7 maggio 2012

Agnello con patate, cipolle e alloro

Seguo sempre una regola in cucina, quella cioè di “preparare pietanze che soddisfano i miei gusti”: potrà apparire egoistico, ma diversamente non saprei procedere ….
Così quando si tratta di cucinare l’agnello, a provvedere è la mamma o la sorella e a Pasqua è toccato a quest’ultima: ebbene a tavola è stato un fiorire di elogi (alcuni in favore della qualità della carne, altri in favore dell’abilità della cuoca!) ed io, incuriosita, mi sono disposta all’assaggio, se non altro per testare se sia vero che ogni nove anni cambiano le preferenze alimentari…..

Agnello con patate, cipolle e alloro
- a questo punto finire la cottura in forno -

Inaspettatamente mi sono ricreduta e la bontà del piatto mi ha conquistata per la semplicità che esalta il sapore di questa carne:  difatti in cottura le cipolle abbondanti si disfano, conferendo un aroma speciale che nell’alloro trova un degno completamento e le patate aggiungono una morbidezza confortevole e irrinunciabile al tutto.
Così la scorsa domenica ho voluto replicarlo e dopo un breve, ma dettagliato consulto telefonico con mia sorella, sono passata all’azione non senza una certa meticolosità, per paura che l’omissione di qualche passaggio, mi avrebbe restituito una pietanza diversa da quella che ricordavo.
Tuttavia il buon odorino che ha cominciato a propagarsi per la cucina, ogni volta che controllavo le varie fasi di cottura, mi ha ben presto rassicurata e mi ha spinta a fotografare il piatto prima che fosse del tutto pronto (prima cioè del passaggio finale in forno), poiché temevo che dopo non ne avrei avuto il tempo, tanto sarebbe stato reclamato dai commensali impazienti: e così è stato!


Agnello con patate, cipolle e alloro

Ingredienti x 4/6

600 g agnello bio
vino bianco Cirò
1 cipolla grande
alloro
olio evo
sale, pepe

patate

Preparazione. Disporre i pezzi d'agnello in una pirofila di ceramica (io nella stessa pentola di ghisa Le Creuset) che ho poi utilizzato per la cottura, in quanto essendo vetrificata all’interno, è igienicamente perfetta e vi si possono marinare i cibi o conservarli in frigo, senza rischi), coprirlo di vino, aggiungere qualche foglia di alloro e lasciarlo marinare per una notte (o 5/6 ore) a temperatura ambiente (o nel periodo caldo, in frigo).
Il mattino successivo, scolare la marinata e trasferire sul fuoco la cocotte contenente l’agnello, rigirandolo da tutti i lati per “sigillarlo”.
Coprire abbondantemente il fondo della pentola con l’olio evo, unire la cipolla tagliata a listarelle sottili, delle altre foglie di alloro, un po’ di acqua, aggiustare di sale e far andare a fuoco lento.
Intanto pelare le patate, affettarle e portarle a metà cottura in un’altra pentola (la cottura separata delle patate, ha lo scopo di lasciarle integre, in quanto diversamente, rigirando l’agnello, si potrebbero frantumare) con dell’olio evo, un po’ d’acqua, regolando di sale e pepe.
Quando l’agnello è quasi pronto (come si può vedere dalla foto), unirvi le patate e passare il tutto in forno (con la stessa pentola se è idonea alla cottura in forno) fino a doratura.

17 commenti:

  1. Se convinci MissD a provarlo...allora quella si che per me suonerebbe come una vittoria!
    Ci provi?
    PS
    Ogni nove anni...io mi sa che un paio le ho saltare però :P ahahahahahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non lo apprezza per motivi etici, neanche ci provo ....
      Se al contrario è semplicemente prevenuta (come lo ero io), basterà farle annusare il buon odorino perchè capitoli :D

      Elimina
  2. Un piatto ricco di sapori nell asua semplicità...mi piaccionoq uesti piatti che sono come una coccola per il cuore!!baci,imma

    RispondiElimina
  3. Questo per me è un piatto da 10 e lode. Agnello, patate, sughetto... cosa si può desiderare di più?

    RispondiElimina
  4. gustosissimo!!!!! mio marito adora la carne di agnello te lo copio!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  5. Questa cosa dei nove anni mi è nuova... per fortuna a me la carne di agnello piace già e quindi a occhi posso dirti che questo piatto dev'essere squisito! l'unico problema è che relego questa preparazione solo al periodo pasquale :)

    RispondiElimina
  6. Anche io l'agnello per ora l'ho solo mangiato ma mai cucinato... Ma seguirei le tue orme... Dovrei cimentarmi! Ottimo questo tuo piatto! Completo!

    RispondiElimina
  7. Cucinato poche volte e mangiato mai... Ma questa che ogni 9 anni cambiano i gusti proprio non la sapevo...

    RispondiElimina
  8. Ciao! l'agnello è una carne dolce e che ci paice molto, peccato non sia così facile da acquistare da queste parti!
    ottima pensata questo arrosto classico, e profumato!
    bacioni

    RispondiElimina
  9. Che meraviglia! Io adoro l'agnello!! Purtroppo fatico a trovarlo biologico, ma mi impegnerò!

    RispondiElimina
  10. ottimo e gustoso....sicuramente assaggiarlo con un buon montepulciano d'abbruzzo

    RispondiElimina
  11. mmm.. sei riusita a farmi venir voglia d'agnello.. pure a me che più di tanto non è che.. beh, invitante!! davvero!

    RispondiElimina
  12. E' da provare: il suo sapore è più convincente delle parole :D

    RispondiElimina
  13. SwagBucks is a very popular get-paid-to website.

    RispondiElimina
  14. The best things about Clixsense GPT Click Feature:
    1. $0.001 - $0.02/click.
    2. 5 seconds lowest timer.
    3. Restart every 24 hours.

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO