8 gennaio 2009

Tagliatelle alla liquirizia farcite con persico in salsa alle clementine

Colori, forme e odori: sono ciò che i sensi percepiscono e registrano, ricevendo emozioni, ma anche ciò che i cuccioli d’uomo imparano presto, nel loro percorso di conoscenza del mondo.
Anche una pietanza può farsi scoprire, valutare ed apprezzare per colori, forme e odori, come queste Tagliatelle farcite, dal colore d’impatto (color tabacco), dalla forma geometrica, ma al tempo stesso tondeggiante e dall’odore/aroma deciso (liquirizia) ma ben equilibrato dalla dolcezza del pesce che cela al suo interno e dalla salvia e clementine della salsa che lo avvolge di aromi.
Un primo insolito e sorprendente, un’esperienza di gusto, direi, importante.

Tagliatelle alla liquirizia farcite con persico, in salsa alle clementine e salvia


Tagliatelle alla liquirizia farcite con persico in salsa alle clementine

Ingredienti x 4

Pasta
300 g semola grano duro
200 ml acqua
3 (o 2) cucchiaini di tocchetti di liquirizia pura Amarelli (ho usato il formato "spezzatine")
Sale

Farcia
200 g pesce persico
80 g patate
Scalogno
Spumante (o vino bianco)
Sale
olio evo

Salsa alle clemntine
2 clementine
scalogno
sale
4 cucchiai d’olio evo

Preparazione farcia. Tagliare a bocconcini il pesce, rosolarlo con un filo d'olio e lo scalogno. Bagnare con lo spumante e fare evaporare. A parte lessare le patate, scolarle, schiacciarle, unirle al pesce e frullare, regolando di sale e pepe.

Tagliatelle alla liquirizia farcite con persicoTagliatelle farcite. Far sciogliere la liquirizia (se si utilizza un diverso tipo o formato di liquirizia,stabilirne il dosaggio in forza del colore che assumerà l’acqua: un nero intenso come il caffè moka) in un pentolino con l’acqua. Versare la farina in una ciotola (per evitare che la liquirizia possa annerire la spianatoia) e impastarla con l’acqua alla liquirizia. Trasferire la massa sulla spianatoia e lavorarla fino a che diventa liscia e soda. Quindi tirare la sfoglia con il matterello.
Con l'aiuto di una sac à poche, tracciare su metà sfoglia delle “righe” di farcia, spennellare da un lato e dall’altro con dell’acqua, ricoprire con la metà della rimanente sfoglia, esercitare una leggera pressione per eliminare eventuali bolle d’aria e tagliare i lati delle tagliatelle ((15x2 cm)) con una rotella dentellata che servirà anche a sigillarle. Lasciare asciugare.
[Tecnica farcitura tagliatelle presentata a Gusto Rubrica Tg5]

Salsa alle clementine. Lavare le clementine, grattugiare la scorza e spremere l’altra. Fare rosolare lo scalogno tritato in un tegame con l’olio, unire la scorza grattugiata, il succo delle clementine, la salvia e lasciare insaporire per qualche minuto.
Cuocere le tagliatelle in una capace pentola (per evitare che si possano incurvare o rompere) con acqua bollente salata. Scolarle, versarle nel tegame con la salsa, saltarle delicatamente (facendo attenzione a non frantumarle) e servire.
Tagliatelle alla liquirizia farcite con persico, in salsa alle clementine
Viste in tv e riprodotte sull’onda del ricordo: per un migliore impatto visivo, forse dovrebbero essere più sottili.




Ricette correlate
Altra Pasta farcita con pesce Ravioli di branzino in salsa allo zafferano
Altra Pasta aromatica e fredda Cavatelli freddi di vite
Altra Pasta colorata: Maccheroncini colorati
Altra Pasta colorata: Farfalle al cacao
Altra Pasta colorata: Tagliatelle innevate


---------

Due premi, da due fiori
Un grazie particolare ad isabel di fior di farina e gisella di fior di sale, per avermi assegnato entrambe il Premio Kreativ Blogger.

24 commenti:

  1. wow è una ricetta particolarissima dai mille profumi...bravissima,baci imma

    RispondiElimina
  2. Dal formato, al ripieno, al sugo ... uno spettacolo di ricetta! Laboratorio delle idee :-) baci

    RispondiElimina
  3. Lenny, anche questa volta ci hai stupito. Sai giocare con le forme come pochi! Queste tagliatelle a mo di ravioli lunghi è una magnifica idea. Possiamo una domanda? Ma il sapore della liquirizia non coprirà il sapore delicato del persico?
    In tutti casi, sei un passo avanti a tutti!
    Baci!
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  4. dolci a...gogò!!! - è una festa di profumi che inizia con la preparazione (in particolare il profumo della liquirizia liquefatta invade la cucina e aderisce alle mani, nella fase dell'impasto) e prosegue a tavola

    twostella - era dall'estate che desideravo realizzare queste idee e non ne sono riamsta delusa

    luca and sabrina - il gusto della liquirizia non prevarica sul pesce, in quanto in cottura si attenua, lasciando spazio al persico, ma soprattutto agli aromi della salsa

    RispondiElimina
  5. ecchè vuoi di più....creatività alla potenza, complimenti!!

    RispondiElimina
  6. complimenti una gran bella creazione, mettere insieme tuti questi sapori non è facile, ma ci sei riuscita benissimo

    RispondiElimina
  7. La creatività davvero non ti manca, complimenti. Dici che sarebbero più belle più sottili, ma credi che sia tecnicamente possibile con il ripieno? Io credo che avrei difficoltà anche a farle larghe :-)
    Buona giornata
    Alex

    RispondiElimina
  8. astrofiamamnte - non è creatività pura, in quanto scaturisce sempre da qualcosa di già visto e poi rielaborato, ma ti ringrazio

    gunther - sapori che stanno molto bene insieme

    cuochedell'altromondo - per renderle più sottili, si dovrebbe provare ad utilizzare una bocchetta per la sac à poche, più stretta di quella da me utilizzata.
    Ho questo dubbio e la prossima volta proverò a verificare

    RispondiElimina
  9. che ricetta particolare: sicuramente non mancano nè colori nè profumi..e le tagliatelle alla liquirizia sono davvero molto originali!
    bravissima!!
    un bacione

    RispondiElimina
  10. Lenny sei da premio!Ma come ti vengono queste idee favolose?Posso farti da cavia?!
    Bacioniiiiiiii

    RispondiElimina
  11. davvero un bel piatto!
    una sinfonia di sapori in bocca...

    RispondiElimina
  12. ma che abbinamento da gourmet! Devono essere davvero squisite queste tagliatelle... mi piaciono gli accostamenti che hai fatto! Complimenti!
    :-)

    RispondiElimina
  13. ma che piatto ricercato! Di tagliatelle ripiene, poi, non ne avevo mai sentito parlare.
    E anche gli accostamenti sono molto originali e forse anche un po' azzardati (tipo salvia e liquirizia...).

    come è nato un piatto così?

    RispondiElimina
  14. pazza!!!
    ma dove le scovi tutti queste cose?

    RispondiElimina
  15. Magnifico! Un'esperienza che mi piacerebbe vivere assolutamente:)

    RispondiElimina
  16. originale è dir poco cara lenny: davvero molto interessante!

    RispondiElimina
  17. Questa è davvero alta cucina. Piatto perfetto sia per i sapori che per la presentazione
    Un bacio
    Fra

    RispondiElimina
  18. tadadadà! eccoti un altro premio a domicilio, oltre ai miei auguri e ad un grande abbraccio

    RispondiElimina
  19. curiosissima questa pasta... mi intriga di scoprire il sapore da provare brava lenny ;)

    RispondiElimina
  20. Molto particolari queste tagliatelle, le avevo viste pure io !!! Complimenti !!! Ciao Lisa

    RispondiElimina
  21. manu e silvia - dopo aver sperimentato, con risultati soddisfacenti le farfalle al cacao ed i maccheroncini al peperoncino, ho voluto provare le tagliatelle con la liquirizia (bissandone il gradimento).

    saretta - sarei onorata di averti come degustatrice, a patto che io possa esserlo dei tuoi piatti

    chiara - è un primo che avvolge di aromi il pesce, vero protagonista

    il gatto goloso - è un primo ch eesprime un mix di sapori interessanti che ben si equilibriano

    michelangelo - l'anno scorso ho preparato le farfalle al cacao in salsa agli agrumi ed il loro sapore mi ha conquistata.
    Per assonanza ho pensato ad una pasta (colorata/aromatizzata) alla liquirizia e poichè era da tanto che volevo sperimentare le tagliatelle farcite, ho unito le due idee.

    mirtilla - sono loro che hanno scovato me: ho viste le tagliatelle farcite in tv, mentre il resto è frutto di mie elaborazioni

    elga - non ti resta che passare all'azione

    salsa di sapa - grazie, cara

    fra - mi lusinghi ...

    fior d sale - grazie, vengo da te a ritirarlo. Baci

    tatiana - non hai che un solo modo per scoprire il loro sapore: provare a realizzarle

    fayriSkull - nella stessa trasmissione? Ti ricordi il nome dello chef che le proneva?

    RispondiElimina
  22. Accostamenti insoliti, ma di certo da provare.
    Carina l'idea delle tagliatelle ripiene.

    A.

    RispondiElimina
  23. tagliatelle....ripiene? e dici pure che dovrebbero essere più sottili??? ma quanta pazienza ci è voluta per realizzarle??

    RispondiElimina
  24. alessia - anche io, quando le vidi per la priam volta, fui attratta dll'idea insolita delle tagliatelle farcite

    moscerino - ne ho preparato un piccolo quantitativo e la curiosità di verificarne la riuscita era tanta, quindi devo dire che il risultato è alquanto soddisfacente

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO