21 maggio 2013

Panna cotta con more di gelso sciroppate


Non c’era di certo bisogno dell’ennesima panna cotta su queste pagine, un dessert forse banale, ma molto apprezzato in famiglia e difatti è solo un pretesto per celebrare le more di gelso che la mia nipotina Alessia ha raccolto per me: il quantitativo era più che esiguo, ma la panna cotta già pronta per sposarsi alle fragole, ha accolto con entusiasmo le more

Panna cotta con more di gelso sciroppate

che per l’occasione ho sciroppato, in modo da far loro acquistare una consistenza “cremosa” ed ho poi “imbottigliato” lo sciroppo ottenuto per farne una deliziosa bevanda.
Le more di gelso non si trovano facilmente e durano davvero poco, ma la stessa ricetta si potrà replicare in estate con le more di rovo.



Panna cotta con more di gelso sciroppate

Ingredienti x 6


Panna Cotta

250 ml di panna + 250 ml di latte intero + 50 ml di latte (per reintegrare quello evaporato)

60 g zucchero a velo

½ vaniglia

5 g di agar agar in filamenti* (quello in polvere richiede un dosaggio diverso)

More di gelso sciroppate
150 g more di gelso ben sode
250/300 g acqua
50 g zucchero

* io ho usato quello in filamenti, acquistato senza sapere a ciò che andavo incontro: difatti richiede un tempo di cottura del liquido che si vuole rassodare, più lungo rispetto a quello in polvere e lo sconsiglio vivamente …

Preparazione
Panna Cotta. Far bollire il totale del latte con l’agar per circa 5’(di norma richiede 15’, ma sono riuscita a ridurre i tempi, frantumandolo con il Bimby e ottenendo dei fiocchi), successivamente aggiungere la panna con lo zucchero ed i semi di vaniglia ed attendere che si scaldi, senza farla bollire, quindi spegnere.
Filtrare per essere sicuri che non ci siano residui di filamenti dell'agar agar e versare quasi subito nei bicchieri, in quanto solidifica in fretta. Coprire con pellicola alimentare e far riposare in frigo.

More di gelso sciroppate. Fare bollire l'acqua con lo zucchero, immergervi le more e lasciare cuocere a fuoco medio per circa 3 minuti. Togliere le more dallo sciroppo, sezionare a metà (proteggendo con dei guanti le mani dalle macchie) per eliminare il peduncolo interno e lasciarle raffreddare.

Prima di servire, completare i bicchieri con le more sciroppate ed un rametto di menta.

Note
- Le more sciroppate intere, si possono invasare in un vasetto sterilizzato, capovolto fino a raffreddamento per formare il sottovuoto e conservare in un luogo buio e fresco.
 -  Lo sciroppo, riportato sulla fiamma per qualche altro minuto ancora fino a ridursi leggermente, si può utilizzare diluito con acqua come ottima bevanda dissetante.


Sciroppo di more di gelso


Ricette correlate

Altre panne cotte
Panna cotta allo zenzero (cotta al forno con albumi)
Panna cotta all'earl grey (con agar agar)
Panna cotta in tre salse (con gelatina)

39 commenti:

  1. La panna cotta sarà anche un classico ma con quelle more di gelso sciroppate ma con quelle more di gelso sciroppate l’hai resa straordinaria. Un bacione, buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando ci sono, le tratto come dei veri gioielli .....

      Elimina
  2. davvero bellissima e di sicuro un connubio perfetto! complimenti!

    RispondiElimina
  3. sì certo, un classico. e fin qui non ci piove.
    ma non c'è proprio il bisogno di spunti, idee creative per reinventare questi classici? per renderli unpo' meno banali.
    ecco.. le tue more di gelso hanno fatto questo
    mi piace!
    baci

    RispondiElimina
  4. Le tue rivisitazioni dei classici mi fanno impazzire...come pure questa ennesima ricetta golosa e magnificamente rappresentato :)

    buona giornata

    RispondiElimina
  5. Sto facendo una certa pressione sul mio fidanzato per piantare un gelso da more nere nella casa di campagna. Le adoro e le metterei ovunque! Per esempio in questa panna cotta secondo me sono proprio perfetta :-))
    Bravissima tu e brava Alessia che porta questi raccolti buonissimi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello un albero di gelso a disposizione con il suo goloso carico :)
      Alessia ama la natura e tu lo sai ......

      Elimina
  6. Adoro le more perché hanno un sapore cosi particolare che mi fanno andare fuori di testa, ma con la panna non l'ho assaggiata mai,mi sa che sarà ora di farlo. Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Beh pero' con le more della nipotina e' tutta un'altra cosa...strabuonissima :-)))
    Qua more di gelso proprio zero, mi tocchera' la versione fragolosa

    RispondiElimina
  8. Anche una panna cotta "semplice" qui ha un suo perchè..e questo è sempre e solo merito tuo e lo sai bene! :)))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gambetto dove sei?
      Mi mancano i tuoi post!!!!!!!!!!

      Elimina
  9. amo la panna cotta, i gelsi un po' meno... ma sono sicura che insieme ci stanno benissimo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sostituisci i gelsi con frutti di bosco a tua scelta ....

      Elimina
  10. Aaah, le more di gelso! In effetti hai ragione, la panna cotta chiamava, non potevi non farla!:)
    Fantastica ricetta, anche se mi sa che qui da me trovare le more ora è ancora un po' difficile... ripiegherò sulle fragole!
    Ciaooo!

    P.S. Milena, le tue foto sono sempre più belle.
    Lo dico ogni volta, è vero, ma la colpa è tua:)

    RispondiElimina
  11. sai che la panna cotta mi piace da matti ma non sono abituata a farla spesso.ottimo l'abbinamento con le more di gelso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A casa mia è un must: piace proprio a tutti :)

      Elimina
  12. Buonissima! Altro che banale, la panna cotta è sempre ben accetta! E poi le more di gelso proprio non le conoscevo, brava la nipotina!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'albero di gelso veniva coltivato anni fa, per l'allevamento dei bachi di seta, ma di recente è cambiata la tecnica e questi alberi hanno perso di interesse ....

      Elimina
  13. Dei bicchierini decisamente deliziosi e aromatici! poi con le more di gelso...la scicchetteria è assicurata!
    bacioni

    RispondiElimina
  14. i gelsi? mio dio e che bontà!
    non li mangio da quando ero piccolo :)

    RispondiElimina
  15. Non avevo mai assaggiato i Gelsi fino a 10 giorni fa...ora ne sono innamorata,e la tua ricetta è ghiottissima!!!!!

    RispondiElimina
  16. Se ne raccolgo ancora te le porto, Alessia.

    RispondiElimina
  17. Se ti può consolare anche io ho usato l'agar agar in filamenti ed ho ottenuto un disastro!!!
    Mai mi era venuta una pannacotta cosí orrenda. Compatta, dura.... Poi questi filamenti ce ne vuole per scioglierli!!! Ho colato anche la panna riscaldata e niente...
    Sinceramente con la colla di pesce in fogli ed in polvere non ho mai avuto problemi.
    Anzi la pannacotta mi è sempre venuta così cremosa, goduriosa che perfino me l'hanno qualificata come uno dei dolci supersexy mai mangiati!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già la colla di pesce è infallibile, ma ultimamante la uso quando proprio è indispensabile ....

      Elimina
  18. Arrivo qui cercando in rete notizie sulle mora di gelso, che (ma pensa un po'!) che solo oggi ho sentite nominare per la prima volta in vita mia! Dici che non è mai troppo tardi? Vero!
    Sono davvero deliziose e proverò anche a sciropparle.
    Grazie per lo spunto!

    RispondiElimina
  19. Cuculo, voce eccellente interessante quindi un grande grazie a voi.

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO