25 gennaio 2009

Cena per due

Galeotti furono i corsi universitari: un incontro fortuito, uno scambio di informazioni e da lì frequentazioni sempre più fitte, il piacere di stare insieme, di ridere insieme, di scontrarsi per trovare un punto d’incontro.
Erano gli anni di transizione dall’adolescenza alla maturità (da costruire), anni di spensieratezza lieve e un po’ goliardica dalle tinte forti e brillanti: introversa, taciturna, sognatrice io e estroverso, logorroico e pignolo/realista lui, un mix impegnativo con tanti angoli da smussare.
In un coinvolgersi e farsi coinvolgere continuo, intervallato da alti e bassi e scandito dal ritmo altalenante di esami, partenze e arrivi (io ero studentessa fuori sede), si arrivò alla prima cena organizzata da me!!!!
Una sfida per una profana militante della cucina!!!!
Senza darmi per vinta, mi documentai con anticipo, sperimentai qualche ricetta di semplice realizzazione (!) e dopo tanto fare e disfare, ideai un menu che potesse conciliare gusto e semplicità di esecuzione.
…..
Premesso che, in fase di corrispondenza d’amorosi sensi qualsiasi cena sarebbe stata gradita, compresa quella acquistata dal rosticcere più vicino, per dovere di cronaca, quella fatidica sera, la cena da me preparata fu molto apprezzata (forse perché l’ospite d’onore, a conoscenza della mia proverbiale inettitudine ai fornelli, era preparato al peggio?).


ANTIPASTO

Prugne secche al gorgonzola e noci



Prugne secche farcite al gorgonzola e noci
Ingredienti x 2
prugne
gorgonzola
noci
vino bianco

Preparazione. Fare rinvenire le prugne lasciandole per 10’ circa nel vino bianco, quindi asciugarle e privarle del seme. Farcirle con il gorgonzola ed un mezzo gheriglio di noce. Richiuderle e disporle, infine su un vassoio.


PIATTO UNICO

Millefoglie di rosti e crema di zucca





Millefoglie di rösti con crema di zucca
Ingredienti x 2
500 g patate
400 g zucca rossa
4 amaretti
cipolla
olio evo
sale

Occorrente
Forrmauovo cuore silikomart

Preparazione.
Rösti di patate.
Pelare le patate, lavarle, grattugiarle e lasciarle a bagno nell’acqua per evitare che si anneriscano. Spennellare la padella con dell’olio, porvi il Forrmauovo silikomart cuore (all’epoca io preparai due rösti e vi ritagliai i cuori, seguendo una sagoma di carta forno) e all’interno dello stesso compattare le patate grattugiate e ben strizzate. Lasciare cuocere per circa 8-10’ e girare con l’ausilio di un piatto, completando la cottura. Spadellare i singoli cuori di rösti, su un foglio di carta forno (per essere successivamente agevolati nello spostamento) e cospargere con un pizzico di sale. Procedere sino ad esaurimento delle patate.
Crema di zucca. Mondare la zucca, lavarla, tagliarla a tocchi e farla andare con un velo di cipolla, sale e olio evo. A cottura ultimata, frullare e incorporarvi gli amaretti sbriciolati.
Montaggio. Disporre al centro di ogni piatto un cuore di rostï, ricoprirlo con la crema di zucca, procedere con il secondo cuore, la crema e finire con il terzo cuore, guarnendo con mostarda (o in mancanza con dei canditi).


DESSERT

Mousse di yogurt e ricotta e fichi secchi infornati



Mousse di yogurt e ricotta, fichi secchi infornati e noci
Ingredienti x 2
1 disco pds (o biscotti savoiardi)
250 yogurt bianco
100 g ricotta circa
8 fichi secchi infornati
brandy
noci tritate

Preparazione.
Mousse allo yogurt e ricotta.
Passare la ricotta ad setaccio a maglie fini ed incorporarvi lo yogurt.
Ricavare dal pds dei dischi dello stesso diametro del bicchiere da utilizzare e disporre il primo sul fondo del bicchiere, imbibire con il brandy, coprire con uno strato di fichi secchi tritati, proseguire con la mousse e ripetere nuovamente gli stessi passaggi. Guarnire con le noci ridotte a granella.


MENU

Cena per due

Altre ricette con la zucca

Vola u vent con purè di zucca

Pizzette di patate alla zucca, cannella, salvia e olive nere

Mini bavaresi di zucca con riduzione di aceto balsamico

---------------

Questo il racconto-menu del mio primo tête à tête che partecipa alla raccolta La tua prima cenetta per lui indetta da elga


La raccolta completa qui

26 commenti:

  1. Con il tuo menù ci dai anche un divertente suggerimento per San Valentino. Lo stampino a forma di cuore è proprio simpatico! Baci

    RispondiElimina
  2. un gran bel menù complimenti

    RispondiElimina
  3. Lenny, ma come ti posso ringrazire?! Un post bellissimo, e cavolo, ti eri documentata per benino per questa cenetta:)Fantastico menu, ci credo che lo hai fatto capitolare! Ti mando un abbraccio forte e lungo
    Grazie

    RispondiElimina
  4. menù ottimo ,ma la mousse è spettacolare! buon inizio di settimana

    RispondiElimina
  5. Wow! Un ottimo menù. Mi piacciono particolarmente le prugne farcite con il gorgonzola, un'alternativa a quelle con il bacon che faccio spesso io. Non avevo mai visto lo stampino, proprio carino.
    Ciao
    Alex

    RispondiElimina
  6. tutto buonissimo!!
    grazie che l'hai conquistato..come poteva resistere!??!?!
    hai sfoderato l'armeria pesante....

    RispondiElimina
  7. Viva i profani militanti se fanno cose del genere !!! Lenny, il tuo blog è sempre più una chicca ^_^
    Jacopo

    RispondiElimina
  8. Noooooooo! Ma tu eri già bravissima!!! Lenny, dì la verità: hai un po' barato???
    Un bacione, carissima...

    RispondiElimina
  9. Caspita, con una cenetta così mi sa che l'hai letteralemnte rapito!!!!
    Complimentissimi, come sempre...
    bacioni

    RispondiElimina
  10. ciao lenny quante belle ideucce sopratutto per il san valentino che incombe!!mi segno un po di cose:-)bacioni imma

    RispondiElimina
  11. tutto ben descritto ma dopo la cenetta? cosa è successo? vi siete sposati
    un po di gossip
    www.chefmarco.splinder.com

    RispondiElimina
  12. Splendido menù...i rosti sembrano divini!
    Un bacio
    fra

    RispondiElimina
  13. Lenny complimenti per il menu, sarai stata anche alle prime armi ma hai preparato dei piatti molto sfiziosi! Mi ricordo che anch'io mi documentai, ma preparai tutto senza testare prima le ricette... la fortuna volle che tutto andò per il verso giusto!
    Un bacio!

    RispondiElimina
  14. Il passaggio da profana miltante a brillante promessa della cucina fu repentino!!!!

    Tanto da farti onore anche ora che sei una ottima blogger e cuoca !!!!

    BAci :)

    RispondiElimina
  15. twostella - è un menu adatto alle cuoche inesperte, ma ardimentose!!!Per questa preparazione consiglio di utilizzare SOLO E UNICAMNTE un formauovo di silicone, in quanto con altri d'acciaio, ci si potrebbe ustionare durante le fasi di cottura

    gunther - grazie

    elga - un grazie a te per l asplendida iniziativa.
    Ci tenevo a dimostrare il mio coinvolgimento e, soprattutto che se si vuole davvero fare una cosa, con l'impegno si può riuscire

    caravaggio - anche io preferisco la mousse, per la presenza dei fichi secchi infornati che farciti con le noci, da noi sono una ghiotta specialità

    cucoche dell'altro mondo - sono sfiziosissime per il contrasto tra il salato del gorgonzola e la dolcezza delle prugne

    mirtilla - in quella fase idilliaca, anche un uovo fritto poteva andare bene!!!

    jajo - ero una profana dei fornelli, ma ho sempre avuto una certa manualità: preparare i dolci è sempre stata una mia passione

    virginia - non mi piaceva "sfaccendare" ai fornelli, ma ho sempre avuto una certa inclinazione per le sperimentazioni e mi piaceva suggerire le mie idee alle ragazze che condividevano con me l'appartamento e che erano abili cuoche

    saretta - piuttosto direi che "eravamo già entrambi cotti a puntino”!

    dolcia...gogò! - i cuori di rosti sono quelli più a tema ….

    chef marco - ad un cero punto "la corrispondenza d'amorosi sensi" è andata scemando, così come gli slanci e tutto il resto ....

    fra - è ovvio che possono essere farciti con altre creme o gustati semplicemente

    camomilla - in alcune fasi di innamoramento basta anche solo "pane, amore e fantasia"

    ciboulette - sono sempre stata circondata da “cuoche provette” che ho sempre osservato con ammirazione e questo “bagaglio” mi è stato d’aiuto

    RispondiElimina
  16. oggi teoricamente avrei un pò di tempo in più per stare in cucina quindi ho programmato la tua golosa mousse,bando alla dieta buona giornata

    RispondiElimina
  17. carissima, che bello leggere dei vostri primi incontri, tra esami, sospiri e sguardi amorosi. E che cena ragazza, e lo credo che l'ospite d'onore ha apprezzato!

    RispondiElimina
  18. MOlto carino il tuo menu'!vorrei poterne sfoderare anch'io uno cosi'...
    Ma ahime...mi sa che il mio primo tete a tete...e' stato molto piu' parco!e...non mi ricordo cosa ho cucinato!
    Le prugne sono divine!e va bhe...il piatto a forma di cuore e' prorpio zuccheroso e sanvalentinesco!

    RispondiElimina
  19. ciao Lenny, grazie per il link! è un po di tempo che non riesco a passare, ma qui trovo sempre cose interessanti...

    RispondiElimina
  20. Che bel menù: molto originale, complimenti !! Ciao Lisa

    RispondiElimina
  21. marcella candido cianchetti - ogni tanto ci si può concedere una dolcezza, senza troppi sensi di colpa!!!

    francescav - ha apprezzato anche lo sforzo

    chiara - ti sei rifatta in seguito, però

    giovanna - che bello leggerti

    fayrskull - grazie cara

    RispondiElimina
  22. ma che bello leggere questi menu' delle prime cene, il tuo è vermamente bello e ebn curato!

    RispondiElimina
  23. blunotte - dovendo impressionare, ho cercato di studiare il menu in modo che fosse semplice da realizzare, ma allo stesso tempo di gradimento dell'ospite d'onore.
    Benvenuta e grazie per gli apprezzamenti

    RispondiElimina
  24. Ho provato il dolce...inzomma..acidulo, esenza alcuna soddisfazione..

    RispondiElimina
  25. @anonimo: mi dispiace che tu (come ti chiami?) non l'abbia gradito, ma forse dipende dal tipo di yogurt usato.
    Ad ogni modo, in fase di lavorazione ed assaggio (fondamentale, perché ognuno di noi ha un diverso modo di apprezzare i sapori o le sfumature degli stessi) avresti potuto "correggerne" l'acidulo che hai riscontrato, dolcificando con zucchero o miele.
    Inoltre per una versione più golosa, potresti optare per la panna, in sostituzione dello yogurt.
    Penso che sia stata la presenza dello yogurt a”non avere funzionato”, poiché i fichi sono dolcissimi ed il pds è una base sofficissima adatta alla stragrande maggioranza dei dolci.
    Se ti va potresti riprovarci …..

    RispondiElimina
  26. Grande articolo, come al solito. Un grande ringraziamento per tutto quello che noi Azioni.

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO