12 giugno 2014

Sbriciolata integrale di segale con confettura di fragole

Salvo rare eccezioni è la sera che finalmente libera da doveri, impegni e/o impicci, vivo la mia “vita virtuale” e curo queste pagine a me care: è la fase più bella dell’intera giornata, ma nell’ultima settimana tutto ciò ha perso attrattiva per me …
Mi sta capitando sempre più spesso di abbandonare il pc, in favore del nuovo panorama che offre il balcone della mia stanza.
Hanno demolito una vecchia costruzione disabitata e il nuovo scenario che mi si apre davanti è fatto di nuovi spazi da conoscere visivamente e memorizzare in una mappa interiore in cui identificarmi: finestrelle illuminate si aprono su vicoletti stretti che conducono a portoni arcati, tetti posti ad altezze digradanti che riflettono i bagliori della luna e in lontananza, un fianco collinare abitato da pale eoliche che il buio della notte rende presenze invisibili.
Così godendomi il fresco, mi lascio rapire da questo paesaggio pittoresco e tra una conversazione telefonica e l’altra con i miei cari, sorseggio una bibita e/o sbocconcello un dolcino: l’ultimo che ho sperimentato è questo

Sbriciolata integrale di segale con confettura di fragole

la classica sbriciolata in versione monoporzione, una ricetta che Lydia ha condiviso sulla mia rivista di cucina del cuore: ho però apportato delle modifiche per provare la farina di segale integrale appena acquistata che “ho tagliato” con farina di mais (in fondo la sbriciolata è parente della sbrisolona!) e semola di grano duro (per accentuarne l’animo rustico), ho dolcificato con zucchero di canna mascobado, per quel particolare aroma che ricorda la liquirizia ed ho aggiunto i pistacchi di Bronte per ottenere una piacevole nota croccante, il tutto a racchiudere un cuore delizioso di confettura di fragole home made.
Mi sa che sarà un must delle prossime serate estive!



Sbriciolata integrale di segale con confettura di fragole (senza uova)

Ingredienti

160 g farina di segale integrale+
70 g farina di mais fioretto+
70 g semola di grano duro (ric. orig 300 g farina)
150 g zucchero di canna integrale mascobado (ric. orig 150 g zucchero semolato)
100 g burro (meglio 130 g burro)
1 pizzico di sale
30+10 g circa pistacchi (ric. orig no)

300 g confettura di fragole (ric. orig crema pasticcera + amarene sciroppate)

Occorrente: 6 stampini per tartellette Ø cm 12

Preparazione. Amalgamare le farine con il burro freddo, lo zucchero ed il sale, lavorando il tutto in modo da ottenere delle briciole (il composto ottenuto si può conservare in frigo anche per un giorno).
Imburrare ed infarinare gli stampini (e disporre sul fondo un disco di carta forno, perché la confettura in cottura tende ad aderirvi) e disporre sul fondo metà composto, ricoprire con la confettura ben sgocciolata.
Al composto restante, incorporare 30 g di pistacchi tritati grossolanamente al coltello e ricoprire i dolcini. Decorare con i pistacchi interi ed infornare a 190-200°C per 25-30’.
Sfornare e quando una volta fredde, sformarle.


16 commenti:

  1. Beata te, io dalla finestra vedo da una parte uno stradone e dall'altra il giardino incolto del vicino, che per inciso pullula di zanzare.
    Forte questa ricetta, sono praticamente dei biscottoni sbirciolosi farciti. Devono essere molto gustosi, mi piace il loro aspetto rustico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le mie mini sbriciolate sembrano dei biscotti perché non ho riempito bene gli stampi, ma ti assicuro che sono più simili a delle tortine ...

      Elimina
  2. Al di la del caldo e del forno che peggiora la situazione, adoro questi dolci frollosi, anche in estate, per fortuna mi sono attrezzata con il forno in giardino così non ci sono più scuse! E quale scenario migliore per gustarsi questa delizia? Immagino solo che a rompere questa meravigliosa atmosfera ci sia il ronzio delle zanzare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il forno in giardino? Tu sei diabolica e un po' ti invidio, lo confesso!!!!!

      Elimina
  3. Ma che bella Milena! Grazie, mi piace molto questo mix di farine.
    Ti mando un bacio grande e sappi che ti penso spesso!

    RispondiElimina
  4. Mi piacciono tantissimo queste sbrisolone monoporzione. Credo che potrei farle tranquillamente con l'olio di cocco o con il mio burro vegetale autoprodotto super veloce ;)
    Fragole-pistacchio poi è un abbinamento che adoro! Mi hai messo una gran voglia!
    un abbraccio Milena!

    RispondiElimina
  5. Mi succede la stessa cosa sai Milena, la fortuna di abitare in campagna e godersi le sere in assoluto silenzio guardando la luna dalla finestra e le lucciole...mi fa dimenticare ogni cosa e mi perdo..ecco certe sere ci starebbe proprio bene un dolce così.. bella ricetta davvero!! un abbraccio Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La bellezza della sera, sottolineata da un paesaggio naturale, è come se ci permettesse di appropriarci di una essenza nostra che di giorno si contamina ....

      Elimina
  6. Voglio una foto del panorama ^^ mi hai messo voglia di vederlo... magari anche io con una sbriciolata in mano ;-)

    RispondiElimina
  7. Ciao! Bellissima questa ricetta. Bellissimo il racconto di nuovi spazi ed emozioni visive che ti si aprono di fronte. Studio architettura, o meglio urbanistica paesaggio territorio e ambiente, quindi è un concetto che mi ha colpito parecchio.
    Seguo il tuo blog da tanto, sai? Solo che soltanto da pochissimo ne ho aperto uno mio. Dico "solo" e penso "meno male!". Già, perchè da poco ho scoperto di essere celiachia. Mi piacerebbe che tu passassi per dirmi cosa ne pensi: momentisenzaglutine.blogspot.it
    Complimenti per tutto, sei un punto di riferimento! Ciaooooo

    RispondiElimina
  8. Buongiorno
    La ringrazio molto per questo blog arricchisce articoli di interesse
    Grazie anche per il consiglio
    Buona fortuna!

    RispondiElimina
  9. E 'veramente un grande e utile informazione. Sono contento che hai condiviso semplicemente questo informazioni utili con noi. Si prega di tenerci informati come questo. Grazie per aver condiviso.

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO