24 ottobre 2012

Tigelle a lievitazione naturale con salmone affumicato e camembert

Se l’anno scorso il soggiorno estivo di mia sorella è stato siglato dalle crêpes che hanno rallegrato molte serate torride, quest’anno hanno spopolato le tigelle (che sarebbe più corretto definire crescentine) ed il vero divertimento arrivava quando ognuno proponeva la sua farcia personale, promuovendola come migliore delle altre.
Per non perdere l’allenamento, ho provato a prepararle con il lievito madre (ma tra parentesi indico la dose di lievito di birra) e le ho farcite con quello che avevo in frigo

Tigelle con salmone affumicato e camembert

del salmone affumicato su un letto di insalatina ed il camembert, il tipico formaggio francese nella scatola di pioppo (e già, ultimamente ogni settimana acquisto un formaggio diverso, per la gioia del mio colesterolo).
Saranno poco ortodosse per via dell’olio evo nell’impasto in sostituzione dello strutto (se non è home made proprio non riesco ad usarlo!) e del tipo di cottura scelto (non nell’apposito ferro che mi piacerebbe avere), ma sono perfette per una serata tra amici, farcendole come tradizione vuole (battuto di lardo, aglio e rosmarino) o seguendo i gusti personali.


Tigelle (con lievito madre) con salmone affumicato e camembert

Ingredienti (8/10 pz)

250 g farina forte
80 g lievito madre rinfrescato (o 10 g lievito di birra)
2 cucchiai olio evo (o 30 g strutto)
1 cucchiaino zucchero
sale

Preparazione. Sciogliere il lievito madre in 100 g d’acqua (con la frusta a K se si usa la planetaria), quindi impastare con la farina ed il resto degli ingredienti, aggiungendo il sale per ultimo.
Lavorare il composto a bassa velocità (con il gancio) finché non diventa liscio ed elastico e si stacca dalle pareti della ciotola, formare un panetto, piegando i lembi sotto la base e riporre a lievitare in un contenitore stretto ed alto, leggermente unto d’olio e coperto con pellicola alimentare, in un luogo al riparo da correnti d’aria (nel mio caso ha impiegato 3 ore, mentre se si usa il lb occorrerà meno tempo).
A lievitazione avvenuta, stendere la pasta ad uno spessore di 3/4 mm e ricavare le crescentine con un coppa pasta circolare di 10 cm di diametro e far lievitare per poco tempo, il necessario perché comincino a gonfiare.
Scaldare benissimo una bistecchiera in ghisa (o una padella per crêpes, ma sarebbe l’ideale l’apposito attrezzo) e cuocere da un lato e dall’altro.
Farcire con soncino, camembert, salmone affumicato e servire ben calde.

24 commenti:

  1. Una volte ho provato a farle in casa, ma mi son venute un pò dure....devo proprio provare la tua ricetta...sembrano buonissime! complimenti.
    Buona giornata da "LA CUCINA COME PIACE A ME"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova questa ricetta: sono morbidissime e puoi anche consumarle successivamente alla cottura, salvo una piccola scaldata!

      Elimina
  2. ecco le tigelle mi ricordano la mia infanzia e grazie per avermi dato la ricetta con il lievito madre.la faròà sicuramente!

    RispondiElimina
  3. Ummm che buone me le farei anche per colazione!!!

    Buona giornata
    Margherita

    RispondiElimina
  4. No, secondo me il nome corretto è tigelle... a Suviana, nell'appennino tosco emiliano, dove vado spesso proprio per gustarle, se chiedi le crescentine ti danno la pasta del pane fritta. Chiamale come vuoi, sono comunque gustosissime e la tua farcitura a base di salmone affumicato dev'essere una delizia!

    RispondiElimina
  5. Le tigelle sono già di loro qualcosa di mitico.. come le hai riempite tu, diventano davvero irresistibili! Complimenti, questi sarebbero aperitivi perfetti, di classe e tanto gustosi! :D Evviva le tigelle e.. te! ;) Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono di parte, perché adoro il salmone affumicato ...

      Elimina
  6. Quello che avevi in frigo mi sembra proprio un fantastico ripieno!!
    Devo assolutamente provare a farle anche io le tigelle!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si preparano velocemente e soddisfano anche i palati più esigenti :DDD

      Elimina
  7. chissà che gustose queste tigelle...col salmone affumicato devono essere davvero saporite

    RispondiElimina
  8. Io sono golosissima di tigelle, appartengono praticamente ai ricordi della mia infanzia. Non le ho mai provate con questa farcia.. devono essere squisite!! Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece le ho adottate di recente, ma sto recuperando ....

      Elimina
  9. Sono golosissime e quando cominci poi non finiresti mai :-))) Noi poi ci passiamo tutti i ripieni e li proviamo tutti :-))))) Favolose e una perfetta sostituzione della piadina classica :-) Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei provare a fare la piadina! Tu hai una ricetta?

      Elimina
  10. Ciao Milena! E' un po' che vorrei fare le tigelle ma a fermarmi è sempre stata la mancanza dell'attrezzo per la cottura... Ma se mi dici che posso provare a cuocerla sulla bistecchiera mi fido! un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi procedere: la foto è inequivocabile!

      Elimina
  11. Ecco svelato l'arcano... Devo dire che la ricetta che faccio è completamente diversa, ma pensa ancora non le ho provate con il lievito madre!!! Ottimo il tuo modo di farcirle, ma io ho un debole, stracchino e rucola e l'immancabile tigella finale con la Nut ;-)

    RispondiElimina
  12. Ciao! mamma quanto ci piacciono le tigelle! questa farcia è davvero invitante e affumicata ;)
    un bacione

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO