a gusti dolci che hai proposto mi incuriosisce...

    RispondiElimina
  15. @ aiuolik: è un primo vitaminico e aromatico, dai colori solari e dal profumo inebriante. Se lo provi, fammi sapere

    @dada: ho imparato ad apprezzare le proprietà naturali e nutritive del miele da due anni a questa parte e mi piacciono molto le sfumature che riesce a dare ai piatti che aromatizza

    @valina: mi sono incuriosita anch’io leggendo di questa crema, nella quale l’olio evo (ingrediente onnipresente della nostra cucina) è assente, ma l’assaggio è stato sorprendentemente piacevole

    @gianMaria LeMura: molto interessante il formato quenelle …

    @nightfairy: buona domenica

    @ manu e silvia: vi assicuro che la calamarata è un formato di pasta che si sposa bene con qualsiasi condimento, non disdegnando gli influssi orientaleggianti

    @ virò: riesco solo a dire che è una spezia-profumo, dall’aroma forte e irresistibilmente piacevole, tipico dei profumi per il corpo che si impossessa dei sensi travolgendoli irrimediabilmente in una malia fuori dal comune. È un profumo capace di trasformare l’indole di piatti salati e dolci, è un profumo che si sprigiona anche dalle capsule aperte, destinate all’al di là dei rifiuti, ma che io ho salvato a vita eterna, racchiudendole in sacchetti deodoranti, come si fa per la lavanda.
    È una passione …

    RispondiElimina
  16. bellissimo piatto.interessante!
    anche io adoro il cardamomo...un'amica di blog mi ha consigliato di metterlo nel caffe'...nella macchinetta in mezzo alla polvere.ammetto...non ho ancora provato!pero' passo l'idea!

    RispondiElimina
  17. un applauso alle sorelle!!! che ne dici lenny? hai visto la coincidenza dei nostri post? tutte e due abbiamo fatto le ultime ricette con le nostre care sorelline. non potremmo proprio farne senza!!!
    molto interessante l'uso di questo ingrediente, so che chi pratica la dieta zona lo usa abitualmente ma...non è proprio il mio caso!!! ciao

    RispondiElimina
  18. @chiara: sarebbe un’esplosione di aromi di grande intensità …

    @natalia: sono indispensabile al nostro vivere bene ...

    RispondiElimina
  19. Un sublime matrimonio di contrasti dove la dolcezza della carota incontra la forza e l'intensità del cardamomo. Un matimonio che le tue parole e le tue immagini hanno raccontato splendidamente

    RispondiElimina
  20. @alessia: un matrimonio d'amore che è espressione di armonia

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO