12 gennaio 2009

Mattonella di panettone con mousse al cioccolato bianco

Se il tormentone post-festivo è “depurare l’organismo”, la condicio sine qua non è l’abbattimento delle traboccanti “scorte traditrici” o “avanzi seducenti” che occhieggiano beffardi e inducono in tentazioni peccaminose, ingannando i freni inibitori, con sensi di colpa lancinanti a seguire.
Così meglio mettere in atto l’operazione “eliminazione panettoni in giacenza pericolosa” e, continuando il percorso di destrutturazione, trasformarlo in una soffice mattonella che racchiude una deliziosa mousse al cioccolato bianco.
Riciclare il panettone per voltare pagina

Mattonella di panettone con mousse al cioccolato bianco


Mattonella di panettone con mousse al cioccolato bianco

Ingredienti x un cake di cm 20

350 g di 1 panettone di 750 g

Mousse al cioccolato bianco
100 ml panna
1 uovo
100 g cioccolato bianco
30 g zucchero

2/3 fichi secchi
5/6 datteri

spumante o champagne

Glassa
30 g di cioccolato bianco circa
1 cucchiaino panna liquida

Guarnizione
1 arancia biologica
30 g zucchero circa

Preparazione. Asportare al panettone la calotta, tagliare in due la parte restante ed eliminarne la parte centrale, lasciando una crosta di 1 cm.
Foderare con pellicola per alimenti uno stampo da plum cake.
Ritagliare sulla carta forno, la sagoma del fondo dello stampo che si utilizzerà e seguendo questa guida, ricavare le prime due fette, da collocare sul fondo dello stampo. Proseguire con altre quattro fette da collocare sui lati più lunghi dello stampo ed infine due quadrati sui lati più corti.
Mousse al cioccolato bianco. Tritare il cioccolato e fonderlo a bagnomaria in metà del quantitativo di panna. Separare il tuorlo dall’albume e tenere da parte.
Incorporare delicatamente il tuorlo al cioccolato fuso, mescolando con una frusta perché non si formino grumi. Spegnere e raffreddare.
Portare quasi a bollore dell’acqua in una casseruola; montare a neve ferma l’albume in una ciotola per 5' e infine adagiare la ciotola sulla casseruola, lavorando ancora l’albume per 5' (meringa).
Montare il resto della panna e incorporare alla crema di cioccolato bianco, unitamente alla meringa, rimestando delicatamente con movimenti rotatori.
Unire alla mousse le briciole di panettone ( finché saranno visibili nel composto o a piacimento) e volendo fichi secchi e datteri tritati grossolanamente a coltello o altra frutta secca.
Assemblaggio. Imbibire il panettone come sopra preparato, con lo spumante (o champagne), colmarlo con la mousse e richiudere con altre fette. Compattare bene, imbibire con altro spumante, chiudere sigillare con pellicola trasparente e riporre in frigo per 3 ore.
Guarnizione. Far sciogliere il cioccolato a bagnomaria con la panna e versarlo sulla mattonella [ho volutamente usato un quantitativo esiguo ed impalpabile di glassa, perché restasse visibile la natura di panettone della mattonella].
Lavare, tamponare e tagliare l’arancia a dischi, trasferirla in una pentola con lo zucchero e dell’acqua e portarli ad ebollizione, prima che inizino a disfarsi. Passarli sotto l’acqua fredda, prelevare le scorze ed arrotolarle a roselline [le mie avrebbero dovuto cuocere di più e risultare più flessibili ed elastiche, ma i degustatori non potevano aspettare].

Mattonella d panettone



NOTA - Ricetta ambivalente: nel periodo pre-festivo per gustare in modo originale il dolce natalizio per eccellenza e nel periodo post-festivo per riciclare con golosità ed eleganza il calorico panettone.

20 commenti:

  1. una buona idea per continuare a gustarsi il panettone!!

    RispondiElimina
  2. Buongiorno Lenny!
    Hai ragione prima di mettersi seriamente a dieta è necessario eliminare dalla dispensa i cibi che potrebbero farci cadere in tentazione... Mi piace moltissimo questa mattonella ed il fatto che tu abbia spiegato la preparazione in maniera molto chiara!
    Un bacio

    RispondiElimina
  3. Ma si, dai che possiamo ancora gustarci il panettone, anche perché avanzati e riciclati cosi' é tutta un'altra festa!!!complimenti per l'idea fantastica.

    ps: ecco la risposta al mio post:....va bene anche l'aceto bianco o se preferisci del balsamico bianco. Prava perché buono davvero!!!Grazie e felice
    giorno

    RispondiElimina
  4. Mi sa che adotterò il motto "Riciclare il panettone per voltare pagina", così è meno drastico il fatto di rientrare nel regime sslutista;)
    Comunque il panettone non poteva fare una fine migliore:)

    RispondiElimina
  5. wow, anche se le feste sono finite bisognerà pur mangiare qualcosa????e questo panettone mi sembra proprio perfetto;))un bacio e buona settimana!!

    RispondiElimina
  6. wow che ricetta invitante e che buona idea per utilizzare il resto dei panettoni:-)sei mitica,baci imma

    RispondiElimina
  7. Oh, Lenny! Sapessi quanti ne ho da smaltire!!!!

    RispondiElimina
  8. Non ho rimanenze di panettone, ma per questa ricetta potrei andare a elemosinarli in giro :D
    Un bacio
    Fra

    RispondiElimina
  9. ottimo modo per smaltire il panettone avanzato!!!
    bravissima...ed io soffro davanti al pc alle 12.00!!

    RispondiElimina
  10. Che goduria!! Autentica goduria:)Peccato che non ho un panettone che avanza!

    RispondiElimina
  11. Un po di riciclo serve proprio a casa mia. Non mangiando io panettoni e pandori, il mio povero uomo è costretto a mangiarli fino alla nausea. Se glielo presentassi sotto un altra veste forse lo mangerebbe più volentieri. :D
    Baci

    RispondiElimina
  12. Ciao! ho scovato il tuo blog dalla lista blog di Luca e Sabrina... sta mattonella è golosissima..un vero mattone!!!! beato chi si può permettere di mangiarla, io no essendo intollerante al lattosio.. rosico solo!! ciao e a presto... :-)))

    RispondiElimina
  13. potevi avvisarmi che saresti passata da casa mia a sbirciare nella dispensa, mi sarei fatta trovare!!!!!!

    Bell'assist per consumare il panettone (che non amo tantissimo) e continuare a fare dolci, grazie!! Baci :)

    RispondiElimina
  14. buona questa "ristrutturazione" del panettone..complimenti Lenny..è bello ritrovarti!!

    RispondiElimina
  15. Ciao Lenny, che meraviglia, che buona questa mattonella, davvero strepitosa! Io sono della scuola di pensiero che sì bisogna rimettersi in riga con le calorie dopo Natale, ma senza deprimersi in diete feroci e ogni tanto concedersi un piccolo vizio, come una fetta di questo dolce sublime! Un bacione!

    RispondiElimina
  16. Ma come si fa a mettersi a dieta...Lenny, questo panettone è troppo goloso!!!

    RispondiElimina
  17. Che tentazione! Anche per rendere un po' nuovo un classico di cui non si può fare a meno! Bellissima decorazione :-)
    Baci

    RispondiElimina
  18. WOW che meraviglia!!! fantastica quest'idea, la voglio provare ho giusto un paio di panettoni da far fuori ancora!

    RispondiElimina
  19. buona buona ottima da fare subitissimo ciao

    RispondiElimina
  20. nini - è un'idea per servire il panettone, celandovi la morbida sorpresa di una dolce mousse

    camomilla - era necessario dilungarmi nelle spiegazioni, in quanto dalla corretta esecuzione della tecnica di assambleggio, dipende la buona riuscita estetica del dolce

    mariluna - così il panettone assume un allure nuovo e gustarlo è tutt'altra cosa.
    Non sono riuscita a provare il chutney di finocchio e zenzero, causa esurimento del I ingrediente, ma la sperimentazione è solo rimandata

    sweetcook - per me regime salutista non significa rinunciare ai dolci, ma solo ridimensionarne il consumo

    pamy - se si consuma in regime di dieta, basta gustare delle fette sottili

    dolcia...gogò! - grazie

    virginia - i magnifici di tua produzione o quelli industriali?

    fra - allora sei una mosca bianca ...

    mirtilla - grazie

    elga - incredibile: anche tu, senza rimanenze!

    anna - potresti provare ...

    claudia - si potrebbe pensare a qualcosa di alternativo alla mousse

    ciboulette - continuo a fare dolci e poi ne regalo porzioni abbondanti: anche questo è uno stratagemma da adottare in periodi di disintossicazione

    elisa - benritrovata cara

    le pupille gustative - un regime salutista non necessariamente deve mortificare il palato: concedersi una porzione contenuta di dolce non è certo un dramma

    dolcienonsolo - ma come si può resistere ai dolci? Si può solo limitarne il consumo!

    twostella - una versione riveduta e corretta di panettone, giocando con le forme

    gaijina - benvenuta e poi fammi sapere se la provi

    marcella candido cianchetti - ciao cara

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO