23 luglio 2010

Dolcetti al pistacchio

La mia amica del cuore – così la definivo negli anni verdi – è un’appassionata di cucina e di recente si sta interessando di cucina mediorientale e inevitabilmente di C. Roden. In una delle ultime conversazioni, millantando scarsa attitudine ai dolci, mi ha chiesto se tra qualche settimana, in occasione del nostro incontro, le potessi far assaggiare i dolcetti al pistacchio libanesi.

Dolcetti al pistacchio

Senza dirle nulla, ho cominciato ad esercitarmi, non senza qualche difficoltà: ho omesso l’acqua di rose, perché intendo utilizzare quella delle rose bio di mia madre, non appena fioriranno ancora e ho desistito dall’idea di riprodurre il cuore cremoso di panna acida, perché forse a causa dell’inosservanza dei tempi di riposo, il composto mi si è rivelato troppo appiccicoso e poco gestibile.
Ho vigliaccamente scelto una metodica semplificata, ottenendo un risultato alquanto dissimile dalla ricetta originale, ma tanto soddisfacente: si tratta di dolcetti deliziosi, da gustare freddi di frigo, delle chicche verdi dall’intenso gusto di pistacchio.
Del resto pare che anche C. Roden, nel raccogliere le varie ricette, trascrivendole le abbia talvolta alleggerite e rielaborate!


Dolcetti al pistacchio libanesi

Ingredienti x 14 pezzi
3 tazze pistacchi sgusciati e pelati
2,5 tazze zucchero bianco superfino (ric. orig. 3 tazze)
(2 cucchiai acqua di rose)
(½ tazza panna acida)

Preparazione. Frullare i pistacchi nel mixer con lo zucchero (e l’acqua di rose), fino ad ottenere una massa granulosa che dopo qualche ora di riposo diventerà plastica (io ho aspettato 15’).
Bagnare le mani e formare i dolcetti (o, come prevede la ricetta originale, prendere una piccola quantità, formare una pallina grande quanto una noce e creare una cavità all’interno. Procedere fino al quasi esaurimento del composto e riempire la cavità con la panna acida. Con il composto restante, circa 1/5, creare dei piccoli coperchietti, coprire la cavità ripiena e unire bene i bordi). Riporre in frigo e servire freddi. [Liberamente tratti da Arabesque. A Taste of Morocco,Turkey & Lebanon di C. Roden]

.................

Ringrazio di cuore Daniela, Lucia e Tibia per i premi che mi hanno assegnato!

.................

31 commenti:

  1. Quando ho letto questa ricetta e visto i dolcetti in foto ho capito cos'è il colpo di fulmine! :-) Come si fa a non innamorarsi di una simile delizia? E pensare che ne ignoravo l'esistenza! Grazie per questo regalo, Milena carissima! Un abbraccio :-)

    RispondiElimina
  2. Ciao Milena, questa ricetta è un pò diversa dall'originale, ma a me ispira di più la tua versione. Un pò più simile ai nostri sapori ed intensamente di pistacchi. Li trovo deliziosi, da vedere, ed immagino da gustare !!! Manu

    RispondiElimina
  3. Carissima Milena, anch'io sono stata folgorata da questi dolcetti.
    Non so se c'entra ma mi hanno ricordato i dolcetti che mangiai in un mio viaggio in Marocco, bellissimo tra l'altro, alla scoperta di posti meravigliosi, paesaggi incredibili e non ultime specialità gastronomiche mai più trovate!
    Spezie, mandorle, miele, acqua di rose e zucchero, e dolcetti da estasi!
    Ecco, questi tuoi me li hanno tanto ricordati!
    Leggerò con calma il procedimento che mi è sembrato un pò particolare e li proverò senz'altro!
    Chissà, forse avrò bisogno di qualche consiglio in più....ma nel caso ti chiederò....
    Inutile dirti che trovo quiesta ricetta meravigliosa!
    Un bacio

    RispondiElimina
  4. Cara Milena, questa ricetta la sento proprio tua, un dolce profondo del sud ma anche di terre lontane :-) Mi fanno sognare...grazie

    RispondiElimina
  5. In effetti loro utilizzano molto l'acqua di rose!!!! anche a me piacciono molto questi tipi di dolci!!!! anche se l'hai rielaborata è comunque una valida ricettina!!! bacioni e buon fine settimana

    RispondiElimina
  6. portali via, portali via dai miei occhi lenny!!!!
    mamma mia che tentazione.... :-)

    RispondiElimina
  7. Direi che preferisco la tua versione, tutta pistacchi e niente panna acida. I dolcetti della foto fanno gola.

    RispondiElimina
  8. li voglio li voglio li voooglioooo!!!!che acquolina!!!!Bravissima, davvero!

    RispondiElimina
  9. Semplicissimi e molto intensi immagino! Mi piace il tuo nuovo look, non l'avevo ancora visto!

    RispondiElimina
  10. Perchè non abito di fronte alla tua finestra? mannaggia pero!!!!!! Mi piacciono molto, io adoro il pistacchio. Un bacio

    RispondiElimina
  11. Che belliiiiii!!! Te la rubo ricetta, mi piace tantissimo! Grazie Milly!
    Un bacione e buonweekend

    RispondiElimina
  12. Davvero particolari, mi piacerebbe assaggiarne uno, sono davvero curtiosa!!!Un bacione

    RispondiElimina
  13. Non ho mai mangiato questo tipo di dolcetto ma a guardare sembrano così deliziosi che sarebbero da provare,certo sarà buona la ricetta originale,ma visto il periodo meglio stare sul leggero,scegliamo la tua che non ha niente da invidiare!
    PS: Ma l'amica cosa ha detto all'assaggio?
    Donatella

    RispondiElimina
  14. bellissimi, nella tua variante mi sembrano deliziosi e veloci da preparare!!! Bravissima

    RispondiElimina
  15. Milena non sapevo di questa ricetta ma mi sembra davvero particolare e deliziosa. La frutta secca mi fa impazzire, per non parlare poi dei pistacchi.. ma poi chissa' con quel cuore di panna acida! Bellissimi e da perdersi....
    Un bacione

    RispondiElimina
  16. Verdi e freddi, questi dolci bocconcini al pistacchio sanno d'estate!

    RispondiElimina
  17. Caspiterina, il contrasto tra esterno croccantino ed il cuore di panna deve essere delizioso...di questo passo non riuscirò a replicare tutte queste ricettine buonerrime!

    RispondiElimina
  18. mi piacerebbe assaggiarli, hanno un aspetto davvero invitante!! buonissima e bella la foto!! spero che ci sentiremo presto!! ciao!

    RispondiElimina
  19. Mi ricordano quelli di mandorle sardi, preparati con lo stesso procedimento...

    Li hai poi incartati per conservarli qualche giorno?

    RispondiElimina
  20. @Lucia: tra l’altro sono semplici da realizzare, almeno nella versione “italiota” che trovo alquanto soddisfacente. Se poi qualcuno si volesse cimentare con l’originale, ho trascritto nella ricetta tutte le indicazioni necessarie ….

    @Forchettina Irriverente: anche se la ricetta originale è più ricca, questa è deliziosa perché il gusto dei pistacchi è protagonista assoluto

    @viola: quando vuoi …

    @Edda: la ricetta originale è libanese ….

    @Luciana: l’acqua di rose aggiunge un tocco romantico …

    @Babs :-)

    @Simona: grazie

    @UnaZebrApois: grazie

    @Gloria: la versione semplificata si può preparare agevolmente ed inoltre il dosaggio è espresso in tazze ….

    @memmea: come non amare il pistacchio?

    @Oxana: se li provi, fammi sapere …

    @Ambra: provali, ti piaceranno ….

    @ilcucchiaiodoro: l'amica non li ha ancora assaggiati: questa è la versione di prova …

    @colombina: non credo proprio di rifarli seguendo la ricetta originale, questa mi è piaciuta molto

    @Katia: più che il cuore di panna acida, credo sia l’acqua di rose a renderli speciali

    @Tania: serviti freddi sono una vera delizia

    @Reb: questi non richiedono un grande impegno ….

    @°.°. Martina .°.° a presto!! ciao!

    @Virò: li ho disposti in una ciotolina di ceramica e ricoperti con la pellicola trasparente: hanno conservato tutta la loro freschezza. Si potrebbero anche adagiare nei singoli pirottini, ma si tradisce un po’ la loro anima ….

    RispondiElimina
  21. wow che delizia!!!complimenti!!!buon w.e.!!

    RispondiElimina
  22. Mamma che buoni devono essere! Il problema è che qui non trovo facilmente i pistacchi!

    RispondiElimina
  23. Ciao! Sfiziosissimi questi dolcetti! Per noi amanti dei pistacchi sarebbero una tentazione troppo forte!
    baci baci

    RispondiElimina
  24. Uno tira l'altro e poi l'altro e poi ancora l'altro!!!!!!!! Un mega abbraccio carissima

    RispondiElimina
  25. Curiosi questi dolci, non ho mai mangiato niente del genere. I pistacchi mi piacciono molto, credo che apprezzerei anche questi bei dolcetti!!

    RispondiElimina
  26. Ogni volta che sento nominare la Roden mi dico che devo finalmente comprare il suo libro. Semplicissimi, ma di grande effetto questi dolcini. E poi così profumati. Pistacchi e rosa sono davvero un bel connubio.
    Baci
    A.

    RispondiElimina
  27. devono essere buonissimi!!! li voooglio :D
    ..anche io preferisco senza panna acida, ottima variazione!

    RispondiElimina
  28. Ammirato ma decisamente ingolosito dalla foto e dalla ricetta. Hanno già detto tutto gli altri non mi resta che mangiarli con gli occhi valutando di farli a breve! ehehehehe :PPPP

    RispondiElimina
  29. @Federica: sono golosissimi

    @giulia Pignatelli: devono essere pistacchi non salati: prova a cercarli nei laboratori do pasticceria …

    @manuela e silvia, marifra79 e sally: delle chicche deliziose che generano un’insana idea fissa finché non finiscono

    @Alex: e sono semplicissimi da preparare, a prova di caldo …

    @*Smilla: ci troviamo d’accordo!

    @Gambetto: te li consiglio “caldamente”!!!

    RispondiElimina
  30. .... C'è tanto da imparare!!

    RispondiElimina
  31. @vickyart: se ti capita, provali! Io li ho rifatti ed ho constatato che ogni volta riscuotono grandi consensi!

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO