11 luglio 2011

Insalata di pollo, pinoli e uvetta

Nell’ultimo we mi sono arresa alle temperature torride: ho ridotto al minimo le funzioni vitali ed ho spento i fornelli ….

Insalata di pollo

A rallegrare il pranzo, un’insalata di pollo a cottura passiva*, con cui la carne acquista una lessatura dolce nell’acqua portata ad ebollizione e poi allontanata dai fornelli per 40’ e ne ho approfittato per mettere alla prova (con successo) la pentola in ghisa che assorbe il calore e lo diffonde uniformente, anche a fiamma spenta.
È banale sottolineare che le possibili declinazioni di questo piatto unico sono infinite: si possono variare le carni (per es. coniglio), le crudité (non solo verdure, ma anche frutta per es. pesche) ed il condimento stesso.…
Insomma lascia libero corso alla fantasia ed è perfetto da consumare anche in vacanza, al ritorno dal mare.



Insalata di pollo con pinoli e uvetta

Ingredienti
petto di pollo a fette
rucola
pinoli, uvetta
scorza di limone bio
sale, olio evo

Preparazione. Scaldare l’acqua in una pentola (io Le Creuset), aggiungere il sale e portare ad ebollizione, immergervi la carne (per sicurezza erano fette di petto di pollo), coprire, allontanare dal fuoco e lasciare riposare per 40’, durante i quali il calore residuo lesserà dolcemente il pollo.
Tirare fuori dall’acqua la carne e sfilacciarla con le dita (Edit: l'ho riproposta ancora, sfilacciando la carne molto più sottile di come si vede nella foto ed è molto più buona).
Mescolare il pollo, con la rucola, le uvette (i capperi che ho dimenticato!), i pinoli tostati in una padella antiaderente e condire a piacimento con un’emulsione di olio evo, sale e scorza di limone grattugiata o maionese o yogurt. [Liberamente tratta da Sapori d’estate di Sale & pepe]

Insalata di pollo con cottura passiva

* La cottura passiva è un metodo che sfruttando il calore accumulato dalle pentole di ghisa (o altro pentolame che trattiene bene il calore, per es. quello con fondo termico), prosegue anche a fuoco spento.





31 commenti:

  1. Mi piace chi come te fa un uso pieno delle "caccavelle" che ha, mettendone a frutto le migliori caratteristiche tecniche a servizio della cucina...e del piacere di mangiare magari come hai appena fatto...facendo in modo che i tempi vengano incontro a diverse esigenze :)
    Sono in pochi come te...troppo pochi... :)))))

    RispondiElimina
  2. Meraviglioso quel pomodorino solitario ^__^
    Mi paice un sacco questa nota dolce-amaro-piccantina per l'isalata di pollo. Bacioni, buona settimana

    RispondiElimina
  3. frasca e bella, praticamente una meraviglia!

    RispondiElimina
  4. Sono state e ci sono giornate nelle quali questo clado davvero toglie tutto soparatutto sonno e appetito quindi le belle insalatone come questa sono una salvezza!!Bacioni,Imma

    RispondiElimina
  5. sai che non ho mai provato la cottura passiva? in effetti con questi caldi è un'idea da provare...

    questa insalata mi sembra veramente perfetta, come equilibrio dei sapori e come... come tutto! :-)

    RispondiElimina
  6. Ma che bella questa tecnica di cottura!
    Mi hai incuriosito molto!

    RispondiElimina
  7. ovviamente l'abbinamente è quello che piace a me.che bello rivedere le tue foto e le tue ricette.adesso recupero quello perso nelle vacanze e intanto apprezzo molto questa ricetta.un bacio carissima!

    RispondiElimina
  8. sempre una fantastica idea la cottura passiva! Ogni tanto la propongo anche durante i corsi.. :P Ricetta molto, molto sfiziosa Milena
    I fornelli li tengo accesi quasi tutti i giorni, ahimè! Però durante le vacanze li mando in vacanza :)
    un abbraccio

    RispondiElimina
  9. buonissima,e'uno dei miei piatti preferiti!!!

    RispondiElimina
  10. E' quasi inquietante... ho fatto una cosa non simile, di più, quasi identica, sabato sera... Siamo telepatiche?

    RispondiElimina
  11. A me piace questa declinazione, con la bella luce estiva, un momento di calma... Anche quando ti arrendi, escono fuori cose speciali ;-)

    RispondiElimina
  12. che definizione poetica "lessatura dolce nell’acqua portata ad ebollizione e poi allontanata dai fornelli per 40’" e che delicatezza di insalata!!!
    io invece mi sono lessata dolcemente ma non lontana dai fornelli facendo la marmellata nel weekend con 8 kg di susine a disposizione!!!

    RispondiElimina
  13. Sai che non conoscevo questo modo di cuocere la carne? è davvero strabiliante! ma funziona anche con una pentola normale?

    RispondiElimina
  14. adoro il pollo in insalata, provo anche questa versione!!!

    RispondiElimina
  15. Adoro il pollo, e soprattutto le insalate, che si possono fare praticamente con tutto. QUESTA E' PERFETTA!!

    RispondiElimina
  16. Sfiziosissima questa insalatina! Mi piace molto l'abbinamento rucola - uvetta - pinoli :)
    Buon lunedì!

    Agnese

    RispondiElimina
  17. con questo caldo questo piatto è una cena perfetta!

    RispondiElimina
  18. buona l'insalata di pollo!

    RispondiElimina
  19. sfiziosa e fresca. Mi piace la cottura passiva... devo organizzarmi con una pentola in ghisa.

    RispondiElimina
  20. semplicemente perfetta in questi giorni di caldo:)

    RispondiElimina
  21. anch'io uso lo stesso sistema di cottura per il pollo quando faccio le insalate. Trovo che lo renda molto morbido, mi piace molto. Insalata deliziosa!
    Un bacione

    RispondiElimina
  22. La cottura passiva mi mancava...che è poi un po' come fare il lesso, o sbaglio? Però anche io ho poca voglia di cucinare e di fornelli per cui magari ci provo!

    Ciaooo

    RispondiElimina
  23. Non conoscevo questo tipo di cottura... Molto interessante, così come il mix per completare il piatto... Ciao.

    RispondiElimina
  24. le pentole in ghisa sono un'invenzione geniale!!!!!!
    cmq io ho un po' un brutto rapporto con l'uvetta nei piatti salati, che strana roba, e dire che mescolo dolce e salato come niente! ma l'uvetta forse mi ricorda troppo il panettone :P
    raddoppierò coi pinoli :P

    RispondiElimina
  25. wow pare un esperimento fisico più che una preparazione gastronomica..concordo però, con questo caldo, più si sta lontano da forni e fornelli e meglio è.

    buona la ricetta.

    RispondiElimina
  26. Ciao Milena, mi sto per arrendere anche io al caldo, d'altronde con insalate deliziose e rinfrescanti come questa ... è davvero un bell'arrendersi !!! un bacio manu

    RispondiElimina
  27. Arresa anche io a questo caldo torrido! Che temperature! L'unica cosa che riesco a mangiare sono frutta e insalate fredde! Gli ingredienti della tua mi piacciono tutti ed è una scoperta la cottura della carne lontana dal fuoco! E le foto sono meravigliose...Brillano di luce estiva :-)))!!!Un bacione

    RispondiElimina
  28. insalata dalla mille declinazioni ma perfetta per portare un po' di freschezza in questi giorni di afa! :)

    RispondiElimina
  29. Grazie per questa gustosa ricetta tipicamente estiva,giusta per i giorni di caldo torrido!

    RispondiElimina
  30. @tutti: con questo tipo di cottura la carne presenta una morbidezza sorprendente!
    E' un piatto freddo e completo come valori nutrizionali ...

    @Federica: quel pomodorino solitario è un intruso: nella ricetta non c'è, ma è troppo fotogenico ^__^

    @La Gaia Celiaca: io utilizzo la cottura passiva anche per la pasta!

    @Sandra: sono affascinata dalla cottura passiva ed è stata una bella scoperta poterla applicare alla carne ...

    @Onde99: sono curiosa di leggere la tua :D

    @poverimabelliebuoni/insalata mista: anche nel tuo caso ti sei "lessata dolcemente": cosa c'è di più dolce della marmellata?

    @elenuccia: sì, funziona certamente anche con altre pentole, ma è importante che trattengono bene il calore: per es. sono adatte quelle in acciaio con il triplo fondo ....

    @Aiuolik: è simile al lesso: la differenza è che i tempi sono ridotti e tutto avviene a fiamma spenta!

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO