14 febbraio 2009

Insalata tuberosa

Nascosti alla vista e nel buio ovattato, coltivano le loro ricchezze, radicando talenti; infrattati nelle profondità, bitorzoluti e terrosi, conducono una vita silente, finché non vengono portati alla luce, svelando le loro forme sbavate e sfuggenti o compatte e rugose.
I tuberi dalle mille virtù, tesori delle terra e scrigni di sapori: oggi, patate (sotto forma di riccioli), topinambur e cipolline selvatiche (o lampascioni), in raduno per un’insalata light e armoniosa, delicatamente gustosa.

Insalata tuberosa

Insalata tuberosa
Ingredienti x 2
400 g patate silane (200 g riccioli di patate)
100 g cipolline selvatiche (meglio conosciute come lampascioni)
50 g topinambur
pinoli
sale
olio evo

Preparazione. Pelare le cipolline selvatiche (utilizzando dei guanti), praticare alla base un taglio a croce e lavarle, per poi tenerle a bagno, per circa 3 ore, cambiando l’acqua rosastra, ripetutamente, perchè perdano il forte sapore amaro.
Ricciolo di patata
Pelare le patate e, con l’apposito attrezzo, incidendole in senso verticale e procedendo con movimenti ad avvitamento, ricavare dei riccioli, da immergere nell’acqua per impedire che anneriscano.
Lavare i topinambour e preparare 3 pentole per lessare i tre tuberi o …
… predisporre l’occorrente per la cottura a castello, collocando i tuberi per tempi di cottura: adagiare nella pentola a contatto con il fornello i topinambur (cottura 20’), nella bacinella del bagnomaria le cipolline selvatiche (cottura 10’) e nella griglia a vapore i riccioli di patate (cottura 7/8’), aggiustando di sale.
Intanto tostare una manciata di pinoli, in una padella antiaderente.
Quando i tuberi sono cotti, scolarli, pelare, affettare i topinambur, aggiungere i pinoli tostati, aggiustare di sale e irrorare con un filo d’olio e.v. o.

L’insalata tuberosa, partecipa alla Raccolta Salads di susina la strega del tè

La raccolta completa qui

12 commenti:

  1. che colori meravigliosi che ha questa insalata...hai una capicità unica di unire colori sapori e poesia nelle tue ricette!!baci imma

    RispondiElimina
  2. Riccioli di patate!?! fantastica insalata dalle tonalità pastello :-) Buona domenica Baci

    RispondiElimina
  3. che meravigliaaaaaaaa

    coloratissssssssima
    Buona domenica!!!!!!

    RispondiElimina
  4. Ma che carine quelle cipolline!! :-D

    RispondiElimina
  5. Adoro i lampascioni...sei davvero unica e particolare!!!

    RispondiElimina
  6. @dolci a...gogò! Sono colori e sapori che Madre Natura ci mette a disposizione

    @twostella: è un divertimento unico, tornire i riccioli

    @sara: è importante variare a tavola i colori degli alimenti

    @valina: pur appartenendo alla famiglia delle cipolle, il loro sapore è completamente diverso

    @dolci e non solo: il loro sapore amarognolo è inconfondibilmente irresitibile

    RispondiElimina
  7. Mi piacerebbe assaggiare i lampascioni. Di fatto, mi piacerebbe sedermi a tavola con la tua bella insalata davanti.

    RispondiElimina
  8. Coloratissima e squisita!
    Bravissima
    un bacio
    fra

    RispondiElimina
  9. che bontà originale e anche una goduria visiva!

    RispondiElimina
  10. @simona: al tuo prossimo viaggio in Italia potresti fartene una scorta

    @fra: dei tre tuberi sono le cipolline selvatiche ad avere il gusto più deciso, ma il tocco in più è dato dalla nota croccante e tostata dei pinoli

    @marcella candido cianchetti: per dare più glamour al tutto, ho dato alle patate la forma di riccioli

    RispondiElimina
  11. Sto impazzendo... ho la salivazione a 1000!!!!!!!
    E adesso... dove lo trovo il ferro "arricciapatate"???!!! ^_____^

    Adoro tutti gli ammennicoli per la cucina e mi scatenerò alla ricerca di questo tuo "ferro"! (ma mi stampo la foto sennò come lo spiego di cosa si tratta?!) :DDDD

    Grazie del commento che mi hai lasciato, appena posso risponderò anche sul mio blog! Un bacione!!!

    RispondiElimina
  12. @gatadaplar: non sarà difficile trovarlo, perchè credo che sia un attrezzo comune.
    Io l'ho acquistato in occasione di una fiera: se non vado errata, si chiama "ricciolo"

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO