12 febbraio 2014

Scone all’uvetta e noci

Tutti pazzi per gli scones
Nel week end appena trascorso mi sono sbizzarrita in cucina come non facevo da un po’, approfittando di una breve visita di mia sorella e della sua bimba.
Per la merenda della piccola Ilaria ho preparato gli scones al cioccolato: la piccina ha assaggiato l’impasto da crudo (è un’insana abitudine, ma è il marchio di fabbrica dei veri golosi!) e se ne è innamorata, ha atteso stoicamente che gli scones si cuocessero e poi intiepidissero, per poterli finalmente gustare e le si è illuminata il viso quando le ho detto che alcuni li avrei messi da parte per lei, così il suo viaggio di ritorno sarebbe stato più dolce.
Qualche giorno dopo, cavalcando l’onda mi è sembrato giusto approfondire, tanto più che avevo una ricetta, di Felder da provare:
Scones all’uvetta e noci 

rispetto all’originale ho sostituito i fichi secchi e le amarene con i ben più comuni uvetta e noci, ma è lo stesso autore ad invitare alle variazioni del caso e sono certa che non lascerò cadere nel vuoto il suggerimento. E voi?


Scone all’uvetta e noci di C. Felder

Ingredienti

Scones
400 g farina 00
90 g zucchero semolato
55 g burro temperatura ambiente
1 uovo codice 0
150 ml latte intero
10 g lievito chimico (ric. orig. 25 g)
70 g noci (ric. orig. 80 g fichi secchi)
50 g uvetta (ric. orig. 60 g amarene surgelate)

Finitura
1 tuorlo codice 0 (ric. orig. 2 tuorli)

Preparazione. Far rinvenire l’uvetta nel rum e tritare grossolanamente con il coltello le noci.
Setacciare la farina ed il lievito in una ciotola, aggiungere lo zucchero, il burro ammorbidito e mescolare a mano (sfregando il composto tra la punta delle dita) come per un crumble, in modo da incorporare il burro. Aggiungere successivamente l’uovo ed il latte, continuando il lavoro con la spatola fino ad ottenere un impasto abbastanza sodo (o lavorare il tutto nell’impastatrice) ed infine incorporare la frutta secca.
Rovesciare l’impasto su una superficie infarinata, dargli una forma rettangolare e farlo riposare nel congelatore per 10’.
Preriscaldare il forno a 210°C .
Stendere l’impasto su un foglio di carta forno leggermente infarinato ad uno spessore di circa 2 cm.
Ritagliare il rettangolo dell’impasto con un coltello affilato in strisce di 4/5 cm di larghezza. Tagliare ciascuna striscia in quadrati e adagiare gli scones su una teglia ricoperta di carta forno.
Spennellarli con i tuorli leggermente sbattuti ed infornare per 10/15’. [Tratto da Patisserie! di C. Felder]

21 commenti:

  1. Meno male che la mia bimba non è l'unica a mangiarsi i vari impasti crudi! Ma con la prelibatezza che le hai preparato era impossibile resistere! E questi poi, sono ancora meglio! Chi si ė leccato il cucchiaio stavolta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io assaggio gli impasti crudi, ma solo per capire se il risultato finale sarà fedele alle aspettative, non per golosità!!!!!!!!!!!!!!
      Bello come alibi, vero?

      Elimina
  2. Immagino la felicità della nipotina, i tuoi scones sono molto invitanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questi non li ha ancora provati, ma penso che in cima ai suoi desideri, restino quelli al cioccolato; in compenso questi sono piaciuti molto a me :)

      Elimina
  3. Anche la mia nipotina adora leccare l'impasto crudo dei dolcetti che prepariamo insieme. Anzi secondo me le piace quasi di più l'impasto crudo del dolce cotto. Non conoscevo questa ricetta di Felder, è davvero interessante perchè personalmente adoro gli scones e sapere che ce ne è una ricetta di Felder mi fa fremere le mani ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appena puoi, provali: si preparano velocemente e meritano .....

      Elimina
  4. tutti pazzi per gli scones davvero! anch'io ne ho provata una ricetta qualche mese fa ma ce ne sono ancora tantissime combinazioni che mi piacerebbe provare. uvetta e noci anche, decisamente!
    un abbraccio, buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E con la stessa ricetta collaudata, si possono provare le varianti possibili con somma soddisfazione ....

      Elimina
  5. giustissimo i veri golosi assaggiano già da crudo come del resto faccio io, buoni e belli i tuoi scone, la tua nipotina sicuramente si sarà leccata i baffi,felice serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questi non li ha ancora assaggiati e, conoscendola, li preferirebbe senza uvetta ....

      Elimina
  6. il tuo blog è meraviglioso. complimenti sei bravissima e sopratutto originale nelle tue ricette. sono sicuramente una tua fan!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio di ♥ per quello che mi scrivi: per me è un grande stimolo ad andare avanti :)

      Elimina
  7. Adoro gli scones, senza glutine vengono benissimo e mi piave legarli al mio momento preferito della giornata: l'ora del té! (la faccio anche in piedi tra una faccenda una riunione una telefonata)......Un abbraccio, Milena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volevo dire un abbraccio a te...., Simonetta

      Elimina
    2. Quando li ho preparati per Ilaria, è stato alla sera, dopo cena, a conclusione di una giornata pesante, iniziata all'alba con una levataccia, ma come dici tu, non pesa affatto farli :)
      Un grandissimo abbraccio ♥

      Elimina
  8. Adoro questo pane dolce molto British, è una preparazione che da grande soddisfazione, la tua ricetta è invitante e la proverò così come l'hai proposta tu. L'unico elemento che non sostituirei mai infatti è l'uvetta che secondo me è perfetta per l'impasto. buon fine settimana, mony***

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed inoltre l'uvetta li addolcisce ulteriormente ed in modo naturale, ma purtroppo non piace a tutti :)

      Elimina
  9. Ottimo la tua variante..scones y love you

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO