06 luglio 2011

Seppioline al vapore su crema di ceci neri

Sta su una collina il luogo dove abito e con indolenza si affaccia sul mare: da lui prende le distanze, ma lo segue con gli occhi costantemente, non potendo immaginare una vita disgiunta …

Seppioline al vapore su crema di ceci neri

Il connubio legumi e pesce non è certo una novità, ma nella ricetta di oggi si rivela vincente per il contrasto tra il gusto leggermente “nocciolato” dei ceci neri al rosmarino, cotti lentamente nella pentola di ghisa e quello delicato delle seppioline che cotte a vapore, conservano tutto il profumo del mare.
Dubbi sulla stagionalità delle seppioline? Più che fondati: per onore di verità sono state incautamente “pescate” dal mio congelatore dove “soggiornavano” in un sacchetto senza etichetta, ma l’impasse si può superare sostituendole con una dadolata di pesce spada o dei gamberi o delle cozze ….


Seppioline al vapore su crema di ceci neri

Ingredienti x 3

150 g ceci neri
rosmarino, olio evo, sale
300 g circa seppioline
pistacchi

Preparazione.
Coprire i ceci con l’acqua a temperatura ambiente ed un cucchiaino di bicarbonato e lasciarli a bagno (nella stessa pentola se è di ghisa, in quanto essendo vetrificata all’interno, si comporta come un utensile in vetro ed è idonea a conservarvi i cibi senza rischi)) per una notte.
Il giorno seguente sciacquarli, coprirli di acqua e farli cuocere a fuoco lento con bel rametto di rosmarino, legandolo con filo da cucina, per evitare che gli aghi si disperdano.
Scolare i ceci e frullarli con un po’ di acqua di cottura e di olio evo, fino a raggiungere la consistenza desiderata e regolare di sale (se si vuole ottenere una crema perfettamente liscia, si può passare al setaccio).
Pulire le seppioline e cuocerle a vapore.
Disporre in ogni piatto la crema di ceci a specchio, procedere con le seppioline, finire con i pistacchi sgusciati e irrorare con un filo d’olio. [Liberamente tratta da La cucina italiana]

Ceci neri

Questa ricetta partecipa al contest Carving in the kitchen di Ornella - Ammodomio che fa entrare l'Arte di Stefano Bianco in cucina!


34 commenti:

  1. Buondì!Questo piatto è bellissimo!Mi piace questo colore scuro, belle le foto e di sicuro ottima la ricetta!
    Baci e buona giornata!

    RispondiElimina
  2. Semplicità&eleganza sono inscindibili per quello che cucini...e gli spunti forniti sempre più di uno. Il piatto è nel suo essere lineare quanto più è vicino al mio modo di vedere la cucina e quindi...come sempre del resto :P ehehehehe...salvo&stampo per un rifacimento a breve.
    Belle le foto...ma non avevo dubbi :))))

    RispondiElimina
  3. ceci neri...mi mancano..devo provvedere!

    RispondiElimina
  4. Una presentazione da chef per un piatto sorprendetnte!!baci,Imma

    RispondiElimina
  5. I contrasti dicono tutto, una favola!

    RispondiElimina
  6. Il fascino e la raffinatezza del nero non si smentiscono mai. I ceci neri ce l'ho :D! E mi hai dato una squisita idea su come utilizzarli. Un bacione, buona giornata

    RispondiElimina
  7. Ciao! una ricetta semplicissima ma originale per questi aprticolari ceci e dal sapore davvero da provare!
    bellissimo anche il contrasto dei colori!
    un bacione

    RispondiElimina
  8. Ceci neri? Mi mancano ,ma la curiosità è femmina e non mancherò di cercarli ... con una presentazione così l'istinto mi dice di provare questa ricetta.
    Buona giornata

    RispondiElimina
  9. Bellissima presentazione, il contrasto tra il nero della crema e il bianco del piatto è splendido... un abbraccio Milena!!

    RispondiElimina
  10. Questa tensione tra terra e mare ha prodotto qualcosa di bellissimo e raffinato, non poteva che essere tuo questo piatto!

    RispondiElimina
  11. Bellissima questa Creuset bianca!!! Ecco adesso mi hai messo la pulce nell'orecchio... e sarà per caso che dopo il riso venere venga il cece nero?
    baci

    RispondiElimina
  12. Sai che anche io trovo che il sapore della nocciola con le seppie?! Avevo infatti sperimentato un primo con seppie e pesto di zucchine e nocciole...Questa tua ricetta dev'essere delicatissima e non sostituirei le seppie: è perfetta così!!!Un bacio e buona giornata

    RispondiElimina
  13. manca un "si sposi bene" nella prima frase ;-)...

    RispondiElimina
  14. Che bella l'immagine di una paese arroccato, che si affaccia sonnolento sul mare... e bellissima anche la foto e l'abbinamento pesce/legumi, che amo moltissimo, anche se ho letto non so dove che i ceci neri non sono propriamente legumi, ma non so cos'altro (ma non importa, io, quando ho la fortuna di trovarli, li consumo come tali...)

    RispondiElimina
  15. Bellissimo, piatto e foto!
    Nonostante mi ispiri molto, non ho mai provato l'abbinamento legumi-pesce e questa crema scura con il rosato delle seppioline sembra abbinarsi non solo a gusto, ma anche nell'aspetto. Complimenti!!!

    RispondiElimina
  16. Non ho mai mangiato i ceci neri e questo bel piatto mi stuzzica parecchio!!! Complimenti per questa interessantissima ricetta sicuramente da provare!! Un bacio e buona giornata!!

    RispondiElimina
  17. un piatto gustoso e delicato, ottima presentazione!

    RispondiElimina
  18. Un piatto estremamente elegante nella sua semplicità...adoro il connubio pesce-legumi, un'idea da tenere presente!
    Un bacione
    fra
    PS le foto sono eccezionali

    RispondiElimina
  19. mammamia non riesco più a passare, impegni sempre più pressanti prima della chiusura per le vacanze.

    Il tuo piatto é un quadro oltre che ad essere bello da vedere immagino sia molto buono e gradevole da mangiare :-)***

    RispondiElimina
  20. Ceci neri?! E dove si trovano?! Mai visti da queste parti...in genere la crema di ceci la preparo per accompagnare i gamberi al guazzetto...chissà che buona dev'essere con le seppioline!!!!

    RispondiElimina
  21. il pesce mi piace molto, il tuo è un piatto originale, il colore dei ceci neri fa esaltare il colore chiaro delle seppie

    RispondiElimina
  22. nonostante io non sia un'amante del pesce, le seppioline sono uno dei pochi tipi che mi concedo insieme ai calamari, ogni tanto delle sarde e il filetto di cernia :) Che splendida foto, bellissimo il contrasto che hai creato!!! :D

    RispondiElimina
  23. Milena, l'accostamento seppie-ceci, quelli tradizionali nel nostro caso, lo provammo qualche tempo fa e lo trovammo straordinario. Ora possiamo solo dirti che siamo rimasti molto colpiti dalla tua crema, per giunta di ceci neri, che sarà nostra sfida riuscire a trovare. Sicuramente questo piatto lo cercheremo di replicare!
    Bacioni da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  24. ecco, a me i ceci neri mancano :(
    Ma il connubio legumi e pesce mi piace molto!
    Bellissimo piatto, d'effetto e molto raffinato!
    Un bacione

    RispondiElimina
  25. Forse l'accostamento sarà tradizionale, ma lo adoro comunque. I complimenti nei miei commenti ormai sembrano quasi retorici, ma sono sinceri. Mi piace moltissimo l'elegante abbinamento di colori, e trovo la pentola eccezionale :)
    Buona serata!
    Agnese

    RispondiElimina
  26. Non ci credo....ho i ceci neri in ammollo, mi è presa la fregola dopo la morte dei fagioli a formella causa acaro nero

    RispondiElimina
  27. Neanche io riuscirei a disgiungermi dal mare...non saprei vivere serenamente. Ottimo ciò che ci presenti, ne gusto la bontà soprattutto per gli ingredienti utilizzati...ciao.

    RispondiElimina
  28. @tutti: grazie per gli apprezzamnti.
    Ho trovato i ceci neri al Cuorebio ....

    @Gambetto: sono certa che ti piacerà e forse tu userai i ceci di Cicerale :))))

    @ilcucchiaiodoro: sai che ti ho pensata?

    @Onde99: devo approfondire questa cosa ....

    @Lydia: siamo in sintonia :D

    RispondiElimina
  29. di chi e il testo che precede la ricetta?

    RispondiElimina
  30. MIO, per carità: è da ...anni che ammiro il mare da una collina!
    Cito sempre la fonte di ciò che pubblico e se si tratta di scritti altrui lo riporto in corsivo con il riferimento all'autore ....

    RispondiElimina
  31. scusaaaaa... ;)
    bello, anzi, perfetto, volevo condividere e apunto riferire l'autore

    RispondiElimina
  32. @estrinka: l'autore di quelle poche righe sono io :D

    @ilcucchiaiodoro: certo ;-)

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO