7 ottobre 2013

Quadrotti integrali al farro con uva bianca


Panorami ramati dai colori cangianti, foglie fruscianti color ruggine che il vento fa volteggiare nell’aria e trascina per ogni dove e piogge battenti che ci fanno rintanare a casa, in cerca di un rifugio introspettivo: è arrivato l’autunno ed al mattino per colazione o il pomeriggio con il tè delle cinque, non può che starci bene un dolce a quadrotti

Quadrotti integrali al farro con uva bianca

godendo della sua texture “ruvida” dovuta alla farina integrale e del cuore morbido dato dal chicco d’uva incastonato che rappresenta un’esplosione di dolcezza, quando incontra il palato, così che la nostalgia dell’autunno si stempera in un attimo in un sorriso.
E' un dolce rustico che avrei voluto preparare anziché con il burro, con l’olio d’oliva (come questo), ), per essere più coerente con gli ingredienti usati, ma l’olio che uso per i dolci era terminato e così mi tocca rimandare il tutto alla prossima volta!


Quadrotti integrali al farro con uva bianca

Ingredienti
120 g burro
150 g zucchero di canna
3 cucchiai miele d’acacia
2 uova codice 0
300 g farina integrale di grano tenero bio macinata a pietra
120 g farina farro
7 g lievito
150 ml latte

150/200 circa g uva bianca

Preparazione.
Preriscaldare il forno a 180°C.
Lavorare il burro morbido con lo zucchero, quindi incorporare le uova, il miele e successivamente le farine mescolate con il lievito. Infine unire il latte (dosandolo gradatamente e tenendo presente che altre farine ne potrebbero richiedere una quantità differente da quella indicata: la massa deve risultare “corposa” in modo da poter sostenere i chicchi d’uva, senza inglobarli) e mescolare.
Trasferire il composto nella teglia rivestita di carta forno (io ne ho usata una 30 x 20 cm, ma ne consiglio una più grande, poiché i miei quadrotti sono risultati troppo alti), livellare bene e disporre ordinatamente i chicchi d’uva.
Infornare per 25/30’ e far raffreddare prima di tagliare a quadrotti.



---

14 commenti:

  1. "la nostalgia dell’autunno si stempera in un attimo in un sorriso"
    pura poesia le tue parole e pura poesia questo dolce.
    Sai sempre sorprendermi.
    Buona settimana

    RispondiElimina
  2. Ma che bello, anzi che buono il contrasto tra la consistenza ruvida della farina e l'esplosione succosa dell'uva!Mi piace! E poi anch'ìo ho un debole per l'olio d'oliva in queste preparazioni :-)

    RispondiElimina
  3. Ma perche' a te viene cosi' perfetta mentre a me i chicchi si affondano, si spostano, finiscono nei posti piu' impensati? non ho mai usato la farina di farro per un dolce, ho della farina integrale normale. Dici che andrebbe bene lo stesso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho usato farina integrale di grano + farina di farro: certo che sì!

      Elimina
  4. Yummy! Dolce perfetto per questo autunno un po' più freddo del previsto...

    Ciao
    Silvia

    RispondiElimina
  5. Belli e sicuramente golosissimi questi quadrotti!!!

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO