1 dicembre 2010

Latte in piedi alla liquirizia con salsa di caco

Non so se capita solo a me, di subire il fascino di una ricetta per le suggestioni che evoca il suo nome: un latte che "sta in piedi" o da gustare anche ”in piedi” non poteva non suscitare la mia curiosità, non un latte liquido, ma un latte con la consistenza di un budino, un latte anti urto, anti caduta e anti macchia (non è una pubblicità!), carezzevolmente aromatizzato dalla radice di liquirizia e abbinato ad un frutto che già di per sé è un dessert, il caco.

Latte in piedi alla liquirizia con salsa di caco

 E come non apprezzare l’incantevole versatilità, districandosi nell’imbarazzante scelta se servirlo come pre dessert in versione mignon o come dessert per un piacevole intermezzo pomeridiano o serale o come “gioioso budino” per i più piccoli, perfetto anche per feste di compleanno?

Ed ovviamente nulla vieta di sfruttare l’idea, sostituendo il latte con la panna, ottenendo così, un’intrigante ed aromatica panna cotta.

Latte in piedi alla liquirizia con salsa di caco

Ingredienti x 6

300 g latte fresco
60 g zucchero a velo
3 g agar agar*
1 radice di liquirizia Amarelli
un piccolo caco
succo di limone
* le dosi dell'agar agar si riferiscono a quello in filamenti, quindi utilizzandone tipi diversi, è consigliabile fare attenzione al dosaggio consigliato sulla confezione!


Preparazione. Scaldare il latte e lasciarvi in infusione una radice di liquirizia (dopo averla privata della scorza) per qualche ora. Al momento di prepararlo, filtrarlo, aggiungere lo zucchero e l’agar agar spezzettato (nel caso i cui si usi quello a filamenti, così si scioglierà prima) e portate ad ebollizione.
Filtrare (per eliminare eventuali filamenti di agar agar non completamente sciolti) e trasferire nelle ciotoline.
Frullare il caco sbucciato e privato dei semi con qualche goccia di succo di limone e guarnire il latte (se si desidera “l’effetto lunetta”, filtrare la salsa e usare la polpa trattenuta dal setaccio). [Tratto da La cucina italiana]

Edit del 2/12/2010
Lei ha lasciato nei commenti una nota in cui faceva riferimento ad una ricetta simile letta da Sigrid: andando a curiosare, scopro che il “latte in piedi” è una ricetta della tradizione piemontese.
Dopo una breve ricerca in rete, senza tuttavia scoprire nulla di più, leggo che le possibili varianti sono due: il composto che è una sorta di budino si può addensare come una crema (quiqui) o cuocere a bagnomaria in forno (qui).

...............

51 commenti:

  1. Ecco ero già pronta ad invidiarti la polvere di liquirizia e tu mi stuoisci con la radice.
    Mi piace molto

    RispondiElimina
  2. Bella idea tutta da provare, magari senza liquirizia e magari anche senza caco, ehehehe proprio non mi piacciono, ma il latte in piedi si e siccome cerco sempre delle merende nuove per i miei figli, questa la proverò, grazie e buona giornata :))

    RispondiElimina
  3. mi incuriosisce questo latte in piedi, secondo me è da gustarsi con calma comodamente seduti sul divano! Buona giornata Milena, un bacione....

    RispondiElimina
  4. E come non apprezzare? e non si può, proprio non si può... :-)
    buona giornata
    ale

    RispondiElimina
  5. Milena, stai diventando un'artista...

    RispondiElimina
  6. Se il nome "latte in piedi" mi aveva incuriosita, le tue ciotoline mi hanno rapita :D! L'agar ce l'ho, questo lo faccio ;) Baci

    RispondiElimina
  7. Ma che idea deliziosa. Degli accostamenti davvero intriganti. I colori sono stupendi e insomma, che dire, hai fatto centro anche questa volta mia cara....
    Mi ha fatto un pò ridere la storia del latte da gustare in piedi. Io spesso in piedi mangio dall'antipasto al dolce...(solo quando sto lavorando eh....però capita spesso e volentieri :(
    Vorrà dire che con questo almeno sarò giustificata.
    Un abbraccio carissima e buona giornata

    RispondiElimina
  8. Questo latte in piedi deve essere ottimo, l'aroma della liquirizia abbinato al caco mi piace proprio. Bravissima, foto splendida

    RispondiElimina
  9. gran bel dessert Milena. Mi piace l'accostamento con il caco e la liquirizia. Li amo entrambi!
    Buona giornata :)

    RispondiElimina
  10. Troooooppo forte questo latte in piedi!
    Particolare i due abbinamenti di sapore...molto originale e ben riuscito!

    RispondiElimina
  11. ciao Milena.. ora anche la mia curiosità è stata toccata.. fantastico il latte in piedi!!! un bacio

    RispondiElimina
  12. Le tue ricette mi riconciliano sempre. E' un piacere leggerti e terminare con un rimando mentale alle tue preparazioni che hanno un equilibrio non solo per gli ingredienti o per i risultati quanto oserei dire...per una armonia intrinseca che gli trasferisci coinvolgente. Insomma anche io non volevo sembrare una pubblicità...però questa sensazione volevo condividerla.
    Il latte in piedi entra di diritto in quella ex-cartellina...adesso è un faldone! :P ahahahahaha

    RispondiElimina
  13. Ma che idea stupenda!mi piace molto questo latte in piedi! una coccola aromatica!:)

    RispondiElimina
  14. mi piace molto questa coccolina buona ! io nonriesco a trovare l'agar agar , uff

    RispondiElimina
  15. La descrizione di questo latte ha fatto si che penso già ad oggi pomeriggio quando lo preparerò!

    RispondiElimina
  16. Raffinato, intrigante ed originale.Come resistergli?

    RispondiElimina
  17. Te lo ripeto ancora, tu non cucini semplicemente, incanti raccontando FAVOLE piene di GUSTO. Bravissima...forse te lo avevo già detto?

    Bacioni cara ^_^

    RispondiElimina
  18. Lo slogan è stupendo. Adesso sono io a subire il fascino della tua versione che mi lascia senza parole per l'abbinamento dei profumi :-)
    Mi sono sempre chiesta quale fosse la sua storia, ma è una sorta di panna cotta?

    RispondiElimina
  19. insolita..una vera creazione artistica :)

    RispondiElimina
  20. Che delicata delizia, bravissima ! ciao

    RispondiElimina
  21. Quindi anche tu utilizzi l'agar agar in filamenti? mi fà piacere :)
    Bella bella questa ricettina, brava (il nome *latte in piedi* mi fà simpatia!).

    wenny

    RispondiElimina
  22. Sento già di amarlo...però ho dei cachi che non gli farebbero onore (ne devo comprare di migliori!9

    RispondiElimina
  23. Forte questa ricetta del latte in piedi! Con questo nome fantasioso hai affascinato pure me che mi sono già copiata la ricetta! Ammetto che il latte non è molto benvoluto dal mio stomaco, ma nulla mi vieta di accettare il tuo suggerimento e sostituirlo con la panna! Bravissima come sempre mia cara!

    RispondiElimina
  24. Troppo carino il nome...latte in piedi...come si fa a non provarlo? ma non ho l'agar agar, secondo te quanta gelatina dovrei mettere?

    RispondiElimina
  25. Già il nome mi aveva affascinato, ma con quella foto mi hai proprio rapita! Deve essere di un buono!!!!!
    Grazie anche per gli spunti che ci hai dato, tutti molto molto interessanti!

    RispondiElimina
  26. carino il nome...interesante questa ricetta...bacio

    RispondiElimina
  27. Ti ho mai detto quanto mi piacciano i cachi? L'anno scorso ci feci una panna cotta, molto apprezzata, e sono certa che anche questo latte in piedi sarebbe nelle mie corde :)

    RispondiElimina
  28. Wow!Interessante..nemmeno io ne avevo mai sentito parlare!
    Sulla liquirizia passo, ma i cachi li adoro, gnam!
    Buonissimo!E bellissimo..quella tazzina è super!
    Baci

    RispondiElimina
  29. Concordo pienamente con te, a volte ci sono nomi di ricette che al solo sentirli hai gia' volgia di sperimentarli!! La foto mi piace moltissimo, rende il tutto estremamente invitante.Il mio moros va pazzzzzoooo per i cahi....non dico altro, appena la vedrà la proveremo.;-))

    RispondiElimina
  30. questo latte in piedi è sicuramente delizioso...da fare!!!!

    RispondiElimina
  31. Milena ma è originalissimo e molto elegante a mio parere! davvero un fine pasto splendido! complimenti!!! Ely

    RispondiElimina
  32. ha, scoperto a Fossano, adorato, visto dal Cavoletto e ora qui, è giunto il momento di provarlo!

    RispondiElimina
  33. non vedevo l'ora di trovare il tempo per venire a vedere questo "latte in piedi" che campeggiava nella mia blogroll tra gli ultimi aggiornamenti!!
    Effettivamente è un nome suggestivo e fa proprio venir voglia di provarlo! magari non amo gli ingredienti con cui è abbinato, ma secondo me con un po' di fantasia può esser preparato in mille modi.
    Se poi avessi quelle coppettine per servirlo, sarebbe perfetto! :D

    RispondiElimina
  34. Ma Lenny ma quante ne sai?? Non smetterai mai di stupirmi con la tua originalità e raffinatezza!!!Smack!

    RispondiElimina
  35. Sei sempre di una raffinatezza squisita!

    RispondiElimina
  36. Delizioso nella sua semplicità... già solo il titolo del post mi ha vista tutta curiosa all'aprirsi della pagina!
    E poi il caco... so sweet....! :)

    RispondiElimina
  37. in effetti il nome è bellissimo, e poi c'è l'agar-agar, e pure in filamenti.
    e il caco, con quel bell'accostamento bianco-arancione.

    praticamente una ricetta perfetta!

    ma quanto mi piacciono pure le tazzine...

    RispondiElimina
  38. ...meraviglioso, come ti ho giá detto su FB..da rifare assoluitamente (qualsiasi sia l'origine...;-) )

    RispondiElimina
  39. adoro le tue ricette con la liquirizia! Ed una ricetta antimacchia fa assolutamente per me :)
    Un bacio ( e la foto e' bellissimaaa!)

    RispondiElimina
  40. Ma che immagine stupefacente! E le tazzine? Meravigliose!
    Questo latte che sta in piedi lo voglio proprio provare! Gia mi frullava in testa....

    RispondiElimina
  41. Ma che ricetta accattivante.
    Da te non si finisce mai di imparare.
    E come sai condivido la nota di liquirizia ;-).
    Un bacione

    RispondiElimina
  42. la descrizione mi ha conquistata.........wow meravigliose!!baci imma

    RispondiElimina
  43. Se ti dovessi associare ad un ingrediente sarebbe sicuramente la liquirizia (e il bergamotto!!). Sei davvero una maga ad usarla.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  44. CIAO MILENA GRAZIE DEL TUO PASSAGGIO. anche il tuo blog è molto bello e interessante. spero che tu mi venga a trovare spesso. ciao!!!

    RispondiElimina
  45. @tutti: l'abbinamento della liquirizia con il caco si è rivelato entusiasmante.
    Lo ammetto: è stata la suggestione del nome che mi ha fatto provare questa ricetta, ma poi ho scoperto che si tratta di una sorta di budino "povero"

    @Ady: è una preparazione perfetta da servire a merenda :D

    @Gambetto: non so come ringraziarti per quello che dici ...

    @Ale: cerca l'agar agar nei negozi biologici ...

    @Edda: da qualche ricetta fatta in rete, ma si trova ben poco, pare sia un dessert piemontese.
    Questa versione ricorda un po' la panna cotta, con la differenza che il latte fa da protagonista .....

    @Wennycara: ho comprato senza esserne cosciente l'agar agar in filamenti, ma non mi trovo bene e, non appena lo termino, provo quello in polvere ...

    @elenuccia: la ricetta originale fa riferimento a 10 g, ma dipende dal tipo di gelatina utilizzata: se usi la PA, prova con 2 fogli ...

    @BreadandBreakfast: grazie a te ho scoperto che questo dessert ha una sua storia ...

    @Alex: grazie :D

    RispondiElimina
  46. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  47. ...

    tesoro mio sei incredibile! ,ma ke mi vai a scovare!!! sarà una goduria vera e propria!

    RispondiElimina
  48. Che abbinamento, liquerizia e cacao...
    Complimenti, il tuo blog è bellissimo, da leggere tutto d'un fiato.
    Albertone

    RispondiElimina
  49. Grazie @Vichyart e @Albertone :D

    RispondiElimina
  50. Allora, per ribeccare questa ricetta ho impiegato un secolo!
    L'avevo letta a suo tempo ed avendomi convinta l'avevo segnata nel mio elenco( quello delle proposte), ma onestamente non me ne ero più ricordata anche perchè nessuno mai me ne aveva fatto richiesta.
    Ieri....la sveglia!!!
    La cliente legge e a questo punto pretende il latte in piedi alla liquirizia.....cavoli, ma dov'è, dove l'ho letta questa ricetta,ho girato e scorso m ille pagine, scioccamente avevo segnato il nome ma non la fonte, poi.....paf!!...beccata!!!

    .............salva, meno male!

    un abbraccio,Fabi

    RispondiElimina
  51. Grazie per avermelo detto: ora aspetto il resoconto :D

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO