13 maggio 2009

Timballino in fiore di orecchiette napoletane, ai fagiolini e colatura di alici di Cetara

Il consumo di verdure nella mia famiglia è di rilevante entità, ma sebbene si cerchi di variare per non cadere nella monotonia, le stesse compaiono sulla nostra tavola con andamento da tormentone stagionale: se in estate melanzane, peperoni e zucchine la fanno da padrone, in autunno la zucca impera, mentre in inverno i carciofi dominano incontrastati, finché in primavera non cedono lo scettro ai fagiolini …
Individuare una verdura che potesse essere presentata in modo goloso è stata così una scelta indotta dalle “abitudini” dell’entourage familiare che non ho voluto stressare oltremodo.
Partecipavo al concorso di Mrs. America e una delle prove consisteva nella creazione di una nuova ricetta. Per due settimane non feci altro che sperimentare nuovi piatti che portavo in tavola perché i miei ne valutassero il sapore, l’aspetto e le caratteristiche. I miei figli non si tirarono mai indietro, ma in breve tempo divennero abilissimi nell’esprimere con garbo il loro parere. E sopportarono dei sapori davvero insoliti pur di aiutare la loro mamma! Quando mi aggiudicai il titolo di Mrs. Kansas, il loro grido di esultanza fu: “abbiamo vinto la battaglia della casseruola!” [Tratto da … e venne chiamata due cuori di M. Morgan]
Ecco il risultato dello stress emotivo causato: fagiolini che insaporiscono e abbracciano orecchiette napoletane trafilate al bronzo e mozzarella di bufala, il tutto pervaso dall’inconfondibile e speciale sapidità della colatura di alici.


Timballino in fiore di orecchiette napoletane ai fagiolini e colatura di alici di Cetara



Timballino in fiore di orecchiette napoletane, ai fagiolini e colatura di alici di Cetara

Ingredienti x 2
200 g orecchiette napoletane di Gragnano

Crema di fagiolini
50 g fagiolini
cipolla
olio evo
3 cucchiaini colatura di alici di Cetara

200 g fagiolini (solo le punte)
pane grattugiato
burro
100 g mozzarella bufala
sesamo
uvetta

Preparazione. Lavare e mondare 50 g fagiolini, privandoli dei filamenti esterni e cuocerli con un po’ di cipolla, di acqua ed un filo di olio evo (non aggiungere sale, in quanto la giusta sapidità verrà conferita dalla colatura di alici). A cottura ultimata, frullare con un mixer ad immersione ed insaporire con la colatura di alici.
Lessare le punte di fagiolini, cuocendole al dente, scolarle e immergerle in acqua fredda per fissarne il colore.
Cuocere la pasta al dente e scolarla.
Disporre le punte di fagiolini in verticale, negli stampini individuali (o in uno della grandezza desiderata), imburrati e cosparsi di pane grattugiato, e creare un primo strato con la crema di fagiolini, continuare con le orecchiette, ricoprire con le fette di mozzarella, aggiungere la crema di fagiolini, cospargere di uvette e proseguire nell’ordine sino ad esaurimento degli ingredienti infine decorare con del sesamo, infornare per pochi minuti (finché la mozzarella non si scioglie) e servire.

------------

Questa ricetta partecipa al contest Inventa la ricetta indetto da sandra- un tocco di zenzero, per la categoria Verdure golose.

39 commenti:

  1. Il titolo fa un po' sognare, la foto ci porta nei campi profumati ...ci manca solo l'assaggio.Complimenti, è incantevole, che fantasia!

    RispondiElimina
  2. come ho già detto..nonsono mai riuscita ada ssaggiare la colatura...sai se 'è qualche sito che la vende??son curiosa!(i complimenti son scontati:DDD)

    RispondiElimina
  3. Ma che bella presentazione!! Assaggerei volentieri..

    RispondiElimina
  4. che bella foto!!! è una ricetta stupenda!! l'accostamento dei fagiolini con la colatura di alici deve essere fenomenale un bacio

    RispondiElimina
  5. le orecchiette napoletane!! pure io ce le ho e nn so come cucinarle!!

    RispondiElimina
  6. sono da poco tornata da Cetara e ho comprato la colatura di alici,che a me piace anche semplicemente sul pane,ma di sicuro anche cosi è ottima.

    RispondiElimina
  7. Ammazza come lo hai presentato sto piatto!! parla da solo.. bacioni..

    RispondiElimina
  8. originale!! non l'ho mai fatte le orecchiette napoletane!! baci!!

    RispondiElimina
  9. ..la classe non è acqua! trés chic e, cosa da non sottovalutare, buonissima!

    RispondiElimina
  10. la presentazione di questo piatto veramente originale,ha un tocco di eleganza e raffinatezza,complimenti

    RispondiElimina
  11. @dada: ti confesso che ero un po’ titubante se partecipare al contest con questa ricetta, ma poi mi sono detta che non bisogna prendersi molto sul serio e così …

    @genny: sul sito Esperya puoi trovare questo e altri prodotti gastronomici interessanti. La pagina relativa alla colatura di alici è http://www.esperya.com/Esperya/Risultati-Ricerca.do?link=oln905.redirect&cond735=colatura_alici

    @federica: l’assaggio è d’obbligo ….

    @carmen: colatura di alici, orecchiette napoletane e mozzarella di bufala sono prodotti campani, mentre i fagiolini sono locali e quindi a Km 0: un bell’incontro di sapori

    @valina: anch’io ho aspettato tanto per cucinarle: la mia ricetta può essere un suggerimento o uno spunto

    @ilcucchiiodoro: per me invece, la colatura è stata una scoperta recente

    @claudia: grazie

    @katty: è un’ottima pasta trafilata al bronzo ed ha un formato che raccoglie perfettamente il condimento

    @giò: sei troppo gentile ….

    @caterina: ti ringrazio di cuore, carissima

    RispondiElimina
  12. Noooo, sono napoletana e non conoscevo le orecchiette napoletane!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  13. Che belle queste orecchiette e..
    sei sicura di non lavorare in qualche ristorante di quelli super?Fai delle cose e delle presentazioni che lasciato a bocca aperta!Ottimo!

    RispondiElimina
  14. é finta? si può mangiare?
    é perfetta!
    anche io quanto posso cerco di curare il più possibile le presentazioni dei piatti. con i bambini poi è fondamentale, loro mangiano soprattutto prima con gli occhi, dato che molte volte non conoscono i sapori di certi cibi. proporre un piatto ben presentato, allegro, colorato li predispone già ad un assaggio!

    RispondiElimina
  15. Questo timballo sembra una corona imperiale, è davvero molto bello! Mi hai fatto venire voglia di mozzarella di bufala...

    RispondiElimina
  16. anche in casa mia
    tutto ciò che è verdura viene apprezzato tantissimo
    la variante con la quale vengono cucinate dona a loro una nota di merito
    tutto quello che mi attira il palato sono pronta a cucinarlo
    questa mi acchiappa :D
    grazie e buona giornata

    RispondiElimina
  17. mi sono innamorata del tuo blog !! belle le foto , ottime ricette e verdure a gogo' come piace a me!!
    complimenti
    irene

    RispondiElimina
  18. che meraviglia questo piatto, la presentazione, la foto, il "profumo"... brava :))

    RispondiElimina
  19. Bellissimo timballino! Ma che differenza sostanziale c'è tra le orecchiette pugliesi e quelle napoletane?...

    RispondiElimina
  20. Sicuramente appagante per lo stomaco, ma non da meno per gli occhi, complimenti, è bellissimo.

    RispondiElimina
  21. Mi stupisci sempre i tuoi non sono piatti ma quadri

    RispondiElimina
  22. Metto qui il commento ma ho ammirato anche le altre preparazioni tutte godibilissime!!
    Le orecchiette poi con quel contorno di fagioli sono buone, delicate e hanno un apetto veramente elegante!!

    RispondiElimina
  23. a me un mazzo di questi fiori, non dispiacerebbe per niente ;-))

    RispondiElimina
  24. è tutto magnifico la ricetta la presentazione ci manca solo l'assaggio mannaggia!!!bravisima come sempre,baci imma

    RispondiElimina
  25. bellissima questa composizione !!! ciao !

    RispondiElimina
  26. Che spettacolo questo timballino! Tra l'altro le orecchiette napoletane non le conoscevo, ma ora si!
    Sei proprio brava!

    RispondiElimina
  27. Apro il tuo blog e....e un secondo dopo sorrido!! E sto ancora sorridendo...ma come ti vengono in mente queste composizioni??? Sei davvero incredibile...bellissima idea, complimenti. Queste orecchiette non le conoscevo, devo essere gustosissime. Grazie mille per il sorriso che mi hai regalato! ;-D

    RispondiElimina
  28. Buongiorno Lenny,

    volevo prima di tutto ringraziarti per le info di ieri, dopo la tua mail ho partecipato subito al concorso di Sandra perchè mi sono resa conto che le mezzelune calzavano a pennello per la sezione "La cucina di casa mia".

    Poi devo ringraziarti ancora perchè con questa ricetta mi hai dato un'idea su come preparare le orecchiette napoletane che acquistai anch'io alla Compagnia del Cavatappi e che non ho mai utilizzato per mancanza di idee originali ;)

    Buon fine settimana cara!

    RispondiElimina
  29. Da incanto!
    Una genialata carissima lenny :)

    RispondiElimina
  30. LEnny, io ero gia' svenuta a meta' del titolo :) la foto ha fatto il resto!

    Ma quelle che hai usato non sono le taccole?? Io gia; le vedo in giro, ma costano una botta!! Mi piacciono tanto, sia quelle che i fagiolini...un bacio!

    RispondiElimina
  31. Va bene ma tu sei un artista in cucina! Complimenti perchè un piatto così bello davvero difficilmente sono riuscita a vederlo!
    Chissà che buono!! Sarebbe quasi un peccato mangiarlo!

    RispondiElimina
  32. @lydia: c’è sempre tempo per rimediare …

    @saretta: sono solo frutto di “voli pindarici”: nella vita mi occupo di cose molto pratiche

    @natalia: è bello poter giocare in cucina, liberando la fantasia

    @onde99: la mozzarella di bufala, impreziosisce ogni preparazione

    @irish coffee: le verdure sono tante, fanno bene e sono anche golose …

    @irene: grazie per l’apprezzamento e benvenuta

    @chiara.u: un tuo complimento sulla foto è da “incorniciare”, ma in realtà c’è un errore che riconosco anch’io, il lato destro meno illuminato ….

    @virò: è innanzi tutto una differenza di formato che conferisce una diversa “presenza” nel raccogliere il condimento, ma anche di porosità della pasta (queste napoletane sono poco porose)

    @milla: grazie

    @cocò: mi fa un grande piacere quello che dici

    @mammazan: i tuoi commenti sono altamente lusinghieri

    @dolci e non solo: grazie

    @astrofiammante: lo credo bene ….

    @dolci a … gogo! È un preparazione semplice e facilmente riproducibile

    @fairyskull: è un esempio di come si può mangiare bene, appagando anche al vista

    @rossa di sera: anche per me sono state una scoperta recente

    @sally: sono felice che le mie suggestioni, suscitino simili emozioni

    @camomilla: non potevi mancare la tua partecipazione ad un contest così interessante

    @carla: grazie carissima

    @ciboulette: molto spesso (anche nelle trasmissioni televisive a carattere enogastronomico) i termini fagiolini e taccole sono usati con significato univoco, anche se impropriamente ….

    @elisakitty’s kitchen: ti ringrazio per avermi dato dell’”artista”, perché anche se sono consapevole dei mie limiti, il solo pensarlo, mi dà gioia

    RispondiElimina
  33. @snooky doodle: l'aspetto e la gradevolezza delle pietanze è molto importante

    RispondiElimina
  34. Wow lenny!
    Mi sono sbirciata un po' il tuo blog e sono davvero senza parole!
    E' bello bello bello, ma proprio tanto!
    Mi piacciono i tuoi piatti originali, mi piacciono le tue foto, ma soprattutto adoro come scrivi! Bravissima!
    E poi un'altra cosa: nel profilo leggo CROTONE... scherzi? Ma sai che sono di Crotone anch'io?
    Un bacio,
    m.

    RispondiElimina
  35. @mariù: grazie per i complimenti e benvenuta.
    Anche tu di Crotone?
    Non ci posso credere ....
    Io abito in provincia ....

    RispondiElimina
  36. Il mondo è davvero minuscolo!
    Io sono di Crotone città ma sono ormai più di 10 anni che l'ho lasciata e ci torno solo per trovare famiglia e amici un paio di volte all'anno...
    Sono troppo contenta di avere una blogger compaesana!
    Un bacio,
    m.

    RispondiElimina
  37. @mariù: il mondo è piccolo ed il web lo rende quasi angusto ...
    Che bello scoprire di avere radici comuni!!!!!!!

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO