30 gennaio 2013

Tarte all’arancia

Da qualche anno tra me e ed alcuni amici vige un accordo tacito, ormai consolidato: quando raccolgono le arance biologiche da loro stessi prodotte, una parte è per me, perché sanno che diversamente non uso la preziosa scorza, insostituibile per dare carattere a molti dolci, grazie agli oli essenziali.
Così per ricambiare tanta generosità, non appena preparo qualche dolce, uno è per loro: un vero e proprio baratto d’altri tempi …..

Tarte all'arancia
Quest’anno ho aperto le danze con una tarte all’arancia semplicissima: la frolla alle mandorle è farcita con crema pasticcera all’arancia (ma per una “resa più fresca” si potrebbe usare anche il gelo) e decorata con arance caramellate.


Tarte all’arancia

Pasta frolla (450 g: 3 stampi Ø cm 14)
120 g burro
200 g farina 00
25 g mandorle polverizzate
70 g zucchero a velo
1 pizzico fior di sale
1 uovo intero codice 0

Crema pasticcera all’arancia
250 ml latte
2 tuorli codice 0
50 80 g zucchero
20 g amido di mais
2 arance bio (scorza)

Arance caramellate
2 arance bio
200 g zucchero + 250 ml acqua

Preparazione.

Tarte. Tagliare il burro a cubetti e lavorarlo le farina, lo zucchero a velo setacciato ed il fior di sale, quindi incorporare l’uovo e ½ scorza d’arancia grattugiata. Lavorare velocemente, compattare il tutto, formare una palla con la pasta, avvolgerla nella pellicola per alimenti e farla riposare in frigo 2 ore.
Su un piano di lavoro infarinato, stendere la pasta ad uno spessore di 2 mm e ritagliarne dei dischi con i quali foderare gli stampi.
Far riposare 1 ora al fresco ed infornare le tartes a 170 °C, dopo aver bucherellato le basi per evitare che in cottura gonfino, coperte con carta forno (e legumi non necessariamente: leggere qui).
Cuocere per 20’ circa. Successivamente eliminare la carta ed ultimare la cottura, finché non assumono una colorazione bionda. [Ricetta pasta frolla tratta da Dolce di Ladurée]
Crema all’arancia. Scaldare il latte con la scorza di un’arancia e lasciare in infusione per mezz’ora circa, quindi filtrare. Lavorare (subito, per evitare la formazione dei “grumi rossi”) i tuorli con lo zucchero e ½ scorza d’arancia grattugiata, fino a renderli spumosi. Versare l’amido sul composto di uova e zucchero, mescolando rapidamente, ma senza lavorare troppo per non indurire il tutto. Versarvi il latte caldo, mescolare e rimettere sul fuoco il composto. Rimestare continuamente a fuoco dolce e quando iniziano ad apparire le prime bolle, spegnere. Travasare immediatamente in una pirofila e ricoprire con pellicola a contatto per evitare la formazione della pellicina superficiale.
  
Arance caramellate. Lavare bene le arance, passando la scorza con uno spazzolino, asciugarle con un telo o con carta assorbente da cucina e tagliarle a fette spesse 2 mm. Scaldare l’acqua con lo zucchero fino a farla fremere ed aggiungere delicatamente le fette di arancia.
Lasciarle “affogare” per 30’ a fuoco lento. [Ricetta tratta da Dolce di Ladurée]
  
Assemblaggio. Trasferire la crema pasticcera (se dovesse risultare troppo consistente, diluire con pochissimo latte) nei gusci di frolla e decorare con le fette di arance caramellate, tagliate a metà e disposte armonicamente.


Altri dolci con le arance qui 

50 commenti:

  1. Le arance biologiche sono preziosissime e questa tarte e' buonissima.Complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne vorrei avere a disposizione molte di più ....

      Elimina
  2. Mi sembra di sentire il sapore... divino!
    Te la copio ;)
    Bacioni
    Tiziana

    RispondiElimina
  3. stupenda...fresca, delicata...

    RispondiElimina
  4. Fantastica e molto solare!!
    Brfavissima!!
    Un abbraccio e buona serata
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le arance in effetti sono dei piccoli soli invernali ....

      Elimina
  5. Mi piace questo baratto! E poi ci guadagno anche io come lettrice ^^

    RispondiElimina
  6. Che baratto fantastico! E ha giovato anche a noi, devo dire: così abbiamo conosciuto questa splendida ricetta! <3 Un bacione e complimenti!! :)

    RispondiElimina
  7. Risposte
    1. Il gusto delle arance è intenso e dona a questo tarte una personalità unica ...

      Elimina
  8. Che meraviglia questa torta...immagino da qui perfettamente il suo profumo!! Conosco benissimo quel tacito accordo sai? Un bacione!

    RispondiElimina
  9. Un ottimo scambio, e un dolce meraviglioso!! Bacioni, Imma

    RispondiElimina
  10. che meraviglia questa tarte...complimenti!

    RispondiElimina
  11. Bellissima la tua tarte e molto carina l'idea dello scambio! Anche io vorrei delle arance biologiche e dalle origini certe per poter usare la buccia senza preoccupazioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando non le ho, mi sento molto limitata, perché posso realizzare solo quelle ricette che richiedono il succo ....

      Elimina
  12. Non so se questo baratto sia più vantaggioso per te o per i tuoi amici che beneficiano delle tue splendide creazioni :) Questa tarte è una gioia per gli occhi e una delizia per le papille. Un bacione, buona serata

    RispondiElimina
  13. Perdindirindina...ci sono delle torta che ti vien proprio voglia di mangiarle....cri

    RispondiElimina
  14. Ciao, divina questa tarte, con tutto il sapore delle arance di stagione!
    baci baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed in fondo avendo le arance caramellate, si può replicare con una comune crema pasticcera ...

      Elimina
  15. Wow, ma che spettacolo. La proverei col gelo, in effetti, che meraviglia.
    Un bacione, Milena! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La variante con il gelo mi incuriosisce molto :D

      Elimina
  16. e fanno più che bene a donartene una quantità... sai che io nella dispensa ho ancora due vasetti di limoni caramellati, presi da te? Devo pensare, ma magari tu hai già pensato per me... :-P
    Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Li voglio fare quest'anno e conservare in barattolo :DDD

      Elimina
  17. Scambi d'altri tempi...ma sempre graditi! Soprattutto se poi arriva una torta così bella e profumata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sempre però le ricette riescono bene ....

      Elimina
  18. Sarà anche d'altri tempi ma è uno scambio strepitoso *_*

    RispondiElimina
  19. ahhh che spettacolo di tarte! e la cosa del baratto mi piace assai, dovremmo farla tutti ogni tanto!

    RispondiElimina
  20. Impazzisco per la tarte, ma vogliamo parlare del delizioso vassoio? Sono assolutamente perplessa dalla tecnica per la cottura in bianco... ma siamo sicuri che non si gonfia niente? E allora perché la leggenda dei legumi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho provata a cuocerla senza pesi ed il guscio "non si è gonfiato": una bella scoperta!

      Elimina
  21. W il baratto!!!!!!!!
    Vorrei anch'io qualcuno che mi regalasse arance sicuramente bio!
    Bellissima e deliziosa la torta, io amo particolarmente la crema all'aramcia o al mandarino.
    baci
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una crema molto aromatica che puoi usare anche per altri dolci ....

      Elimina
  22. realizzazione splendida...è la cosa più bella da vedere in questo periodo! come sempre, bravissima!

    RispondiElimina
  23. Tu non sai cosa sto facendo per cercare di avere dei mandarini tardivi...nn posso che capirti altrochè!
    La tarte...decisamente un sogno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visti i risultati che raggiungi, ti esorto a non demordere!!!!!!!!!!!!!!!!!!

      Elimina

RETROSCENA DI GUSTO