19 dicembre 2013

Pie di radicchio e ricotta: fiore d’inverno

Prove tecniche per il Natale #3
Amo la sera, perché a fine giornata, lasciandomi i ritmi serrati alle spalle che mi fanno correre in un vortice a volte alienante, ho l’impressione di appropriarmi del mio tempo …
Questa sensazione si fa più vivida e forte nei giorni di festa, quando dopo aver ricoperto il tavolo con il panno verde e si dà l’avvio ai giochi: non sono una giocatrice accanita, tant’è che scelgo sempre la tombola che accomuna grandi e piccini democraticamente, ma trovo irresistibile l’atmosfera  gioiosa che si crea e che anno dopo anno, entra nel patrimonio dei ricordi.
E tra una risata e l’altra e un gruzzoletto che si assottiglia, per poi nuovamente rimpinguarsi (così si spera), qualcosa bisognerà pure sbocconcellare: io quest’anno proporrò questa torta rustica

Pie di radicchio: fiore d’inverno

vista qui e di cui mi sono perdutamente innamorata per il suo aspetto, ma devo dire che l’assaggio ha superato ogni aspettativa ed è stata promossa a pieni voti anche dai miei familiari che mi hanno richiesto di replicarla.
Il procedimento è semplice e le foto possono essere d'aiuto nei vari passaggi, ma richiede la stretta osservanza del riposo in frigo sopratutto nell'ultima fase, perché mantenga perfettamente la forma in cottura.
Petalo dopo petalo, sarà difficile fermarsi e sono certa che sarà anche una torta propiziatrice.


Con le dosi indicate ho ottenuto una pie di Ø 23 cm che ho farcito con ricotta e radicchio nella proporzione di 1:1 (fotografata nel passo passo) ed ho conservato in frigo i ritagli, con i quali due giorni dopo, ho preparato una pie di Ø 15 cm, farcita con ricotta e radicchio 2:1 che ho preferito (nelle dosi del ripieno ho calcolato l’occorrente per questa versione).

Pie di radicchio: fiore d’inverno

Ingredienti

Pasta brisée
350 g farina 0
175 g burro freddo
70 g acqua fredda circa
sale

Ripieno
130 g radicchio circa (io di Chioggia)
350 g ricotta circa
olio evo
vino bianco
sale e pepe
aglio

Preparazione.
Ripieno.
Lavare il radicchio, farlo scolare, tagliarlo a listarelle e farlo andare in una pentola con un fondo d’olio ed uno spicchio d’aglio. Sfumare con il vino, salare, aggiungere un po’ d’acqua e cuocere (tenendolo “al dente”). Scolare bene dai liquidi di cottura, frullare ed incorporare alla ricotta precedentemente lavorata con le fruste, fino a renderla spumosa.

Pasta brisée.
1. Versare nella planetaria (o in robot) la farina con il burro freddo a pezzetti ed il sale, fino a sabbiare il composto (termine che indica un composto granuloso di burro e farina). Successivamente aggiungere l'acqua ghiacciata, e non appena l'impasto si è formato, rovesciarlo sul tavolo spolverato di farina e compattarlo.
Formare un panetto ed appiattirlo (per far sì che raffreddi più velocemente), avvolgere in pellicola trasparente e riporre in frigo per mezz’ora.

Formatura pie
2. Successivamente estrarre la pasta dal frigo, lavorarla un po’ con le mani per renderla manipolabile, dividerla in due parti, stenderla sottile in due dischi e farla riposare in frigo.

Pie di radicchio: fase 3

3. Con l’aiuto di un sac à poche, farcire il primo disco con il ripieno, tracciando nella parte centrale un “bottone” ed un anello in prossimità dei bordi.

Pie di radicchio: fase 4

4. Spennellare con l’acqua la parte centrale non ricoperta da ripieno ed i bordi del primo disco, intorno all’anello di ripieno e sovrapporvi il secondo disco di pasta.
Utilizzando una tazza capovolta con lo stesso diametro del ripieno centrale, esercitarvi una leggera pressione, per chiuderlo bene.

Pie di radicchio: fase 5

5. Ritagliare la pasta in eccesso, intorno all’anello di ripieno e sigillarlo con i rebbi di una forchetta.

Pie di radicchio: fase 6

6. Praticare dei tagli regolari di circa 3 cm (o di 2 cm nel caso si opti come me, per la seconda torta di 15 cm), in prossimità dell’anello di ripieno.

Pie di radicchio: fase 7

7. Girare delicatamente ogni taglio/petalo, nello stesso verso.   

Pie di radicchio: I versione
- I versione, pie Ø 23 cm -

8. Riporre in frigo per 30’ circa (passaggio da osservare, perché in cottura mantenga perfettamente la forma), successivamente spennellare con olio, trasferire nella teglia con la carta sottostante e cuocere in forno pre riscaldato a 200°C circa, fino a doratura.


Pie di radicchio: fiore d’inverno

- II versione, pie Ø 15 -

28 commenti:

  1. Noi siamo di panettone e pandoro accanto le schede della tombola ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potreste sempre fare uno strappo ala regola ....

      Elimina
  2. bellissima! il radicchio è davvero un fiore splendido che ravviva l'inverno, questa tecnica è da provare, l'effetto è grandioso.
    Qua a Ravenna si gioca a mahjong, importato direttamente dalla Cina, e solo qua!
    bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una tecnica semplice che dà soddisfazioni ....

      Elimina
  3. grazie per aver illustrato anche tutto il procedimento...che buona deve essere, me la segno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice che tu abbia apprezzato: le illustrazioni rendono di immediata comprensione la tecnica ...

      Elimina
  4. Ma che bella idea! io faccio molto spesso la torta salata con il radicchio perchè la trovo buonissima, questa è anche bellissima da vedere! penso proprio la farò al più presto.
    Ciao Sandra

    RispondiElimina
  5. Bellissimo! Grazie per le foto che sono dettagliatissime. Pensi si possa fare anche con la pasta sfoglia? - Me lo sto immaginando dolce con cioccolato e arance.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Temo proprio che la pasta sfoglia non sia adatta, perché si "affloscerebbe" ed i petali non terrebbero.
      Senza tuttavia rinunciare all'idea della versione dolce, puoi usare la stessa brisèe e se proprio vuoi esagerare puoi aggiungere a questa brisèe 150 g di zucchero .....

      Elimina
    2. Fatto oggi con ripieno di ricotta spinaci e pasta di salame e pasta sfoglia.. è venuto benissimo.. qui a casa mia la brisee' non ha molto successo e quindi ho optato per la sfoglia. ciao

      Elimina
    3. Uso raramente la pasta sfoglia che non amo alla follia e quindi non avrei mai pensato che fosse adatta per questa preparazione, ma ora sono curiosa di provare :)

      Elimina
  6. Il procedimento è affascinante e il risultato irresistibile, anche se qui non è di casa la tombola, ma il karaoke... forse una quiche sarebbe l'occasione per tappare la bocca i più stonati!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi hai fatto venire il desiderio di una quiche ...

      Elimina
  7. La presentazione è davvero d'effetto, accipicchia! e dev'essere anche parecchio buona, la posso sempre provare con la mia ricottina di soia! ;)
    un bacione

    RispondiElimina
  8. questa pie mi sembra l'ideale per aprire un pranzo in famiglia, la si mette al centro e ognuno stacca un petalo :) credo proprio che la proporrò a Natale: grazie per questa bellissima idea!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Difatti l'ho preparata nuovamente per il cenone di Natale ....

      Elimina
  9. perdutamente innamorata anche io ora! Devo farla! Per forza di cose! Grazie grazie grazie!!!!!

    RispondiElimina
  10. E' davvero bellissima, e deve essere anche deliziosa. Amo il gusto del radicchio rosso e questa torta salata sembra proprio gustosa. E molto elegante da portare in tavola

    RispondiElimina
  11. Bellissimo questo sole di radicchio!
    Grazie per il bello spunto
    Buona serata :)
    Lou

    RispondiElimina
  12. Un'idea davvero carina!!! Tanti auguroni di Buone Feste Milena!

    RispondiElimina
  13. Avevo visto la foto su facebook, ma solo stasera sono riuscita a leggere il post. Che dire, è una meraviglia, una splendida idea che sicuramente userò come ispirazione.
    Buon fine settimana, Milena. :)

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO