23 gennaio 2013

Tartellette alle mele Élisée


Quando da bimba al ritorno dalla scuola, mia madre tirava fuori il mortaio di rame e al ritmo tintinnante del pestello trasformava quei grossi “sigari” in polvere profumata, sapevo che a merenda io e i miei fratelli avremmo avuto una golosa torta di mele da gustare ….
Ancora oggi per me la cannella ha un grandissimo potere evocativo e mi riporta indietro nel tempo, a quei pomeriggi spensierati …..
Quando ho letto questa ricetta di tartellette di mele

Tartellette alle mele Élisée

non ho potuto fare a meno di provarle e difatti non mi ero sbagliata: il guscio di finissima pasta frolla, fa “da contenitore” alle mele, vere protagoniste che presentano una differente cottura e consistenza e se all’interno i cubetti alla cannella sono fondenti quasi quanto una crema, all’esterno le fettine di mele a completamento, sono “arrostite” al forno e profumate al calvados.
È un dolce semplice con mele cotte, avvolgente e suggestivo, ma se lo si volesse rendere “più grintoso” si potrebbe velare il guscio con un sottile strato di crema pasticcera sul quale adagiare le mele alla cannella, finendo con le mele arrostite e poi spolverizzate con zucchero di canna, così che una volta “bruciate” con il cannello, formerebbero una golosa crosticina. 


Tartellette alle mele Élisée

Ingredienti

Pasta frolla (450 g)*
120 g burro
200 g farina 00
25 g mandorle polverizzate
70 g zucchero a velo vanigliato
1 pizzico fior di sale
1 uovo intero codice 0

Mele alla cannella
500 g mele renette o golden (ric. orig. 750 g)
40 g uva passa (ric. orig. 60 g)
40 g burro (ric. orig. 60 g)
30 g zucchero semolato (ric. orig. 45 g)
cannella in polvere

Mele arrostite al forno
700 g mele renette o golden (ric. orig. 1 Kg)
40 g burro (ric. orig. 60 g)
40 g zucchero semolato (ric. orig. 50 g)

mandorle in scaglie (facoltativo)
30 g circa burro
calvados

Occorrente
4 stampi per tartellette Ø cm 12** (o 8 Ø cm 8)

* per le tatellette occorrono 350 g di pasta frolla, quindi una parte di pasta frolla avanzerà e si potrà utilizzare per dei biscotti.

** le dosi indicate si riferiscono a quelle da me seguite, mentre quelle tra parentesi alla ricetta originale

Preparazione
Tartellette. Tagliare il burro a cubetti e lavorarlo le farina, lo zucchero a velo setacciato ed il fior di sale, quindi incorporare l’uovo. Lavorare velocemente, compattare il tutto, formare una palla con la pasta, avvolgerla nella pellicola per alimenti e farla riposare in frigo 2 ore.
Su un piano di lavoro infarinato, stendere la pasta ad uno spessore di 2 mm e ritagliarne dei dischi con i quali foderare gli stampi.
Far riposare 1 ora al fresco ed infornare le tartellette a 170 °C, dopo aver bucherellato le basi per evitare che in cottura gonfino, coperte con carta forno e legumi.
Cuocere per 20’ circa. Successivamente eliminare la carta ed ultimare la cottura, finché non assumono una colorazione bionda.  

Mele alla cannella. Sbucciare le mele, privarle del torsolo e tagliarle a cubetti.
In un tegame far sciogliere il burro, unire le mele con lo zucchero e la cannella. Appena cominciano ad ammorbidirsi, togliere dal fuoco, lasciare freddare ed aggiungere l’uvetta precedente ammollata e strizzata.

Mele arrostite al forno. Preriscaldare il forno a 180 °C. Sbucciare le mele, privarle del torsolo, tagliarle a fettine non troppo sottili perché in cottura si "riducono" e disporle in una teglia. Sciogliere il burro a bagnomaria, spennellarle con questo, spolverizzare con lo zucchero ed infornare per 10/12’.

Riempire le basi raffreddate delle tartellette, con i cubetti di mele, disporvi armoniosamente le fettine di mele arrostite e lucidare con burro fuso e profumato con calvados (o gelatina di albicocche). Conservare in frigo e spolverizzare di cannella (guarnendo con scaglie di mandorle tostate), prima di servire. [Tratte da Dolce di Ladurée]

Tartellette alle mele Élisée


Ricette correlate


53 commenti:

  1. I tuoi ricordi riguardanti la cannella sono tenerissimi.. anche a me evoca dolci sensazioni e non posso fare a meno del suo profumo, lo adoro. Queste tartellette sono elegantissime, deliziose e uniche.. complimenti davvero, mi piacerebbe tanto averne una adesso... ! Buona serata e a te grazie di questo stupendo sogno alla mela...!

    RispondiElimina
  2. "Ancora oggi per me la cannella ha un grandissimo potere evocativo e mi riporta indietro nel tempo, a quei pomeriggi spensierati …..." Che bella cosa i ricordi, sapere che in qualche modo hanno contribuito a diventare ciò che siamo oggi, ci rende fieri di noi stessi, grazie per aver condiviso cose cosi "intime" e personali con "noi" (me in particolare) ... anche io ho dei ricordi bellissimi di quando ero una bambina anche se non è passato molto tempo, da allora. Ma è pur sempre bello ricordare.
    Poi che cosa dire del abbinamento cannella + mele = accoppiata perfetta! Buona Notte.
    Grazie ancora per aver mi evocato ricordi d'infanzia bellissimi!!!

    RispondiElimina
  3. ...l'idea di tua mamma col mortaio...anche noi ne avevamo uno, anzi due: che fine avranno fatto? Ora con frullatori, Bimby e accessori vari si è perso il gesto, la lentezza, il ritmo...la cucina deve essere lenta: il tempo della preparazione, dell'assaggio, della cottura...mi piacerebbe riappropiarmi di quel ritmo...notte cri

    RispondiElimina
  4. Bella l'immagine della mamma che pesta i "sigari" nel mortaio. La cannella per me è il Paradiso delle spezie e non esiste torta di mele senza cannella. Come ho fatto a non notare questa meraviglia sul libro di Laduree? Ho bisogno di un paio di occhiali nuovi!
    Sono una gioia per gli occhi e per l'anima queste tartellette. Un bacione, buona giornata

    RispondiElimina
  5. bellissima l'immagine che rimandi all'inizio.stupende invece queste tartellette, profumate di mela e cannellla, profumo d'amore.buone!

    RispondiElimina
  6. bellissime foto, fai venire voglia di provarle anche a noi, io credo lo farò appena trovo un minuto, sono troppo belle, non si può non farlo!

    RispondiElimina
  7. Il potere evocativo della cannella è fortissimo anche per me e la prima cosa a cui mi fa pensare è proprio la torta di mele, quella della nonna però!Adorabili le tartellette, le guardo e le sceglierei mille volte tra mille altri dolci.
    Bacioni da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le ho rifatte e le ho trovate buone come la prima volta che le ho assagiate: non deludono mai :D

      Elimina
  8. Che bella l'idea di usare due tipi diversi di cottura per le mele! Molto interessante! Poi le torte di mele sono la mia passione...!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono semplici eppure particolari :D

      Elimina
  9. Io sono una vera drogata di cannella, e le mele vanno a nozze con essa!figurato che ho il coraggio di mangiarmi le fettine crude spolverizzare di cannella!In famiglia, tuttavia non è amata, vi a capire...
    Queste tartellette sono poesia pura mica cara, mi piacerebbe assaggiarne una col tè!bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me la cannella piace anche con il salato!!!!

      Elimina
  10. stupende..adoro i dolci con le mele...le provo!

    RispondiElimina
  11. Che buona presentazione,quella tartaletta è un meraviglia,miei bambini saranno i più contenti quando la prepare.Ottima ricetta.

    RispondiElimina
  12. Semplici e dolcine al punto giusto! una idea proprio perfetta per utilizzare al meglio le mele!
    la presentazione poi è molto elegante, bravissima!
    bacioni

    RispondiElimina
  13. Dopo aver letto la descrizione delle consistenze e dei sapori di questa tartellette, mi hai fatto venire una voglia matta di provarla. Sai quelle cose che ti scatenano proprio l'acquolina in bocca e un desiderio enorme?
    Non so se è più l'idea della finissima frolla o del cuore di mele fondente.... sta di fatto che mi hanno completamente catturato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La frolla è incantevole e la userò per altre tarte :D

      Elimina
  14. mamma mia sono uno spettacolo queste tartellette!ottime per merenda direi

    RispondiElimina
  15. accipicchia che meraviglie queste tartellette..sembrano davvero buonissime.
    e per restare in tema mele e cannella,c'è un premio per te sul mio blog,se ti va pessa a ritirarlo! un abbraccio:)
    http://peanutincookingland.blogspot.com/2013/01/a-little-piece-of-me.html

    RispondiElimina
  16. Mi sento fuori dal coro...non mi piace la cannella!!! Però mi piacciono tutti i dolci con le mele e con l'uvetta e queste tortine sono una delizia..da vedere e da gustare! Grazie della visita

    RispondiElimina
  17. Le tue tartellette sono proprio belle!
    poi i dolci che riportano al passano hanno sempre il loro fascino!

    RispondiElimina
  18. Che bella l'immagine della mamma con il mortaio..... Sono tornata indietro nel tempo....
    Delle tartellette davvero gustose e con il gusto del ricordo, mica male... Un bacione

    RispondiElimina
  19. Mmm, mi hai fatto sentire il meraviglioso profumo delle mele con la cannella! La tua ricetta mi piace così com'è, senza crema!

    RispondiElimina
  20. Anche io adoro la cannella, mi fa tornare bambina e mi scalda il cuore. Come adoro tutte le torte di mele. Queste tartellette devono essere proprio una carezza per il cuore. La foto è stupenda

    RispondiElimina
  21. chissà che profumo, la cannella con le mele creano davvero qualcosa di magico, e di buonissimo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non esiste un abbinamento più semplice e classico eppure tanto buono :D

      Elimina
  22. sei molto brava, mi unisco ai tuoi lettori così ti tengo d'occhio. complimenti anche per le fotografie, mi piacciono moltissimo. eleonora
    http://eilbasilico.blogspot.it/

    RispondiElimina
  23. La cannella anche per me ha un valore evocativo, mi ricorda di un un anno passato in modo alquanto particolare, duro ma anche piacevole, sai di quei periodoi "tosti" che si vivono tutto d'un fiato e che solo molto dopo si apprezzano...ecco.
    Per il resto mi sono segnato uno spunto eheheheheh...troppo eleganti per me queste tartellette...se ci riesco vedrai :))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .... e che dopo si apprezzano perché nel frattempo "ci si è fatti le ossa"!

      Elimina
  24. Pensavi ti fossi liberata di me? ;) Finalmente un pò di tregua, e un giro dai miei blog preferiti, o dalle mie blogger preferite ;-) Ma quante delizie mi sono persa? Tante, troppe! Ma ho già adocchiato una strepitosa torta di mele e dei meravigliosi tartufi di torrone, e io che mi riprometto sempre di non guardare certe ricette che fanno gola e che poi mi tentano, tentatrice ti lascio un bacio :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giammai mi vorrei liberare di te: mi credi se ti dico che ho sentito la tua mancanza?

      Elimina

RETROSCENA DI GUSTO