26 aprile 2012

Divin alle fragole e cioccolato bianco

Avevo annunciato con un mese di anticipo che quest’anno per il mio compleanno mi sarei concessa una piccola torta a tre piani: dopo averne ammirate tante, ne desideravo una mia, ma quando il 16 aprile è arrivato, avevo già cambiato idea

Divin alle fragole e cioccolato bianco

affascinata da un Divin ai lamponi che ho voluto replicare (indegnamente) con le fragole ……
Il nome reca in sé tutta la deliziosa bontà di questo dolce, composto da due biscuit alle mandorle che celano tre strati sottili: uno centrale di crema mousseline al cioccolato bianco, alternato ad un corposo strato di fragole ed ad un coulis di fragole anch’esso.

Infine aggiungo che non è per nulla complesso da realizzare, purché si osservino scrupolosamente tutte le indicazioni e soprattutto i tempi di riposo (e la mia foto un po’ decadente con quella crema debordante, lo dimostra!).


Divin alle fragole e cioccolato bianco
Ingredienti

Biscotto alle mandorle
5 albumi codice 0
110 g zucchero semolato
100 g mandorle polverizzate
80 g zucchero a velo vanigliato
40 g farina 00

Crema mousseline al cioccolato bianco
2 tuorli codice 0
300 ml latte intero
60 g zucchero
30 g maizena
100 g cioccolato bianco
60 g burro

300 g fragole

Coulis gelificato di fragole
150 g fragole
20 g zucchero
¼ limone
2 cucchiai acqua
1 foglio gelatina (2 g)

zucchero a velo vanigliato

Preparazione
Biscotto alle mandorle
Rivestire due teglie con fondo perfettamente piatto di carta forno e disegnare sul retro di ogni carta (per evitare che il segno della matita entri a contatto con il dolce), un cerchio di 22.5 cm di diametro (io ho seguito la circonferenza di una teglia di quella misura).
Miscelare in una ciotola le mandorle polverizzate, lo zucchero a velo e la farina.
Montare gli albumi a neve e quando sono spumosi, unire lo zucchero semolato, continuando a montare.
Incorporare delicatamente agli albumi a neve la miscela di polveri, con l’aiuto di una spatola.
Preriscaldare il forno a 170° C.
Dividere il composto in due parti uguali e trasferirlo in due sac à poche con bocchetta liscia 10 mm, formando il primo disco a spirale ed infornare per 20’.
Sfornare e procedere con il secondo biscotto (o infornare i due biscotti contemporaneamente, se si dispone di un forno grande).

Crema mousseline al cioccolato bianco
Scaldare il latte fino a farlo fremere.
Sbattere i tuorli con lo zucchero, incorporare la maizena e versarvi il latte caldo, mescolando con una frusta.
Trasferire il tutto sul fuoco e far addensare a fiamma dolce, , fino all’ebollizione, mescolando con la frusta.
Farla freddare per 10’ in modo che sia calda, ma non bollente ed incorporarvi il burro ed il cioccolato bianco (sciolto a bagnomaria).
Versare la crema in uan pirofila di ceramica e ricoprirla con pellicola per alimenti.

Coulis gelificato di fragole
Far rinvenire la gelatina in acqua fredda per 10’. Lavare ben le fragole, tamponarle con carta da cucina e frullarle con lo zucchero.
Far intiepidire in una casseruola ¼ del frullato e sciogliervi la gelatina (ben strizzata). Unire questo composto al frullato restante ed unire il succo di limone con l’acqua.
Conservare in frigo per 30’ o finché non è gelificato (la consistenza non sarà soda, ma “cremosa” per renderlo spalmabile).

Assemblaggio
Tenere da parte delle fragole per decorare il Divin.
Posizionare il primo biscotto sul piatto di portata e con un sac à poche, disporre uno strato sottile di crema mousseline a forma di spirale.
Sistemarvi le fragole a pezzetti grossolani (avendo l’accortezza di disporre sui bordi le punte delle stesse), partendo dal bordo ed andando verso il centro, premendo un po’.
Ricoprire con uno strato di crema, livellando con uan spatola, per ottenere uan superficie piana e sul bordo esterno, formare una corona di crema.
Riporre nel congelatore per 10’.
Prelevare e versarvi il coulis, in uno strato di 5/6 mm di spessore.
Riporre nel frigo perché si “assesti”.
Capovolgere il secondo biscotto, napparlo di uno strato sottile di crema (questo passaggio l’ho omesso) e posarlo, rigirandolo, sopra il coulis gelificato.
Spolverizzare con lo zucchero a velo (= zucchero a velo conservato n un barattolo con baccelli di vaniglia già utilizzati) e decorare con le fragole. [Liberamente tratto da Dolce di Ladurée –ed. Luxury Books]

- Su gentile richiesta di una devota lettrice, aggiungo che se si vuole suddividere il lavoro in più tempi, si può procedere come segue:
1. il biscuit si può preparare con anticipo anche di un giorno e poi si può conservare avvolto nell’alluminio (non nel cellophane, mi raccomando), sebbene ad onor del vero, io l’ho tenuto scoperto, perché temevo si potesse ammorbidire troppo.
2. Il coulis si può preparare qualche ora prima (o anche mezza giornata).
3. Probabilmente lo stesso vale per la crema, anche se io l’ho preparata al momento: tuttavia penso che si possa preparare in anticipo (senza aggiungere il burro) e prima di utilizzarla, incorporare il burro, in modo che raggiunga la giusta cremosità.
Infine per una perfetta riuscita del dolce, consiglio di farcirlo poco prima di servirlo, in quanto diversamente potrebbe “ammorbidirsi” con il rischio di non gustarlo al meglio ….






60 commenti:

  1. Non so quale sarebbe potuta essere la torta a tre piani che desideravi ma non credo che questa la cambierei con altra! Sarebbe la torta che sognerei io per il mio compleanno, divina di nome e...DI FATTO! Un bacione grandeb e ancora AUGURI ^_^

    RispondiElimina
  2. Auguri in ritardo :-) anche il mio compleanno è in Aprile, una decina di giorni prima del tuo.
    E devo dire che anche sui gusti delle torte andiamo d'accordo....;-)

    RispondiElimina
  3. Bè allora tanti aguri e complimenti. Secondo me quel biscotto alle mandorle non è per niente facile da fare, ma è evidente perchè la torta si chiama divin e resta tale anche nella versione alle fragole

    RispondiElimina
  4. 1. Tanti auguri!!!!
    2. A me quella crema debordante fa venire solo voglia di affondarci dentro un ditino..... stupenda!

    RispondiElimina
  5. Auguri!!!!!! ^__^ Hai festeggiato alla grande, questa torta è davvero invitante!! E bellissima la presentazione!!
    Franci

    RispondiElimina
  6. Allora tanti auguri, anche se un po' in ritardo! La torta è bellissima, a vederla sembrava un Victoria Sandwich, invece pare ancora più intrigante. E direi anche decadente, in effetti, a me l'esuberanza della crema piace molto!

    RispondiElimina
  7. Tanti auguri ancora.......... è bella anche decadente, pensavo fosse voluta....torta casual per i meno perfezionisti e più golosi!!!!

    RispondiElimina
  8. Tantisssssssssssssimi auguri cara Milena e che dire di questa torta io la trovo chicchissima e golosissima quindi pollice su per questa meraviglia!!bacioni,imma

    RispondiElimina
  9. Ciao, tanti tanti auguri anche da parte nostra!
    Davvero divino questo dolce! Una pasta biscotto a racchiudere una golosa crema al cioccolato e delle fragole fresche!Sublime e davvero brava.
    baci baci

    RispondiElimina
  10. Accidenti ho appena iniziato a preparare una torta di compleanno per domani...se l'avessi vista prima avrei provato a copiarti questaaaa!Vabbeh dài verrà un'altra occasione, intanto tantissimi auguroni! Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla prossima e auguri al tuo festeggiato :D

      Elimina
  11. Carissima Milena, prima di tutto tanti cari auguri di buon compleanno... e poi, che dire, le foto parlano da sole... chiamare questo dolce divino mi sembra quasi riduttivo!
    A presto
    Tiziana

    RispondiElimina
  12. guarda ti diro'preferisco decisamente questa mi da lídea di un concentrato di sapore e freschezza a differenza di quelle a tre pani.Ancora tantissimi auguri!

    RispondiElimina
  13. non potrò mai più dimenticare il tuo complenno! nello stesso giorno del 2012 è nato il mio adorato nipotino e difficile da dimenticare sarà anche questo "divin alle fragole" che per la presenza del cioccolato bianco devo assolutamente replicare! baci di buoncompleanno!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. e dil 16 è anche il complenano del papa!!!

      Elimina
  14. Una pinta estupenda, ¡con lo que me gusta el chocolate y las fresas!
    Besos

    RispondiElimina
  15. Bella la foto... e il dolce è elegante e tentatore. Bravissima.

    RispondiElimina
  16. ...nomen omen... proprio divino ^_^

    roberta

    RispondiElimina
  17. Che spettacolo Milena!!!!Divin , omen nomen....

    RispondiElimina
  18. Con gli albumi avanzati,non ricordo mai di fare il biscuit,guarda che dolce è possibile fare!!Complimenti Milena è veramente divina e tantissimi auguri anche se in ritardo!!

    RispondiElimina
  19. auguri! che meraviglia! la torta è bellissima e molto chic, oltre che molto golosa!!! un dolce che non cooscevo :-)

    RispondiElimina
  20. a me questa torta ad un piano basta e avanza, è proprio divinissima :)) Auguri!

    RispondiElimina
  21. Divin di nome e di fatto almeno alla vista!!!!
    AUGURISSSSSSIMI!!!!
    Braci&Abbracci

    RispondiElimina
  22. Uff, sono in ritardo.. Auguri lo stesso peró!! Buonissimi quegli strati di biscotto alle mandorle.. No, beh.. Pure tutto il resto è meraviglioso!! Torta divina davvero, non la conoscevo.. COmplimenti! Baci

    RispondiElimina
  23. Milena tanti auguri in ritardo :-) Mravigliosa la tua torta!!!

    RispondiElimina
  24. Grazie a @tutti per gli auguri :D
    La torta è divina, non c'è dubbio e non poteva avere nome più adatto a descriverla :D

    RispondiElimina
  25. Che favola e che leggerezza questo dolce! Immagino la bontà sia con fragole che con i miei tanto amati lamponi! Delizioso! E la crema debordante è lì per essere raccolta con un ditino :)! Ancora Auguri Milena! Un bacio grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Difatti i veri golosi si riconoscono dalla "prova ditino!!!" :D

      Elimina
  26. A me quella crema "debordante" mi mette un'acquolina.... Fantastico questo biscotto alle mandorle,me lo vedo già con mille creme... ma io che sono una super golosa ce lo vedo bene anche ad accompagnare quel "famoso" 16 aprile ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici bene, si può farcire con molte altre creme :D

      Elimina
  27. Cara Milena, stavo pensando al dolce da realizzare per il compleanno di un mio amico, che sarà lunedì, e, non appena ho visto il tuo, è stato amore a prima vista (come sempre succede con i tuoi dolci, del resto :) ).
    Ovviamente (ormai mi sa che hai imparato a conoscermi) volevo chiederti due chiarimenti:
    1 non ho ben capito la quantità di succo di limone che va messa nel coulis di fragole;
    2 non capisco bene che cosa intendi per "corona di crema" e come vada disposta sul dolce.
    Più in generale, hai qualche consiglio per organizzarmi coi tempi? C'è qualcosa che si può preparare in anticipo e qualcosa che va fatto, invece, poco prima di montare il dolce?
    Grazie sempre e complimenti sempre :)
    Gabriella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua decisione mi inorgoglisce e al contempo mi carica di responsabilità, ma sono certa che sarà un successo :D

      1. Per il succo di limone la colpa è mia che avevo scritto erroneamente 1 1/4, mentre "1/4" è la dose corretta, cioè la metà di 1/2 limone.
      Capisco che possa sembrare una misura un po' stramba, ma è la dose dimezzata rispetto dell'originale con i lamponi: difatti con le fragole si è rivelata eccessiva ....

      2. Per "corona di crema" (sono le parole di Ladurée) si intende semplicemente un cerchio esterno di crema: in parole semplici, devi "tracciare un cerchio" con la crema ed all'interno devi distribuirla in uno strato sottile, in quanto se la quantità è eccessiva si rischia di sovraccaricare il dolce che potrebbe non reggere, in quanto il biscuit è sottile!

      Quanto ai tempi, il lavoro si può tranquillamente dividere in più fasi: il biscuit si può preparare con anticipo anche di un giorno e poi si può conservare avvolto nell’alluminio (non nel cellophane, mi raccomando), sebbene ad onor del vero, io l’ho tenuto scoperto, perché temevo si potesse ammorbidire troppo.
      Il coulis si può preparare qualche ora prima (anche mezza giornata, di più non saprei) …
      Probabilmente lo stesso vale per la crema, anche se io l’ho preparata al momento: tuttavia penso che si possa preparare in anticipo (senza aggiungere il burro) e prima di utilizzarla, incorporare il burro, in modo che raggiunga la giusta cremosità.

      Infien per una perfetta riuscita del dolce, ti consiglio di farcirlo poco prima di regalarlo o servirlo, in quanto diversamente potrebbe “ammorbidirsi” con il rischio di non gustarlo al meglio ….

      A presto :D

      Elimina
    2. Come sempre sei stata rapidissima e precisa... Spero proprio che vada tutto bene, ma devo dire che il fatto che sia tu a proporre la ricetta mi tranquillizza molto.
      Io comunque potrò farcire il dolce prima di cena, ma immagino che lo consumeremo dopo 3 o 4 ore... Dici che reggerà?
      Grazie ancora,
      Gabriella.
      P.S. Prima ho dimenticato di farti gli auguri, ma il dolce aveva annebbiato la mia mente :) ... Auguri di cuore.

      Elimina
    3. Milena! Ho fatto la torta! Ed è piaciuta davvero a tutti, me compresa :)
      Io, piuttosto che con la crema, ho avuto qualche problema con il coulis, perché nonostante sia stato molto tempo in frigo non si è addensato abbastanza e quando l'ho versato è colato da tutti i lati; comunque per fortuna si è tutto risolto facilmente mettendo la torta in frigo per un po'. A parte questo, comunque, il dolce è risultato davvero buono, per cui che dire... Grazie!
      Un bacio.
      Gabriella.

      Elimina
    4. Ti ho pensata tanto in questi ultimi giorni ed ero molto curiosa di scoprire se il dolce ti fosse piaciuto e sopratutto se il festeggiato lo avesse gradito ...
      Così puoi immaginare come potessi attendere il tuo commento, per il quale ti ringrazio perché mi ha dato la possibilità di soddisfare la mia curiosità :D

      Quanto al problema del coulis che non si è gelificato, sono alquanto perplessa, tanto più che è uan parte della ricetta non modificata da me (ho solo dimezzato le dosi, ma le proporzioni sono invariate: difatti lì si parla di 300 g di lamponi, 35 g zucchero, 1/2 limone, 3 cucchiai acqua, 2 fogli gelatina) ...
      Ho un unico dubbio riguardo alla gelatina: io ho usato quella di una nota azienda commerciale (PA) e tu?

      Grazie a te come sempre :DDD

      Elimina
    5. E per me è un piacere confermarti che la torta era davvero buona (del resto, a me lo ha confermato il mio amico stesso il giorno successivo, nel momento in cui, come dice sempre lui, stava "mangiando i miei resti" :) ).
      Per quel che riguarda la gelatina, non so proprio cosa sia successo, perché anch'io ho usato la gelatina della tua stessa marca.. Misteri della fede (o della pasticceria, che ogni tanto ha il potere di sembrarlo).
      Grazie ancora.
      Gabriella

      Elimina
    6. Bene, questa conferma non può che darmi gioia: non c'è cosa più bella dell'essere apprezzati per ciò che si fa con dedizione e/o passione!

      Un caro abbraccio e .... alla prossima :DDD

      Elimina
  28. Augurissimi cara e non potevi realizzare una magnificenza più deliziosa :)

    Buon pomeriggio

    RispondiElimina
  29. una torta sicuramente ottima! e anche se un po' in ritardo AUGURI!!!

    RispondiElimina
  30. una delizia, adoro le torte a tre piani ma anche a due piani se poi ci si mettono le fragole!!!! grande tentazione^^

    Auguri anche al papà ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io da gran golosa, non mi soffermo poi tanto sul numero dei piani .....

      Elimina
  31. Appoggio la scelta, decisamente meglio questa delizia!

    RispondiElimina
  32. Meravigliosa e auguri, quindi sei nata il 16 aprile come mia sorella? adesso me ne ricorderò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed io l'anno prossimo mi ricorderò di tua sorella :D

      Elimina
  33. Un augurio ritardatario ma di cuore... E i complimenti per questa torta fantastica! Romantica! Bacioni!

    RispondiElimina
  34. Auguri Milena! :D
    Insomma devo andare a ritroso per capire cosa mi ero perso e soprattutto per farti gli auguri...cosa che mi da qualche imbarazzo a farlo ora che è Maggio...e che non sarà perdonabile lo so...o per esserlo devo rifare a modo mio (e quindi indegno) questo dessert?! :P ehehehehehehe
    Un abbracciooooooo e scusa per la disattenzione... :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei incorreggibile e per punizione non ti dovrei dire che ho fatto anche la variante con la crema al cioccolato fondente e non mi è piaciuta molto .....

      Elimina
    2. Non so perchè non ti è piaciuta...probabilmente..anzi di certo io l'avrei divorata e con gran gusto! :P ehehehehehe

      Elimina
    3. Perché il cioccolato fondente prevaricava su tutto il resto ...

      Elimina
    4. .. ma non abbiamo avuto difficoltà a "divorarla" eh eh!

      Elimina
  35. Ma tanti auguri! Anche se in ritardo..solo che..perchè la parola "indegnamente"??? A me sembra molto degno..eccome :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... se vedi l'originale, capisci il perché dell'indegnamente!!!!!
      Grazie mille :D

      Elimina
  36. fantastico, adoro le fragole

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO