7 marzo 2013

Briochine dal cuore goloso


Dovendomi definire, non ho dubbi nell'identificarmi nella categoria dei nottambuli: amo la tranquillità delle ore notturne, rischiarate dalla luna e cullate dal silenzio ovattato che mi fanno recuperare la mia vera dimensione.
Anche quando studiavo, preferivo attardarmi la notte, piuttosto che puntare la sveglia al mattino presto, poiché sapevo che sarebbe stata tutto vano: come da copione mi sarei destata prima del trillo, per metterla a tacere e godere ancora un po’ di tranquillità, salvo poi sforare drammaticamente ….
Se l'umanità divisa tra nottambuli e mattinieri, è riconducibile rispettivamente al cronotipo di “gufi” (coloro che sono maggiormente attivi durante la sera e preferiscono andare a letto tardi) e “allodole” (coloro che si alzano alla mattina presto e sono maggiormente attivi nella prima parte del giorno), io posso considerarmi un “gufo” a tutti gli effetti.
Non ho difficoltà a fare le ore piccole, ma i drammi si presentano al mattino quando per tirarmi giù dal letto, mi si richiede uno sforzo immane ...
Tuttavia gli impegni della vita adulta, hanno un po’ smussato tali rigidezze, per esempio martedì mi sono svegliata alle 5.00 e anche senza troppi sforzi, ma a dirla tutta ad attendermi c’erano queste deliziose briochine

Briochine dal cuore goloso

che all’assaggio rivelano a sorpresa, un dolcissimo cuore di confettura.
Si tratta di una ricetta di brioche francese che in corso d’opera ho modificato, ricca di burro e di uova, alla quale ho dato un’anima italiana, traendo ispirazione dal danubio (la classica torta napoletana costituita da tante palline farcite, fatte lievitare una accanto all’altra) e farcendola con la confettura di mele.
Si può usare qualsiasi altra confettura, purché sia “poco gelatinosa”, per evitare che in fase di seconda lievitazione, possa fuoriuscire o in alternativa si può fare ricorso ad una crema pasticcera ben soda.
Che siate gufi o allodole, il risveglio sarà di certo più dolce!


Briochine dal cuore goloso



Briochine dal cuore goloso a lievitazione naturale (ma anche no)

Ingredienti
50 ml latte
120 g lievito madre rinfrescato il giorno prima (o 15 g lievito birra)
4 uova codice 0
280 g farina 00 + 100 g circa farina di forza
80 g zucchero
5 g sale
120 g burro

confettura di mele bio

Preparazione.
1. Sciogliere il lievito madre rinfrescato il giorno prima nel latte tiepido, quindi aggiungere la farina 00. In una ciotola sbattere le uova e versarne 2/3 nell'impasto, aggiungere gradatamente la farina di forza (a seconda di quanto ne assorbe l’impasto e se occorre aggiungerne ancora) con lo zucchero, alternandola con le restanti uova.
Per ultimo incorporare il burro morbido a cubetti ed il sale.
Lavorare gli ingredienti per circa 10’ fino ad incordarlo (se nella planetaria l’impasto dovrà attorcigliarsi intorno al gancio e lasciare pulita la ciotola, diventando liscio, elastico e lucido. Inoltre per capire se è impastato bene, prelevare un pezzetto di impasto, appiattirlo e tirarlo dai lembi: non si dovrà rompere e si dovrà ottenere un velo).
Formare un panetto, raccogliendo le estremità dell’impasto alla base, trasferire in un contenitore ermetico stretto e lungo e lasciare a temperatura ambiente in un luogo al riparo da correnti, finché non si avvia la lievitazione, quindi collocare nella parte meno fredda del frigo per tutta la notte.

2. L’indomani, prelevare l’impasto dal frigo, lasciarlo a temperatura ambiente, finché non riprende la lievitazione (dipende dalla temperatura interna della propria cucina), quindi sgonfiarlo e fare le pieghe (piegando per 2/3 la parte destra verso il centro e sovrapponendo la parte scoperta).
Far lievitare ancora, quindi arrotolare la pasta come un salame e tagliare delle pezzature di 40 g. Dare ad ognuno la forma sferica e con il palmo della mano appiattire ogni pezzo, formando dei dischetti, farcire con la confettura, chiudere delicatamente, raccogliendo i lembi e poi arrotolare.

3. Disporre le palline ben distanziate su una teglia ricoperta di carta da forno, coprirle con un canovaccio sottile inumidito per evitare che sulla pasta si possa formare la crosta e lasciarle riposare a temperatura ambiente, finché non cominciano a gonfiare.

4. Preriscaldare il forno a 180 °C.
Spennellare ogni briochina con il latte ed infornare per 12/15’, sino a che non assumeranno un bel colore dorato.

Conservare in un sacchetto di cellophane per alimenti e scaldarle prima di consumarle.


Briochine dal cuore goloso

60 commenti:

  1. Con una bambina di 2 anni e mezzo e un piccolino di un mese,mi sento gufo e allodola,e alora mi concederei volentieri una tua brioscina..ciao cara!!Comunque sono sempre stata un gufo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le diverse fasi della vita ci cambiano, eh eh!!!

      Elimina
  2. Io sono decisamente un'allodola e senza bisogno...ahimè...della sveglia! Ahimè perchè l'orologio biologico non si zitta nemmeno nel week end!!! Mi piace godere delle prime ore del mattino e vedere pian piano il mondo svegliarsi intorno a me. Ma sarebbe un risveglio molto più piacevole se ad aspettarmi a colazione ci fossero queste briochine tenere e golose :) Un bacione, buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Svegliarsi presto ha un suo fascino: veder nascere un nuovo giorno, ammirare la luce che diviene via via più intensa, ascoltare i primi rumori, a volte familiari .....
      Tutto questo è esaltante, perché ti dà il senso di un nuovo giorno da costruire, ma di certo ci vuole la carica giusta per affrontarlo al meglio :D

      Elimina
  3. più chela notte che arrivo stanca preferisco la quiete del mattino sono più attiva e pronta....a godermi similimeraviglie!

    RispondiElimina
  4. che bontà poi a quest'ora, io che sono una dormigliona a vedere questa meraviglia mi sono svegliata
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessuno può capirti più di me :D

      Elimina
  5. Ahah, cara.. mi sa che posso definirmi 'gufo' anche io allora! :D Studiare, creare.. sentirmi più attiva.. beh, una volta che sono sveglia la sera posso anche tirare le due di notte.. ma che fatica svegliarmi alla mattina, il più delle volte! Certo è.. che anche se adesso sono veramente sconvolta, una di queste briochine mi sveglierebbe senza dubbio in modo stupendo. Che delizia tesoro!! :D Un abbraccio!

    RispondiElimina
  6. L'allodola che è in me...vive di giorno...cioè si alza di notte...guarda l'alba...ed al tramonto di pomeriggio...diventa un cartonato senza anima, senza lucidità. Poi certo la mattina mi posso godere al meglio questi post...queste ricette che per me hanno un deciso valore aggiunto.
    Adoro i lievitati dolci...adoro l'abbinamento con la confettura...adoro le tue ricette e la tua presentazione minimale ma sempre efficace.
    I cantuccini alle arachidi sono piaciuti moltissimo a mio nipote di 5 anni...queste mi sa che me la pappo io però!! :P eheheheheeh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà perché non avevo dubbi sul tuo status: c'è da dire però che non tutte le allodole sono "risolutive ed operative" come sai essere tu :D
      Sono felice che i cantuccini alle arachidi non abbiano deluso le tue aspettative :D
      Un bacione al piccolo :D

      Elimina
  7. Sto rinfrescando il lievito madre...come mi invogliano queste briochine... :-)

    RispondiElimina
  8. Anch'io sono un gufo, da sempre, forse perchè amo quel silenzio che anche tu percepisci conciliatore della concentrazione, forse perchè finalmente posso godere di me stessa senza rendere conto ad altri, di notte mi sento libera, finalmente. Certo la mattina è dura, specialmente d'Inverno ma molto mi aiuta lo stimolo di una golosa colazione che mi aspetta, queste brioche potrebbero farne parte.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sensazione di libertà da impegni e vincoli: è proprio questo che si assapora maggiormente e che rende speciali le ore notturne :D

      Elimina
  9. :-D Sicuramente allodola Mile, la sera ce la faccio fino ad un certo punto :-/
    Queste briochine sono venute stupendissime!!! Ma il ripieno è proprio confettura di mele, non cotognata, vero? Per caso la stessa dei biscotti con le noci? :-D
    Le proverò di sicuro!!! Stupende le foto! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì è la stessa che ho usato per i biscotti: è una confettura di mele semplice e buonissima, leggermente aromatizzata alla cannella :D

      Elimina
  10. Oh caspita sembrano veramente deliziose!!

    RispondiElimina
  11. Bellissime queste brioches! C'è da dire che o gufo o allodola il sorriso ti si stampa in volto alla loro vista.
    Io sono un po' l'uno e un po' l'altro, dipende dai giorni!

    RispondiElimina
  12. Non riesco a fare le ore piccole, confesso, ma non mi dà problemi alzarmi presto la mattina.
    E queste renderebbero la mia colazione più...sorridente, di certo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mattino ha l'oro in bocca, non dimentichiamolo :D

      Elimina
  13. Sono perfette e golosissime...brava!
    ciao ..buona giornata!

    RispondiElimina
  14. Mentre leggevo il post non riuscivo a decidere se sono allodola o gufo..sono un po' entrambi, come può essere definita una persona che è attiva di pomeriggio??!!
    Queste brioche sono bellissime, immagino siano anche molto buone. Copio la ricetta. Buona giornata
    Marta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una persona che è attiva di pomeriggio è un "gufo", ma nella vita niente è del tutto nero o bianco: sono tante le sfumature intermedie .....

      Elimina
  15. Io invece sono del gruppo mattiniero, quando sono le 10 di sera gia' crollo come una pera cotta mentre non ho tanti problemi a svegliarmi presto. Mi piace alzarmi la mattina presto ed andare a correre quando non ci sono macchine in giro.
    E dopo una bella corsa una brioche cosi' ci starebbe proprio bene :) quando dici "poco gelatinosa" intendi che deve essere piuttosto soda e sostenuta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tempo fa ho avuto una marmellata di mirtilli alquanto "liquida": ecco una marmellata di questo tipo non sarebbe adatta ....
      Sì consiglio una marmellata soda .....

      Elimina
  16. Ma tu sai che il mio analfabetismo in materia di panificazione è profondo e radicato ? Però, ti avevo promesso che avrei tentato di migliorare...forse è arrivato il momento !
    Dimmi, utilizzando il lievito di birra fresco (ancora non oso buttarmi nella preparazione del lievito...)il procedimento è uguale? nel senso che bisogna lasciare l'impasto nel frigorifero per una notte intera ? E poi, per quanto tempo bisogna tenerlo "a riposo" l'indomani (dipende dalla temperatura della cucina...deve essere calda?)...
    AIUTOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da questo punto di vista è uguale: il riposo in frigo si definisce "maturazione" ed è una lievitazione più lenta che dà luogo ad un prodotto finale più digeribile e leggero .....
      La temperatura agisce sui tempi di lievitazione: se è fredda questi saranno lunghi, mentre se è riscaldata, la lievitazione sarà più breve.
      Ti consiglio pertanto di tenere l'impasto in un luogo al riapro da correnti d'aria ed il forno è perfetto (eventualmente puoi lasciare la lucetta accesa) ....
      Tieni conto che l'impasto deve raddoppiare di volume e usando un contenitore stretto e lungo, ne agevoli "la spinta" ed inoltre puoi controllarne facilmente la crescita.

      Concludo con una raccomandazione: ogni farina ha un potere di assorbimento dei liquidi diverso, quindi se il tuo impasto ne dovesse richiedere di più o di meno di quanto ho indicato io, non temere, assecondalo!

      Spero di esserti stata d'aiuto e in bocca al lupo :D!

      Elimina
    2. Se hai bisogno, basta un fischio :D

      Elimina
  17. sono meravigliose... soffici, golose...

    RispondiElimina
  18. Con i miei piccoli per niente dormiglioni ho imparato ad essere un'allodola iperattiva alla mattina! Qst delizie sarebbe una perfetta scusa x continuare a svegliarsi presto! Baci luisa

    RispondiElimina
  19. Ma sono deliziose!
    Perfette per fare iniziare bene la giornata a un gufetto =)

    Un bacione
    S.

    RispondiElimina
  20. Anch'io decisamente nottambula, eppure amo svegliarmi presto al mattino. ...okay, ammetto di bere mooolto caffè ;)
    Queste briochine sono davvero splendide, sei sempre perfetta Milena!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il caffè è il tuo segreto dunque!

      Elimina
  21. ahah, io invece sono un' allodola, all'ora del tramonto gli occhi iniziano a chiudersi e alle 8 del mattino massino sono sveglia e trepidante di iniziare una nuova giornata. se sapevo di dover studiare, il mio orologio biologico mi svegliava anche mezz'ora prima, è proprio vero quel che dici...e infatti mi piace svegliarmi presto e godermi al colazione con calma, con queste briochine è perfetto. la foto, poi, è da sogno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei un'allodola operosa, considerando le bellissime cose che fai :D

      Elimina
  22. Decisamente allodola...
    Le tue briochine sono golosissime, non solo per colazione!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Difatti sono perfette anche per la merenda e, non dicimaolo a nessuno, qualcuna l'ho gustata anche per lo spuntino serale prima di andare a dormire D

      Elimina
  23. oggi non so più come collocarmi, saranno gli anni che passano e ti cambiano un po', e forse pure il luogo ,qui non c'é che scegliere tra sera, notte e giorno sempre scuro é il cielo, comunque mi sento più allodola poiché quando spunta il giorno sono superattiva, anche se vado a letto molto tardi e nonostante riesco a svegliarmi presto, certamente con queste brioscine il risveglio é altro ché gradevole ;)

    ti abbraccio con affetto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avere le caratteristiche di allodola e gufo insieme non è da tutti e richiede anche una grande resistenza fisica: complimenti :D
      Un abbraccione :D

      Elimina
  24. Una meraviglia! rifacciamo colazione più che volentieri con queste!! bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è che no ci si vuole fermare la prima ....

      Elimina
  25. Io mi metto nei mattinieri... e a colazione presto uno di questi dolcetti è davvero perfetto :-) Bacioni!!!

    RispondiElimina
  26. gufaccio anch'io! e tiro tardi, ma tardi, veramente tardi.
    e mica si può, nelle nostre vite, mica come ai tempi dell'università che se ti svegliavi un'ora dopo non succedeva niente. qui si deve andare a scuola, ed essere pimpanti di fronte agli studenti.
    io, lo confesso, certe mattine sbadiglio. in effetti non è molto dignitoso per un'insegnante.
    se solo avessi queste tue brioscine...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me è così e poi resistere ai colpi di sonno diurni non è facile :D

      Elimina
  27. Ciao è pronto il pdf della mia raccolta...

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO