31 agosto 2008

Ciliegie sciroppate

Il Tempo scandisce il ciclo della Vita e in qualità di Giudice Supremo giudica del nostro operato, discernendo tra risparmiatori oculati e dissipatori impenitenti.
Un esempio?

Ciliegie sciroppate

Fuori stagione: tardi per prepararle, ma sempre in tempo per gustarle!


Ciliegie


Ciliegie sciroppate

Ingredienti
250 g ciliegie
25 g zucchero
125 ml acqua

Preparazione.
Lavare le ciliegie (preferibilmente sane, sode e mature), eliminate il picciolo e lasciarle ad asciugare su di un canovaccio pulito. Disporle nei barattoli, cercando di sistemarle in modo tale da lasciare meno spazi vuoti possibili, ma senza pigiarle.
Intanto mettere una pentola con l’acqua sul fuoco e versarci dentro lo zucchero, portarla ad ebollizione, e mescolare fino a quando lo zucchero sarà completamente sciolto.
Lo sciroppo così ottenuto va fatto raffreddare e poi versato sulle ciliegie dentro ai vasetti, agitandoli di tanto in per fare fuoriuscire le eventuali bolle d’aria; fermandosi con lo sciroppo a 2 cm dal bordo.
Chiudere i vasetti, avvolgerli in canovacci e metterli a sterilizzare*, tenendoli sul fuoco per 5-6 minuti a partire dall’ebollizione.
Trascorso questo tempo spegnere il fuoco e lasciare raffreddare i vasetti nella pentola stessa; quando si saranno raffreddati, toglierli dall’acqua, asciugarli bene e conservarli in un luogo buio e fresco.

Lasciare le ciliegie nei vasetti per almeno un mese prima di consumarle ed al momento dell'apertura conservarle in frigo e consumare entro 3-4 giorni


Ciliegie sciroppate - degustazione

Nota storica*: Nel lungo processo evolutivo della conservazione dei cibi, dopo la tecnica della salatura, una tappa fondamentale è quella della conservazione e sterilizzazione dei cibi sotto vetro, messa a punto dal cuoco e pasticcere francese Nicolas Appert nel XII sec., consistente nel bollire (ad una temperatura di 100°) carne, verdure e frutta, nei vasi di vetro. Dopo la sua morte la Francia gli conferì il titolo di “benefattore dell’umanità” e gli riconobbe il merito di aver realizzato un sistema rivoluzionario nel campo della conservazione degli alimenti, poi definito “appertizzazione” dal nome del suo inventore. Nel 1864 Louis Pasteur confermò che per ottenere la conservazione degli alimenti deperibili, l’unico sistema è quello di distruggere, con il calore, tutti i microorganismi presenti negli alimenti messi in scatole sigillate per evitare il contatto con l’aria che pullula di microorganismi. Microorganismi

--------
Quasi quasi ... andrebbero bene , per il frutta party, organizzato da cindy …



... però mi devo affrettare …

Aggiornamento
Il menu completo del frutta party qui

31 commenti:

  1. Che belle, Lenny! Magari l'anno prossimo ci provo, quando tornano le ciliege.

    RispondiElimina
  2. Che colore incantevole! Una tira l'altra slurp! Buona serata!

    RispondiElimina
  3. Buone!!!! e dopo aver provato a fare quelle all'aceto questa mela riservo per l'anno prossimo, la tecnica comunque vale per tutta la frutta dunque volendo si puo' ancora mettere sottovaso le pesche.

    Ciao lenny :)

    RispondiElimina
  4. simona - in effetti si tratta di una ricetta fuori stagione che non sono riuscita a postare a tempo debito, per una serie di vicende e che avrei anche potuto archiviare.
    Tuttavia mi sono decisa a pubblicarla, in quanto le ciliegie sciroppate rappresentato l'ingrediente principe di una delle prossime ricette

    twostella - sono deliziose

    mariluna - direi di sì e difatti la mia intenzione era di provare anche con le pesche, verificando se il dosaggio dello zucchero e la tempistica fosse lo stesso, ma non so se riuscirò!

    RispondiElimina
  5. ma che buone che sono...e grazie mille per la ricettina,sai che non avevo mai provate a farle io!?!?!
    besos

    RispondiElimina
  6. Lenny, non le ho mai fatte così...in genere lemettevo sotto spirito!!
    Mi piace questa ricettuzza!!!

    RispondiElimina
  7. Ciao, passa da me a ritirare un premio!
    Anti di Buono Come Il pane
    http://buonocomeilpane.blogspot.com

    RispondiElimina
  8. Buooone, sono perfette!complimenti..me le gusterei con un bel gelato..Buon inizio settimana!

    RispondiElimina
  9. Buonissime con un semifreddo!
    Grazie per le note, molto interessante;)
    Ah le foto sono ben fatte;) e la tua scrittura è sublime!
    Carla

    RispondiElimina
  10. Che buoneeeeeee!!!!
    Ops! Io non mi sono accorta che ieri finiva l'iniziativa di Cindy :-( ero convinta di avere ancora tempo, si vede che non ci sono ancora con la testa :-)

    Ciaooo,
    Aiuolik

    RispondiElimina
  11. avevo letto qualcosa sulla appertizzazione ed il suo inventore, ma me ne ero dimenticata, grazie per avermi rinfrescato la memoria!!
    Spero che le amarene sciroppate che mi hanno regalato un paio di anni fa si siano mantenute, perche' non so come usarle (non mi piacciono sul gelato...) anzi se hai dei suggerimenti, sono i benvenuti!!

    Mi piacciono tanto le foto! :))

    RispondiElimina
  12. adoro le ciliegie!!!complimentissimi sia per le foto che per la ricetta!

    RispondiElimina
  13. Lenny nascondile che martina te le prende per i suoi bicchieroni cremosi :P ehee bella ricetta ;)

    RispondiElimina
  14. Ciao Lenny, conoscevo le ciliegie sotto spirito ma non hanno mai incontrato i miei gusti, queste mi sembrano davvero buone!

    RispondiElimina
  15. Wowwwwwww Lenny ma che foto!!!
    Le cigliege qui nn si trovano più peccato ;-((

    RispondiElimina
  16. Direi che siamo in tempo per darti una mano a finirle, che ne dici??
    Sono bellissime e immagino buonissime!
    Buona settimana cara Lenny

    RispondiElimina
  17. sono veramente invitanti! interessantissime le note storiche ;-)

    RispondiElimina
  18. ed io che me le vedo già colate su un ottimo gelato alla crema allora?O cioccolato!!!
    Buonissimeeee
    saretta

    RispondiElimina
  19. Hai un premio da ritirare. Passa da me quando vuoi!!!

    Bacioni

    RispondiElimina
  20. pensa che mia mamma le fa lasciandole al sole in un barattolo di vetro con molto zucchero. Mai provate? Buonissime.

    Michelangelo

    RispondiElimina
  21. Lenny le tue preparazioni sono sempre straordinarie e queste ciliege sono da rubare una ad una!

    RispondiElimina
  22. Che delizia!! Io quest'anno non ho conservato niente.... ho perfino dimenticato la marmellata di albicocche che mia madre mi aveva messo da parte :(

    RispondiElimina
  23. Visione!!! Quest'estate ho fatto proprio pena con le conserve, oltre alle solite quintalate di pesto, nada de nada! Faremo la fine delle cicale, moriremo di fame... che affronto per un foodblogger!!! Carissima, ma ci stai pensando al pizza-gourmet, vero?!

    RispondiElimina
  24. Ciao Lenny, sono tornata da poco dalle ferie e purtroppo solo ora riesco a passare da te...
    Io le ciliegie sciroppate non le ho mai preparate, solo gustate... ma quanto sono buone? Una tira l'altra...
    Baci mia cara e buona serata!

    RispondiElimina
  25. Lenny con questo post mi hai catapultato nel passato, i miei genitori erano soliti prepararle ed io pur essendo bambina, e poichè non mi erano concesse, tentavo sempre di rubacchiarle dal carrello del salone... erano troppo buone!!
    grazie, complimenti e un abbraccio

    RispondiElimina
  26. mirtilla - sono delle conserve che richiedono pochissimo tempo

    dolci e non solo - le ciliegie sotto spirito mi ricordano l'infanzia: mia madre le preparava sempre e d'estate, non c'era ospite al quale non venissero offerte, ricevendo in cambio di tanti complimenti (spontanei)

    anti - è un piacere conoscerti e ti ringrazio per il premio

    nigtfairy - difatti le ho gustate con il gelato

    carla - mi confondi con tutti questi complimenti e ti ringrazio

    aiuolik - il tempo sfugge di mano anche a te?
    Non sarà contagioso?

    ciboulette - se pazienti un pò, ti darò un'idea che spero ti possa essere d'aiuto ....

    RispondiElimina
  27. sara - grazie, in effetti sono molto golose e le foto cercano di rendere loro giustizia

    tatiana - se ti dicessi che le ho già terminate?

    cookie - sono ottime, ma ovviamente dipende dai gusti

    lory - sfortunatamente le ho postate troppo tardi, per una serie di motivi che non sto qui ad elencare

    sandra - accetto il vostro contributo (virtuale)

    salsa di sapa - grazie

    saretta - una fantasia da assecondare: l'anno prossimo devi farle assolutamente, per trasformare la fantasia in realtà

    RispondiElimina
  28. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  29. cipolla - grazie tante per avermi pensata

    michelangelo - interessante: non ne ho mai sentito parlare. Deve trattarsi di una tecnica di conservazione d'antan

    dolcetto - ruba pure ...

    campo di fragole - io al contrario mi sono cimentate con varie confetture ed è una cosa che ho trovato divertente

    precisina - ci sto pensando ed ho già qaulche idea

    camomilla - bentornata

    anice stellato - mi fa piacere averti risvegliato all'improvviso questi bei ricordi

    enza - hanno il colore della passione

    RispondiElimina
  30. Buonissime, da mangiare con del gelato alla panna in una serata invernale per tirarsi sù il morale! complimenti, bravissima!

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO