15 febbraio 2010

Chiacchiere alla liquirizia

Nell’allegria dei colori carnevaleschi, il bianco (la somma dei colori) e il nero (l’assenza del colore) hanno una rilevanza marginale, offuscati dal cromatismo del turbinio festoso: una discriminazione senza dubbio ingiusta.
Per riabilitarli, ho pensato che sarebbe stato divertente proporre delle chiacchiere in bianco e nero (prendendo spunto da lei che l’anno scorso le colorò di verde-matcha) .
Con grande timore mi sono messa all’opera, sulla scorta delle fallimentari esperienze degli anni passati, ma confidando in un maggiore zelo che mi avrebbe dovuto aiutare ad ottenere un risultato quantomeno accettabile.
Così preparai due impasti, uno in bianco (quello classico) e l’altro in nero aromatizzato alla liquirizia e cominciai a formare e friggere le chiacchiere “bianche” …..
Buonissime (sono durate giusto il tempo di servirle!), ma ahimè poco somiglianti per aspetto alle vere chiacchiere!
Dopo aver riposto in frigo per una notte (avevo bisogno di metabolizzare la frustrazione!) il secondo panetto (quello “nero”), ho chiesto lumi a mia cognata che esaminando ricetta e procedimento ha dedotto che l’errore stava nello spessore “troppo consistente” che al contrario deve essere sottile, come un velo!!!!

Chiacchiere alla liquirizia


Riecco il secondo tentativo, perfettibile (steso e lasciato riposare ancora in frigo per un po’ di ore*, per motivi organizzativi, prima di friggerlo), ma delizioso per quella nota delicata e lieve di liquirizia che gratifica il palato.


Edit 2013: le ho rifatte eliminando dall’impasto il liquore alla liquirizia che forse le rendeva poco friabili, sostituendolo con la grappa ed ho poi spolverizzato le chiacchiere con zucchero a velo e polvere di liquirizia, ottenendo così un aroma più intenso!
A mio parere tale versione è migliore!


Inoltre nel caso si vogliano preparare le chiacchiere classiche e queste aromatizzate, si può fare un impasto unico, dividerlo in due parti ed aggiungere alla seconda parte la polvere di liquirizia: si otterrà un effetto variegato bellissimo da vedere che tuttavia in cottura si annulla, mentre persiste un delicato aroma di liquirizia ed un aspetto leggermente brunito.

Chiacchiere alla liquirizia

Ingredienti

350 g farina 00
50 g burro
2 uova codice 0
grappa qb 1cucchiaino di liquore alla liquirizia
1 cucchiaino di polvere di liquirizia Amarelli (in mancanza polverizzare in un macinacaffè la liquirizia pura formato “spezzatina”)
olio evo

Preparazione. Lavorare la farina setacciata, il burro, lo zucchero semolato; sgusciarvi le uova, aggiungere la polvere di liquirizia e la grappa quanto ne assorbe l'impasto il liquore alla liquirizia (senza eccedere perché è un liquore “corposo” che potrebbe “appesantire” l’impasto). Lavorare gli ingredienti fono ad ottenere un impasto liscio, elastico e sodo. Fare una palla, avvolgere nella pellicola e riporla in frigo per 1 ora.
Stendere la pasta per ottenere una sfoglia sottilissima (se si usa la macchinetta, arrivare alla penultima taccae ricavare tante losanghe con la rotella tagliapasta, incidendole al centro.
Scaldare l’olio in una padella e friggere in olio profondo le chiacchiere poco alla volta, rigirandole subito e facendole dorare da entrambe le parti, toglierle dopo pochi istanti e passarle su carta assorbente da cucina .
Cospargerle con lo zucchero a velo e rifinire con un po’ di polvere di liquirizia. 

Nota: con lo stesso procedimento si possono preparare le chiacchiere aromatizzate al caffè: un cucchiaino di polvere di caffè nell’impasto e zucchero e velo e polvere di caffè per finire.

Chiacchiere alla liquirizia

37 commenti:

  1. Prima di tutto è una gioia sentirle chiamare chiacchiere, in questi giorni ho sentito nominarle in mille modi, ma mai come le chiamo io, cioè chiacchiere.
    Secondo ti invidio la polvere di liquirizia amarelli.
    Terzo, considerando la mia crisi d'astinenza da dolci per me andrebbero bene sia polpose che sottili

    RispondiElimina
  2. davvero originali le chiacchiere alla liquirizia un dolce variante da provare! ciao Ely

    RispondiElimina
  3. Dimmi solo da che pianeta vieni, ti prego... :-)
    ale

    RispondiElimina
  4. @Lydia: non acquisto la polvere di liquirizia, perché ho difficoltà a reperirne piccoli quantitativi (diversamente se non si utilizza a breve si raggruma e si indurisce) e così polverizzo le Spezzatine Amarelli a seconda del bisogno. Non avrai difficoltà a trovarle: le ho viste anche alla Rinascente

    @Ely: adoro la liquirizia in moltissime preparazioni ….

    @alessandra (raravis): ero incerta se pubblicarle o meno, ma poi ho deciso di farlo, perché l’idea merita e perché per me queste chiacchiere con parvenza di “chiacchiere” sono un successo (anche se parziale, ma l’anno prossimo voglio imparare a farle bene!).
    In fondo è importante annotare le ricette interessanti, a prescindere dalla fotogenia o dalla buona realizzazione delle stesse, seppur con le debite note: per me questo è uno spazio di crescita!

    RispondiElimina
  5. MA quindi la liquirizia si sposa bene con il sapore delle chiacchiere? Non l'avrei mai detto, e brava Lenny!

    RispondiElimina
  6. devo smetterla di stupirmi davanti ai tuoi piatti! per ora resto incantata..

    RispondiElimina
  7. ottima l'idea della liquirizia, io la amo molto...letto il mio risotto alla liquirizia?
    complimenti belle le tue chiacchiere

    RispondiElimina
  8. belle, buone... ma la liquirizia??? non so perchè ma mi turba molto trovarla un pò ovunque. forse perchè non la amo particolarmente, però sono curiosa.... bel dilemma!
    ciao lenny

    RispondiElimina
  9. Hai una creativita' eccezionale, Lenny. Non mi sarebbe mai venuto in mente di profumare le chiacchiere con la liquirizia.

    RispondiElimina
  10. lenny, anche un'altra volta hai usato la liquirizia pura polverizzata, e già allora volevo chiederti se non si appiccica tutta alle lame del macinacaffè.
    L'idea delle chiacchiere alla liquirizia è grandiosa :))
    Bacio!

    RispondiElimina
  11. Chiacchiere alla liquirizia!

    Un'idea sublime cara lenny e credo che si abbini molto bene no? Già mi immagino il sapore...

    Ti sei ricorda delle mie chiachiere al tè matcha! Grazie e buon Carnevale :-)

    RispondiElimina
  12. Che particolari che sono. Sei davvero una maga della liquirizia, un ingrediente che non uso praticamente mai.
    Ciao
    Alex

    RispondiElimina
  13. Lo sapevo! ehehehe Le chiacchiere della Lenny in qualche modo sarebbero state più eleganti...ed infatti! Sorridevo da solo leggendo la ricetta, pensavo ecco la firma nella preparazione ;)
    Complimenti per la realizzazione quindi, per il memo a margine che trovo altrettanto importante e responsabile...e poi (mi associo a Lydia) per chiamarle chiacchiere accorciando le distanze con i miei sapori e ricordi. Un grazie alla liquerizia allora ma non troppo che altrimenti 'appesantisce' il commento ahhhahaha
    Un abbraccio affettuoso e buonissima giornata :))

    RispondiElimina
  14. Ciao! originalissimi! da provare per un sapore più deciso ma sempre dolce!!
    bravissima!
    baci baci

    RispondiElimina
  15. Anche mia mamma ha sfornato delle "chiacchere scure"...
    Questa lenny-version però è così innovativa! Bravissima :)
    Buona giornata,

    wenny

    RispondiElimina
  16. Ehehehehe io l'ho capito proprio sabato scorso mentre friggevo il mio 2° tentativo di frappe dopo il fallimento della settimana precedente.. che il segreto no sta tanto nell'impasto.. ma in come si tira la sfoglia che deve essere super sottile.. così.. vengono belle.. friabili... croccanti e con le "bolle".. Bellissima questa tua variante alla liquirizia.. .-)) smack!!!

    RispondiElimina
  17. Originalissime le chiacchiere alla liquirizia! Tra l'altro mi pare che ti siano venute anche molto belle!che classe Lenny!

    RispondiElimina
  18. Complimenti Lenny, queste frappe sono gustose e originali!!!!!!
    Veramente bellissime!!

    RispondiElimina
  19. Avrai anche sbgliato la prima tranche, ma l'idea di aromatizzare la seconda con la liquirizia è inedita e geniale!

    RispondiElimina
  20. Ti superi ogni giorno lenny!!!!Bacioni

    RispondiElimina
  21. meravigliosamente splendide queste chiacchiere :)

    RispondiElimina
  22. Tra bianco, nero e dorato, è un'immagine perfetta del peccato di gola!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  23. La tua idea è originalissima e strepitosa, i miei complimenti più sinceri!! Inoltre credo proprio siano buonissime, profumate e con quella nota tanto particolare data dalla liquirizia! Una vera genialata! In tempo di dolci spesso molto simili tra loro i tuoi si distinguono proprio.
    Ciao. Deborah

    RispondiElimina
  24. è una bella idea di aggiungere la liquirizia!!!...Sono venuti molto belli,i miei tantissimi complimenti!!!

    RispondiElimina
  25. Anche a me quest'anno frullava in testa l'idea di cambiare colore alle chiacchiere,io ho aggiunto il cacao ma queste con la liquirizia m'incuriosiscono tantissimo,una ricetta assolutamente da provare!

    RispondiElimina
  26. Che stranezza!!! Sarei tanto curiosa di assaggiarne una....!! Domenica ne ho fatta una scorpacciata!!! Mi sa che la ricorderò fino al prossimo anno!!! Ciao

    RispondiElimina
  27. Anch'io come Lydia mi sento più a casa a sentirle chiamare chiacchiere! L'idea della liquirizia non mi sarebbe mai venuta, brava!

    RispondiElimina
  28. Hai avuto una fantastica idea ad aromatizzarle con la liquirizia e saresti da premiare solamente per l'impegno che ci hai messo! Mi trasmetti sempre molto entusiasmo e per questo ti ringrazio, un bacio.

    RispondiElimina
  29. come dicevo... queste son degne di entrare dritte dritte come proposta in pasticceria!

    RispondiElimina
  30. Chiacchere croccanti e misteriose. Lenny, mi ripeto lo so', sei sempre creativa in modo sottile (come il dolce;,-)
    Io qui trovo la liquirizia in polvere (da un kilo, difficilissimo da smaltire) ma non è affatto buona come quella Amarelli. Ah questi profumi del sud...
    Bacioni e buona giornata

    RispondiElimina
  31. Beh idea bellissima quella del tocco di liquerizia! ...io non ho mai provato a far le chiacchere...quindi per me sei già da premiare per l'impegno!...basta poi conoscere i giusti trucchi e tutto viene per il verso giusto!

    RispondiElimina
  32. Però...in questi giorni ho visto chiacchiere e frittelle in tutte le salse, ma queste alla liquerizia sono una piacevole novità!!!..chissà che buona!!!..Bravissima!!

    RispondiElimina
  33. ah ecco...quando ho visto la foto ho detto: ma guarda, stavolta Lenny ha fatto una ricetta proprio tradizionale, senza aggiungerci nulla.
    E invece no!!! La liquirizia??? non riesco ad immaginare come possano essere queste chiacchiere!
    riesci sempre ad incuriosirci :)

    RispondiElimina
  34. @tutti: grazie. La liquirizia è una mia grande passione: era inevitabile che approdasse in dolce che mi piace molto

    @Aiuolik: la “pasta” delle chiacchiere è neutre e si può aromatizzare a piacimento ..

    @Ciboulette: è necessario usare liquirizia pura: quando la si polverizza si ottiene una polvere per nulla appiccicosa, ma “farinosa”

    @Carla: mi sono ispirata alle tue

    @Gambetto: dobbiamo porre attenzione al riciclo dell’olio esausto

    RispondiElimina
  35. "Preparazione. Lavorare la farina setacciata, il burro, lo zucchero semolato; sgusciarvi le uova.." Ma quanto zucchero? e quante uova? non trovo questi negli ingredienti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le ho rifatte ieri: deliziose :DDD

      Gli Ingredienti li trovi sopra la Preparazione, ad ogni modo te li trascrivo:

      "Ingredienti

      350 g farina 00
      50 g burro
      2 uova codice 0
      grappa qb
      1 cucchiaino di polvere di liquirizia Amarelli (in mancanza polverizzare in un macinacaffè la liquirizia pura formato “spezzatina”)
      olio evo"

      Elimina

RETROSCENA DI GUSTO