12 giugno 2009

Cassatine speziate di frutta sciroppata

Alquanto controverso è il mio rapporto con la cassata, dolce simbolo della pasticceria siciliana, dall’aspetto sontuoso e sfavillante e dalla ricchezza di ingredienti e calorie che ha attraversato secoli di storie e leggende.
Un dolce o forse un mito, intoccabile …
Di recente, tuttavia, sfogliando una vecchia rivista, la mia attenzione è stata attratta da alcune cassate in versione mignon, molto essenziali per fattura ed aspetto e soprattutto dal carattere speziato: un’eresia … ma tanto accattivante ….
Interpretandone lo spirito irriverente, l’idea di sostituire la frutta candita con quella fresca, sciroppandola e di aromatizzare con scorze di bergamotto candite (o di limoni bio), nel folle tentativo di conservarne un’identità perduta.
Dall’aspetto dimesso, per nulla procaci, ma dall’indole dolcemente discreta e speziata: chiamateli pure dessert alla ricotta, questi deliziosi scrigni alla frutta.

Cassatine speziate di frutta sciroppata


Cassatine speziate di frutta sciroppata

Ingredienti x 3
300 g ricotta di pecora
40 g zucchero a velo
1 cucchiaino cannella
4 semi di cardamomo
80 ml acqua + 2 cucchiai di zucchero
1 pesca piccola
1 kiwi piccolo
5 fragole
5 ciliegie
scorze candite bergamotto (o scorze candite di limoni bio)


Preparazione. Portare a ebollizione l’acqua con lo zucchero e versarla, ancora bollente sulla frutta (che deve essere soda e dolce) lavata, mondata e ridotta a dadini.
Montare la ricotta con una frusta [ho scoperto che è un metodo alternativo e veloce alla classica lavorazione a crema della ricotta nel setaccio], con lo zucchero e la cannella, unire i canditi a cubetti, la frutta precedentemente sciroppata ed il cardamomo precedentemente tostato in una padella antiaderente.
Rivestire con pellicola trasparente gli stampini, riversarvi il composto e riporre in frigo a rassodare per 5-6 ore. Prima di servire, sformare e spolverizzare con della cannella.

Consiglio raggelante: per gli amanti del brivido è consigliato un passaggio in freezer di 1-2 ore prima di servire.

31 commenti:

  1. Ciao Lenny! Ma cosa vedono i miei occhi una favolosa golosità alla frutta! Bè! Io vado matta per questo genere di cose... Bravissima come sempre! Buon fine settimana

    RispondiElimina
  2. ecco come presentare un dolce buono ed elegante...sarà di certo particolare come gusto e ogni tanto bisogna anche rinnovare un dolce intoccabile:-)bacioni imma

    RispondiElimina
  3. Ottima la tua versione, nonostante sia siciliana la cassata proprio non mi attira, ma la ricotta utilizzata in questo modo si^_^

    RispondiElimina
  4. @Elisakitty's Kitchen: è un dessert ben riuscito, dove la presenza della frutta sciroppata regala una dolcezza discreta e non stucchevole, aromatizzata dalle spezie e vivacizzata dalle scorze candite home made

    @tartina: l'aspetto non è molto attreante, ma la bontà è da scoprire all'assaggio.
    Si potrebbero definire delle piccole cenerentole, in confronto alle sorelle originali

    @dolci a ...gogo!!! per quanto io ami sperimentare in cucina, non mi sarei mai sognata di manipolare la cassata, ma poi dopo l'imput iniziale non sono più riuscita a controllarmi

    RispondiElimina
  5. Lenny, mi hai chiamata con il canto della cassata! E che vestitino estivo gli hai dato. La tua elegante irriverenza mi piace e mi incuriosisce molto il sapore. Per me è il dolce sontuoso e sensuale per eccellenza. Bravissima!!!

    RispondiElimina
  6. @sweetcook: non sai quanto mi confortino le tue parole: temevo qualche ritorsione di parte siciliana, al cospetto del mio sacrilegio

    RispondiElimina
  7. @dada: questa versione conserva la sensualità dell'originale, ma è più fresca e dall'aspetto poco appariscente

    RispondiElimina
  8. Per noi un passaggio in freezer, perchè no! Molto interessante questa rivisitazione della cassata, sì, ne hai sdrammattizzato la sontuosità, ma il risultato finale è una favola. Lo proveremo sicuramente, anche perchè di semplice realizzazione.
    baci e buon fine settimana da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  9. L'utilizzo della frutta fresca la trovo una magnifica idea!

    RispondiElimina
  10. Wow..son splendide! ricotta e frutta sciroppata...un abbinamento intrigante ma molto dolce! davvero un'ottima idea!
    noi la cassata non l'abbiamo neppure mai mangiata...e siamo dell'idea che ci stiamo perdendo un paradiso ;)
    bacioni

    RispondiElimina
  11. @Luca and Sabrina: il passaggio in freezer, purchè non sia troppo prolungato, rende questo dessert ancora più interessante

    @Tania: mi sembrava contraddittorio usare i canditi, avendo a disposizione tanta frutta di stagione

    @manu e silvia: vi consiglio di assaggiare la cassata siciliana, perchè è un'esperienza sensoriale di dolcezza indicibile

    RispondiElimina
  12. @marsettina: semplici da realizzare, ma di grande delicatezza ed aromaticità

    RispondiElimina
  13. uuuuu ma che bella cassatina.... slurp! ciao. buon we!

    RispondiElimina
  14. E' una piacevole rivisitazione della nostra cassata,congratulazioni

    RispondiElimina
  15. Essenziale, senza i fronzoli troppo dolci della tradizionale cassata. Per carità, ottima, ma in versione più sobria mi piace molto.

    Buon weekend
    Alex

    RispondiElimina
  16. che bontà!! io la cassata classica non l'ho mai assaggiata, ma queste tue cassatine mi attirano molto con la frutta fresca e ricotta le proverò e ti farò sapere!! un bacio e buon fine ssettimana!!

    RispondiElimina
  17. Intanto sottoscrivo in pieno il pensiero di Tartina...

    Questa ricetta è semplice ma assolultamente deliziosa. Vedo che ti si sono sformati perfettamente: è merito del passaggio in freezer o la ricotta "tiene" bene anche solo dopo il frigorifero?

    RispondiElimina
  18. Ma che meraviglia di dessert! Anche io non amo troppo la cassatina, mi tenta però poi al gusto la trovo dolcissima, forse per me davvero troppo! Devo provare la tua versione, che mi stuzzica moltissimo, adoro la ricotta nei dolci! Un grande bacione, buon sabato

    RispondiElimina
  19. Sono bellissime! E chissà che buoneeeeeeee!

    RispondiElimina
  20. versione senza Pds, mi piace...da provare!

    RispondiElimina
  21. versione senza Pds, mi piace...da provare!

    RispondiElimina
  22. Mmmmm mooooolto interessanti!!!! un bacione..

    RispondiElimina
  23. Amo la cassata (aihmè ;D) e questa tua rivisitazione mi fa letteralmente ipazzire...bravissima
    Un bacione
    fra

    RispondiElimina
  24. @Barbara...Babs: forse definirla "cassatina" è una parola un po' forte, ma così titolava la ricetta dalla quale è tratta

    @Caterina: anche tu siciliana? Che piacere!!!

    @Federica: è un dessert goloso e light ...

    @Cuoche dell'altro mondo: l'originale è inimitabile, ma a volte anche le imitazioni hanno il loro valore

    @katty: attendo il tuo giudizio

    @Virò: la "forma" del dessert dipende molto dalla consistenza della ricotta: la mia cassatina (così come quella della ricetta che ho copiato) era di una "morbidezza stabile"

    @le pupille gustative: in versione "minimalista" è di una dolcezza contenuta e niente affatto stucchevole

    @Aiuolik: sono molto delicate

    @Dolcienonsolo: forse sono di una nudità sconcertante, ma il gusto è piacevolemnte sorprendente

    @Claudia: grazie

    @Fra: è poco ortodossa, ma piace

    RispondiElimina
  25. Buoneeeee! Io adoro la cassata però i canditi proprio non li posso vedere...
    Questa versione è eccezionale, complimenti.
    m.

    RispondiElimina
  26. @Mariù: idem. Il mio rapporto con la cassata è idilliaco, ma la presenza dei canditi è un po' una nota dolente per me

    RispondiElimina
  27. stupenda...due fogli di gelatina per farla a mo di sformatino?...forse no che ne dici chef ho detto una cavolata?
    www.chefmarco.splinder.com

    RispondiElimina
  28. @chefmarco: quando posso, cerco di evitare l'utilizzo della gelatina ed in questo caso non era previsto dalla ricetta originale, nè ne ho avvertito la necessità.
    Probabilmente se si opatasse per un formato più grande, allora forse sarebbe imprescindibile.
    Infine l'aggiunta della gelatina, sarebbe urgente, qualora si stia lavorando una ricotta molto molle.

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO