28 maggio 2009

Praline alla spagnola (Turron)

Il ritmo di nacchere sensuali che scandiscono la danza di pettini finemente cesellati e balze di pizzo nero e rosso volteggianti; la corrida, metafora dell’uomo nell’arena della vita contro le avversità; le architetture animate di Gaudì, fantasia vivente e pulsante; le lunghe notti spagnole ed il suo popolo caliente …
Questi i miei scatti spagnoli di una gita alla quale nella mia breve parentesi di docente, ho rinunciato, in nome di un dovere da assolvere.
Fu una scelta obbligata della quale non mi sono mai pentita, ma il ricordo di quel viaggio mancato con i miei ragazzi, quello sì che è oggetto di rammarico …
Tuttavia sono convinta che nella vita c’è sempre una seconda occasione: potrebbe essere questa?

Praline alla spagola (Turron)


Praline alla spagnola (Turron)
Ingredienti
250 g zucchero raffinato
250 g mandorle
2 tuorli + 1 albume codice O
vaniglia o porto [aggiunta personale]

Preparazione. Mescolare a lungo in una terrina lo zucchero [alla vaniglia] con le mandorle macinate. [Pastorizzazione tuorlo: predisporre un pentolino con l’apposito contenitore a bagnomaria e mescolarvi il tuorlo con parte dello zucchero, fino a che il composto non vela il cucchiaio] Incorporare i tuorli, amalgamandoli bene; in un’altra terrina montare a neve ben soda l’albume [Pastorizzazione albume: cominciare a montare l’albume e successivamente proseguire a bagnomaria] e aggiungerlo delicatamente all’impasto di zucchero e mandorle [ho diviso il composto in due parti ed ho addizionato ad una parte un'ombra di Porto]. Rivestire con un foglio di carta forno un contenitore rettangolare e stendervi sopra il composto in uno strato dello spessore di 1 cm e mezzo. Livellare bene la superficie con una spatola, coprire con un altro foglio di carta forno, porvi sopra un peso e riporre in frigo. Lasciare così il composto per almeno 3 giorni e poi tagliarlo a dadi di circa 2 cm di lato. Se non dovesse essere ancora asciutto, lasciare fuori dal frigo e scoperto per mezz’ora almeno, prima di servire. [Ricetta tratta dalla Grande Enciclopedia della Cucina Curcio]

Nota: Oggi in Spagna è possibile acquistare quasi dappertutto questa specie di marzapane. In passato era una ricercata prelibatezza alla quale ogni padrona di casa spagnola, a Natale o a Pasqua dedicava molto tempo e molta cura e della quale ogni famiglia possedeva una ricetta segreta.

-------

Dedico queste praline a stefi – la bottega delle bontà che ringrazio per avermi insignito del premio Somos mulheres

-------------
Con questa ricetta e con la Apple pie alla marmellata di bergamotto partecipo alla raccolta I dolci più buoni del mondo, indetta da imma- dolci a gogò

39 commenti:

  1. Ma dai...mi ricordano dei dolcetti sardi che prepara mia suocera con gli stessi ingredienti ed in più l'essenza d'arancio... Sardegna e Spagna: d'altronde sempre di Mediterraneo parliamo...

    P.S. Peccato per la tua rinuncia all'insegnamento...esiste (a parte la pasticcera) un lavoro più bello?...Non per me...

    RispondiElimina
  2. @federica: per gli amanti ad oltranza delle mandorle, lo sono senza alcun ombra di dubbio

    @konstantina: difatti ne ho preparato una metà solo con la vaniglia, perchè i bimbi di casa dessero man forte

    @virò: non sono una pasticcera, lavoro in un campo molto più prammatico, quale è il diritto!
    Devo dire però che il contatto con i ragazzi si è rivelato per me un'esperienza entusiasmante e di grande ricchezza

    RispondiElimina
  3. Adoro tutto ciò in cui sono presenti le mandorle quindi...

    RispondiElimina
  4. Li ho riportati da un viaggio fatto in Spagna ed erano buonissimi!!! La tua descrizione della Spagna é talmente profonda e fedele che sembra di vederla davanti a me. Bravissima come sempre!
    Un bacio, Mik

    RispondiElimina
  5. che buoni questi dolcetti, sei bravissima e la foto mette una fame!!! un bacio

    RispondiElimina
  6. Io invece non ho rinunciato al viaggio con i miei alunni in Andalusia, e non me ne sono pentita. E' stato un viaggio meraviglioso, in posti fantastici, conalunni formidabili... e poi quanto si mangia bene in Spagna!... e i tuoi dolcetti lo dimostrano proprio!

    RispondiElimina
  7. Ciao!il marzapane ci piace sempre un sacco! questa ricetta è davero buonissima!
    baci baci

    RispondiElimina
  8. @Tania: amore a prima vista

    @Mimmi: che consitenza avevano? Le mie tendono a sbriciolarsi ...

    @carmen: uno tira l'altro

    @fantasie: eppure i miei ragazzi, ma anche altre persone che conosco non hanno una buona opinione della cucina spagnola, eccezion fatta per la mitica paella

    @manu e silvia: è una ricetta per veri golosi

    @marsettina: deliziosi

    RispondiElimina
  9. Ogni volta che capito in Spagna, porto a casa un pò di turron ( gusti vari). Uno di migliori è, indubbiamente, quello che hai postato oggi! Complimenti, hai scovato una chicca!
    Baci!

    RispondiElimina
  10. Grazie mille della visita,quello che mi hai chiesto non è un vero e proprio fiore...ma è la parte alta della pianta della cipolla matura!

    RispondiElimina
  11. Secondo me ti tocca partire immediatamente per andare a mangiare le originali...
    Buon w.e.

    RispondiElimina
  12. @Rossa di Sera: alla ricetta originale ho aggiunto la pastorizzazione della uova: quali sono gli altri gusti possibli?

    @ilcucchiaiodoro: grazie a te per l'informazione

    @Lydia: questa sì che sarebbe una seconda occasione!!!
    Buon w.e.

    RispondiElimina
  13. Devono essere dolcissime.. e buonissime!!!bacioni buon fine settimana...

    RispondiElimina
  14. Non ho mai assaggiato questi dolcetti, ma sembrano davvero deliziosi!
    un bacione e buon fine settimana
    fra

    RispondiElimina
  15. Lenny, hai dato poesia a questo dessert senz'altro divino (inoltre, come te sono un'amante fedele della mandorle)...

    RispondiElimina
  16. La Spagna non mi ha mai attratta, ma il tuo premabolo a questo sensualissimo torrone, le immagini lascive, voluttuose, provocanti, che sanno di azulejas sgargianti, mantillas vezzose e vini corposi, mi hanno messo voglia di partire all'istante per una larga noche sevillana...

    RispondiElimina
  17. Erano abbastanza friabili, ma che si sbriciolassero non mi pare. Ah, le mie avevano le ostie da ambo i lati. Forse quelle le tenevano piú "salde"?
    Gugolando qua e lá, ho visto che in alcune ricette c'é il miele. Che faccia da collante?
    Ahó, poi se si sbriciolano o no, sempre buone rimangono. Al limite, le puoi usare e con lo stesso successo, come "crumble" per tortine o gelati...
    Un bacio, Mik

    RispondiElimina
  18. Ah Espagna, que tierra meravillosa!
    Questo postre è favoloso!
    besitos

    RispondiElimina
  19. Gran bei dolcetti!
    Cambiato l'header?
    Un bacione,
    m.

    RispondiElimina
  20. La Spagna mi rimane nel cuore ... era una seconda casa per me e non l'ho mai apprezzata quando ero adolescente... ma si apprezza qualcosa quando si è adolescenti???
    Spero di poter recuperare e tornarci il più possibile...
    Bbono il Turron :)

    RispondiElimina
  21. che bella lenny la nuova presentazione del tuo blog!
    a me piace la cucina spagnola, non conoscevo queste praline però, opperbacco mi erano sfuggite!
    brava come al solito, buon we. io vado a sassuolo, tre giorni nella mia città, era ora!!!

    RispondiElimina
  22. @Claudia: è stupefacente come con soli 3 ingredienti (eccezzion fatta per gli aromi che ho aggiunto io), si possa arrivare ad un risultato così buono

    @Fra: anche per me si è trattato di una novità

    @dada: ai miei occhi, la presenza delle mandorle è una garanzia di bontà

    @Onde99: partiamo insieme?

    @Mimmi: in realtà non si sbriciolavano molto e parlo al passato, perchè sono già terminate: per superare all'impasse, le ho servite nei pirottini

    @Saretta: el savor de Espagna ....

    @Mariù: il nuovo header è il reaglo di una mia cara amica

    @ Chiara.u: ti auguro di tornarci presto

    @natalia: per me rappresentano una picevole scoperta.
    Rilassati e Buon WE

    RispondiElimina
  23. Io questi in spagna me li sono persi, magari recupero qui in italia con la tua ricetta :-)

    RispondiElimina
  24. Che particolare questo dolce, dà l'idea di essere buonissimo!

    RispondiElimina
  25. sono stata in Spagna pochi anni fa ed ho avuto la fortuna di assaggiare questi dolcetti
    è vero, sono buonissimi
    non li avevo però associati al marzapane...
    e non sapevo di trovarne la ricetta
    :D facile per di più

    buon week end, tra mille sapori e belle giornate

    RispondiElimina
  26. Versione molto personale con la spagna

    RispondiElimina
  27. Che delizia che sembrano!
    Così eterei *_*

    *

    RispondiElimina
  28. @Aiuolik: a volte si riesce a recuperare ciò che è perduto ... o forse è solo un’illusione …

    @NIGHTFAIRY: è un dolce per veri golosi

    @Irish Coffee: come avrai avuto modo di leggere, la ricetta è semplicissima

    @Sonya Eff: che bello leggerti. Scusami se ho dato un’idea stereotipata della Spagna, ma in fondo si tratta di suggestioni di questa terra meravigliosa, filtrate dai racconti che ho ascoltato e dalle immagini che ho assorbito

    @tartina: sono di una dolcezza delicatissima e sono piaciuti molto

    RispondiElimina
  29. :)))) lenny i tuoi ragazzi avranno sicuramente avuto il tuo stesso rammarico

    RispondiElimina
  30. Ciao ! ti ho " incontrata " da evelyne , mi ispirano tantissimo le tue praline . Sono stata in Spagna ma non li ho assaggiati , ora ... rimedio ! grazie

    RispondiElimina
  31. Dove ci sono mandorle il successo è assicurato...grazie per questa ricetta!

    RispondiElimina
  32. Mi immaginavo una cottura in forno ... interessante, e approvo il porfumo di porto :-)

    RispondiElimina
  33. gnamme che buone, evviva la spagna, io mao barcelona !!!! ciao !!

    RispondiElimina
  34. complimenti una gran bella ricetta spagnola, anche non difficile dalle spiegazione belle che hai dato

    RispondiElimina
  35. Come sempre una ricetta gustosa e ben presentata e come sempre accompagnata da un ricordo, non felicissimo ma legato ad una bella parentesi della tua vita, un abbraccio

    RispondiElimina
  36. @enza: ... e quando sono tornati, hanno organizzato una serata in pizzeria, per avere modo di rievocare i giorni di divertimento

    @Chiara: benvenuta

    @Dolcienonsolo: come non adorare le mandorle?

    @twostella il giardino dei ciliegi: non richiedono nessuna cottura, se non quella necessaria per la pastorizzazione delle uova che tra l'altro è una mia variazione della ricetta originale

    @FairySkull: W la Spagna

    @Gunther: è di facile realizzazione, come hai avuto modo di leggere

    @Anicestellato: grazie cara

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO