29 aprile 2009

Zeppoline salate alle margherite e pinoli

L’equazione primavera = fiori è tanto ovvia quanto vera: come non associare alla primavera, lo schiudersi di miriadi di corolle colorate e vezzose, in cerca di sole amico. Ogni essere vegetale, in primavera, sollecitato dal nuovo tepore, si esprime per fiori, antesignani di frutti e/o di semi, in un ciclo di vita che si rinnova con forza. La primavera è la stagione che preferisco, quella che più di ogni altra, rappresenta la vita, quella che mi ha dato i natali.
Se dovessi raffigurarla con una pietanza, questo sarebbe il mio scatto-gastronomico:

Zeppoline salate alle margherite e pinoli

Margherite sotto vetro, avvolte in croccante doratura

L’idea nasce da una fugace lettura invernale de L’Enciclopedia della Cucina Italiana che proponeva una frittata di zucchine e petali di margherite. Elaborando lo spunto e rispettando il candore delle margherite, ho trovato congeniale racchiuderle in un involucro croccante, dal cuore soffice, per un aperitivo floreale, delicato e semplice.

Zeppoline salate ai petali di margherite e pinoli


Zeppoline salate alle margherite e pinoli
Ingredienti
300 g farina 00
300 ml latte
10 g lievito di birra
sale alla vaniglia (sale + bacca di vaniglia)
1 cucchiaio di vino bianco Cirò
10 margherite non trattate
3 cucchiai di pinoli
Olio evo

Preparazione. Lavare le margherite [dovranno essere non trattate, non vicine ad altre piante trattate, non esposte a smog] e lasciarle a bagno con il bicarbonato, quindi sciacquarle bene e lasciarle su un telo ad asciugare.
Impastare nel mixer la farina, il latte, il lievito (sciolto in un po’ di latte caldo) ed il sale alla vaniglia. Riversare il composto in una ciotola, coprire con pellicola e riporre in un luogo al riparo da correnti o nel forno pre-riscaldato per lievitare.
Dopo circa un’ora, amalgamare alla pasta, il vino, i pinoli ed i petali di margherite.
Scaldare l’olio, facendo attenzione a non superare il punto di fumo e friggere per immersione piccoli quantitativi del composto, prelevati con un cucchiaio volta per volta intinto nell’acqua.
Trasferire le zeppoline su carta da cucina per eliminare l’unto in eccesso e servire ben calde.

Zeppoline salate alle margherite, pinoli e sale alla vaniglia

A causa della mancanza di spirito di protagonismo delle margherite, le stesse non sono percepibili né dal punto di vista visivo/cromatico, né da quello gustativo, per cui la prossima volta proverò a sostituirle con altri fiori edibili … chissà, forse anche con i profumati fiori di gelsomino …

MEMO: Non riversare l’olio fritto nel lavello, ma richiuderlo in una bottiglia e smaltirlo secondo le modalità dovute!

----------

La mia primavera per il CONTEST "CATTURA QUESTA STAGIONE: PRIMAVERA!" ...cattura i sapori, gli odori di questa stagione, in un barattolo di vetro!... indetto da fabietto


38 commenti:

  1. bsera cara
    ti contraddico,hanno un loro fascino le margherite che accompagnano queste deliziose zeppoline ;)

    RispondiElimina
  2. che spettacolo lenny!!!belle davvero!!

    RispondiElimina
  3. Lenny e provare con le violette??? Certo il candore delle margherite va un po' a quel paese...però...

    RispondiElimina
  4. Stupende, hai dato alle margherite una veste reale!! Anch'io trovo che la primavera è vita piena di speranza...

    RispondiElimina
  5. Bellissima la foto anche se il gusto non ci guadagna!

    RispondiElimina
  6. Complimenti! che bella ricetta!!

    RispondiElimina
  7. @mirtilla: amo le margherite e mi dispiace ammetterlo, ma purtroppo, da cotte non riescono a palesarsi, nonostante siano state abbinate a sapori e ingredienti molto delicati.
    E' pur vero che nel loro gusto modesto, conferiscono alla preparazione, vitamine e altri nutrienti sicuramente apprezzabili

    @genny: a me piacciono molto le margherite, nella loro semplicità

    @virginia: le violette sono sicuramente da provare, mentre con le rose si andrebbe a colpo sicuro. L'anno scorso ho preparato delle sfere di ricotta con i petali di una rosa mignon ed il risultato è stato soddisfacente

    @dada: la primavera è una stagione che mette allegria

    @fantasie: senza desistere, si potrebbe provare con altri fiori

    @valentina “cuoca” per passione: le zeppoline salate riscuotono sempre sempre un discreto successo

    @federica: volendo, le zeppoline si possono anche preparare nella versione classica, con le acciughe

    RispondiElimina
  8. complimenti è una ricetta molto originale e ben fotografata, sei sempre più brava

    RispondiElimina
  9. Questa è proprio un idea nuova! Che pazienza ci vuole a "spetalare" tutte le margherite immagino che lavoro! Sei stata bravissima!

    RispondiElimina
  10. Ciao!
    Ah ah che carine!!!
    Però mi è venuto in mente un famoso film inizi anni 60 (penso) con Doris Day "non mangiate le margherite".
    Ma ora siamo nel 2000

    RispondiElimina
  11. La foto è una meraviglia e la ricetta davvero originalissima!!
    complimenti, ci sorprendi sempre!!
    un bacione
    PS: se passi da noi stiamo proponendo una sfida...

    RispondiElimina
  12. @gunther: le zeppoline salate sono un must, mi sono limitata ad aggiungere un ingrediente che mi incuriosiva

    @kitty’s kitchen: 10 margherite non sono poi così tante e poi pensa a quanti “m’ama non m’ama” si possono inanellare

    @lydia: ora che mi ci fai pensare, anche a me torna in mente il titolo di quelo film ….
    Ne abbiamo fatta di strada, da allora ... non so se in bene o in male ...

    @gunther: le zeppoline salate sono un must, mi sono limitata ad aggiungere un ingrediente che mi incuriosiva

    @manu e silvia: se vi riferite alla raccolta di quiches salate con la frutta, ne ho già preso visione e lasciato un commento

    RispondiElimina
  13. vorrei immaginarmi il sapore di queste zeppoline, non è facile per me trovare delle margherite di pieno campo, non trattate però la tua ricetta è una meraviglia un bacio

    RispondiElimina
  14. CIAO CARISSIMA,HO LANCIATO OGGI UNA NUOVA RACCOLTA CHE PARLA "DEI DOLCI PIU BUONI DEL MONDO"E AVREI PIACERE CHE TU PARTECIPASSI...TUTTI I DETTAGLI SUL MIO BLOG,BACI IMMA

    RispondiElimina
  15. La margerita bianca è uno deo miei fiori preferiti..semplicità e candore, racchiudono uian bellezza ineguagliabile.
    La tua ricetta è davvero bella, delicata come questi fiori!
    bacione

    RispondiElimina
  16. Buonissime le zeppole e la presentazione stupenda!!!
    Brava!!!!

    RispondiElimina
  17. ultimamente sei un vulcano di idee e splendide realizzazioni! brava :)

    RispondiElimina
  18. Mentre leggevo la ricetta stavo per chiederti del sapore delle margherite e poi mi hai anticipato con le considerazioni finali!

    Vorrei quindi soffermarmi sulla foto...
    Come tutte le tue immagini trasmette un senso di freschezza e pulizia, la luce che scegli esalta i leggeri contrasti cromatici e il risultato d'insieme trasmette la passione e la cura che infondi nelle tue preparazioni...

    Hai mai pensato di farne una sorta di raccolta, anche al di là delle ricette?

    RispondiElimina
  19. Che idea carina. Pensa che io le margheritine le utilizzavo solo per il m'ama o non m'ama e non avrei mai pensato di poterle friggere :)

    RispondiElimina
  20. Proverei con il gelsomino: anch'io, appena fiorirà, lo impiegherò in cucina... o con i fiori di rosmarino, che ne dici? Però queste zeppoline sono proprio belle!

    RispondiElimina
  21. Le rose magari!!!! o anche le petune (!)..magari appena spuntano nel mio giardino ci provo...cmq l'idea é geniale, solo mangiarle anche se non si sentono ma sai che ci sono é romantico!
    Brava lenny per la foto molto primaverile!
    Baci

    RispondiElimina
  22. Siiii, sicuramente con i fori di gelsomino o di sambuco saranno più saporiti, ma questi sono molto romantici!

    RispondiElimina
  23. @carmen: puoi sostituire le margherite con altri fiori edibili

    @dolci a … gogò! È un’idea molto interessante

    @saretta: sono fiori che coniugano bellezza e semplicità

    @dolci e non solo: la loro funzione è di stuzzicare curiosità e appetito

    @stefi: grazie

    @salsa di sapa: prossimamente dovrò concentrare le mie energie su altro, quindi mi sono affrettata

    @virò: le mie foto sono già raccolte su Flickr: se clicchi su una singola foto, ti ritrovi nel mio album virtuale.
    Quanto alla bellezza ti ringrazio e sono felice che esprimano la passione che infondo, ma in quanto a tecnica ho ancora tanta strada davanti a me

    @antonella: il classico m’ama non m’ama che mia madre mi vietava solennemente

    @onde99: per quest’anno niente fiori di rosmarino, la piantina è troppo piccola

    @mariluna: a primo acchito è stato deludente, ma poi, guarnendo il piatto con le margherite, è tornato il romanticismo

    @elga: con i fiori di sambuco sono insuperabili!!!

    @dyanna: grazie

    RispondiElimina
  24. Nel mio prato ho una marea di margherite e qui più che lepri , caprioli a volte qualche cinghiale senza contare le capre che mi mangiano le rose non passa nessuno e lo smog lontano..
    Quindi preparerò tranquillamente queste zeppoline alle margherite che più ecologiche di così....

    RispondiElimina
  25. Se non esistessi bisognerebbe davvero inventarti!! La tua fantasia davvero non ha limiti, con un sorriso sulle labbra ti faccio ancora una volta i miei sinceri complimenti....e mi rubo una zeppola!!!!ciao sally

    RispondiElimina
  26. Non ho mai assaggiato una piatenza che contenga fiori,mi piacerebbe tanto,il problema è trovare delle margherite che non contengano antiparassitari,a pensarci bene la vicina della mia mamma.........

    RispondiElimina
  27. L'idea di certo è bellissima, e i gelsomini nel momento di fioritura hanno un profumo davevro inebriante... UN bacione

    RispondiElimina
  28. davvero molto molto simpatiche queste zeppoline, ne ho tantissime nel prato qui vicino, non passano auto, sono in campagna... credo che siano l'ideale! grazie e buon w.e.

    RispondiElimina
  29. Questo scatto tra zeppoline e margherite è strepitoso :-) talmente delicato che fa scordare il metodo di cottura!
    Buona domenica

    RispondiElimina
  30. Potrei mangiarle tutte!E' una ricetta strepitosa..bravissima!
    Buon inizio settimana!

    RispondiElimina
  31. Che bella idea e che foto meravigliose. Bravissima Lenny !

    RispondiElimina
  32. Le margherite sono un fiore che adoro... come dici tu fanno davvero primavera quando spuntano nei prati!!! A mangiarle non avevo mai pensato... Fa bene all'umore girellare per blogs :)
    Splendide foto!

    RispondiElimina
  33. Che idea Lenny.....non avrei mai pensato di mangiare una margherita, ma se le metti dentro delle zeppoline....potrei causarne l'estinzione!!!

    RispondiElimina
  34. Meraviglia!
    Sprigionano primavera da ogni mm fritto!L'idea di accostare i fiori ai cibi, poi, mi attira parecchio...

    *

    RispondiElimina
  35. @mammazan: è una grande fortuna quella di vivere in un luogo dove il contatto con la natura è continuo

    @sally: in realtà non è fantasia allo stato puro, perché si tratta molto spesso di elaborare idee raccolte qua e là

    @nanny: sono molti i fiori edibili che possono entrare a far parte di deliziosi e coreografici piatti: ti consiglio di provarli

    @le pupille gustative: l’idea di base ha una certa versatilità che ben la predispongono all’incontro con qualsiasi altro fiore edibile

    @betty: andranno sicuramente bene per le zeppoline o pera altre gustose preparazioni

    @twostella: il fritto non è poi da criminalizzare ad oltranza: per esempio è importante utilizzare l’olio evo, non superare il punto di fumo e soprattutto non abusarne …

    @nightfairy: grazie cara

    @marili di gustoShop: mi fa sempre piacere ricevere complimenti per le foto, perché lo sforzo per renderle guardabili è tanto

    @chiara: è una gioia per lo spirito circondarsi della bellezza semplice delle margherite

    @ciboulette: nel tuo caso, sarà meglio evitare …

    @tartina: fiori e cibo è un connubio di armonie, forme e colori ineguagliabile

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO