16 dicembre 2011

Torroncini morbidi

Esattamente tre anni fa, in dicembre in un luogo impensato conobbi una signora con cui cominciai a conversare e tra una chiacchiera e l’altra, tirò fuori dalla sua borsa dei torroncini morbidi glassati con il cioccolato, perfettamente avvolti in cartine traslucide e argentate: non avevo mai assaggiato dei torroncini home made e ne fui folgorata ….
Le chiesi la ricetta e con estrema disponibilità me la fornì, ma la trascrissi sul mio quadernetto senza avere il coraggio di replicarla, finché quest’anno nuovamente non cominciai a pensarci e discutendone su facebook con lui, decisi di cimentarmi

 Torroncini morbidi

alla fine non ho seguito alla lettera la ricetta di quella signora così simpatica, ma l’ho adattata ad un’altra in mio possesso e, pur avendo omesso la glassa di cioccolato, il risultato è stato davvero soddisfacente.



Torroncini morbidi

Ingredienti x 500 g

50 g albumi codice 0
120 g miele di acacia

150 g zucchero + 70 g acqua
7 g glucosio
estratto di vaniglia

200 g mandorle pelate
50 g nocciole pelate (ma si può anche abbondare)

Preparazione.
Adagiare la frutta secca sulla leccarda ed infornarla a 120°-130 °C, finché non diventa leggermente tostata.

Montare gli albumi a neve ben ferma e nel frattempo scaldare il miele: quando questo avrà raggiunta la temperatura di 110 °C, versarlo sugli albumi a filo. Rimettere nella casseruola a fiamma bassa e mescolare.

Far cuocere zucchero, acqua (con la scorza grattugiata di limone e arancia bio, ma io le ho omesse perché non avevo agrumi non trattati) e glucosio* fino a 140 °C, dopo di ché versarlo lentamente sul composto di albumi e miele e mescolare per una circa 10’ (più si va avanti e più la preparazione richiede energia, per cui può essere utile chiedere aiuto per mantenere ferma la pentola e poter rimestare in tutta tranquillità: pare che più si prolunghi questa fase e più duri saranno i torroncini).

Incorporare la frutta secca, aromatizzare con l’estratto di vaniglia e trasferire la massa (l’ideale sarebbe sull’ostia) in una pirofila (cm 15 x 15) foderata con carta forno (o su un piano di marmo unto d’olio), il più velocemente possibile, perché se si attende troppo, il composto tende a diventare “gommoso” e sarà difficile livellarlo.

Lasciare freddare.
Trasferire su un tagliere e tagliare a piacere con un coltello a lama lunga e liscia e ben affilata: io ho smussato i lati ed ho ricavato circa 15 pezzi di cm 5 x 4.
Avvolgere in carta trasparente o in carta forno e poi alluminio e conservare al fresco, in quanto teme l’umidità. [Liberamente tratti da La cucina del Corriere della Sera]

 *[L’unica nota è che i torroncini sono risultati un po’ appiccicosi, non so se perché ho abbondato con il glucosio o per la giornata umida: nelle prossime sperimentazioni lo appurerò.]

33 commenti:

  1. hanno uno splendido aspetto Milena !un abbraccio e buon weekend...

    RispondiElimina
  2. Il torrone l'ho sempre visto come un piccolo 'ostacolo' da sorpassare prima o poi. Non ci ho mai provato pur avendo visto parecchie ricette. Cosa mancava, probabilmente un parere autorevole che dissipasse le mie perplessità.
    Arrivi tu...e mi sa che non appena posso mi cimento...se senti puzza di bruciato sarò io di certo! :P ahahahahaha

    RispondiElimina
  3. no per adesso non mi sento ancora pronta abbastanza da farlo, forse il prossimo anno sarò matura abbastanza.mi segno la ricetta però!

    RispondiElimina
  4. Sono esattamente 3 anni che ho in testa il torrone: prima mancava il termometro, poi il glucosio...ora manca solo il coraggio! Dici che mi posso buttare pure io? Tanto questo è morbido giusto :)) Un bacione, buon we

    RispondiElimina
  5. mi sa che mi ci butto e provo anch'io, in questo periodo mi state contagiando con questa produzione dolciaria natalizia, ovunque è un tripudio di dolci e biscotti, mi ci sono cimentata pure io, devo ammettere che è divertente....che ne dici di questi torroni col miele di castagno? ne vado matta
    Cristina

    RispondiElimina
  6. Li voglio fare!!!!!!! Ma non ho il glucosio, secondo te è assolutamente necessario o posso sostutuirlo con qualcos'altro...??
    Franci

    RispondiElimina
  7. @Chiara: grazie e buon weekend...

    @Gambetto: anch'io ho desistito a lungo, ma non c'è motivo, te lo assicuro ....
    Potresti cominciare con un piccolo quantitativo e vedrai che soddisfazione....

    @lucy: non richiedono particolari abilità, ma ti capisco: io quest'anno mi ero prefissa delle preparazioni molto ambiziose, ma ho archiviato il tutto al Natale 2012 ....

    @Federica: basta poco per trovare il coraggio! Provaci e ne sarai entusiasta :D

    @poverimabelliebuoni/insalata mista: in merito al miele di castagno non so consigliarti, perché io non lo amo molto e quindi "a pelle" dico che no, non ce lo vedrei, ma è anche vero che darebbe carattere ai torroncini, quindi è da provare!

    @Francesca: il glucosio che la ricetta prevede è davvero pochino, quindi non penso che farne a meno comprometterebbe la riuscita della ricetta: credo tutt'al più che verrebbero meno morbidi ....
    Solitamente si ssotiuisce con il miele, poiché la consistenza è simile anche se il primo è insapore!

    RispondiElimina
  8. Peccato per il termometro che non ho ma che spero di trovare sotto l'albero cosi da provare subito questi meravigliosi ed eterei torroncini!!bacioni,Imma

    RispondiElimina
  9. E ti ci metti pure tu, allora ditelo che volete proprio che quest'anno lo faccia il torrone!!! ;-D
    Già mi ha dato i compiti nuccio... ;-))

    /salvata pure questa, visto il tuo splendido risultato, questo we si inizia, ti faro' sapere... grazie!!!

    RispondiElimina
  10. Che belli! e sicuramente fanno la loro scena così home made! sei stata bravissima e complimenti alla signora che te li ha insegnati!
    baci baci

    RispondiElimina
  11. wow..perfetti... complimenti davvero, sei stata bravissima!

    RispondiElimina
  12. che belli questi torroncini! chissà se avrò mai il coraggio di provarli... tu sei stata bravissima!

    RispondiElimina
  13. Di certo li ammiro (bramandoli) ma non sò se avrò l'audacia di tentare a ricrearli... troppo avanti per me ;-)

    RispondiElimina
  14. Davvero carini come idea regalo!!! io di solito faffio i cioccolatini, ma questa è una valida alternativa;)
    un bacio

    RispondiElimina
  15. Bravissima!!! Sono bellissimi da vedere e da regalare e sicuramente sono ottimi. Mai provato a fare il torrone, temo un disastro :)
    Ti ricordo che c'é un giveaway molto femminile da me, in palio una Glossybox. Ti aspetto! ;)

    RispondiElimina
  16. Cavolo ma che pazienza che hai avuto anche tu!Tu e Stefania siete davvero insuperabilI!
    bacione

    RispondiElimina
  17. Io quest'anno vorrei cimentarmi nel croccante (una roba un po' più da fiera, insomma!), il torrone mi affascina molto, ma mi sembra così difficile... Tu sei stata bravissima!

    RispondiElimina
  18. Titubante da anni ho scelto di passare anche questo Natale senza farli, mi manca coraggio e voglia ;) I tuoi sono un incanto, bravissima!

    RispondiElimina
  19. mamma mia Milena, chissà che figurone fanno!

    RispondiElimina
  20. Milena che bellezza!!!
    morbidi mi piacciono anche di più! :P
    buon we!

    RispondiElimina
  21. una bella idea come regalo di Natale

    RispondiElimina
  22. devono essere deliziosi... e sono belli da vedere.

    RispondiElimina
  23. @Milena, è magnifico!!!!! In privato mando il mio indirizzo pure a te!!! :DDDDDDDDD Scherzo, eh?!

    RispondiElimina
  24. molto bello .. io di solito lo faccio con l'ostia così che si possa mangiare senza sporcarsi .. la tua idea di farli piccoli è molto molto carina

    RispondiElimina
  25. Che buoni questi torroncini home made! Sicuramete più genuini di quelli che si acquista e deliziosi anche da regalare impacchettati così per Natale!

    RispondiElimina
  26. gosh i'm so hungry drooling over the food pics

    RispondiElimina
  27. Certo che a vederli mettono tanta golosità, se capiti da queste parti portane qualcuno con te, faremo uno swap di gusto...un abbraccio e grazie per la citazione. Buon we.

    RispondiElimina
  28. Ma sono fantastici! Ed è dolce il ricordo che ti lega a questi torroncini...io lo dico sempre che chi ti regala una ricetta, ti regala una puccola poesia. Mi state facendo venire una voglia....di farli? No, di mangiare i vostri! Ahahhhh

    RispondiElimina
  29. Come mi ispira questa ricetta Milena :)! E ieri a Roma nello stesso posto dell'agar ho adocchiato anche il glucosio e l'estratto di vaniglia(che in realtà potrei fare anche da sola, se non fosse per i tempi lunghi...)...Questa si che è una tentazione ;)! Un bacione

    RispondiElimina
  30. No, non ce la posso fare... :(

    RispondiElimina
  31. ahhh, tentazione! Sono perfetti, davvero belli e la ricetta finisce subito tra i miei archivi culinari :)

    RispondiElimina
  32. @tutti: non sono difficili da fare ed il sapore è delizioso :D

    @Teresa De Masi: aspetto i tuoi ;-))

    @kristel: grazie per l'invito :D

    @Ornella: non li apprezzeresti dopo aver assaggiato quelli di Nuccio :D

    @Housewives w: l'anno prossimo voglio procurarmi anch'io l'ostia .....

    @Max: mi devo esercitare bene prima!!!!!!!

    @Acky: non c'è nulla di più vero :D

    RispondiElimina
  33. FreedomPop is Britian's first ABSOLUTELY FREE mobile phone provider.

    With voice, text and data plans are priced at £0.00/month.

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO