6 ottobre 2009

Mini cakes di farina di riso e cocco

Nati per caso.
Tutto cominciò quando vidi i suoi biscotti al cocco e mandorle, poi l’esigenza di utilizzare gli albumi avanzati dalla preparazione del budino della domenica ed infine la curiosità di provare la texture di un dolce con la farina di riso: da qui ai candidi mini cakes che vedete, il passo è breve.
Quel che si può definire un esperimento riuscito: un po’ fuori dalle righe e un po’ eterei questi giovani cakes, nivei, fragranti, soffici e leggeri grazie alla farina di riso, delicatamente aromatizzati al cocco e assolutamente poveri di grassi per l’assenza di burro, si fanno apprezzare senza indurre al peccato.

Mini cakes di farina di riso e cocco



Edit - dai commenti sono emersi ulteriori pregi dei cakes in esame: la mancanza di tuorli e di burro non comporta innalzamenti di colesterolo, mentre la farina di riso (un po’ più calorica di quella di grano, poiché contiene circa 20 calorie in più) essendo senza glutine li rende adatti a chi è celiaco.

Mini cakes di farina di riso e cocco
Ingredienti
4 albumi codice 0
160 g zucchero a velo
160 g farina di riso
160 g farina di cocco
1 cucchiaino lievito (nei cakes della I foto, non c’è, ma lo consiglio)
Edit 2013: 
200 g latte vaccino
1 cucchiaio olio evo delicato

Preparazione. Montare a neve ferma gli albumi con lo zucchero. Incorporare al composto le due farine ed il lievito, rimestando con movimenti rotatori, per non smontare gli albumi, (edit) aggiungere il latte vaccino e l'olio e versare il tutto negli stampini. [La prossima volta aggiungerò un pizzico di lievito, del latte di cocco e dello sciroppo di rose che renderanno più soffici e profumati questi cakes].
Infornare per 20’ circa a 180°, lasciar freddare e sformare dagli stampi (silikomart).

………….

Ricette correlate
Dolcini al cocco con glassa di cioccolato bianco pag. 37
Dolcini al cocco e bergamotto

………….

Edit 2013 

Mini cakes di farina di riso e cocco

51 commenti:

  1. Una ricetta molto interessante, soprattutto per quello che NON c'e': senza tuorli e burro, per un dolce cosi potresti meritare il premio "salvatrice dei portatori di colesterolo alto" ed anche se io non lo sono fortunatamente, un premietto te lo darei lo stesso, questi dolcetti candidi sono bellissimi, sei stata brava anche nel perfetto tempo di cottura :)

    RispondiElimina
  2. Perfetta per questo periodo dove cerco ( abbastanza invano) di stare attenta a ciò che mangio, oggi ad esempio ho concluso il pasto con pane e nutella ( il pane però era integrale ;-))
    Ho giusto un pacchetto di farina di riso mai usato, prima che scada meglio provare queste delizie quasi eteree. A presto

    RispondiElimina
  3. Una ricetta "non" insomma...Nuvolette eteree e caste con un estetica stupenda! Bell'esperimento :-)

    RispondiElimina
  4. sono veramente belli questi cake! sicuramente da provare!

    RispondiElimina
  5. La farina di riso è una magnifica alleata :) Per i dolci da forno è ottima! Peccato che non mi piaccia la farina di cocco altrimenti avrei provato subito la ricetta!

    RispondiElimina
  6. davvero bellissime delicate... una nuvola di sofficità golosa!!bacioni imma

    RispondiElimina
  7. Approvo in pieno questo esperimento che voglio ripetere anche io! Guarda che meraviglia, e che candore! Bravissima

    RispondiElimina
  8. Dietetici e deliziosi Complimenti.
    Baci

    RispondiElimina
  9. Candidi e delicati, questi sono i cake più leggeri mai visti!
    Baci

    RispondiElimina
  10. Adoro il cocco e farò sicuramente tesoro di questa tua versione. Hai pure indovinato l'aspetto, non so perché, ma i minicakes mi piacciono tanto!

    RispondiElimina
  11. Da quando ti conosco ormai compro solo uova con il codice giusto e poi faccio terrorismo con le altre uova fra i miei conoscenti! Questa ricetta mi piace tantissimo, anche perché oltre ad essere sufficientemente dietetica (anche se la farina di riso contiene circa 20 calorie in più rispetto a quella di grano) è pure "naturalmente senza glutine e quindi adattissima a chi, come me, è celiaco!
    Brava!
    Già copiata! La farò prestissimo... oltretutto sono a dieta!

    RispondiElimina
  12. IRRESISTIBILI!!!! Dobbiamo assolutamente provare la farina di riso, cosa che ancora non abbiamo fatto, ma soprattutto dobbiamo cimentarci con questa tua ricetta, è fantastica!
    Un baciotto da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  13. ricordo che ai tempi del liceo facevo un tortone con il cocco che puntualmente si incollava alla teglia..da allora ho un timore reverenziale dei dolci albumi e cocco pur piacendomi da impazzire!devo ricominciare a sperimentare con la farina di rido: in questa ricetta mi sembra perfetta!

    RispondiElimina
  14. prima di tutto mettiti a ridere, stavo per scriverti "lenny, bella la foto, bella l'introduzione.... ma la ricetta?" fortuna che un guizzo dell'ultima ora mi ha fatto notare il "continua a leggere....."
    ahahahahah che stordita che sono!
    cmq, mi hai dato un'ottima idea per domani e per finir fuori la mia farina di riso.
    grazieeeee!

    RispondiElimina
  15. Bravissima...ottima ricetta per restare in forma senza privarsi di un dolcetto!!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  16. Quel " si fanno apprezzare senza indurre al peccato" è una chiusa da antologia. Ricetta copiata ( come tutte le altre, del resto) e apprezzata come non mai ( vedi parentesi)
    notte
    ale

    RispondiElimina
  17. Questi li devo fare per la strega piccola perfetti da portare a scuola!!!

    RispondiElimina
  18. Questi minicakes candidi sono davvero una tentazione salutare! Senza ulteriormente dirlo, ricalco in pieno le impressioni scritte dagli altri, in particolar modo quel "si fanno apprezzare senza indurre al peccato", concordo con Alessandra, è un consuntivo perfetto della preparazione. Mi piace passare di qui ed andare via con una novità, uno spunto nuovo...Grazie per aver condiviso i prossimi accorgimenti alla ricetta, anche questo non è da tutti ;-)
    PS
    Ma se ci aggiungessi qualche goccia di cioccolato che dici...in fondo niente burro, niente uova...ahahaha

    RispondiElimina
  19. Lenny, la settimana scorsa io e Virginia abbiamo fatto spese culinarie e, tra le altre cose, ci siamo portate a casa 1 kg di farina di riso.
    Non sapevo bene cosa farne, ora lo so

    RispondiElimina
  20. Pensa che la farina di riso è una di quelle cose che non c'è proprio nella mia dispensa... devo rimediare! Si presentano molto bene questi mini cakes candidi come la neve, poi il fatto che siano anche senza burro me li fa piacere ancora di più!

    RispondiElimina
  21. Ma sono perfetti e meravigliosi!!!!
    complimentissimi Lenny!

    RispondiElimina
  22. Buonissimi e soprattutto bellissimi!!!!

    RispondiElimina
  23. Che bello, un cake senza colesterolo!!! Solo a vederli, questi dolcetti ispirano levità... E poi, siamo pratici, le ricette per consumare gli albumi fanno sempre comodo!!!

    RispondiElimina
  24. SOno eterei e davvero invitanti.Poi tu sei una garanzia!!!bacione

    RispondiElimina
  25. Ma sono fantastici!!! Brava lenny questa ricetta mi sembra perfetta,senza troppi grassi,è l'ideale per chi come me pur restando perennemente a dieta ma che comunque ingrassa... Ah dimenticavo sono perennemente a dieta ma solo psicologicamente! comunque diciamo che mangiare questi fantastici dolcetti mi farebbero sentire meno in colpa....

    RispondiElimina
  26. anch'io avevo notato i dolcetti al cocco e mandorle di "dulcis in furno"....ora noto i tuoi....insomma adesso chi me li leva dalla testa? vabbè ho capito li provo...in effetti è anche un dolcetto che può piacere anche ai bimbi! buona giornata

    RispondiElimina
  27. Ciao! farina di cocco e di riso...ne abbiamo assaggiati proprio di simili domenica, alla fiera del biologico nel nostro Paese! ma che buoni!!
    un sacchettino l'hai tenuto da parte per noi??!
    un bacione

    RispondiElimina
  28. @Ciboulette: per essere sincera erano dei cakes un po’ tropo compatti, perché essendo partita di una ricetta di biscotti, ho pensato che il risultato finale fosse “biscottoso” e per questo motivo non ho usato lievito che invece raccomando.
    Inoltre la farina di riso ha dato una sofficità inaspettata: lo stampo da cakes era solo una scelta di comodo, per evitare di modellarli con l’ansia di rispettare le eguali proporzioni per ognuno.
    Infine, la mancanza di grassi e di tuorli non è una mia idea: come vedi è un risultato inatteso, ma sorprendentemente interessante

    @Milla: anch’io mi sto impegnando a ponderare le calorie di ciò che trovo o porto a tavola e sono riuscita a gustare questi cakes senza pentimenti!

    @dada: una ricetta "non" che va a assolutamente rifatta ….

    @Federica: provali: li troverai deliziosi

    @Fiordilatte: mi sono ripromessa di approfondire le sperimentazioni con la farina di riso, perché è interessante la consistenza e la delicatezza che conferisce ai dolci: l’ho acquistata dopo aver gustato dei biscotti industriali con tale farina

    @dolci a ...gogo!!! tanto candore è insolito nei dolci da forno e li rendi ancora più invitanti

    @Elga: sono anche veloci da preparare, particolare non trascurabile e l’eventuale aroma che si decidesse di introdurre, li renderebbe ancor più interessanti

    @casasplendente: grazie

    @Rossa di Sera: sono leggeri in tutti i sensi, anche come peso specifico …..

    @Tania: senza il tuo imput non ci avrei pensato, grazie

    @fantasie: ricapitolando, questi cakes sono adatti a chi non vuole eccedere con le calorie, a chi ha problemi di colesterolo e a chi è celiaco: grazie per le precisazioni, quasi quasi aggiungo queste informazioni al post

    @Luca and Sabrina: sperimenterò ancora con la farina di riso, ne sono entusiasta

    @Giò: ricomincia, è un peccato non riuscire a superare questo empasse: tu sei una maga con le farine

    @Babs: mi fa piacere sapere di esserti stata utile: il bello dei blog è questo scambio continuo che si genera

    @marifra79: non ce ne sono molti di dolci light purtroppo …

    @alessandra (raravis): mi sembrava giusto precisare " si fanno apprezzare senza indurre al peccato", perché è la prima considerazione spontanea, scaturita dall’assaggio

    @Lory: sarei curiosa di conoscere la tua variante

    @Gambetto: in fondo si tratta di un esperimento che ha sortito un buon esito, ma di certo è migliorabile e quello che ho scritto sono le prime varianti che mi piacerebbe apportare.
    Cioccolato? Bianco, immagino: è un abbinamento che ho già sperimentato con il cocco (guarda nelle ricette correlate, elencate a fine post)!

    @Lydia: so che è particolarmente indicata per le tempure e sono impaziente di sperimentare

    @Camomilla: ho acquistato la farina di riso da poco e questo è il primo utilizzo, ma ne prevedo altri prossimamente ….

    @Betty: grazie

    @Claudia: l’aspetto è anch’esso dovuto al caso, difatti ho scelto gli stampi da mini cakes per praticità

    @Cinelog: benvenuto! Se li provi poi fammi sapere!

    @Onde99: penso proprio che per me diventeranno un must

    @Saretta: il loro candore rispecchia la delicatezza del gusto, perché il cocco non è forte, ma è gradevolmente stemperato

    @ilcucchiaiodoro: quando ci si può deliziare con dolce light perché non approfittarne?

    @annarita: ti consiglio di provarli entrambi

    @manu e silvia: come erano quelli che avete assaggiato?

    RispondiElimina
  29. Ok per il cioccolato bianco...mi vado a spulciare subito i post persi! :-P
    PS
    Magari i miei esperimenti venissero come i tuoi! :-D

    RispondiElimina
  30. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  31. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  32. @Gambetto: nel link (pdf pag. 37) che ti ho indicato, ho usato il cioccolato bianco come glassa, ma in questa ricetta trovo che sia interessante amalgamarlo a pezzetti nell'impasto.
    Al contrario di quanto dici, trovo molto interessante la tua cucina

    RispondiElimina
  33. PDF scaricato...spettacolare!
    Grazie per la stima :-)
    PS
    Per la glassa...suppongo che il cioccolato bianco debba essere di ottima qualità per avere una copertura setosa ed omogena, o anche i prodotti più commerciali vanno bene?
    Bella la copertura con la farina di cocco. Grazie mille di tutto :-))))))

    RispondiElimina
  34. @Gambetto: se devo essere sincera, per quei dolcini ho usato cioccolato bianco "comune" acquistato nella grande distribuzione.
    Allora non avevo ancora sviluppato la "giusta sensibilità" nella scelta degli ingredienti.
    Grazie a te per la fiducia

    RispondiElimina
  35. Ti aggiorno sui risultati degli "studi" quanto prima ;-)
    Thanks

    RispondiElimina
  36. Sicuramente sono buonissimi e davvero belli da vedere! Appena mi ritrovo con degli albumi li faccio... ho già l'acquolina! Complimenti

    RispondiElimina
  37. Lennyyyyyyy, non puoi farmi questo!
    Anche io ho lì albumi che attendono una degna fine, ma qui sto lievitando meglio dei panettoni!
    Come faccio adesso, me lo dici? Non posso farli ma DEVO farli... Che atroce dilemma!

    RispondiElimina
  38. Gli esperimenti sono i miei preferiti, quando poi riescono bene mi piacciono ancora di più!!! Mi hai anche ricordato (come altre blogger) che è ora di riprendere a preparare i biscotti!

    RispondiElimina
  39. Sono splendidi, mannaggia! Non vedo l'ora di provarli

    RispondiElimina
  40. @Gambetto: ci tengo!

    @Gloria: ti conquisteranno

    @Sarah: se ti può consolare, sappi che non sono molto calorici ….

    @Aiuolik: è piacevole e divertente dare lavoro al forno

    @iana: se li provi, poi fammi sapere che ne pensi

    RispondiElimina
  41. sono meravigliosamente bianchi!

    RispondiElimina
  42. arrivo un po' tardi ma devo dirlo: quesit dolcetti sono bellissimi e intriganti, semplici e genuini.. fantastici dire.

    RispondiElimina
  43. @Gambetto ;-)

    @salsadisapa: è un candore abbagliante che anticipa la loro leggerezza

    @fiOrdivanilla: consiglio di provarli e si dimostreranno sorprendenti

    RispondiElimina
  44. Ciao,

    ho provato la tua ricetta e l'ho seguita in ogni minimo dettaglio ma a me sono usciti dei mattoncini per quanto riguarda la consistenza dell'impasto e il risultato dopo cotti.

    Sei sicura che le quantità siano quelle giuste????

    160 Gr Zucchero
    160 Gr Farina di riso
    160 Gr Farina di cocco

    P.f. potresti farmi sapere dove ho sbagliato, ho aggiunto anche un po' di lievito ma l'impasto era diventato cosi duro che non sono riuscita a inglobare tutta la farina ed è rimasto tutto un po' grumoso e appiccicaticcio.

    Eppure ho seguito le istruzioni alla lettera... :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace davvero tanto!!!
      Hai aggiunto gli albumi montati a neve?

      Io non li preparo da allora, ma spero di riuscire a farli a breve (impegni permettendo), così potrò darti indicazioni più precise!

      Un modo per ovviare al problema in cui sei incorsa, sarebbe quello di aggiungere del latte di cocco (o in mancanza) di latte vaccino, per rendere più fluido il composto!

      Non appena li replico, ti faccio sapere, lasciandoti un commento qui :)
      A presto :)

      Elimina
    2. Ho fatto tutto come hai indicato:

      Ho montato gli albumi a neve, ho aggiunto lo zucchero vanigliato, poi ho incorporato le due farine (pesate con la bilancina) ma appena ho aggiunto il 4° cucchiaio di farina il composto ha cominciato ad addensarsi fino a diventare un polpettone: anche con la frusta elettrica era impossibile rimestare. Ho provato ad aggiungere il latte di cocco (io avevo solo quello Thay) circa 200 ml sperando di riuscire a sbloccare la situazione.

      Purtroppo c'era troppa farina e la metà del composto è rimasto polveroso.

      Provero' ancora a farli questi mini cake perché sono una testona e voglio riuscire a farli (e soprattutto assaggiarli) ma provero' a ridurre la quantità di farina e vediamo cosa viene fuori. :-)

      Ciao :-P

      Elimina
    3. Lascia che provi io prima: mi dispiacerebbe che tu incappassi in un altro insuccesso.
      Cercherò di farli nei prossimi giorni :)
      Un abbraccio :)

      Elimina
    4. OK va bene :-) Grazie millissime
      Un abbraccio anche a te

      Elimina
    5. Eccomi qua: li ho preparati ieri con la pochissima farina di cocco che avevo in casa ed ho dimezzato le dosi, scattando anche qualche foto che ho inserito nel post.

      Effettivamente sì, dopo aver incorporato gli ingredienti secchi (farina di cocco, di riso e lievito) agli albumi montati a neve con lo zucchero, il composto si è presentato alquanto denso e così ho aggiunto il latte vaccino (non avevo quello di cocco), fino a rendere il composto sufficientemente fluido.
      Non contenta, ho diviso l’impasto in due parti e solo ad una, ho aggiunta un po’ d’olio evo delicato: a fine cottura ho assaggiato e posso dire che quelli con l’olio sono più morbidi e soffici (i primi due in alto nella foto), ma se proprio si vogliono preparare senza grassi, è sempre valida la ricetta originale e basterà conservarli in un sacchetto di cellophane per alimenti, perché non diventino troppo secchi o gommosi.

      In conclusione la ricetta è la seguente

      4 albumi codice 0
      160 g zucchero a velo
      160 g farina di riso
      160 g farina di cocco
      200 g latte vaccino
      1 cucchiaino lievito
      1 cucchiaio d’olio evo delicato

      -----

      Spero di esserti stata utile e, mi raccomando, se riprovi, tienimi informata :)

      P.S.: mi è sorto un dubbio: che le farine di cocco abbiano un grado di assorbimento diverso dei liquidi?

      Elimina

RETROSCENA DI GUSTO