26 aprile 2010

Cubotti di batata al burro salato e rosmarino

Quando l’ingrediente segreto arrivò a casa, cadde ogni riserbo e con esso ogni pudore: tutti cominciarono a spalmare senza ritegno, veli cremosi e color avorio su ambite fette di pane e a fantasticare su come poterlo degustare al meglio, adducendo una ridda di ipotesi.
Lui è il burro salato più amato dal web (e non solo), per essere burro di centrifuga da panne riposate, impreziosito dal sale integrale di Nubbia-Trapani (presidio Slow Food) e gelosamente avvolto in un involucro dove in filigrana, un manipolo di degustatori (e tra questi anch’io) ne descrive caratteristiche e sensazioni.
Come poterlo apprezzare al meglio se non in purezza, esaltandone l’indole per contrasto?

Cubotti di batata al burro salato e rosmarino

Eccolo in bellavista, messo alla prova con dei bocconcini dolci e salati* di batata, cubotti rossi dal magico cuore burroso, tondo e candido ….



*Ho anche provato il binomio dolce-salato con il gelato al caramello salato, rimaneggiando incautamente (!) una ricetta di T. Deseine e aromatizzandolo con i fiori di salvia: da rifare al più presto con l’obbligo (o il dovere) di non incappare nello stesso errore!



Cubotti di batata al burro salato e rosmarino

Ingredienti x 2

2 batate rosse medie
burro salato 1889 Fattorie Fiandino
olio al rosmarino
rosmarino

Preparazione. Pelare la batata, ricavarne dei cubotti regolari di circa 5 cm di lato e creare una cavità con uno scavino piccolo. Spennellarli con olio al rosmarino (o con l'ingrediente segreto: burro salato fuso) e infornarli a 200° per 30’.
Prima di servire, farcire i cubotti con dei fiocchetti di burro e riporre nel forno caldo, affinché diventino cremosi. [Liberamente tratta da Sale & Pepe]

Nota: rimarchevoli anche se la cottura non perfetta ne lascia il cuore sodo e croccante.



…………..

Scheda tecnica: Batata

La Patata Americana, chiamata anche Patata Dolce o Batata, è il tubero prodotto da una pianta perenne, con steli rampicanti che possono raggiungere i tre metri di lunghezza, proveniente dall'America Centrale.
Con la buccia giallastra o rossastra e la polpa farinosa di colore bianco o giallo, fino al rosa è ricca di flavonoidi e antociani ed ha potere antiossidante, emolliente, lenitivo.
E' consumata in varie parti del mondo, soprattutto a Kagawa, una regione giapponese, dove ve ne è un consumo altissimo, e la popolazione locale viene tenuta sotto controllo in quanto alcune malattie, tipo l'anemia, l'ipertensione ed il diabete, sembrano assenti. Alcuni ricercatori del CNR di Padova in collaborazione con l'Università di Vienna, hanno accertato i benefici derivanti da tale vegetale, soprattutto grazie al Cajapo, una sostanza contenuta principalmente nella buccia della Batata Rossa, che ha prodotto una riduzione della glicemia basale, del colesterolo e dell'emoglobina glicata su persone affette da diabete mellito tipo II.
E' un prodotto che si può consumare in moltissimi modi e pare che se ne possa mangiare anche la buccia.

……………..

Questa ricetta partecipa al contest E' arrivato l'ingrediente segreto di Sandra-Un tocco di zenzero in collaborazione con Fattorie Fiandino, categoria “salato”.


……………..

43 commenti:

  1. Che belli sono, Milena!!!! Bellissima presentazione!

    RispondiElimina
  2. Come sempre hai idee superlative!
    Esteticamente invitanti e golosità assicurata :-)

    RispondiElimina
  3. Milena, i cubotti sono a dir poco fantastici! Ho voglia di assaggiarli anch'io..
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Lenny, trovo questo tuo bocconcino assolutamente geniale!

    RispondiElimina
  5. Che tentazione!Bellissimi!!

    RispondiElimina
  6. Foto meravigliosa fa venire voglia di assaggiarli! Adoro la batata...Brava

    RispondiElimina
  7. Semplicemente fantastici!!! Ho avuto anche io l'opportunità di assaggiarlo e ti credo quando dici,che tutti hanno spalmato senza ritegno... lo stesso è successo da me!! Lo hai presentato in una maniera fantastica,oltre all'abbinamento anche la presentazione,davvero eccellente!

    RispondiElimina
  8. Un presentazione che lascia a bocca aperta...per mangiare meglio :-)))

    RispondiElimina
  9. idea splendida, molto bella anche esteticamente, e la foto è bellissima, fa davvero onore al piatto e all'ingrediente segreto! :)

    RispondiElimina
  10. Se non trovo il burro salato ne posso sempre fare uno in versione aromatica...che ne pensi?
    Come sempre lo spunto, la preparazione e la presentazione sono delle chicche da ricordare ;)
    Buonissima giornata Milena :))))

    RispondiElimina
  11. @tutti: sono deliziosi nella loro dolcezza, equilibrata dalla punta salata del burro e se inoltre non si cuociono perfettamente danno il meglio di sè, quando si arriva al cuore sodo e croccante

    @Gambetto: nella versione originale è previsto il gorgonzola, quindi puoi sbizzarrirti .....

    RispondiElimina
  12. Che splendore Mile, uno spettacolo!

    RispondiElimina
  13. Molto belli, e anche la foto davvero vien volgia di provare, brava e grazie per l'idea

    RispondiElimina
  14. Strepitoso Milena questi Cubotti.. si potrebbero utilizzare come finger e non vedo l'ora di vedere il tuo gelatino... mi munisco già di cucchiaino per assaggiarlo.. bacio

    RispondiElimina
  15. ehehehe e spalma spalma per fotuna un ppo' ne è rimasto per questa bellezza!

    RispondiElimina
  16. wow... questa batata così combinata è una meraviglia!
    mai provato il burro salato, mi devo mettere alla ricerca!
    bravissima!
    buona settimana.

    RispondiElimina
  17. Siamosulla stessa linea d'onda...semplicità per gustare appino un prodotto eccezionale!bacione

    RispondiElimina
  18. Come sempre, ti distingui per eleganza, nella scelta degli ingredienti e nelle presentazioni.

    RispondiElimina
  19. ciao Milena, come sempre una visione celestiale... un piatto gustoso e presentato in maniera splendida... un bacio

    RispondiElimina
  20. geniali nella loro semplicità, ne immagino il sapore e la consistenza

    RispondiElimina
  21. lenny i complementi con te nn bastano tu sei creatività allo stato puro!!!sono meravigliosi e gustosissimi questi cubotti!!baci imma

    RispondiElimina
  22. bellissima presentazione! complimenti!

    RispondiElimina
  23. Bellissima idea! appena ho letto il titolo del post ho pensato ad un errore di battitura :P e invece no! non sapevo si chiamasse "batata"

    RispondiElimina
  24. Ciao! ma coe si fà per provare anche noi questo burro? ormai lo hanno tutti e noi siamo sempre più curiose!!
    Molto bella la tu apresentazone: semplice e per esaltare gli ingredienti fino in fondo!
    Fantastiche le batate! qui non le abbiamo mai viste!!! il sapore com'è? simile a quello della patata?
    un bacione

    RispondiElimina
  25. Che belli, sicuramente gustosi e forse con un lieve contrasto incantevole! Aspetto il gelato al caramello salato, anche io ieri ho fatto qualcosa con il caramello salato, quanto mi piace!

    RispondiElimina
  26. Molto originale questa ricetta, complimenti. Le foto, come sempre sono splendide.
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  27. E' proprio vero...un burro favoloso che così in purezza esalta un piatto semplice!
    idea stupenda la tua!! :)

    RispondiElimina
  28. E' uno spettacolo per gli occhi!! E per il palato...

    RispondiElimina
  29. voluttuoso fu il cubotto :) chissà che buono e scioglievole... mmmmmm

    RispondiElimina
  30. MAMMA MIAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA giuro svengo!

    RispondiElimina
  31. ihih batata non l'avevo mai sentito...dehehihohu :-D Dev'essere qualcosa di delizioso!

    RispondiElimina
  32. Ciao Milena!
    ..arrivo tardi ma mi son resa conto che non ti avevo risposto sulla domanda se il miele di tarassaco che ho fatto si può fare con altri fiori!... beh... non saprei... bazzico il mondo delle erbe da anni ma questo è l'unico miele di fiori che ho incrociato! :)
    Come dicevo in sè è uno sciroppo molto ristretto, addensato... e di sciroppi con i fiori se ne fan molti, da quello di violetta a quello di sambuco... ma forse questo è l'unico che ricorda per aroma (delicato), colore e gusto il miele vero. Credo che se riducessimo uno sciroppo di violette o sambuco a parte la densità avrebbero un aroma molto intenso e per colore non ricorderebbero il miele! ....cmq io son di quelle che se una cosa vien volgia di provarla...si prova... e potrei provare anche cosucce dle genere che sicuramente poi andrebbero usate:)

    bacioni!

    RispondiElimina
  33. Splendidi!!! E poi mi avete oltremodo incuriosita con questo burro che pare l'apoteosi della bontà!!!!
    Dove posso trovarlo, devo assolutamente sperimentarlo.
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  34. Geniali, come sempre! Hai fatto benissimo a lasciare il burro al naturale, è talmente buono che è perfetto così da solo.
    Ho terminato da poco anch'io la mia ricetta per il contest, presto la pubblicherò :)

    RispondiElimina
  35. Sono una delle poche nel web che non ha provato questo ottimo burro... e non ho mai assaggiato neanche le batate! Spero di rifarmi presto, intanto non mi resta che sospirare davanti a questi bocconcini!

    RispondiElimina
  36. gran bella idea lenny: non c'è niente da fare le cose semplici hanno sempre una marcia in più :D

    RispondiElimina
  37. semplice ma ...irresistibile!!!! anch'io ancora non ho provato questo burro, meno male però perchè non saprei resistere a lungo alle tentazione di spalmermelo tutto su una bella fetta di pane, che dire poi con due alici sotto sale, mhmm non ci posso pensare! ciao milena buon fine settimana

    RispondiElimina
  38. @tutti: il burro Fattorie Fiandino ha una consistenza cremosa ed un gusto delicato che lascia affiorare la sua "essenza" di panna ed è di una tale gradevolezza che si lascia gustare al naturale: si spalma sul pane et simili per pudore, ma confesso di averlo gustato anche con il cucchiaino. Infine l'aggiunta del sale di Trapani ne esalta al massimo le sue caratteristiche.
    E' per questo motivo che ho cercato di manipolarlo il meno possibile.

    @betty: in mancanza del burro salato, si può utilizzare del burro comune, addizionando un pizzico di fior di sale

    @manu e silvia: ho acquistato la batata in un negozio specializzato in prodotti biologici, ma ho letto sull’opuscoletto che l’accompagna che proviene dalla provincia di Latina: non vi sarà difficile reperirla.
    Ad ogni modo si tratta di "patate dolci" ed è per questo che l’abbinamento con il burro salato crea un gradevolissimo contrasto

    @terry: grazie per le info

    RispondiElimina
  39. Ogni volta che guardo quest'immagine, ne resto affascinata...è bellissima la forma quadrata di questi cubotti e penso che il connubio tra il leggero dolce della batata + il salato del burro, crei un insieme divino...è un piatto stuzzicante davvero Milena, lo voglio proprio provare! :-***

    RispondiElimina
  40. @Ago: è il contrasto dolce-salato che caratterizza questi bocconcini e li rende una stuzzicante entrée

    RispondiElimina
  41. WoW!!! che carini! idea da copiare!

    RispondiElimina
  42. @vickyart: e ovviamente puoi provare a farli anche con la patata comune!

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO