30 agosto 2013

Crostata di pesche con frolla all’olio d’oliva al limone

Quando un sapore resta impigliato nel reticolo dei ricordi, ogni sforzo è vano per soffocarlo, poiché con prepotenza si riaffaccia e torna a dominarmi …..
È accaduto ancora: in occasione del food blogger day ho assaggiato la crostata di mele di Maria e quei sapori semplici e schietti mi hanno conquistata al primo assaggio, coinvolgendomi così tanto che una volta tornata a casa, ho avvertito l’esigenza di replicarli.
Così sull’onda emotiva del ricordo e in base a ciò che avevo in dispensa, ho preparato questa crostata

Crostata di pesche (con frolla all’olio d’oliva al limone)

discostandomi di molto dall’originale, poiché ho sostituito le mele con le pesche e le ho adagiate su una frolla all’olio (con metodo Montersino già sperimentato qui e qui)usandone uno aromatizzato calabrese e biologico che le ha conferito un gradevolissimo profumo di limone.


Crostata di pesche con frolla all’olio d’oliva al limone

Ingredienti

Pasta frolla al’olio d’oliva al limone
40 g tuorli codice 0
25 g acqua
80 g olio evo al limone Fattoria San Sebastiano*
+
250 g farina 00
70 g zucchero semolato
1 pizzico fior di sale


* se si desidera un aroma più lieve e meno caratterizzante, usare 40 g olio evo bio + 40 g olio evo al limone

Composta di pesche
500 g pesche
50 g zucchero circa
½ limone succo

Finitura
3/4 pesche
zucchero semolato

Preparazione.
Pasta frolla al’olio d’oliva al limone. Nel bicchiere del minipimer versare i tuorli e l’acqua, e cominciare a frullarli con il frullatore ad immersione (io ho cominciato con la frusta e quando il composto è andato via via aumentando di volume, sono passata al frullatore ad immersione), versando l’olio extravergine di oliva a filo, finché “la maionese” non diventa chiara e soda (basterà qualche minuto, ma se dovesse restare fluida, non ha importanza). [Metodo Montersino]
Setacciare la farina, unire lo zucchero ed il fior di sale e trasferire il tutto nella planetaria, quindi versarvi il composto di uova ed impastare (se ci dovesse essere necessità di altri liquidi, aggiungere pochissima acqua).
Compattare l’impasto e farlo riposare in frigo per mezz’ora.

Composta di pesche. Lavare le pesche, privarle del nocciolo e della pelle, tagliarle a cubetti e cuocerle a fuoco lento, con lo zucchero ed il limone, finché non diventano morbide. Allontanare dalla fiamma, filtrare (mettendo da parte il succo) e frullarle grossolanamente.

Finitura. Lavare le pesche, dividerle in due, ricavarne delle fettine sottili e cospargerle con lo zucchero.

Assemblaggio. Su un piano di lavoro infarinato, stendere la pasta con il matterello ad uno spessore di 2 mm e foderare uno stampo per crostate (io ne ho usati due da 20 cm). Sul fondo della pasta frolla, distribuire la composta, disporvi le fettine di pesche a raggiera, cospargere con un po’ di zucchero ed infornare a 200°C per circa 30’.

46 commenti:

  1. Mi sembra ottima Milena... davvero complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' la prima frolla che mi soddisfa pienamente :)

      Elimina
  2. Questa crostata deve essere deliziosa..è bello prendere spunto da una ricetta che ci ha lasciato l'acquolina in bocca e poi inventarne una nuova che ha tutta la sua originalità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' come se la prima ricetta si evolvesse :-)

      Elimina
  3. è davvero invitante, quelle pesche caramellate e quella frolla rustica mi stanno chiamando: "assaggiami, assaggiami" :)
    bravissima Milena!

    RispondiElimina
  4. olio evo al limone?? *.* o quale cosa meravigliosa è mai questa?? davvero perfetto per i dolci! :) adoro le crostate con le pesche, la tua, come sempre, è davvero bellissima :)
    un abbraccio

    RispondiElimina
  5. I dolci che preferisco.
    Sempre evocativi i tuoi post, e le tue foto.

    Buon fine settimana, Milena. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I dolci rustici sono sempre i più buoni :)

      Elimina
  6. Che splendore, Milena!! E quell'olio al limone deve essere particolarissimo! Ah, anch'io uso quel metodo per fare le frolle leggere senza burro e.. chetttedevodì, Montersino docet!:)
    Questa me la segno, anche se bella come la tua non mi verrà mai!
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono le pesche a renderla bella e poi ciò che conta è la sostanza, cioè il sapore:)

      Elimina
  7. io amo la frolla all'olio,e questa crostata è stupenda!!!
    francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me è stata una vera scoperta, ma non la lascio più :)

      Elimina
  8. Che bellezza! questa frolla poi sembra ottima e leggera!
    un bacione

    RispondiElimina
  9. Che meraviglia Milena, e' davvero bellissima. E la frolla deve essere davvero particolare avendo usato quell'olio. Non credo di averlo mai visto in giro dalle mie parti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo sia difficile da trovare ....

      Elimina
  10. Dico solo che è stupenda.. bella come i ricordi e come le carezze del passato. Mi ha rapita e ti faccio i miei complimenti <3 TVTB

    RispondiElimina
  11. Che spettacolo! Era da un paio di giorni che cercavo la ricetta di una crostata alle pesche un po' diversa dalle altre e la tua è perfetta! Segno subito la ricetta!
    A presto!
    Chiara

    RispondiElimina
  12. questa crostata è da provare! Bella e sicuramente buona...bravissima!

    RispondiElimina
  13. La tua crostata è bellissima ma confessdo che la cosa che mi ha colpita di più è la frolla all'olio. Non l'ho mai preparata e mi incuriosisce molto. Forse questa è la volta buona!
    Ciao :-)

    RispondiElimina
  14. Meravigliosa e sicuramente buonissima...la frolla di Montersino è ottima, non sembra fatta con l'olio....la uso sempre!!!!

    Un abbraccio
    monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le frolle con l'olio che avevo provato in precedenza mi avevano puntualmente delusa ....

      Elimina
  15. che bella questa crostata di pesche!
    amo Montersino ma non conoscevo il suo metodo per fare la pasta frolla...rimedierò molto presto facendo onore al Maestro ed a te per aver riproposto la sua ricetta

    ciao
    Silvia

    RispondiElimina
  16. Bellissima Mile! :-D
    Sai che qualche giorno fa ho fatto dei biscotti all'olio e cioccolato con il farro, sbattendo prima olio e uovo, emulsionando velocemente e poi unendo il resto? Sinceramente non sapevo del metodo montersino, ma ho solo immaginato un modo adatto a far assorbire l'olio senza avere problemi di oleosità della pasta... ora ti leggo il metodo di montersino...secondo me, altri lo hanno pensato anche prima di lui a questo punto perchè se io ci sono arrivata con il ragionamento, immagino che anche altri abbiano ragionato come me...chissà!
    Montersino a parte, questa torta mi piace molto: io avevo assaggiato la frolla alle mele fatta come l'aveva fatta Maria, ma senza cannella, in un soggiorno sociale per disabili di qualche anno fa - ero una volontaria - e la faccio anche ogni tanto in inverno, ma con l'olio al limone non avevo proprio pensato di riproporla...devo rimediare! :-D
    L'ho invece utilizzato in un dolce dopo il fblogger day ed effettivamente ha donato un buonissimo sapore, tieni conto però che l'ho mischiato con altro olio puro... una meraviglia però, ho fatto bene a conservare quell'olio dall'anno scorso, se non altro adesso so come lo devo utilizzare e sicuramente oltre che con il pesce, sta magnificamente con i dolci! :-D
    M'immagino che bontà debba essere questa crostata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per i dolci successivi l'ho miscelato anch'io con olio evo delicato e quell'aroma leggero di limone che conferisce è delizioso ....

      Elimina
  17. La frolla con l'olio?
    La devo assolutamente provare!!!

    Complimenti per il blog, le ricette e la tua simpatia...
    Mi unisco ai tuoi fans e mi auguro di averti tra gli ospiti (e, magari, tra gli amici) del mio
    www.paneperituoidenti.it!

    A presto.

    Valeria

    RispondiElimina
  18. quanto adoro questa corstata è un'icanto davvero

    RispondiElimina
  19. Adoro i dolci con la frutta fresca e questo è una meraviglia!! :-)

    RispondiElimina
  20. Cercavo un dolce alle nettarine e si è materializzata davanti ai miei occhi questa delizia. L'ho rifatta subito, anche se ho usato una frolla al burro tradizionale perché non ho mai fatto una frolla all'olio e non potevo rischiare di fare brutta figura, dato che dovevo portare il dolce a casa di amici.
    La composta di pesche è strepitosa e tutto l'insieme è perfetto. Grazie!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per essere passata a dirmelo :)

      Elimina
  21. Questa torta di pesche è davvero invitante... Di sicuro sarà deliziosa!! Complimenti sinceri perché riesci a rendere ogni piatto una piccola opera d'arte!! Ti seguo volentierissimo così d'ora in poi non me ne perderò una! Se ti va ti aspetto anche da me per farti un giro ;) Buona giornata, Bea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piacere di conoscerti :)
      Non ho molto tempo purtroppo per le visite, ma appena posso, arrivo ...

      Elimina

RETROSCENA DI GUSTO