26 novembre 2009

Mou al cioccolato e arancia

Alla notizia inaspettata dell’arrivo di una persona cara, sia essa una sorella (come nel mio caso) o un’amica o più di una, il primo pensiero, dopo aver placato l’entusiasmo, è come accoglierla al meglio.
Poiché secondo le equazioni affettive “coccole = cioccolato”, senza dubbio alcuno il cioccolato fa subito festa, gioia e star bene insieme.

Mou al cioccolato e arancia

Sempre restando in tema di matematica, il buon cioccolato sommato al buon burro, mi hanno suggerito una ricetta che volevo provare da tempo e le arance bio da poco ricevute in regalo sono il terzo addendo che ho sommato per aggiungere una nota aromatica.
Come si può osservare, i cubotti che si ottengono non sono lucidi come i “cioccolatini propriamente detti” ed hanno un aspetto artigianale forse poco avvenente che devo essere sincera un po’ mi ha delusa, ma l’assaggio è tutt’altra cosa: a cominciare dalla consistenza scioglievole e morbida a metà tra una mousse e un cioccolatino per arrivare al gusto dolce per la presenza del caramello, ma diverso da quello del cioccolato al latte e apprezzabile per il piacevole retrogusto di cacao, leggermente fruttato.
Un piacere da degustazione o da regalo (per veri intenditori!) …..


Mou al cioccolato e arancia

Ingredienti per circa g 500
g 200 cioccolato fondente al 70%
g 120 zucchero
g 30 burro Fattorie Fiandino
4 tuorli codice 0
1 arancia bio

Preparazione. Fondere il burro a bagnomaria, ridurre il cioccolato in scaglie. Premere l’arancia e lasciare in infusione nel succo un po’ di scorza grattugiata e poi filtrare. Caramellare lo zucchero inumidito con un cucchiaio di succo d’arancia, versarlo a filo sui tuorli raccolti in un recipiente immerso in un bagnomaria caldo, tenuto su fuoco al minimo, e iniziare a lavorare il composto con le fruste elettriche, finché non si otterrà una massa chiara, spumosa, alla quale andrà incorporato il burro fuso (questa operazione va effettuata con velocità, per evitare che all’interno del composto si formino dei cristalli di caramello).
Amalgamare bene il cioccolato a scaglie e continuare a mescolare finché il cioccolato si sarà completamente sciolto e il composto risulterà molto denso, quasi solido.
Trasferirlo allora su un foglio di carta forno, e stenderlo con una spatola, tra i manici di 2 cucchiai di legno di uguale grossezza, posti ai lati della massa da stendere per dare a quest'ultima uno spessore regolare di circa 2 centimetri. Ricoprire con un altro foglio di carta forno e farvi scorrere il matterello per livellarlo.
Lasciare asciugare per un paio d'ore la massa di cioccolato spianata, in un luogo fresco e ventilato e farla riposare in frigo (per ottenere un taglio senza sfaldature) prima di tagliarla a cubotti regolari (mou). Si conservano per alcuni giorni, al fresco, coperti da un foglio di alluminio. [Liberamente tratto da La cucina italiana]

Nota del giorno dopo: consumare in tempi brevi (non oltre due giorni dalla preparazione), pena la perdita delle caratteristiche gustative!!!!

Ricetta modificata
Edit. Temo che sia la presenza delle uova a comprometterne la durata, così ho rifatto la stessa ricetta modificandola.

Dopo l’esperienza di questi biscotti, osservando che la presenza del glucosio nel cioccolato, lo mantiene morbido, ho provato a sostituire i tuorli con il glucosio e la panna, procedendo così:

Preparazione. Dopo aver caramellato lo zucchero (100 g), aggiungere il burro (30 g), il glucosio (1 cucchiaio scarso) e la panna (50 ml), precedentemente scaldata con due cucchiaini di pasta d’arancia (scorze d’arancia bio omogeneizzate con un po’ di zucchero: la parte rimanente si può congelare). Versare il tutto sul cioccolato (200 g) tritato al coltello e fuso a bagnomaira e rimestare bene. Far riposare finché il composto non comincia a rassodare. Quindi trasferire su un foglio di carta forno, e stenderlo con una spatola, tra i manici di 2 cucchiai di legno di uguale grossezza, posti ai lati della massa, per dare a quest'ultima uno spessore regolare di circa 2 centimetri. Ricoprire con un altro foglio di carta forno e farvi scorrere il matterello per livellarlo.
Lasciare asciugare la massa di cioccolato spianata, in un luogo fresco e ventilato e passarla in frigo prima di tagliarla a cubotti regolari (mou).


...........

Questi tortini partecipano a Il contest più morbido che c'è di Sandra-Un tocco di zenzero, in collaborazione con Fattorie Fiandino, per la categoria “dolci


54 commenti:

  1. Lenny, mi serviva proprio una ricetta così, grazie! E a me l'aspetto artigianale piace un sacco :-)

    RispondiElimina
  2. Il modo in cui li presenti fa pensare piuttosto ad un modo "vintage" di offrirli :-)
    Per una copertura lucida, prova a temperare parte del cioccolato e a versarlo sulle mattonelline giá tagliate e messe su una gratella. Ma ne vale veramente la pena?
    Io li trovo bellissimi cosí!!
    Buona serata, Mik

    RispondiElimina
  3. A me l'aspetto un po' artigianale piace molto ma volendo "raffinarli" maggiormente basterà una piccola decorazione di zucchero...

    RispondiElimina
  4. Che goloseria questi dolcetti buonissimi

    RispondiElimina
  5. magari non avranno quell'aspetto lucido dei cioccolatini, ma leggendo la ricetta mi sono completamente sciolta! Queste mou hanno delle note di profumo e di gusto davvero eccezionali!
    bravissima
    fra

    RispondiElimina
  6. Ma che carine ste caramelline! Si potrebbero confezionare in bustine con fiocchetti e regalarle...
    Baci :-)

    RispondiElimina
  7. che forza! riesci sempre ad essere innovativa e originale!

    RispondiElimina
  8. Bellissimi, te li copierò sicuramente!

    RispondiElimina
  9. gnam e ancora gnam e..... gnam..... lenny tentatrice!

    RispondiElimina
  10. Devono essere una bontà, e poi questo apetto "rustico" secondo me dona, piuttosto che penalizzare!
    Non sono un'esperta del mou, credevo si potesse fare solo con la panna ed invece adesso scopro che si può fare anche con il burro ( che in casa c'è sempre!!!), da provare al 100%. Grazie Lenny.

    RispondiElimina
  11. A me senbrano molto chic e raffinati e cioccolato e arance è un abbinamento strepitoso!!!

    RispondiElimina
  12. no dai ma non è giusto. Non puoi pubblicare delle cose così... ! :))
    mammammmmia.. che buoni devono essere! Ascolta ma... secondo te se come al solito tempero il cioccolato, vengono lucidi? A parte che, come qualcuno ho letto che ha scritto sopra, l'aspetto artigianale è proprio bello e ben ci sta! :) ma la questione lucidità è una curiosità.
    Che dici, qualche goccia di essenza di mandorla ci starebbe bene? :)

    RispondiElimina
  13. @FrancescaV: l'aspetto artigianale mi ha lasciata po’ perplessa inizialmente, ma non è da disdeganre

    @Mimmi: vintage? la palettina è degli anni '60: è di mia madre!

    @Virò: vada per l'aspetto un po' artigianale …….

    @steval: benvenuta e grazie

    @Fra: e sono velocissimi da preparare, aspetto da non sottovalutare

    @pagnottella: sì, confezionate in bustine e infiocchettate possono essere una simpatica idea regalo

    @Michelangelo: grazie mille

    @Elga: ci conto!

    @Babs: mia sorella gradirà?

    @Milla: anche per me sono stati una gran bella scoperta

    @Solema: come dicevo l’abbinamento con le arance è una mia idea, ma volendo si possono anche aromatizzare con il cardamomo, la cannella, ecc.

    @fiOrdivanilla: ci avevo pensato anch’io ….. chissà, bisognerebbe provare
    Per quanto riguarda l’essenza di mandorla ci starebbe non bene, ma benissimo!

    @Ale: grazie

    RispondiElimina
  14. proverò io per te non ti preoccupare!! :D
    grazie Lenny! :)

    RispondiElimina
  15. Se sono per intenditori, io intenditrice sono!... e i miei fianchi ne sono una prova!
    P.s. Ormai ho quasi un ossessione per le uova e la sto passando a chi mi sta vicino!!! E ci tento anche al supermercato!!!

    RispondiElimina
  16. hai messo insieme tre dei sapori che preferisco in un unico dolce dall'essenza voluttuosa. mi spaventa un poco l'operazione caramello a filo sui tuorli...ci vorrebbe un video!

    RispondiElimina
  17. Milena, carissima, ne prendo uno subito sperando che ti sia rimasto, ho un grande bisogno di energia il dot...disse: Signora lei ha corso troppo!!!
    Un bacio a presto

    RispondiElimina
  18. sto svenendo davanti a questa meraviglia deliziosa!complimenti!

    RispondiElimina
  19. "Continuiamo così, facciamoci del male!"
    Ahahaha
    Bellissimi. Incontrano in pieno il mio gusto. Come tutte le tue preparazioni anche questa è salvata...mi sa che per colpa tua devo comprare un raccoglitore solo per le ricette di Lenny...ma ne vale veramente la pena! :)
    Buon we

    RispondiElimina
  20. anche io ho ricevuto ieri una visita da mia sorella. troppo veloce però. tutto troppo veloce: mi ha avvisato il giorno prima e se ne è andata dopo alcune ore. la mia coccola è arrivata solo al momento del pranzo quando abbiamo cucinato insieme una pasta con verdure acquistate per la prima volta con lei al mercato (la pianta con le zucchine piccole, fiori e foglie attaccati, si mangia tutto, è dolce e particolare). siamo state bene, ci rivedremo a natale e allora...questi cubotti li terrò senz'altro presenti. buon fine settimana lenny a presto

    RispondiElimina
  21. A me piacciono proprio così come li hai fatti, con l'aspetto artigianale e non lucidi, caratteristica che non so perchè mi invoglia di più all'assaggio. Bellissima la prima foto :)
    Buon fine settimana Milena,
    un abbraccio.

    RispondiElimina
  22. partecipino dove vogliono questi tortini, non possono finire nella mia panciona!:D????che buoni devono essere!!!!

    RispondiElimina
  23. ma siiiiiii!!!!!
    ho comperato uno stampino bellissimo per i cioccolatini!
    ora credo che prenderò spunto da te per la mia prima produzione!!!!!
    e poi domenica sono stata designata come addetta ai dolci per un incontro!
    ^_^

    RispondiElimina
  24. Grazie cara, mi hai rimesso voglia di preparare cioccolatini, attività che da un pezzo trascuro...

    RispondiElimina
  25. Vorrei assaggiarne uno... o anche due! Tua sorella apprezzerà sicuramente! Così come apprezzeranno i miei amici ;)

    RispondiElimina
  26. mi è bastato leggere "mou" per amare subito questi cioccolatini... li provo, ho tutto. baci!

    RispondiElimina
  27. Buongiorno lenny!
    Mi hai appena dato un motivo in più per rammaricarmi della mancanza del buon burro, qui nei paraggi. Dovrò fare una ricerca, perchè gli ingredienti devono naturalmente essere ottimi per replicare questa tua meraviglia!
    Un bacio,

    wenny

    RispondiElimina
  28. Non saranno lucidi, ma la loro semplicità che racchiude una ricercata squisitezza è davvero superlativa!

    RispondiElimina
  29. Arancia e cioccolato.. che goduria!!!!!
    ps: Uso il latte di soya perchè son intolerante al lattosio.. :-(((.. Bacioni e buon w.e. .-)

    RispondiElimina
  30. Le mou erano le mie caramelle preferite da bambina, potevo mangiarne quintali! Appena ho letto il titolo ho iniziato a salivare...
    A essere sinceri a me questo aspetto artigianale proprio non dispiace. L'aggiunta dell'arancia è una gran sciccheria, fattelo dire.
    Bacio,
    m.

    RispondiElimina
  31. Lenny, questi qudrotti di cioccolato sono da svenimentoooooo!!!!!!!!
    Uno subito ti prego!!!
    Buon fine settimana baci!

    RispondiElimina
  32. sei bravissima davvero! idea e presentazione perfetta! mi segno la ricetta, perchè anch'io aspetto mia sorella e i miei nipotini che abitano a 500 km da me...sai che festa allora!

    RispondiElimina
  33. Anche io ultimamente sono molto ispirata da arancia e cioccolato ... ma questi proprio sono una meraviglia. E poi non sono bruttini .. le cose così buone sono sempre bellissime !! .. parafrasando Gualtiero Marchesi, la verità della forma è nella sostanza .. la tua preparazione mi ispira questo !!!

    RispondiElimina
  34. ma saranno ottime e poi il burro di fattorie fiandino mi tenta chissà i loro formaggi come sono!

    RispondiElimina
  35. Un'addizione perfetta! Non insegno matematica, ma ti promuovo lo stesso :-)

    RispondiElimina
  36. Io invece li trovo bellissimi anche se "rustici" come dici tu :) Di solito faccio dei cioccolatini aromatizzati molto simili e per togliere l'effetto opaco li spolvero con lo zucchero a velo! Li metto dentro a un sacchetto e con lo zucchero e scuoto :) Così posso anche regalarli e non si appiccicano fra di loro!

    RispondiElimina
  37. Ma se sono bellissimi!!! immagino già la scioglievolezza in bocca...

    RispondiElimina
  38. lenny, questi cubotti sono straguduriosi!
    davvero, come ha detto alex sembra di sentirseli sciogliere in bocca... (magari, aggiungerei!)

    *

    RispondiElimina
  39. Ma questi muo sono una delizia!
    cioccolato e arancia è un must che non ci lasciamo certo scappare!
    baci baci

    RispondiElimina
  40. Lenny io so di essere estremamente ripetitiva nei miei commenti, ma come non si fa a ripetersi quando si vedono delle ricette cosi' belle???Le ultime cose che hai postato sono da urlo!! Voglio provare i tuoi gnocchi assolutamente....e non solo quelLi!!!Sei incredibile...

    RispondiElimina
  41. Lenny, posso venire a trovarti anch'io?.. Vorrei tanto essere accolta in dolcezza e assaggiare quei mou..
    Un bacione!

    RispondiElimina
  42. Ciao LennyCara, tu sei una vera certezza mamma mia! Che belli sono i cioccolatini, la sorella sarà rimasta entusiasta a dir poco. Anche io la penso come te, adoro "coccolare" gli amici e le persone care e spesso sottraggo tempo a tutto il resto per preparare sorprese di ogni tipo e ogni gusto! Buona domenica BravissimaLenny!

    RispondiElimina
  43. Golose, raffinate, coccolose. Complimenti anche per l'abbinamento che rasenta il culmine del piacere!
    Buona domenica sera da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  44. Che accoglienza! Di casa e raffinata...non solo sei brava ma anche molto generosa
    Intanto mi prendo un mou
    Buon inizio settimana

    RispondiElimina
  45. Un'accoglienza così si può fare davvero solo alle persone più care per donare solo a loro qualcosa di magicamente coccoloso! Chissà perchè mia sorella non mi accoglie mai in questo modo... dovrò forse farmi adottare dalla tua mamma?

    RispondiElimina
  46. tesoro mi ero persa questa golosita!!!mamma mia io li trovo fantastici e nn oso nemmeno immaginare il sapore fantastico!!!baci imma
    p.s. ho fatto il tuo pan di spagna senz farina ma con amiodo ed è venuto benissimo,infatti ho postato la tua ricetta:-)baci

    RispondiElimina
  47. @tutti: grazie.
    I cioccolatini sono buonissimi, ma ho scoperto con rammarico che conservano le loro peculiarità per poco e quindi è importante consumarli presto, al massimo entro il secondo giorno!

    @fiOrdivanilla: attendo ….

    @fantasie: basta acquisirne la consapevolezza e poi ogni gesto quotidiano diventa semplice

    @Giò: l'operazione caramello a filo sui tuorli non è difficile, ma richiede velocità o allenamento …..

    @Mariluna: mi dispiace tanto

    @Gambetto: anch’io da quando frequento al blogosfera, ho file straripanti ….

    @natalia: è bello poter coccolare le persone care e riservare loro piccole sorprese

    @camomilla: a pensarci bene l’aspetto rustico non è poi così criticabile ….

    @luby: in bocca al lupo

    @onde99: devi riprendere a farli: è così divertente!

    @Gloria, salsadisapa e annarita: poi fatemi sapere

    @Wenny e cocò: se gli ingredienti sono di ottima qualità, le ricette danno il meglio di sé.
    Il burro Fattorie Fiandino è eccellente ed è interessante il sapore di panna che si sente delicatamente anche nelle preparazioni dove apparentemente dovrebbe fare da “semplice base”: sabato l’ho usato in un risotto ai funghi porcini, ma tutti a tavola si sono stupiti per il suo delicato emergere, esaltando i funghi protagonisti d’eccezione

    @Fiordilatte: grazie per il suggerimento, lo terrò presente

    @dolci a ...gogo!!! mi fa piacere che la ricetta del pan di spagna di mia madre, senza farina ma con amido ti sia piaciuta

    RispondiElimina
  48. gnam!!
    grazie per la tua partecipazione cara Lenny e in bocca al lupo. Per me potreste vincere tutti ;)

    RispondiElimina
  49. @Sandra: grazie, è stato un piacere provare l'ottimo burro Fattorie Fiandino

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO