29 ottobre 2010

Cjalsòns di Rualp

Restai interdetta, quando lei mi chiese di parlare dei cjalsons, i tipici ravioli o agnolotti friulani (della Carnia per la precisione): io che ho difficoltà ad approcciarmi con i piatti della mia tradizione gastronomica, mi sentivo più che mai inadeguata ad accostarmi ad un piatto regionale a me sconosciuto!
Esitai a lungo, ma andando ad approfondire, ebbi modo di apprendere che si tratta del piatto per eccellenza delle solennità paesane o delle ricorrenze familiari ed ogni ricetta è diversa dall’altra sia per la pasta che per il ripieno, in quanto veniva preparato con quello che c’era in casa: una preparazione povera dalle tante declinazioni possibili, di cui alcune codificate.
  
Cjalsòn di Rualp


Gianni Cosetti, chef friulano cresciuto tra il Friuli e Roma, cultore delle tradizioni locali, scrisse:
"... una ricetta non esiste perche ogni vallata della Carnia ha la sua ... e è proprio questa varietà di preparazione che ha sempre suscitato la mia curiosità e mi ha spinto ad indire un concorso per tutte le donne carniche, tema “I Cjalsòns”, risultato: 40 concorrenti con 40 ricette diverse ….”

Tra le tante, ho scelto una ricetta con il ripieno dolce: i cjalsons di Rualp che presentano una pasta sottile senza uova, ad avviluppare un ripieno fatto con patate, fichi secchi e uva sultanina, aromatizzato al cacao e cannella e mi sono sorpresa di come sapori apparentemente moderni, possano vantare in realtà, una grande tradizione.


Di seguito la ricetta, trascritta integralmente, con le mie lievissime variazioni e / o osservationi!

Cjalsons di Rualp (Agnolotti di Rivalpo)
Ricetta tipica originale

Pasta
200 gr di farina
1 noce di burro
1 bicchiere di acqua tiepida
1 uovo per spennellare
1 pizzico di vendita

Ripieno
200 gr patate
2 fichi secchi
menta (ric. orig. 1 pizzico di menta secca in Polvere)
½ cipolla  piccola (ric. orig. 1 piccola cipolla)
50 gr uvetta sultanina
1 scorza di limone grattugiata
omissis (ric. orig. zucchero 30 gr)
1 cucchiaio di cannella in polvere
15 gr di cacao amaro
omissis (1 grossa carruba grattugiata)
1 uovo

Condimento
150 gr burro
150 gr di ricotta affumicata

Preparate la pasta amalgamando bene la farina con l’acqua tiepida nella quale avrete sciolto il burro ed un pizzico di sale.
Lasciatela riposare per 20 minuti coperta con un panno. Per fare il ripieno, in una casseruola soffriggete le patate lessate e passate al setaccio, la menta, i fichi e l’uva sultanina macinati, la scorza del limone grattugiata, la cannella, il cacao, (la carruba grattugiata che non ho usato perché non l'avevo) l’uovo, (lo zucchero che non ho usato perché  temevo che potesse rendere il piatto troppo dolce) e mescolate formando un composto omogeneo; lasciate riposare per 20 minuti.
Su una spianatoia infarinata tirate la pasta sottile, ricavate dei dischi dal diametro di 7 cm [ho usato un bicchiere con questo diametro, poiché di certo le donne del tempo non avevano a disposizione gli attuali coppa pasta], spennellateli con l’uovo sbattuto, ponetevi al centro un cucchiaio di ripieno, ripiegate e chiudete bene premendo sui bordi (e aiutandomi con il dorso di un cucchiaino, per ottenere dei margini lisci).
Preparate i cjalsòns, cuoceteli in acqua salata bollente finché verranno a galla, raccoglieteli con un mestolo forato, quindi poneteli in una pirofila e conditeli con burro fuso color nocciola [ottenuto facendo andare il burro a fuoco dolce, fino al raggiungimento di un delicato color nocciola] cospargendoli con la ricotta affumicata [Tratta da “Vecchia e nuova cucina di Carnia” di Gianni Cosetti].

Cjalsòn di Rualp

Qui tutti i post!
Qui la raccolta di ricette!

.................... 

Scheda tecnica - Cjarsons
I cjarsons sono ravioli con farcia dolce o salata e pasta di farina e (o patate) e acqua. Vengono cotti in acqua bollente e conditi con burro fuso e soprattutto, non c’è un cjarsons uguale all’altro.
La loro origine è legata alla storia dei cramars: al ritorno dei loro viaggi, le mogli svuotavano le crassigne dai rimasugli di spezie e con questi arricchivano il ripieno dei cjarsons, creando sapori irripetibili.

.................... 

39 commenti:

  1. Faccio una seria fatica con i primi "dolci". Pensa che mia madre cucina da sempre una torta dolce-salata che a detta di molti è un capolavoro di equilibrio ma che io a stento riesco ad assaggiare. Però dai Cjalsòns posso carpire l'ampissima versatilità di questo piatto magari avvicinandolo alle aspettative del mio gusto.
    Ottimo spunto come sempre e buon week-end :))))

    RispondiElimina
  2. Ce n'è per tutti i gusti: io ho scelto questo con dei sapori marcati e dolci, perché si avvicina molto ai miei gusti ....

    RispondiElimina
  3. Bella la lfoto, suppongo che la versione dolce sia altamente golosa con quel ripieno. Buon fine settimana Milena!

    RispondiElimina
  4. i tuoi gusti...che poi coincidono con quelli della mia ragazza in questo caso! :P
    Mi sa che devo trovare eventualmente un giusto compromesso ;P eheheheh

    RispondiElimina
  5. @Kitty's Kitchen: l'ho scelto e amato al primo boccone, ma la foto mi ha fatto tribolare (e si vede!): poi però mi sono decisa comunque a pubblicarla!

    @Gambetto: sarà dura farti capitolare, visto che siamo in tre a tentarti (tua mamma, Daniela e io), ma è anche giusto che ognuno preservi la sua personalità (gastronomica)....
    Tuttavia il giorno in cui gusterai con soddisfazione i sapori dolci nei piatti salati, festeggeremo!!!!
    Buon We :D

    RispondiElimina
  6. e ma guarda, non mi sorprende affatto che tu li abbia fatti dolci! Un abbraccio cara Milena :)

    RispondiElimina
  7. Ottima scelta Milena! Anche io quando ho ricevuto le ricette da Rossella ho fatto fatica a scegliere. Poi , alla fine ho optato per i rustics.
    Buon fine settimana cara.

    RispondiElimina
  8. Se la cosa non avverrà naturalmente...prima o poi mi arriverà il mattarello di mia madre in testa che mi dirà "...e cambiali sti' gusti retrogradi!!" ahahahaha :DDDD
    Ovviamente sarai la prima ad essere avvisata del cambio di preferenze personali :)))

    RispondiElimina
  9. Bellissimi questi cjalson Milena. Vedo che nonostante la tua iniziale reticenza te la sei cavata alla stragrande!
    Io con i cjalsons(che ho gradito moltissimo)sono andata sul "classico", ma da come leggo anche questi dal contrasto dolce salato non erano per niente da sottovalutare...Un bacione

    RispondiElimina
  10. Ottima scelta e ottima foto, nonostante le tribolazioni che dici nei commenti.
    Hai fatto bene a personalizzare la ricetta. Il fatto che i Cjalsons abbiano tante versione è frutto dell'arte dell'arrangiarsi...con arte :)
    Grazie di cuore per averli provati.

    RispondiElimina
  11. Che classe che hai... li hai preparati benissimo! Amo il dolce e non posso che appoggiare in pieno la tua scelta!
    Un abbraccio e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  12. Come raccontavo a Genny qualche giorno fa, anch'io li ho fatti dopo i numerosi post che si sono susseguiti. Non ho fatto foto perché erano talmente buoni che mi son detta che li dovro' rifare per cui mio malgrado non partecipo al contest. Ma il piacere per me era cmq di assaggiarne la loro bontà. Sia con ripieno dolce che salato sono invitanti e la tua ricetta mi sa di terra nostrana!
    un'abbraccio ^^

    RispondiElimina
  13. Nonostante l'approccio timido, il risultato è stupendo!
    Non sono esperta di Cjalsons, anzi, li ho scoperti per la prima volta sui diversi blog che li hanno proposti in questo periodo...non sapevo della loro versatilità e ora ammetto, mi hai incuriosito non poco!!!

    RispondiElimina
  14. Non li ho mai mangiati, ma a vedersi sembrano buonissimi. Io poi amo l'accostamento dolce/salato quindi mi ci ritirovo bene ;)

    RispondiElimina
  15. Una grande mescolanza di dolce e salato insomma...
    che tradizione sempre attuale!
    brava

    RispondiElimina
  16. ....buonissimi!!!!!!!!!!!!!!
    Felice w.e!

    RispondiElimina
  17. mamma mia che belli!!hanno un aspetto favoloso,immaggino il gusto :)

    RispondiElimina
  18. molto singolare questo piatto!

    RispondiElimina
  19. A noi questa tua rivisitazione in chiave moderna dei Cjalson intriga parecchio, il ripieno lo troviamo eccellente e il condimento essenziale ed al bacio! Ci hai conquistati!!!!!
    Bacioni da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  20. Sono buonissimiiiii!!! e a te sono riusciti proprio bene brava! io li mangio spesso e me ne hai fatto venire proprio gran voglia :D

    RispondiElimina
  21. Ero stata tentatissima anch'io di provare quelli di Rualp...dopo la tua presentazione, è d'obbligo replicare!

    RispondiElimina
  22. E infatti mi pareva strano, quello che diceva il mio reader! direi che hai ottenuto un ottimo risultato anche *fuori casa* :)
    Buon fine settimana,

    wenny

    RispondiElimina
  23. Che bella foto! Bellissimi (e immagin o buonissimi) serviti in un piatto da portata! Bravissima

    RispondiElimina
  24. Contaminazioni dolci in un contenitore salato, quello che ne esce fuori credo sia pura poesia. Ottime le foto che parlano da sole.

    Baci e buon ponte

    RispondiElimina
  25. In effetti hai ragione Milena, l'accostamento di questi ingredienti, un pò inusuale. avrei pensato anch'io che è moderno......e invece la tradizione sorprende sempre....
    Mi piace molto la pasta ripiena, questi non li conosco ma li assaggerei volentieri...
    Un bacione e buon week end....

    RispondiElimina
  26. Mi piace questo filo che lega i cjalson pur rinnovando sempre la loro identità. E questa versione è golosa, originale, Milenosa :-) Baci

    RispondiElimina
  27. Questo piatto non lo conoscevo, sai qui in Toscana abbiamo i semplici ravioli o tutt'al più i tortell idi patate...ma i cialsons non sapevo nemmeno cosa fossero! Invece noto con piacere, che sono simili ai ravioli...e tu ne hai fatto una versione originale e moltointrigante. Mi piacerebbe davvero provarli per sentire che sapore anno...scommetto che sono deliziosi! Un bacione

    RispondiElimina
  28. I tuoi cjalsons sono perfetti, sono venuti benissimi, e sono certa che erano squisiti, complimenti. Buon fine settimana Daniela.

    RispondiElimina
  29. Ma sei stata bravissima! sono riusciti una meraviglia! e che connubio di sapori da provare!
    un condimento semplice ma molto aromatico a dare il tocco finale!
    complimenti!
    baci baci

    RispondiElimina
  30. Ma che brava! Con questo piatto hai sfidato te stessa e hai vinto alla grande!

    RispondiElimina
  31. Ti sono venuti belli, Milena! Si, è vero, qui non esiste la ricetta, ogni paese, ogni famiglia li fa al modo suo:)
    Bacione

    RispondiElimina
  32. Solitamente non mi piace la pasta ripiena, non la mangio volentieri, forse ne ho mangiata troppa da piccola, chissà ma per questi già dall'aspetto farei un eccezione e sono sicura che dal profumo e all'assaggio finirei anche tutto il piatto!
    Brava, brava
    SOnia

    RispondiElimina
  33. Voglio provare pure io a farli: mi intriga molto il ripieno, e il gusto agrodolce mi fa impazzire! Grazie della dritta cara!!!

    RispondiElimina
  34. Mmmmmm....Da provare senz'altro! Già, già!!!Ciao Lenny, happy halloween!!!

    RispondiElimina
  35. bellissimi e buonissimi anche in questa versione! io vivo in Friuli visto che il mio consorte è di lì quindi conosco bene questa strepitosa ricetta, anche se così non li ho mai provati...ma lo farò presto! ciao

    RispondiElimina
  36. @Ciboulette: ormai mi conosci bene :)

    @sandra: ora mi piacerebbe provare gli altri ...

    @Gambetto: simpaticissima tua madre!!!

    @saretta m.: li ho trovati squisiti e ne ho ancora una porzione in freezer ...

    @Rossella: in realtà l'ho personalizzata pochissimo, perché non volevo rischiare di snaturarne la ricetta. Grazie a te per l'iniziativa :D

    @marifra79: classe? Magari ....

    @MariLuna: è un piatto poco conosciuto, ma dai grandi sapori

    @Tery: provali, ti piaceranno di sicuro ...

    @elenuccia: la pasta sottile accoglie perfettamente il ripieno gustoso ;)

    @maetta: almeno in questa ricetta, poi ovviamente esistono anche altri ripieni più decisi

    @Simo :D

    @Mirtilla: da provare ...

    @vickyart :D

    @Luca and Sabrina: non si tratta di una rivisitazione: qui sta il bello!!!!
    E' una ricetta della tradizione!

    @Nepitella: sono felice di aver arricchito i miei orizzonti gastronomici con questo piatto della tradizione carnica

    @Reb :D

    @Wennycara: grazie :)

    @@@Aria in Cucina@@@: sono fantastici

    @Letiziando: si possono anche preaprare e congelare, senza che la loro bontà cambi!

    @viola :D

    @Edda: hai descritto benissimo questo piatto

    @Claudia: anch'io li disconoscevo ...

    @Daniela: grazie :D

    @manuela e silvia: il burro nocciola ne esalta perfettamente il sapore!

    @Lucia: grazie :D

    @Oxana: li conosci benissimo allora :)

    @SUNFLOWERS8: la pasta è particolare perché non è all'uovo ... ti piacerebbero!

    @speedy70: fammi sapere!

    @Cannelle: ben ritrovata :))

    @giulia: grazie e benvenuta :D

    RispondiElimina
  37. Io ho messo anche la carruba e credimi era buonssima!!!! Anch'io, pur essendo friulana, ero piuttosto perplessa, ma sono rimasta piacevolmente sorpresa!!!

    RispondiElimina
  38. Per questa ricetta ho cercato di attenetemi scrupolosamente all'originale ed ho apportato lievi variazioni, motivate dalla contingenza: per es. non avevo la carrubba e l'ho omessa solo per questo. Dopo la tua affermazione, sono ancora più convinta di essermi persa qualcosa, ma di recente è difficile trovare le carrube ...

    RispondiElimina
  39. SwagBucks is a very popular get-paid-to website.

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO