9 gennaio 2009

Mangiabbinando e intervistando

Leggere "Mangiabbinando - le ghiotte considerazioni" libro di Stefano Buso*, sarà un imperdibile nutrimento per la mente, dove in un’esplorazione gastronomica innovativa si compie un itinerario gustativo tutto da scoprire, leggere ed assaporare pagina dopo pagina, in un crescendo che stimola curiosità, palato e desideri …



Il punto di vista di un esperto e di un edonista dei sapori:

La genesi di questo scritto è maturata nel tempo o è il frutto di un’ispirazione immediata?

Bella domanda, quasi un’attraversata nella mia memoria. Nasce in maniera graduale, aggiungendo e togliendo. Rispetto alla versione del 2006 sono stati eliminati due capitoli troppo tecnici. Una sorta di incredibile capriola nell’infinito mondo enogastronomico.


Quale sensazione o odore o piatto è stato l’incipit di questo libro?

Senz’altro i fondi di cucina, i soffritti perché da poche verdure rosolate, quasi sempre nasce un piatto buono, saporito se preparato con amore. I profumi, gli odori del cibo che si catturano tra vie, piazze e calli…il cibo di strada. Ecco, probabilmente, cosa mi ha… illuminato!


Se la fantasia e la creatività è il filo conduttore di molti abbinamenti proposti, ciò vuol dire che tutti, anche i profani possono azzardare in cucina?

Lascio cadere ogni tentazione creativa affermando che, se è pur vero che in cucina sembra semplice creare, abbinare, affiancare o modificare una ricetta, ogni trasgressione o spregiudicatezza se non supportata da un minimo di buon senso cade facilmente nel banale. Inizialmente è importante esplorare…con umiltà.


La libertà assoluta in ambito gastronomico può sconfinare nell’autarchia o al contrario, può rappresentarne un suo logico divenire?

La libertà assoluta culinaria sembrerebbe particolarmente affine al pensiero gastronomico del puro godimento, del piacere in antitesi con la definizione di chiusura, di isolamento. Si dovrebbe tuttavia fare ben attenzione a concretizzare sempre e comunque un cibo buono, mangiabile. Talvolta si sceglie di andar oltre la concretezza, il vissuto, con il conforto della mera creatività. Non sempre il risultato è quello auspicato, anzi, spesso è palesemente perfettibile! È confortante sapere che ogni giorno nascono nuovi percorsi mangerecci a condizione che siano ben ancorati alla memoria…questa, potrebbe (anche) essere una non scontata e auspicabile conseguenza.


Premesso che il libro si presenta da solo nella sua “appetibilità”, perché leggere “Mangiabbinando”?

Mangiabbinando non è certo un nuovo altisonante itinerario gastronomico. È un piccolissimo libretto realizzato senza scopi commerciali, che si appella di più ad astrazioni, a sensazioni che a verità assolute culinarie. È particolarmente consigliato a chi apprezza il gusto senza prendersi troppo sul serio. È, soprattutto, un libro per curiosi, per dilettanti; per quanti amano le gustose soddisfazioni a tavola…


Grazie per le precisazioni che meglio aiutano a comprendere, solleticando la fame di sapere.



segnalibro

Titolo: Mangiabbinando - Ghiotte considerazioni
*Autore: Stefano Buso, critico enoculinario, membro A.I.G.S. (Accademia Italiana Gastronomica Storica), wineblogger, studioso di storia e tradizioni della cucina, associato ad A.S.A. (Associazione Stampa Agroalimentare Italiana).
Opera: depositata
Formato: brossura plastificata lucida
Pagine: pag. 64
Prezzo: volume gratuito (solo il costo delle spese postali del contrassegno)
Segnalibro: incluso nel volume

Per informazioni o per richiedere una copia è stato realizzato un blog - Mangiabbinando showblog - con tutte le informazioni relative all’edizione.

Buona lettura!


* * *

Nota - A lettura ultimata posso dire che si tratta di un libro scritto con la levità che è propria di chi conosce e padroneggia bene gli argomenti, rendendoli gradevolmente fruibili a chi legge.
Un approccio originale al mondo enogastronomico, l’approccio di un esperto del settore che vi si accosta con gli strumenti di una grande professionalità, ma anche con una visione fresca ed emozionale e soprattutto senza preconcetti.
Un libro originale che affronta tematiche enogastronomiche, da un punto di vista emozionale e tecnico al tempo stesso, in un racconto vivace suddiviso in sezioni solo per motivi organizzativi, ma di fatto un continuum narrativo che spazia dagli abbinamenti “pizza e cibo”, “tè e cibo”, “drink e cibo”, elargendo suggerimenti preziosi sui vini da abbinare o le temperature per degustare la birra.
Interessanti le note storiche, le ricette a tema, gli approfondimenti di tematiche quali la “Grammatica tra i fornelli” o “La cucina che non c’è”… il tutto gradevolmente inframmezzato da citazioni.
Un libro interessante e vivace, dal taglio narrativo e avvincente, dal quale apprendere gustosamente.

Un racconto-alchimia da assaporare con gusto, per essere sognatori a tavola.

12 commenti:

  1. Intervista molto interessante, e mi sono piaciute molto anche le domande, il punto di vista di chi la cucina la pratica e la pensa. Buongiorno (sto preparando il pdf sul vincotto)

    RispondiElimina
  2. un autore conociuto nel mondo enogastronomico......specie enologico, e che seguo come produttrice di vino. questo libro l'ho ordinato. lodevole aver rinunciato al profitto.... cosa che nel mondo editoriale avviene sempre piu' di rado o.... mai. complimenti per il suo sito lenny..... che non conoscevo ma trasuda di passione e interesse.
    Nadia

    RispondiElimina
  3. tra qualche iorno dovrei averlo a casa.non vedo l'ora di metteci il naso e la mente....buon we

    RispondiElimina
  4. Mi incuriosisce sempre di più!

    RispondiElimina
  5. Salve ho inserito il Link del suo blog "mi permetto anche di farle i complimenti" nel Blog e nella categoria Cucina.Mi faccia sapere quando ha inserito il nostro Cordiali saluti segnalaBlog

    RispondiElimina
  6. Molto interessante Lenny..grazie!
    Buon inizio settimana :)

    RispondiElimina
  7. dolci e non solo - quale modo migliore per parlare di un libro se non quello di farlo attraverso le parole dell'autore stesso!

    maricler - erano tante le domande che mi sarebbe paiciuto porre, ma ho dovuto fare una cernita di quelle più pertinenti.
    Sono curiosa di visionare il pdf

    nadia - benvenuta e grazie per gli apprezzamenti.
    Stefano Buso è una figura di spicco nel mondo enogastronomico che si fa apprezzare anche per la sua grande umanità, oltre che indiscussa professionalità

    mariluna - anche io spero di poterlo leggere presto e sono impaziente

    fra - è un libro originale, scrittto da un professionista che opera nel settore con grande serietà e umiltà (e non è da tutti)

    SeGnaLaBlog - grazie di tutto

    nightfairy - era da un pò che volevo parlare di questo libro interessante

    RispondiElimina
  8. Ma per averlo cosa bisogna fare? Tu come te lo sei procurata, on line? Grazie.
    Consuelo

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  11. consuelo - si può ordinare online e su http://mangiabbinando.blogspot.com/

    troverai tutte le informazioni: è un libro free, per il quale vanno corrisposte solo le spese di spedizione :)

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO