22 dicembre 2009

Buon Natale

Il sapore del mio Natale: Crispeddi
Il Natale della mia infanzia ha il profumo del fritto, misto a quello della legna che arde nel camino, fulcro della vita familiare: una grande padella sfrigolante e la mia mamma che la governa con destrezza, rigirando “i crispeddi” con la punta di un lungo spiedo di ferro.
Accanto, spettatori trepidanti e avidi io, i miei due fratelli e mia sorella che sospendendo ogni altra attività, facevamo cerchio intorno a lei, in attesa di gustare quegli intrecci color oro, croccanti all’esterno e morbidi all’interno, da sommergere in una montagna di candiddi e dolci granelli, prima di gustarli caldissimi e scoprirci con le mani inzaccherate e i baffi di zucchero ….

Crispeddi

Queste “frittelle” evocano il sapore e l’atmosfera del mio Natale di bimba.
Dalle dosi rigorosamente empiriche, si preparano con una lavorazione simile alla pasta choux e vanno gustate al momento, caldissime, ma si possono “formare” anche con un giorno di anticipo e conservare in frigo, affastellate l’una sull’altra senza che attacchino, fino al momento di friggerle: semi laccate con il miele, irrorate con il vino cotto o rotolate nello zucchero semolato sono pronte per regalare piacere e dare inizio alla magia del Natale.


Crispeddi

Ingredienti (le dosi sono da me trascritte, ma in realtà si tramandano di generazione in generazione, attraverso l’esperienza: da secoli si misurano “a occhio”)
1,5 litri acqua
500 g semola rimacinata di grano duro + una manciata abbondante
1 pizzico di sale
olio evo
zucchero semolato

Preparazione. Porre l’acqua in una pentola (non con fondo termico, se non si vuole comprometterne la riuscita!!!!!), salare e quando comincia a “fremere” (quando sta per cominciare l’ebollizione), versare la farina gradatamente e rigirare il composto con vigore (meglio se qualcuno sorregge al pentola e un altro rimesta con il mestolo di legno). Dopo qualche minuto la massa sarà “più difficile da gestire”: è il momento di capovolgerla con prontezza sulla spianatoia. Quindi inumidire i palmi delle mani in un piatto velato con olio evo (fondamentale: questa operazione scongiura il pericolo di ustioni certe!) e dare delle pacche all’impasto e lavorarlo per poco, fino a quando non diventa compatto ed omogeneo. A questo punto non ci sarà più bisogno né di farina, né di olio e si potrà procedere a formare “i crispeddi”, avendo cura di coprire con un canovaccio la pasta (se si fredda, sarà più difficoltoso modellarla). Friggere per pochi minuti in immersione a doratura (necessitano di pochi minuti, il tempo di formare la crosticina, in quanto il composto è di “farina cotta”), in olio evo ben caldo (la fiamma deve essere vivace e pertanto è consigliabile avvalersi della friggitrice), facendo attenzione a non superare il punto di fumo e non abbondando nelle quantità, per non abbassare la temperatura dell’olio. Laccare con il miele o irrorare con il vino cotto o rotolate nello zucchero semolato e servire ben calde

Memo: Non riversare l’olio fritto nel lavello, ma richiuderlo in una bottiglia e smaltirlo secondo le modalità dovute!

Crispeddi


Auguro a tutti Buon Natale, da festeggiare con gli affetti più cari, in ricchezza di gioia e armonia!!!

......................

Con questa ricetta-ricordo, partecipo al contest  Un Soave Natale di Vale-Nella botte piccola











51 commenti:

  1. Buon Natale anche a te!

    Un abbraccio,
    Aiuolik

    RispondiElimina
  2. tanti auguri di buon natale anche a te lenny e a tutti i tuoi cari. un grande abbraccio trascorri giorni sereni!

    RispondiElimina
  3. Incredibile! Hanno la tipica forma dei bretzel austriaci!!
    Lenny cara, tanti cari auguri a te!

    RispondiElimina
  4. Grazie mie carissime amiche: domani spero di riuscire a passare da voi per farvi gli auguri!!!
    L'affetto dei nostri cari è la cosa più importante che abbiamo e a Natale è bello celebrarlo con gioia :)

    RispondiElimina
  5. Auguroni con tanto affetto!!!!!

    RispondiElimina
  6. Ma sono elegantissimi anche in versione infiocchettata! Questa è la forma tradizionale?
    Affettuosi auguri di buone feste per te e per tutti i tuoi cari :-)
    Bacioni

    RispondiElimina
  7. Lenny i miei auguri vanno a te a tutta la tua famiglia

    RispondiElimina
  8. Ma che belle!...
    Buon Natale, cara Lenny, ti auguro le feste serene e piene di gioia!
    Un abbraccio forte

    RispondiElimina
  9. Per me che associo i fritti al periodo carnevalesco davvero una novità che mi piace assai!
    Tantissimi auguri Lenny, buon Natale e buone feste! :)

    RispondiElimina
  10. Tantissimi auguri anche a te!!!
    Le tue ciambelline sono una vera delizia!!!
    a Natale non le ho mai mangiate ma le vorrei!!
    baci
    Katty

    RispondiElimina
  11. Auguroni cara Lenny! Rubacchio una frittella anche se in clima natalizio non si dovrebbe:))

    RispondiElimina
  12. Lenny carissima, tanti tanti auguri

    RispondiElimina
  13. Wow..ma son particolarissimi!!!
    davvero una ricetta diversa e da provare!
    un augurio di Buon Natale anche a te!

    RispondiElimina
  14. Milena non li conoscevo i crispeddi, è vero che la loro forma assomiglia un po' ai breztel in effetti!

    Ti faccio i miei più siceri auguri di buon Natale, spero sia per te e per la tua famiglia ricco di gioia e serenità.

    Ti abbraccio con affetto,

    Sara

    RispondiElimina
  15. Son passata per lasciarti i miei auguri di buon Natale e felice anno nuovo a te ed alla tua famiglia!! smack! :-D

    RispondiElimina
  16. La bellezza di queste ricette di famiglia tramandate di madre in figlia sta anche nel fatto che gli ingredienti vengano dosati ad occhio. Questo le rende più intime, più familiari appunto.

    Buon Natale Lenny, auguri!

    RispondiElimina
  17. Ti auguro un Natale sereno come immagino lo fosse quando da bambina mangiavi i Crispeddi! :)

    RispondiElimina
  18. buone feste anche a te e ai tuoi affetti, carissima lenny!

    RispondiElimina
  19. Felice e Sereno natale cara Lenny, un abbraccio
    Saretta
    PS:barav ad aver ricordato come smaltire l'olio esausto!!!

    RispondiElimina
  20. Un sereno Natale anche a te Lenny!

    RispondiElimina
  21. TANTISSIMI AUGURI DI BUONE FESTE E DI UN BUON NATALE PIENO DI GIOIA E DI FELICITA'!!!!
    UN ABBRACCIO

    RispondiElimina
  22. che meraviglia! le metterei solo come decorazione dell'albero per quanto sono belle!
    donano un tocco magico!

    buone feste
    e grazie per aver ricordato di differenziare l'olio esausto!! ^_^

    RispondiElimina
  23. che bel ricordo, e che buoni!
    Tantissimi auguri da Francesca

    RispondiElimina
  24. lenny cara passo da te per augurarti un felicissimo natle pieno di gioia!!!un abcione imma

    RispondiElimina
  25. ma che meraviglia!!!!
    buon natale!!!

    RispondiElimina
  26. mi piace scoprire le ricette tradizionali in giro per l'italia! quelle dell'infanzia sono cariche di ricordi e quindi ancora + buone! mi hanno molto ingolosito...
    ti auguro di passare giorni bellissimi!

    RispondiElimina
  27. Questi giorni portano anche me indietro nel tempo...
    Questi crispeddi hanno un aspetto fine ed elegante :-)
    Baci

    RispondiElimina
  28. I "Crispeddi", wow! Non li avevo mai visti in questa forma. Noi solitamente li facciamo un po' a palla, con le alici o il miele. Mia zia quest'anno mi dovrebbe passare "la ricetta della nonna", quella da tradizione, spero di riuscire a postarla anch'io.
    Auguri!!! :)

    RispondiElimina
  29. buon natale anche a te, lenny, baci :-)

    RispondiElimina
  30. Che belle queste ricette dei ricordi e della tradizione regionale!
    grazie per averla considivisa!
    Un abbraccio e tanti auguri di buone feste!

    Terry

    RispondiElimina
  31. Ciao lenny!
    E' molto che non passo ma i ritmi sono frenetici...però non volevo mancare per farti gli auguri di un sereno Natale, pieno di amore e affetto!

    Non conoscevo questi crispeddi! einfiocchettati sono deliziosi e raffinati! Certo che noi italiani ne abbiamo di ricette diverse ehhhh :)))

    Felice Natale a te e alla tua famiglia

    Baci Carla

    RispondiElimina
  32. che belle queste ciambelline dei ricordi, complimenti.Buon Natale e Felice 2010, Daniela e Diocleziano.

    RispondiElimina
  33. deliziose queste cosine, come sempre nel tuo blog....ti lascio un sacco di auguri di felice natale e un bacione!

    RispondiElimina
  34. ciao lenny, ho raggiunto la mannu a sassuolo, e con lei anche il piatto di tortellini pronto a scaldarmi tutta, cuore compreso. ci risentiamo al mio ritorno e ti auguro insieme a lei i migliori auguri per questi giorni di festa. grazie sempre di tutto , con affetto, natalia

    RispondiElimina
  35. Buone feste anche a te cara Lenny :-)

    RispondiElimina
  36. che meraviglia i sapori e profumi dell'infanzia! Buon Natale e un meraviglioso Anno Nuovo.
    Chiara.

    RispondiElimina
  37. Winter Holidays as beautiful and quiet, which will fill the soul with joy, confidence, hope and love!

    RispondiElimina
  38. Ottime!
    Davvero, fa venire l'acquolina in bocca !
    Tantissimi auguri per un sereno e felice 2010!

    RispondiElimina
  39. Buone ed hanno in più il sapore della tradizione...ciaooooo e auguri buon 2010!!

    RispondiElimina
  40. Grazie a @tutti per gli auguri che ricambio con affetto: questo Natale per me è speciale ed il vostro affetto lo rende tale ancor di più.
    Vi auguro di cuore Buone feste!!!

    @twostella il giardino dei ciliegi: sì, questa è la forma tradizionale

    @Sarah: abbiamo una grande tradizione di dolci fritti Natalizi e tra questi anche quelli comunemente conosciuti come “struffoli”

    @Margherita: ed io non conoscevo la versione di cui parli: di dove sei?

    @natalia: anch’io ho trascorso il Natale con mia sorella ….
    Grazie a te e auguri

    RispondiElimina
  41. Sono di Reggio Calabria, ma vivo a Cosenza. In questi giorni sono stata dai parenti e le abbiamo fatte, come da tradizione! Ho fatto anche qualche foto, quindi credo di fare un post tra qualche giorno! :)

    RispondiElimina
  42. presente gli inglesi o i nordici che hanno la carnagione chiara chiara chiara? Ecco.. questi sembrano la versione nordica dei bretzel :D mi ispirano un sacco!

    RispondiElimina
  43. @Margherita: lo leggerò con curiosità.
    Conosco bene Reggio Calabria!

    @fiOrdivanilla: mi piace tantissimo il parallelismo, ma il sapore è lontano anni luce, perché fondamentalmente è una pasta choux fritta …..

    RispondiElimina
  44. ceh meraviglia, buon anno ! ciao !

    RispondiElimina
  45. @FairySkull: buon anno anche a te!

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO