16 giugno 2009

Gelato di rose

Dalle vetrine scintillanti, con la promessa di gelide emozioni, i gelati si offrono in varietà di colori e di gusti, toccando le corde più intime di grandi e piccini, in una tentazione arrendevole..
Ardua è l’impresa di scegliere un gusto piuttosto che un altro: optare per il nuovo o affidarsi al preferito?
È un dilemma che si ripete immancabile, comportando il peso di una decisione a volte sofferta, ma che si conclude con la determinazione di lasciare in sospeso quella curiosità da soddisfare la prossima volta ….
Qualcuno di recente, ritiene che dalla scelta del tipo di gelato si possa individuare il profilo psicologico, classificando come persona oculata e accorta chi sceglie un solo gusto e come fantasioso e sognatore chi ne sceglie più di uno.
Mi chiedevo con quale precisione probabilistica si possa applicare la stessa metodica alla scelta del gusto di gelato preferito, per desumere la personalità di pragmatico, creativo, infantile, prosaico, metodico, prepotente, altruista, ecc ….
Avvio la mia personale indagine psicologica, basata su dati empirici, partendo dall’equazione gelato di rose = inguaribile romantico.

Gelato di rose

Gelato di rose
Ingredienti x 2

Sciroppo
[30 ml acqua
10 g petali rose bio
30 g zucchero]
+
50 ml panna
50 ml latte


Preparazione.
Sciroppo di rose. Staccare i delicatamente i petali delle rose (raccolti nelle prime ore del mattino, perché più profumati), lavarli ed asciugarli. Portare ad ebollizione l’acqua con lo zucchero e versare lo sciroppo ancora caldo, sui petali, lasciando in infusione per qualche ora e filtrare.

Filtrare lo sciroppo (non frullare i petali, come ho fatto io, in quanto nel gelato rimangono dei piccoli pezzi!) ed incorporare al latte con il minipimer, aggiungendo infine la panna [e versare il composto nella gelatiera].
[Per il procedimento senza gelatiera] Riporre il gelato in freezer negli appositi stampi o in una vaschetta per il ghiaccio, per un’ora. Successivamente prelevare e frullare a bassa velocità, per rompere i cristalli di ghiaccio e per incorporare aria. Frullare nuovamente dopo due o tre ore e lasciare riposare per due ore ancora.

Prima di gustare, lasciarlo un po’ a temperatura ambiente, perché si ammorbidisca e decorare con petali brinati (spennellati con albume, passati nello zucchero semolato e lasciati ad asciugare).
……………..

Curiosità
Dimmi che gelato mangi

Come capire al primo colpo la personalità di chi ci sta di fronte? L'associazione delle industrie dolciarie italiane (Aidi) propone il suo metodo, particolarmente indicato in vista dell'estate, riassumibile così: dimmi come mangi il gelato e ti dirò chi sei.
La prima opzione e': preferenza per il gelato artigianale o per il gelato confezionato?
Chi preferisce il gelato artigianale, si legge nell'indagine dell'Aidi, e' più vicino alla dimensione gratificatoria-istintuale, mentre chi preferisce il gelato confezionato mostra un quadro di personalità in cui contano maggiormente gli aspetti razionali.
Un'altra opzione di fondo su cui esprimere una preferenza e' quella tra il gelato a cono oppure quello a coppetta.
Il cono e' una figura geometrica partecipe del simbolismo sia del cerchio che del triangolo, ma di cui e' ancora incerto il preciso significato tradizionale. Chi predilige il cono manifesta una sorta di risonanza con lo spirito sublimato di Venere.
Più complicato e' il quadro simbolico della coppa, che si presenta sotto due aspetti essenziali: quello di vaso dell'abbondanza e quello del vaso contenente la bevanda dell'immortalità'.
In ogni caso, mangiare il gelato e' una questione di specifici comportamenti di consumo. Sotto questo profilo vi sono quattro modalità possibili di consumo: leccando, succhiando, a morsi, a morsetti.La modalità più frequente e' quella 'leccando'. Che significato ha? In linea di principio, chi mangia il gelato leccando e' una persona che ama la vita sociale, cioè che partecipa molto volentieri ai contesti sociali e ama conoscere gente nuova. E' la modalità degli ottimisti, e in qualche caso anche degli ambiziosi e di coloro ai quali piace provocare chi sta loro attorno.
Succhiare e' una forma più "infantile" di leccare. Chi mangia il gelato cosi probabilmente e' una persona molto orientata ai legami affettivi intensi, quasi simbiotici.
Chi invece consuma il gelato a morsetti tende ad essere una persona piuttosto attenta e cauta in ogni circostanza della vita. Una persona che non ama prendere decisioni affrettate, gentile e sensibile e prevalentemente riflessiva. Chi mangia il gelato leccando e' più un estroverso, chi lo consuma a morsetti e' più introverso.
Più rara e' la modalità di consumo a veri e propri morsi. Chi mangia il gelato in questo modo ha buone probabilità di essere una persona piuttosto testarda, che vuole decidere di testa propria, seguire a tutti i costi la propria via. Una persona che ama lavorare e tendenzialmente molto sincera.
Infine una curiosità: cosa vuol dire mangiare il gelato dalla parte inferiore del cono? Non c'e' accordo generale sul significato di questo comportamento, ma si pensa che potrebbe essere il segno delle personalità "vincenti".
[di Kruger Agostinelli]

48 commenti:

  1. Non l'ho mai fatto alle rose ma deve essere molto delicato!! brava!

    RispondiElimina
  2. Romantica o no, questo gelato sembra delizioso!!! Complimenti!

    RispondiElimina
  3. Perfettamente d'accordo! Il tuo gelato è pura poesia, un velo rosa e profumato, mi hai conquistata (per cambiare ;-). Buona serata

    RispondiElimina
  4. Anche questa volta non posso che farti i miei complimenti,mi stupisci sempre di più,ogni volta che passo dal tuo blog rimango a bocca aperta,per la ricetta ma anche per le bellissime foto! Brava

    RispondiElimina
  5. ciao!
    non posso esimermi dal dirti: "che buonooooooo"
    adoro il gelato alla rosa e credo che il tuo sia magnifico!
    ciao

    RispondiElimina
  6. mai mangiato alle rose, deve essere gustosissimo!!! baci

    RispondiElimina
  7. ma è fantastico!!! lo segnalo alla sorella che ormai si è data ai gelatini, ne sarà entusiasta :D
    complimenti!!

    RispondiElimina
  8. Raffinato e particolare questo gelato..davvero insolito!
    baci baci

    RispondiElimina
  9. il problema sono le rose bio ;))
    sinceramente devo capire se è sostenibile pensare se una cultura puo essere concepita come biologica pensando che gli elementi atmosferici l'acqua la pioggia sono contaminati da agenti chimici realtà che viaggiano nell'intero globo e contaminano culture animali e affini
    www.chefmarco.splinder.com

    RispondiElimina
  10. E va bene: non sono un'inguaribile romantica perchè il gelato alla rosa non mi attira...

    In compenso ho provato quello al caramello (mi sono letta tutta l'etichetta dei tuoi gelati che è davvero notevole) ed è venuto me-ra-vi-glio-so!

    Che caratteristiche hanno i golosi di gelato al caramello?

    RispondiElimina
  11. LO sceglierei anche io mille e mille volte il gelato alle rose! Dove trovo i petali BIO??? Bellissimo lo studio sul gusto del gelato e vari abbinamenti in relazione alla psicologia e allo studio del carattere. Perchè davvero non cercare di approfondirlo su basi pseudo scientifiche? ;) Un bacione!!!

    RispondiElimina
  12. Allora io sono una romantic addict!!
    Voglio un cucchiaino del tuo gelato... Gradirei anche i pezzetti di petalo!
    >Très chic!
    (ros)marina

    RispondiElimina
  13. una vera novità per me!!!!complimenti!!

    RispondiElimina
  14. veramente romantico il tuo gelato..e anche raffinato! io adoro la stracciatella, che vorra dire?

    RispondiElimina
  15. Il gelato alla rosa e' molto particolare e ha un sapore delicato. Mi hai fatto pensare che e' un po' che non lo faccio: devo rimediare. Mi piace la foto!

    RispondiElimina
  16. Che bella la foto :)
    Che sapori e colori delicati :)
    Prima o poi lo sperimento ^_^

    RispondiElimina
  17. E chi se lo sarebbe immaginato che dalla scelta di un gelato si potessero capire così tante cose.
    Mai mangiato il gelato alla rosa

    RispondiElimina
  18. è vero,lenni sul gelato si rimane legati ai gusti che si amavano da bambini quindi ..cmq io lo cambierei (il mio è un classico,cioccolato nocciola e panna)il mio preferito per questa meraviglia rosa...delizioso davvero!!!

    RispondiElimina
  19. Allora io risulterei eclettica visto che mangerei tutti i gusti... e quello alle rose mi intriga un mondo!

    RispondiElimina
  20. Un gelato di sicuro delicatissimo, la presenza delle rose mi piace!

    RispondiElimina
  21. Mi piace perchè non contiene uova...
    Grazie per questa bellissima idea...

    RispondiElimina
  22. Cara lenny, con questo gelato mi hai dato un brutto colpo...le mie rose hanno una malattia, sono stata obbligata a tagliarle tutte e a finforzarle con dei pesticidi...per quest'anno non posso farne niente, avevo ricettine deliziose da provare e tra le quali avrei di sicuro aggiunto anche questo gelato che resterà per le prossime fioriture...penso ottobre se tutto và bene...altrimenti passo da te a gustarlo insieme...un abbraccio!!!

    RispondiElimina
  23. Mai visto il gelato alla rosa!!!Lo porvrrei al volo, se potessi!
    Per la tua indagine..io ultimamente sonovotata a Gromm, il miglior gelato mai mangiato...Ieri sera, dopo cena, stavo per prendere il solito conone di cioccolato extra noir quando...hio optato epr un cioccolato&lampone(fatto solo con polpa di frutta).Scelta azzeccatissima era divino!!!!
    abcione

    RispondiElimina
  24. Neanche a farlo apposta oggi siamo in perfetta sintonia. Al mercatino ho provato un gelato alla rosa e me ne sono innamorata. Ho comprato dello sciroppo di rose per farlo. Certo che la tua ricetta è geniale.

    Baci
    Alex

    RispondiElimina
  25. Deve essere buonissimo e quei petali di rosa fanno proprio poesia!! un bacione...

    RispondiElimina
  26. Un idea delicata e fine... Proprionel tuo stile direi!
    Non c'avevo mai pensato al gelato con le rose.

    RispondiElimina
  27. Che bel tocco di eleganza... Brava!!!

    RispondiElimina
  28. questo devo provarlo ieri ho tirato fuori la gelatiera
    Un bacione
    fra

    RispondiElimina
  29. Beh, una sorta di analisi psicologica era stata fatta sulla base del tipo di cioccolato preferito, quindi perché non fondarla anche sul gusto di gelato? Io esco fuori dal coro e trovo che il gelato alla rosa sia più sensuale che non romantico e più intrigante che non poetico... Quindi mi piace!!!

    RispondiElimina
  30. Mamma mia questo gelato!!!!!Dolce e romantico buonissimo!!!!1
    Ciao cara a presto!!!!!

    RispondiElimina
  31. gelato alle rose..mmm...buono e delicato!!!!bravaaaaa

    RispondiElimina
  32. Buono!!!!
    Meno male che hai pensato anche al metodo senza gelatiera, grazie!
    m.

    RispondiElimina
  33. ne ho sentito parlare diverse volte di questo gelato alle rose, deve essere davvero buono!
    complimenti.

    RispondiElimina
  34. ma che bella ricetta!
    cosi' romantica e antica...

    RispondiElimina
  35. @Federica: era dall'anno scorso che desideravo cimentarmi ...

    @Konstantina: è di una soavità e di un profumo ineguagliabile

    @dada: grazie carissima

    @ilcucchiaiodoro: ... no so che dire, mi imbarazzi, ma ti ringrazio tanto

    @Barbara...Babs: ti ritrovi nel profilo psicologico di romantica?

    @pizzicotto77: è un'esperienza imperdibile

    @LeCiorelle: poi fammi sapere ...

    @manu e silvia: grazie

    @chefmarco: quanto approfondisci è una dolorosa verità, una piaga del nostro tempo contro la quale per difenderci non abbiamo altre armi se non la formula trita e ritrita del bio = non trattato.
    In realtà come fai giustamente osservare tu, nell'ambiente non vi è più nulla di incontaminato, ma purtroppo, non possiamo astenerci dal non cibarcene ....

    @Virò: sono felice che tu abbia apprezzato il gelato al caramello che tra l'altro è uno dei mie preferiti.
    Mi sento dunque di caratterizzare i golosi di gelato al caramello come "gran viveurs"

    @le pupille gustative: purtroppo alla domanda - Dove trovo i petali BIO??? - non so rispondere, mi cogli impreparata e poso solo dire che ho usato quelli delle rose di mia madre che non sono assolutamente trattati e non esposti ad altre fonti di contaminazione

    @marina: benvenuta nel club dei romantic addict

    @katty: grazie

    @Giò: come potremmo definire gli amanti della stracciatella? Forse cercatori di certezze?

    @Simona: romantica anche tu?

    @Daphne: grazie

    @Lydia: mi chiedo che validità possano avere queste "ipotetiche certezze"

    RispondiElimina
  36. Lenny cara mi hai levato lidea che ho in mente da giorni, oggi proprio ho comprato la panna e tra pochi giorni vedrai il mio risultato

    RispondiElimina
  37. Sono in adorazione per il gelato alle rose già che sono completamente drogata per quello alla violetta. Non so che sapore possa avere ma già sono innamorata. Non ho purtroppo le rose da cogliere ma le troverò..

    RispondiElimina
  38. @dolci a ...gogo!!! aperte alle novità?

    @fantasie: vada per eclettica. Abbiamo a disposizione un’importante e "variegata" casistica

    @Tania: è delizioso

    @Dolcienonsolo: utilizzo le uova solo nelle ricette alla crema

    @Mariluna: ho usato le rose della mia mamma che ultimamente sono poco prolifiche, ma lei me le ha donate generosamente

    @Saretta: i gelati Gromm sono eccezionali

    @Cuoche dell'altro mondo: con lo sciroppo di rose e la gelatiera otterrai un ottimo gelato

    @Claudia: dolcemente poetico

    @ Elisakitty's Kitchen: era da un po’ che mi tentava

    @Marcello Valentino: grazie tante

    @Fra: allora scatenati

    @Onde99: mi piace la tua lettura del gelato alla rosa come sensuale e intrigante

    @stefi: grazie

    @MadeinKitchen: grazie e benvenuta

    @Mariù: per il semplice motivo che pur non avendo la gelatiera, non voglio rinunciare al gelato home made

    @Betty: ero molto curiosa e l’assaggio ha confortato le mie aspettative

    @chiara: grazie

    @CoCò: attendo con curiosità

    @Cianfresca: incuriosisci me con quello alla violetta

    RispondiElimina
  39. non riesco a immaginare il sapore...ma proprio per questo allungherei la mano volentieri ;-))

    RispondiElimina
  40. ok, ok, ai capito che i gelati ci piacciono molto!!! al mare ho parecchie rose nel giardino, mi scarico la ricetta e stupirò i miei ospiti. grazie lenny per questi accostamenti così interessanti. ciao e a presto

    RispondiElimina
  41. una gran bella ricetta per un gelato dal gusro delicato

    RispondiElimina
  42. Buondì Lenny! Io non sono una grandissima golosa di gelato, sembrerà strano ma è così, di solito mi vengono due grosse voglie di mangiarlo all'anno e in quell'occasione non posso affatto privarmene... strano vero? Questo alla rosa è davvero romantico, così come il cucchiaino bianco che hai scelto...

    p.s. il nocciolino è un liquore fatto con le nocciole mi spiegarono, ha un retrogusto che ricorda un po' la nutella :)

    RispondiElimina
  43. ciao lenny, splendida ricetta come sempre :-) senti, hai modo di farmi sapere gentilmente che tipo di rosa hai usato? che "specie"? grazie mille :)

    RispondiElimina
  44. Che spettacolo questo gelato... per una romantica serata o per una coccola dopo cena! Bravissima come sempre! Ciao Fico&Uva

    RispondiElimina
  45. Oh che meraviglia: grazie sopratutto per aver riportato step by step il procedimento per chi come me è ancora senza gelatiera :)
    buon pomeriggio,

    wenny

    RispondiElimina
  46. E' da ieri che volevo venire a curiosare su questo gelato, che non delude le aspettative, e quando mai tu lo fai....

    non ho mai usato le rose in modo alimentare, non saprei dove trovare quelle non trattate, per ora ammiro e annuso virtualemnte questa meraviglia :)

    RispondiElimina
  47. @astrofiammante: ha un gusto che ti trasporta in un mondo incantato. Scherzi a parte, puoi averne un'idea, pensando all'acqua di rose

    @natalia: spero che i tuoi ospiti non me ne vogliano ....

    @Gunther: è soave e gentile al tempo stesso

    @Camomilla: non riesco ad immaginare una golosità disgiunta dal desiderio di degustare il gelato ....

    @salsadisapa: purtroppo non so esserti d'aiuto, in quanto si tratta di rose che a mia madre sono state regalate da un'amica che a sua volta non sa a quale specie appartengano

    @Fico e Uva: coccola è la definizione giusta, per rappresentare questo gelato

    @Wennycara: è importante sapere che si può gustare il gelato home made, pur non avendo la gelatiera

    @Ciboulette: questo può essere un limite, ma non desistere: potresti per esempio coltivare in vaso le rose, accanto alle erbe aromatiche ….

    RispondiElimina
  48. Ciao,buonissimo e originale il tuo gelato, hai voglia di pubblicarlo sulla mia raccolta?
    ciao
    Stefania

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO