2 luglio 2012

Zucca lunga in umido

Quando giugno e luglio richiedevano gli ultimi sforzi in termini di studio, e la morsa del caldo rendeva tutto più difficile, eleggevo a luogo di studio il terrazzo panoramico con vista sullo Stretto (fatta eccezione per le ore centrali del giorno, ovvio!): il poter ammirare la costa calabra mi rassicurava e mi faceva sentire a casa.
E però a turbare la concentrazione intervenivano voci e profumi che scandivano con precisione lo scorrere delle ore: lo scemare del rumoreggiare dei ragazzini che, su insistenza delle rispettive mamme, si davano appuntamento per l’indomani, il signore del piano di sotto che rincasava e girava in tondo due o tre volte, prima di trovare parcheggio (rigorosamente sotto casa!), la signora del primo piano che due sere sì e una no, cucinava la zucca lunga in umido:

Zucca lunga in umido

ed io mi sentivo a casa!
E' un piatto povero, come tutti quelli della tradizione calabrese, un "matrimonio dell'orto" tra la zucca lunga e i pomodori, benedetto dall'olio evo, dalla cipolla rossa e dal basilico: si tratta di una zuppa da gustare calda, ma che paradossalmente è molto rinfrescante per via di quell'acquosità e aromaticità che contraddistingue il meraviglioso ortaggio proteiforme (detto in calabrese "cucuzza longa" o "cucuzza ‘e acqua").


Zucca lunga in umido

Ingredienti x 4

1 /2 zucca lunga
2 pomodori
1 cipolla rossa piccola
sale, olio evo, basilico

Preparazione. Mondare la zucca lunga, tagliarla in tre o quattro parti, eliminare i semi dalle parti più grandi e dadolarla grossolanamente.

Zucca lunga in umido

Coprire il fondo di un tegame (io uno in ghisa Le creuset) con l’olio evo ed un trito di cipolla ed unirvi la zucca ed i pomodori (privati dei semi, ma anche no) a cubetti: salare e far rosolare il tutto per pochi minuti, quindi aggiungere un mestolo d’acqua, coprire e portare a cottura.
Spezzettarvi il basilico con le mani e servire ben calda o tiepida.


Ricette correlate

34 commenti:

  1. E' vero, le abitudini degli altri contribuiscono al nostro"sentirci a casa",ma anche gli odori,i profumi ci riportano indietro!La zucchetta la preparava sempre mia suocera,non l'ho mai rifatta eppure mi piaceva tanto!Come dici tu da quella sensazione di freschezza,che con questo gran caldo,è necessaria!!
    Un abbraccio cara!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed inoltre abitudine banali, quando si è lontani da casa, acquistano tutt'altro spessore ...

      Elimina
  2. Mamma mia Milena...queste zucchine le ho viste raramente, e solo in casa della mia nonna paterna che le cucinava esattamente così :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi sono conosciute anche a Roma?

      Elimina
  3. Che meraviglia questa ricetta condita dai ricordi. Sarei così curiosa di assaggiare quella zucca ma credo dovrò accontentarmi delle normali zucchine!!! Un bacione, buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi rincresce deluderti, ma con le comuni zucchine non ottiene la stessa zuppa :(

      Elimina
  4. è capitato anche a me di mangiare questa zuppa "verso la fine" come te ne conservo un ottimo ricordo, da rinfrescare però.....

    RispondiElimina
  5. anch'io la faccio sempre in questo modo, mantiene tutto il suo sapore autentico..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti vorrei provare altre ricette, ma poi desisto ....

      Elimina
  6. Stupende e super saporite nonché molto sane! Brava, brava :-) Buona settimana!

    RispondiElimina
  7. La zucca lunga mi sa di casa, mi sa che questa cosa ci accomuna!
    Qui a Milano la trovo solo da pochi anni e almeno una volta ogni estate la preparo per sentirmi un po' più a casa, proprio come tu facevi a Messina... E' un ingrediente semplice, ma che a quanto pare scatena le nostre emozioni! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono le nostre madeleines nostalgiche ....

      Elimina
  8. Sai che non conosco questo ortaggio, credo di non averlo mai visto! Non ho molta propensione per i piatti caldi, in questi ultimi giorni, ma forse tra un mesetto, la sera, ricominceranno a comparire sulla mia tavola!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche se si serve caldo, regala uan grande freschezza: provare per credere ...

      Elimina
  9. Putroppo non le ho mai vedute queste zucche.... piatto davvero invitante :)

    Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se le trovi, ti consiglio di provarle .D

      Elimina
  10. sto immaginando l'immagine da quel terrazzo.. che sogno! questa zucca.. mica la conoscevo eh!?!? in umido.. interessante..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come vorrei tornare su quel terrazzo, ma sono cambiate tante cose .....

      Elimina
  11. bonazza questa "zuppetta" di zucca! O meglio di cucuzza!!!
    non l'ho mai vista al mercato, ma credo che la cercherò molto molto meglio tra i banchi ;)

    RispondiElimina
  12. Non sai che regalo mi hai fatto. i miei nonni erano di Sapri 8ultimo paese della Campania, pieno di contaminazioni calabre, quanto a cucina) e la zucca lunga la cucinava tantissimo!. Al posto delle zucchine, con la cipolla bianca, oppure nella pasta al forno, immersa nel sugo e mozzarella. Questa tua versione non l'ho mai provata ma , se il destino mi fa il favore di farmela trovare a Sapri, quest'estate, la proverò con grande affetto!

    RispondiElimina
  13. mizzica, la ricetta della nonna :) scorpacciate che mi faccio d'estate...
    E' assolutamente vero, è un piatto caldo che rinfresca, pare un ossimoro, anzi lo è ahahahahah! Mi piace pensarti mentre guardi la costa calabra dalla mia Messina :****
    baciuzzi
    Cla

    RispondiElimina
  14. Mai capitate sottomano queste zucchine...che belle queste ricette...mi ci perderei in queti post...
    simo

    RispondiElimina
  15. assolutamente non consocevo questo tipo di zuppa, pero'come tutti i piatti poveri so gia'che lo amo...la tradizione al servizio del gusto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I piatti della tradizione sono sempre quelli più semplici e buoni :D

      Elimina
  16. IO la faccio uguale, ma aggiungo le patate e i miei figli ne vanno pazzi... Però io smettevo a giugno di studiare.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non l'ho mai provata con le patate: urge una verifica!!!!!!

      Elimina
  17. Questa la conosco eccome, era uno dei piatti di mia mamma, ma senza basilico e condita solo con olio crudo. Quanta nostalgia...

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO